La riforma sanitaria approda in aula

Otto miliardi di dollari in più per risolvere il nodo delle polizze a chi ha già malattie preesistenti: i deputati Fred Upton e Billy Long sbloccano la situazione alla Camera. I repubblicani sono fiduciosi: "Abbiamo i voti".
AP

“Abbiamo i voti, si va in aula”. I repubblicani tentano un nuovo assalto alla riforma sanitaria, e questa volta sono fiduciosi. Sono passate solo 24 ore da quando sembrava che anche la terza bozza del disegno di legge dovesse naufragare come le precedenti, schiacciata dal peso del disaccordo di alcuni membri del Gop in merito alle regole sulle ‘precondizioni’. I cittadini affetti da malattie o malformazioni preesistenti, si evinceva dal testo, si sarebbero trovati a pagare premi assicurativi più salati, che sarebbero stati decisi dalle stesse compagnie; un’ipotesi questa su cui molti repubblicani sembravano convinti a non concedere il proprio voto. Ieri infine la svolta. I deputati Fred Upton e Billy Long hanno offerto un’alternativa: aggiungiamo 8 miliardi di dollari ai 115 già stanziati dall’amministrazione Obama per compensare le situazioni più svantaggiate. E finalmente per Donald Trump e il Gop i conti - quelli dei voti favorevoli e contrari - sembrano tornare.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Definirla già da subito una ‘vittoria’ repubblicana sarebbe però un po’ azzardato, e non solo perché i numeri per ora ci sono solo sulla carta e bisogna attendere il voto di oggi. Se è vero infatti che a questo punto sembra essere molto difficile che il disegno di legge non passi alla Camera, tuttavia rimane ancora lo scoglio del Senato, dove già in molti si sono detti contrari. Il rischio di una vittoria di Pirro nasce anche dal fatto che a non tornare sono invece altre cifre, quelle sul numero degli americani che potrebbero perdere la loro copertura sotto questa nuova riforma. Si stima infatti che dai 20 ai 24 milioni di americani potrebbero restare senza assicurazione, mentre Obama ne aveva aumentato il numero di 40 milioni. Questi numeri potrebbero cos" rivelarsi controproducenti in occasione di un altro voto, quello politico del 2018.

“L'ipotesi che le mie azioni possano aver influito sull'esito delle elezioni dello scorso novembre mi lascia nauseato”. Queste le parole di James Comey durante l'audizione di ieri di fronte alla commissione Giustizia del Senato, dove il direttore dell’Fbi è stato chiamato a testimoniare sulla sua decisione di riaprire le indagini sui server di posta elettronica di Hillary Clinton a pochi giorni dall’Election Day dell’8 novembre. "Potevo parlare o nascondere”, ha detto Comey spiegando le ragioni del suo operato: “E’ stata una decisione dura, ma ho fatto la scelta giusta e la farei di nuovo”. A prescindere dalla valutazione nel merito, che spetterà al Senato, una cosa è certa: quell’annuncio ha lasciato il segno sia nella memoria degli americani che nella storia di queste elezioni


Canzone del giorno: Curtis Mayfield - We Got To Have Peace

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).