La property tax americana: cosa c'è da sapere

Si calcola su due categorie fondamentali: beni immobili e beni personali
General Electric

Mentre la maggior parte delle persone e dei commercialisti in Usa sono focalizzati sulle scadenze dell’Income Tax, entro i prossimi 60 giorni c’è un'altra scadenza fiscale da rispettare - anche per le aziende - e di cui è bene essere a conoscenza: la Property Tax.

Property Tax su beni immobili e personali

La Property Tax si calcola su due categorie fondamentali: beni immobili e beni personali.

I beni immobili generalmente si riferiscono a case, edifici, terreni e alla maggior parte delle strutture fissate a terra in modo permanente. Questa categoria può anche includere strutture come cartelloni pubblicitari e pali del telefono. Le proprietà personali possono invece comprendere computer, attrezzatura di vario genere, mobili, veicoli e altri oggetti non fissati permanentemente al suolo.

Naturalmente, come in tutti i casi in cui si deve interpretare la legge, ci sono delle aree grigie che rendono talvolta difficoltosa la distinzione tra beni immobili e personali. Proprio per questo, una corretta interpretazione può far risparmiare alle aziende significative quantità di denaro.

Valutazioni delle proprietà.

Negli Usa, generalmente tutte le proprietà, che siano immobili o personali, hanno un valore stimato, non dissimile, specialmente nel caso degli immobili, da quello che in Italia è il valore catastale. In altre parole, questo valore non è equivalente a quello di mercato (ovvero al Fair Market Value) ma a una percentuale del medesimo.

Di norma, i valori stimati dei beni immobili sono determinati dal singolo Stato oppure dal governo locale e questo causa fluttuazioni anche drastiche dei suddetti valori da Stato a Stato e persino da contea a contea in uno medesimo Stato.

Al contrario, i valori stimati delle proprietà personali sono generalmente determinati dal proprietario medesimo, riportati sulle dichiarazioni dei redditi annuali e archiviati presso lo Stato o l'agenzia locale.

In generale, la maggior parte delle dichiarazioni dei redditi per proprietà personali contengono il valore contabile del bene personale. A tale valore si assegna poi una percentuale di ammortamento. Infine, Il valore netto può essere ulteriormente ridotto fino ad arrivare al cosiddetto “assessed value” o valore stimato.

Gli importi segnalati alle agenzie statali e locali possono essere verificati dall’autorità fiscale locale. In alcuni casi, lo Stato o l'agenzia locale assumerà un terzo soggetto indipendente (perito) per controllare i valori catastali e i relativi rendimenti che può essere remunerato con una commissione basata sul valore di recupero dell’imposta locale.

Appelli

Generalmente, il processo d’appello ha tre fasi.

La prima fase ha luogo in tempi brevi, di solito immediatamente dopo la dichiarazione del valore della proprietà. Anche se molti soggetti assumono un avvocato già in questa fase, ciò non è strettamente necessario. L’appello può infatti essere presentato dal contribuente stesso oppure dal suo commercialista.

La seconda fase del processo di appello prevede una discussione informale o formale con l’autorità fiscale. I documenti di supporto devono essere compilati prima della riunione.

Se non viene raggiunto un accordo durante questa fase e il proprietario ritiene ancora che il bene sia sopravvalutato, può presentare un procedimento legale, che corrisponde alla terza fase. In generale, la maggior parte dei procedimenti legali è gestita da o con l'assistenza di un avvocato.

Per qualsiasi domanda, potete contattarmi al mio indirizzo email: afantozzi@pragermetis.com