La settimana in America: gli Spring Meetings dell'Fmi, la Siria e le banche americane

E poi c'è Donald Trump che oltre al Medio Oriente dovrà affrontare un nuovo capitolo della vicenda con Stormy Daniels e la pubblicazione del libro autobiografico di James Comey. Sullo sfondo Shinzo Abe, molti conti trimestrali e le tensioni con la Cina
AP

È vero, negli Stati Uniti l'interesse sarà anche per questa settimana tutto per Donald Trump. Il presidente americano dovrà confrontarsi con tre appuntamenti: lunedì il suo avvocato, Michael Cohen, dovrà presentarsi davanti ai giudici a New York e portare con sé la lista dei suoi clienti. Si sospetta che ne abbia solo uno, Trump. Insieme a lui, in aula, ci sarà Stormy Daniels, la pornostar che ha ricevuto 130.000 dollari per non raccontare del suo incontro sessuale con il presidente, nel 2006. Il New Yorker sostiene che proprio questa faccenda potrebbe mettere in difficoltà veramente l'amministrazione Trump.

Comey pubblica, finalmente. Martedì, invece, uscirà il libro di James Comey, attesissimo. Già negli scorsi giorni nelle anticipazioni, sono usciti spunti interessanti. L'ex direttore dell'Fbi, licenziato da Trump nel maggio del 2017, sostiene che il presidente sia un bugiardo e usi metodi mafiosi chiedendo fedeltà a tutti i costi. Nei giorni scorsi Trump non è stato zitto. Ha scritto decine di tweet (come solito) insultando Comey, mettendo in dubbio la sua intelligenza e dicendo che "sarà ricordato come il peggiore direttore dell'Fbi".

La Siria, Trump e tutto il resto. Il Congresso è molto arrabbiato - soprattuto lo sono i democratici - per il fatto che Trump ha deciso di non avvisarli e di non chiede l'autorizzazione per bombardare la Siria. Lunedì ci sarà una nuova riunione del consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere ancora una volta di Siria. Non sarà facile. Russia e Cina sono compatte, convinte a difendere ancora una volta Bashar al Assad.

Trump+Abe. Martedì il premier giapponese, Shinzo Abe, arriverà a Mar-a-Lago per un incontro con Trump. È la seconda volta che Abe visita la residenza in Florida del presidente. Nel febbraio 2017, mentre i due cenavano, la Corea del Nord aveva fatto nuovi test missilistici. Adesso la situazione è molto più calma e Trump dovrebbe incontrare il leader nordcoreano, Kim Jong-un, tra maggio e giugno.

Ci sono i Meetings. A Washington, invece, mercoledì iniziano gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale. Sarà il timore per lo scontro commerciale tra Stati Uniti e Cina la principale preoccupazione dell'incontro.

Per la prima volta dopo un decennio, tuttavia, Christine Lagarde ha detto che è ottimista e che l'economia globale crescerà del 3,9%. Anzi potrebbe anche alzare questa previsione quando pubblicherà le nuove stime, martedì.

Ma l'Fmi ha molti timori di un ritorno al protezionismo e ai dazi, che potrebbero fermare la crescita e creare nuove tensioni. 

Le banche danno i numeri.  Dopo quelli della settimana scorsa, che hanno aperto la stagione delle trimestrali, proseguono gli appuntamenti con i conti delle banche: lunedì ci sarà  Bank of America, martedì Goldman Sachs e mercoledì Morgan Stanley. Oltre alle banche, martedì ci saranno i conti di IBM, mercoledì quelli di Alcoa e chiude la settimana, venerdì, General Electric, con previsioni tutt'altro che buone.

(A.P.)

Altri Servizi

Usa: nuovi dazi da 200 miliardi di dollari contro la Cina, Apple Watch e Airpods salvi (per ora)

Entrano in vigore dal 24 settembre al 10%. Dal primo gennaio saliranno al 25%. Trump: se Pechino reagisce con ritorsioni, pronte altre tariffe doganali per 267 miliardi

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad aumentare. Dal prossimo 24 settembre l'America di Donald Trump farà scattare dazi del 10% su importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari. Dal primo gennaio 2019, le tariffe doganali saliranno al 25%. E se Pechino adotterà ritorsioni, Washington reagirà passando alla "fase tre" della sua strategia imponendo altri dazi su 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi dopo una prima fase corrispondente all'entrata in vigore di dazi del 25% per 50 miliardi.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Wall Street non teme i nuovi dazi Usa contro la Cina

I mercati sembrano reagire bene alla nuova mossa del presidente Trump
iStock

Dimon: potrei battere Trump, "sono più intelligente". Poi si pente

Il Ceo di Jpm ha escluso una candidatura alle presidenziali
Wikimedia Commons

Jamie Dimon deve avere pensato che non è elegante insultare pubblicamente il presidente americano in carica, per quanto le sue politiche non piacciano.

Coca-Cola sta "osservando attentamente" il mercato delle bevande alla cannabis, consapevole che "si sta evolvendo rapidamente". Anche il colosso americano delle bibite si sta dunque concentrando su un settore a rapida crescita che potrebbe offrire l'opportunità di sfruttare la legalizzazione della marijuana in Nord America ed Europa per controbilanciare i consumi in calo delle bevande tradizionali.

La Cina ignora le minacce di Trump, annuncia dazi da 60 mld di dollari contro gli Usa

Risposta alle tariffe doganali da 200 mld annunciare dal presidente americano. Pechino valuta se mandare o meno una delegazione a Washington per riprendere i negoziati. Cook (Apple) ottimista

Come aveva anticipato da tempo, la Cina ha deciso che adotterà dazi tra il 5 e il 10% contro importazioni americane aventi un valore annuo di 60 miliardi di dollari. Le tariffe doganali scatteranno il 24 settembre, lo stesso giorno in cui entreranno in vigore quelle del 10% annunciate ieri dagli Usa contro 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi; quei dazi saliranno al 25% dal primo gennaio prossimo.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street: i salari sono tornati al massimi del 2008

Nel 2017 +13% a 422.500 dollari. Profitti settore finanziario +11% a 13,7 miliardi nei primi sei mesi del 2018. Verso terzo anno di fila di bonus in aumento
iStock

Nel 2017 i salari medi a Wall Street sono tornati ai massimi del 2008, l'anno in cui Lehman Brothers fallì diventando simbolo della peggiore crisi economico-finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.

Fed: Richard Clarida ha giurato, è vicepresidente

Global strategic adviser di Pimco nonché professore di economia alla Columbia University, prende il posto lasciato nell'ottobre 2017 da Stanley Fischer

La poltrona di vicepresidente della Federal Reserve, lasciata vuota da Stanley Fischer nell'ottobre 2017, è stata ufficialmente riempita. Il vertice della banca centrale Usa è così completato in vista della riunione del 25 e 26 settembre prossimi in cui dovrebbe essere annunciato il terzo rialzo dei tassi del 2018.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.