La settimana in America: gli Spring Meetings dell'Fmi, la Siria e le banche americane

E poi c'è Donald Trump che oltre al Medio Oriente dovrà affrontare un nuovo capitolo della vicenda con Stormy Daniels e la pubblicazione del libro autobiografico di James Comey. Sullo sfondo Shinzo Abe, molti conti trimestrali e le tensioni con la Cina
AP

È vero, negli Stati Uniti l'interesse sarà anche per questa settimana tutto per Donald Trump. Il presidente americano dovrà confrontarsi con tre appuntamenti: lunedì il suo avvocato, Michael Cohen, dovrà presentarsi davanti ai giudici a New York e portare con sé la lista dei suoi clienti. Si sospetta che ne abbia solo uno, Trump. Insieme a lui, in aula, ci sarà Stormy Daniels, la pornostar che ha ricevuto 130.000 dollari per non raccontare del suo incontro sessuale con il presidente, nel 2006. Il New Yorker sostiene che proprio questa faccenda potrebbe mettere in difficoltà veramente l'amministrazione Trump.

Comey pubblica, finalmente. Martedì, invece, uscirà il libro di James Comey, attesissimo. Già negli scorsi giorni nelle anticipazioni, sono usciti spunti interessanti. L'ex direttore dell'Fbi, licenziato da Trump nel maggio del 2017, sostiene che il presidente sia un bugiardo e usi metodi mafiosi chiedendo fedeltà a tutti i costi. Nei giorni scorsi Trump non è stato zitto. Ha scritto decine di tweet (come solito) insultando Comey, mettendo in dubbio la sua intelligenza e dicendo che "sarà ricordato come il peggiore direttore dell'Fbi".

La Siria, Trump e tutto il resto. Il Congresso è molto arrabbiato - soprattuto lo sono i democratici - per il fatto che Trump ha deciso di non avvisarli e di non chiede l'autorizzazione per bombardare la Siria. Lunedì ci sarà una nuova riunione del consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per discutere ancora una volta di Siria. Non sarà facile. Russia e Cina sono compatte, convinte a difendere ancora una volta Bashar al Assad.

Trump+Abe. Martedì il premier giapponese, Shinzo Abe, arriverà a Mar-a-Lago per un incontro con Trump. È la seconda volta che Abe visita la residenza in Florida del presidente. Nel febbraio 2017, mentre i due cenavano, la Corea del Nord aveva fatto nuovi test missilistici. Adesso la situazione è molto più calma e Trump dovrebbe incontrare il leader nordcoreano, Kim Jong-un, tra maggio e giugno.

Ci sono i Meetings. A Washington, invece, mercoledì iniziano gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale. Sarà il timore per lo scontro commerciale tra Stati Uniti e Cina la principale preoccupazione dell'incontro.

Per la prima volta dopo un decennio, tuttavia, Christine Lagarde ha detto che è ottimista e che l'economia globale crescerà del 3,9%. Anzi potrebbe anche alzare questa previsione quando pubblicherà le nuove stime, martedì.

Ma l'Fmi ha molti timori di un ritorno al protezionismo e ai dazi, che potrebbero fermare la crescita e creare nuove tensioni. 

Le banche danno i numeri.  Dopo quelli della settimana scorsa, che hanno aperto la stagione delle trimestrali, proseguono gli appuntamenti con i conti delle banche: lunedì ci sarà  Bank of America, martedì Goldman Sachs e mercoledì Morgan Stanley. Oltre alle banche, martedì ci saranno i conti di IBM, mercoledì quelli di Alcoa e chiude la settimana, venerdì, General Electric, con previsioni tutt'altro che buone.

(A.P.)

Altri Servizi

Wall Street teme le tensioni commerciali con la Cina

Oggi un solo dato in programma, quello sull'avvio di nuovi cantieri
iStock

A New York City sta per entrare in vigore una nuova politica volta a ridurre il numero di arresti considerati inutili. Su volere del sindaco Bill de Blasio e del commissario di polizia James O'Neill, entro il prossimo primo settembre la maggioranza dei newyorchesi che verranno beccati mentre fumano marijuana in un luogo pubblico non verranno arrestati; invece delle manette, scatterà un atto di citazione. Di conseguenza, secondo le stime del dipartimento di polizia di New York (NYPD) gli arresti dovuti alla cannabis nella metropoli americana caleranno di circa 10mila all'anno.

Migranti, la capa dei pediatri Usa: separare i figli dai genitori è una "violenza su minori"

La 'tolleranza zero' dell'amministrazione Trump ha portato alla separazione di 2.000 bambini dai loro genitori in sei settimane
Immigration and Customs Enforcement

Separare i bambini dai loro genitori dopo l'attraversamento del confine tra Messico e Stati Uniti è una forma di violenza. A dirlo è stata Colleen Kraft, a capo dell'American Academy of Pediatrics, l'associazione dei pediatri statunitensi, che ha quindi accusato l'amministrazione Trump di "violenza su minori".

Un sell-off dell'azionario su scala mondiale, con il Dow Jones Industrial Average in calo per sei sedute di fila (la serie temporale negativa più lunga da oltre un anno). Una corsa verso porti considerati sicuri come i Treasury. Un ribasso del petrolio e un andamento volatile del dollaro. E' questa la fotografia della prima giornata di trading succissiva alle nuove minacce commerciali lanciate alla Cina dal presidente americano Donald Trump.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).