La riforma sanitaria approda in aula

Otto miliardi di dollari in più per risolvere il nodo delle polizze a chi ha già malattie preesistenti: i deputati Fred Upton e Billy Long sbloccano la situazione alla Camera. I repubblicani sono fiduciosi: "Abbiamo i voti".
AP

“Abbiamo i voti, si va in aula”. I repubblicani tentano un nuovo assalto alla riforma sanitaria, e questa volta sono fiduciosi. Sono passate solo 24 ore da quando sembrava che anche la terza bozza del disegno di legge dovesse naufragare come le precedenti, schiacciata dal peso del disaccordo di alcuni membri del Gop in merito alle regole sulle ‘precondizioni’. I cittadini affetti da malattie o malformazioni preesistenti, si evinceva dal testo, si sarebbero trovati a pagare premi assicurativi più salati, che sarebbero stati decisi dalle stesse compagnie; un’ipotesi questa su cui molti repubblicani sembravano convinti a non concedere il proprio voto. Ieri infine la svolta. I deputati Fred Upton e Billy Long hanno offerto un’alternativa: aggiungiamo 8 miliardi di dollari ai 115 già stanziati dall’amministrazione Obama per compensare le situazioni più svantaggiate. E finalmente per Donald Trump e il Gop i conti - quelli dei voti favorevoli e contrari - sembrano tornare.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Definirla già da subito una ‘vittoria’ repubblicana sarebbe però un po’ azzardato, e non solo perché i numeri per ora ci sono solo sulla carta e bisogna attendere il voto di oggi. Se è vero infatti che a questo punto sembra essere molto difficile che il disegno di legge non passi alla Camera, tuttavia rimane ancora lo scoglio del Senato, dove già in molti si sono detti contrari. Il rischio di una vittoria di Pirro nasce anche dal fatto che a non tornare sono invece altre cifre, quelle sul numero degli americani che potrebbero perdere la loro copertura sotto questa nuova riforma. Si stima infatti che dai 20 ai 24 milioni di americani potrebbero restare senza assicurazione, mentre Obama ne aveva aumentato il numero di 40 milioni. Questi numeri potrebbero cos" rivelarsi controproducenti in occasione di un altro voto, quello politico del 2018.

“L'ipotesi che le mie azioni possano aver influito sull'esito delle elezioni dello scorso novembre mi lascia nauseato”. Queste le parole di James Comey durante l'audizione di ieri di fronte alla commissione Giustizia del Senato, dove il direttore dell’Fbi è stato chiamato a testimoniare sulla sua decisione di riaprire le indagini sui server di posta elettronica di Hillary Clinton a pochi giorni dall’Election Day dell’8 novembre. "Potevo parlare o nascondere”, ha detto Comey spiegando le ragioni del suo operato: “E’ stata una decisione dura, ma ho fatto la scelta giusta e la farei di nuovo”. A prescindere dalla valutazione nel merito, che spetterà al Senato, una cosa è certa: quell’annuncio ha lasciato il segno sia nella memoria degli americani che nella storia di queste elezioni


Canzone del giorno: Curtis Mayfield - We Got To Have Peace

Altri Servizi

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

L'inchiesta pensata per indagare sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sulla potenziale collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi sta subendo un nuovo attacco. A lanciarlo, con l'intento di screditare il Russiagate, è un gruppo di repubblicani convinti che il procuratore speciale Robert Mueller - colui che è a capo delle indagini - abbia ottenuto illegalmente email scambiate dalle persone di cui Trump si era circondato durante il periodo di transizione tra la sua elezione e il suo arrivo alla Casa Bianca.

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%, cancellato l'individual mandate previsto dall'Obamacare, previste te dell'8% sugli asset illiquidi e del 15,5% su quelli liquidi per il rimpatrio dei capitali.
AP

Difesa Usa preoccupata dal rischio di incidenti con caccia russi in Siria

Il rischio di scontri tra gli aerei da combattimento russi e quelli americani in Siria preoccupa il Pentagono. Gli incidenti si sono moltiplicati nelle ultime settimane, nonostante gli accordi verbali tra Mosca e Washington.

Giudice Usa blocca Trump: contraccezione resta gratuita

Un giudice federale della Pennsylvania ha bloccato una misura con cui l'amministrazione Trump avrebbe voluto smantellare l'ennesimo pezzo dell'eredità lasciata da Barack Obama.