La mappa della disparità economica secondo Occupy Wall Street

Lo ha disegnata l'artista Kelli Anderson per giornale 'Occupy!'

La graphic designer Kelli Anderson ha creato una mappa che dà un’idea della dimensione della sperequazione economica contro cui il movimento di Occupy Wall Street protesta.

Avete presente quelle mappe che cercano di esprimere le smisurate dimensioni del sistema solareriportandole, in scala uno a un miliardo, su una cartina geografica? Bé, Anderson, utilizzando dati del Wall Street Journal, ha disegnato una mappa per escursioni a piedi della disparità in termini di reddito. Il suo punto di partenza è Zuccotti Park, che rappresenta il reddito dell’americano medio. La sua opera è contenuta nell’ultimo numero di “Occupy!”, un giornale prodotto dalla rivista letteraria “N+1”. 

In base alla mappa, spostandosi tre chilometri a sud di Zuccotti Park si raggiungerebbero le fasce più basse di reddito. Mentre per raggiungere i livelli più alti si dovrebbero percorrere 31 chilometri. L’1%, che guadagna almeno 493.439 dollari l’anno, è così distante dall’americano medio che, fosse vera la mappa, non abiterebbe neppure a Manhattan ma nel Bronx, a Pelham Bay Park.

Ma, ancora più interessante,nota Anderson, “le discrepanze interne all’1% sono superiori allo scarto tra l’1% della popolazione più ricco e l’1% più povero. Le asimmetrie interne all’1% in termini di redditi sono senza confronto –le sproporzioni sono superiori perfino alle discrepanze nel nostro sistema solare”.In altre parole, se si vuole camminare da Pelham Bay Park a dove risiederebbero gli appartenenti allo 0,1% si dovrebbe raggiungere Schenectady, New York.

E per dare un’idea della differenza di reddito tra lo 0,1% e lo 0,01%, dalla piccola cittadina si dovrebbe raggiungere Prince Edward Island, in Canada –oltre 2.100 chilometri dalla piazzetta del Financial District di Manhattan e dagli americani della classe media.