La Nfl ignora Trump, il presidente: "Manca di rispetto per il nostro Paese"

La lega ha deciso di permettere le proteste durante l'inno, nonostante le critiche e le pressioni della Casa Bianca
AP

"La Nfl ha deciso di non obbligare i giocatori a stare in piedi durante l'esecuzione del nostro inno nazionale. Una totale mancanza di rispetto per il nostro grande Paese!". Non si è fatta attendere, su Twitter, la risposta del presidente statunitense, Donald Trump, alla decisione della lega professionistica di football americano.

Ieri, al termine di una lunga riunione a New York con proprietari dei club e giocatori, la Nfl ha annunciato che continuerà a permettere agli atleti di inginocchiarsi durante l'esecuzione dell'inno in segno di protesta. Il commissioner della lega, Roger Goodell, ha detto: "Abbiamo parlato dei temi su cui i giocatori stanno cercando di portare l'attenzione. Di temi riguardanti le nostre comunità, per renderle migliori".

"La discussione di oggi con i nostri giocatori è stata molto produttiva e molto importante. Riflette il nostro impegno a lavorare insieme ai nostri giocatori sui temi della giustizia sociale" ha aggiunto Goodell. Durante l'incontro, i vertici della lega non avrebbero quindi fatto pressioni sui giocatori per porre fine alla protesta, ma avrebbero solo cercato di capire le loro ragioni, offrendosi anche di aiutarli. Malcom Jenkins, giocatore dei Philadelphia Eagles, ha detto al New York Times che non si è parlato di eventuali multe ai giocatori che protestano.

Il 10 ottobre, la Nfl aveva annunciato che avrebbe discusso l'argomento in una riunione, facendo pensare che potesse cedere alle pressioni del presidente Trump, che da settimane accusava la lega di non rispettare il Paese, permettendo ai giocatori di inscenare una protesta durante l'esecuzione dell'inno. Una protesta iniziata lo scorso anno da Colin Kaepernick, per manifestare contro le violenze commesse sugli afroamericani dalla polizia, e che oggi è diventata anche una protesta contro Trump. Kaepernick ora è senza squadra ed è deciso a dimostrare in tribunale che i proprietari delle squadre hanno colluso per lasciarlo fuori dalla lega.

Altri Servizi

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock