La Sec indaga sulla società di Kushner per l’uso dei visti "top class" destinati agli investitori stranieri

L’indagine è condotta in collaborazione con l'ufficio del procuratore distrettuale di Brooklyn

La Securities and Exchange Commission, la Consob americana, sta indagando sulla Kushner Cos, la società immobiliare gestita dalla famiglia di Jared Kushner, consigliere nonché genero del presidente americano Donald Trump. Il motivo dell’indagine sarebbe l'utilizzo da parte della società dell’"Eb-5 Visa", un programma di visti top class destinato per lo più a ricchi investitori (viene infatti concesso a coloro in grado di versare all’erario americano almeno mezzo milione di dollari).

A riportare la notizia è il Wall Street Journal che ricorda come Kushner Cos sia già stata citata dalla Sec nel maggio scorso proprio per il suo utilizzo di questo programma. Il quotidiano economico ricorda poi che nello stesso mese la società ha ricevuto un’altra citazione anche dal procuratore federale di New York che ha chiesto informazione su una serie di progetti sviluppati grazie ai finanziamenti provenienti dall'Eb-5.

Secondo quanto dichiarato al quotidiano newyorchese da persone informate sui fatti, l’indagine in questione viene portata avanti dal Sec in collaborazione con l‘ufficio del procuratore distrettuale di Brooklyn. Se da un lato non arrivano commenti ufficiali da parte degli investigatori, dall’altra ha parlato una portavoce della società della famiglia Kushner che si è rifatta ad un commento precedente della consigliera Emily Wolf riferito all’indagine di Brooklyn del maggio scorso: "La società ha utilizzato il programma, rispettando pienamente le sue regole e i regolamenti e non ha fatto nulla di inappropriato. Stiamo collaborando con le autorità".

Il programma Eb-5, introdotto da Obama per rilanciare il mercato immobiliare dopo la crisi del 2008, garantisce carte verdi agli aspiranti immigrati che investono almeno 500mila dollari nella creazione di imprese in grado di dare almeno 10 posti di lavoro negli Stati Uniti. Secondo i dati del Dipartimento di sicurezza nazionale degli Stati Uniti la maggior parte di questi visti va a ricchi investitori cinesi.

La citazione da parte dei procuratori federali, che include la richiesta di fornire la corrispondenza via email, riguarda almeno un progetto specifico: lo sviluppo di due torri commerciali e residenziali a Jersey City, in New Jersey, denominate One Journal Square. Proprio la campagna di marketing su questo progetto destinata agli investitori cinesi ha richiamato l’attenzione degli investigatori. Sembra infatti che la società di Kushner ha sollecitato a Shangai l’attenzione degli investitori sostenendo che se 300 persone avessero investito almeno 500mila dollari nel progetto avrebbero potuto beneficiare delle carte verdi.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock