La riforma fiscale rischia di subire forti ritardi

Secondo il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, sarà approvata entro fine 2017. I rallentamenti dovuti all'opposizione del Congresso alla legge per abrogare l'Obamacare

L'ambiziosa riforma fiscale che Donald Trump ha promesso durante la campagna elettorale potrebbe subire dei forti ritardi. Lo sostiene il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, sottolineando come i cambiamenti siano causati dall'iter molto difficile della riforma di Obamacare, che il mese scorso non è riuscita a superare la prova del Congresso. Per Mnuchin approvare la riforma fiscale e presentarla sul tavolo del presidente americano prima di agosto è un obbiettivo "poco reale".

"È iniziata con una cronologia molto aggressiva - ha detto Mnuchin in una intervista al Financial Times -. È corretto dire che molto probabilmente sarà rallentata a causa della sanità". In attesa dell'incontro del Fondo monetario internazionale a Washington, il segretario al tesoro americano ha detto che non c'è alcuna possibilità che l'amministrazione Trump si stia spingendo verso una guerra delle valute a causa del rafforzamento del dollaro.

Inoltre Mnuchin ha ricordato che gli Stati Uniti non interverranno sulle valute: "Il presidente ha fatto un commento legato al rafforzamento del dollaro nel breve periodo...C'è una netta differenza tra le parole e l'azione", ha aggiunto. Trump aveva detto che il rafforzamento del dollaro avrebbe potuto creare problemi agli Stati Uniti e alla loro crescita economica.

Quindi quando avverrà la riforma fiscale? Secondo Mnuchin sarà conclusa entro la fine del 2017. Tuttavia le parole del segretario al tesoro sottolineano ancora una volta le difficoltà che il presidente americano sta incontrando nel mettere in atto i cambiamenti promessi. Mnuchin ha detto che potrebbe trovare un altro modo per recuperare 1.000 miliardi in dieci anni anni, evitando di alzare i dazi doganali su decine di prodotti importati dall'Europa, tra cui le Vespe piaggio e l'acqua Perrier. Per il segretario al Tesoro, il piano delle nuove tariffe è solo uno dei tanti elementi allo studio del suo team anche se questo "non vuol dire che sarà tolto dal tavolo".

Sempre nell'intervista al Financial Times, Mnuchin ha parlato di Siria: nelle prossime settimane infatti il dipartimento del Tesoro renderà note sanzioni a oltre 200 persone ed entità legate al regime di Damasco in risposta all'attacco con armi chimiche sui civili.

Sempre parlando di sanzioni, Mnuchin ha assicurato che gli Stati Uniti ne imporranno altre anche alla Corea del Nord, e che continuano a controllare da vicino la situazione in Iran: nei prossimi mesi Washington dovrebbe imporre nuovi provvedimenti anche a Teheran, anche se non sono direttamente legati al programma nucleare.

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Nyt: tra lusso e ricconi, Trump a Taormina "si sente a casa"

Una città dove "i mondi del presidente si scontreranno". E anche in Sicilia emergono i legami con la Russia

Dopo aver visitato città istituzionali e storiche, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si trova ora a Taormina, una città che dovrebbe "farlo sentire a casa", vista "la sua reputazione come luogo di divertimenti, baciato dal sole, per i ricconi dai gusti superficiali che apprezzano il lusso". A scriverlo è il New York Times, che ha dedicato un articolo alla città siciliana, dove "i mondi di Trump si scontreranno".

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

G7, fonti dell'Eliseo: Macron rassicurerà Trump sull'accordo di Parigi

Il summit iniziato a Taormina; il presidente statunitense non ha ancora preso una decisione sull'intesa in difesa del clima
AP

Il presidente francese, Emmanuel Macron, "spiegherà a Donald Trump perché l'accordo di Parigi sul clima è così importante", "non solo per la lotta ai cambiamenti climatici ma anche per occupazione e sviluppo della società". È quanto hanno riferito fonti dell'Eliseo a margine del G7 di Taormina, a proposito delle discussioni tra i capi di Stato e di governo sul difficile tema ambientale.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

G7, consigliere di Trump: "Ascolterà le posizioni europee sul clima"

In gioco c'è l'accordo di Parigi. Il presidente Usa non ha ancora deciso se rispettarlo o abbandonarlo
ap

"Credo che [il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump] sia incline a comprendere la posizione europea sul clima". Lo ha detto il direttore del Consiglio economico nazionale, Gary Cohn, a margine del G7 di Taormina, dove la questione dei cambiamenti climatici è uno dei dossier più delicati. "Il presidente vuole avere un dialogo aperto", ma "ci sono opinioni molto ferme su entrambi i fronti".

Rivisto al rialzo Pil Usa primo trimestre, bene investimenti e consumi

E' cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel primo trimestre a passo più sostenuto rispetto a quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura intermedia del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%. Il Pil era salito del 2,1% nel quarto trimestre 2016.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

Candidato repubblicano alla Camera incriminato per aver aggredito un reporter

Greg Gianforte, favorito per il seggio lasciato libero dal segretario degli Interni, Ryan Zinke, non ha gradito l'insistenza di un giornalista del Guardian nel chiedere un commento sulla riforma sanitaria del Gop

Greg Gianforte, candidato repubblicano per la Camera statunitense alle elezioni speciali previste oggi in Montana, è stato formalmente accusato di aver aggredito un giornalista del Guardian, Ben Jacobs. Secondo la registrazione dell’accaduto, diffusa dal giornalista, e secondo i racconti di altri giornalisti presenti, Gianforte avrebbe preso il giornalista per il collo con entrambe le mani e lo avrebbe sbattuto a terra.