"La Sfida" del regista Ancarani racconta le tradizioni del Qatar geneticamente modificate dal capitalismo

“The Challenge” – vincitore del Premio della Giuria 2016 al Festival di Locarno - è il primo lungometraggio dell’artista romagnolo Yuri Ancarani, che attraverso l’antica pratica della falconeria racconta il deserto del Qatar

Yuri Ancarani è un artista visivo italiano le cui opere spaziano tra il mondo della videoarte e quello del cinema. I suoi ultimi 5 lavori sono stati presentati e premiati in centinaia di festival internazionali - tra cui Locarno, Venezia e Toronto – e in prestigiosi musei, come il Centre Pompidou di Parigi, la Biennale di Venezia, il Guggenheim Museum di New York e l'Hammer Museum di Los Angeles.

 “The Challenge” - vincitore Premio della Giuria 2016 al Festival di Locarno e primo lungometraggio dell’artista - è stato presentato al quarantaseiesimo festival New Directors/New Films a New York, in calendario dal 15 al 26 Marzo. Per l’occasione abbiamo incontrato Yuri Ancarani, che con il suo film esplora il mondo d’orato e surreale degli sceicchi del Qatar, fatto di deserto, Lamborghini, moto cromate, jet privati e ghepardi al guinzaglio. In particolare la sfida di Ancanari è stata quella di seguire il viaggio di un giovane e ricco falconiere, diretto a una competizione di caccia: un espediente per raccontare tanto altro.

 

Da dove arriva questa storia e perché l’hai voluta raccontare?

Sono sempre alla ricerca di soggetti e situazioni attuali. In particolare “The Challenge” nasce da una curiosità: fino a cinque, sei anni fa il Qatar era completamente sconosciuto, poi improvvisamente si è aperto al mercato mondiale ed è diventato un Paese molto importante dal punto di vista economico. Ha cominciato a investire moltissimo nelle acquisizioni artistiche e a giocare un ruolo importante nella produzione cinematografica, nell’edilizia, nelle costruzioni museali. Vista la mia formazione legata al mondo delle arti visive, questa è stata una riflessione significativa. Mi sono domandato: “Ma lo conosciamo davvero il Qatar?”. E da qui è nato il film…

 

Quanto tempo ci è voluto e quando ti è costato produrre il film?

È stato un lavoro faticoso che mi ha impegnato mentalmente tre anni. Le riprese di per sé sono durate un mese perché i tempi concessi erano molto brevi. Anche il budget era basso, abbiamo fatto questo film con i finanziamenti dei cortometraggi. Ma poi ho sentito la volontà di andare avanti… e infatti il film è uscito con i debiti. In Italia non si fanno le cose per soldi ma per amore. Fortunatamente il film è stato presentato tantissimo e probabilmente riusciremo a pagarci le spese. Agli americani è piaciuto in maniera particolare, probabilmente si saranno chiesti: “Ma chi sono quei folli che hanno fatto un film del genere!”.

 

Al centro del film c’è la pratica della falconeria e il tema delle tradizioni. Ma è più forte la tradizione o la globalizzazione?

È un film sulle tradizioni beduine geneticamente modificate dal capitalismo. La falconeria è stata un pretesto per entrare in questo mondo. Quando si entra in un mondo all’inizio si vede solo la facciata che è stata costruita per il turista, ma quando si comincia a indagare si arriva ad una verità. Per loro la falconeria è importantissima, prima serviva per mangiare, i falchi venivano catturati mentre migravano sopra il Qatar e poi addomesticati per cacciare. Adesso il falco è un animale domestico e c’è una sorta di venerazione nei confronti di questo uccello.

 

I personaggi che vediamo nel film sono reali? Certe scene sono incredibili. Come la scena del ghepardo dentro la Lamborghini.

Sono tutti personaggi reali. Sono rappresentati come se fossero attori perché “The Challenge” per me non è un documentario ma è un film, e quindi l’approccio alla ripresa e alla costruzione è cinematografica. La maggior parte delle scene è stata ripresa nel momento in cui accadevano, come il tentativo di usare la macchina elaborata per salire senza rincorsa sulla duna, o quella dei bikers che si fermano per la preghiera: sono tutte scene inaspettate successe improvvisamente. Quella del ghepardo nella Lamborghini è una delle poche scene costruite: Nasser, il proprietario del ghepardo, ci raccontava che spesso passeggia con il ghepardo nel deserto e che si muoveva con diverse macchine tra cui la Lamborghini, così gli ho chiesto se potevo montare la camera dentro la macchina. Nonostante ciò la scena è naturale: è evidente come l’animale sia perfettamente a suo agio in quello spazio. Le fusa cha fa (anche dentro casa) sono una parte centrale del film… non servono parole.

 

A proposito di parole, nel film ci sono pochi dialoghi. È stata una scelta precisa per far emergere altro, come rumori poco naturali?

Si, è un film silenzioso ma è un film anche molto rumoroso perché si sente il deserto che è il silenzio, riempito dal rumore delle macchine, continuamente. In questo senso è un film molto rumoroso. In generale mi piace fare film poco raccontati, non spiegati, non con uno storytelling classico, mi piace che lo spettatore faccia un’esperienza come se in quell’istante fosse al fianco al protagonista e vivesse intensamente quella scena e provasse la stessa cosa che sta provando il personaggio in quel momento, provando anche la stessa fatica. Magari non capendo immediatamente cosa stia succedendo, ma arrivandoci piano piano… guardando…

 

Dove erano le donne durante tutto il film?

Nel Golfo la vita di uomini e donne è separata ancora oggi. È un mondo maschile e sono andato lì proprio per rappresentarlo in senso estremo. Le uniche donne che si intravedono sono delle turiste sul cammello. Gli uomini hanno tra loro un rapporto di fratellanza molto intenso e infatti tra amici, da tradizione, si sta mano nella mano, da lontano si vede anche nel film.

 

Considerando anche altri tuoi lavori, come “Da Vinci”, un film del 2012 sulla chirurgia robotica ambientato all’interno di una sala operatoria, viene da chiedersi: perché questi temi? Cosa muove le tue creazioni?

In “Da vinci” grazie alle camere endoscopiche, il corpo umano viene rappresentato come fosse un paesaggio, si vede il lavoro del chirurgo dall’interno. Lo spettatore vede sul grande schermo tutto quello che pensava fosse molto piccolo. Diciamo che sono tutti film sul tema del lavoro, che è una mia ricerca costante. Lavori estremi e raccontati poco. Anche “The Challenge” può essere considerato un film sul lavoro perché c’è un falconiere, ma soprattutto è un film sul non lavoro perché queste persone sono ricche e vivono la loro vita dedicandosi solo alle loro passioni. E la cosa incredibile (che è evidente nel film) è che è una vita molto noiosa! Questa è una prima lettura, poi ce ne sono altre: sono film dove c’è una ricerca sull’universo maschile. Sono tutti film faticosi che partono dall’esigenza di voler rappresentare un mondo. Io credo che un artista si curi attraverso la propria arte, ma paradossalmente penso che attinga proprio dalla malattia le idee e le energie per curarsi. E quindi non si curerà mai, perché quando sarà guarito non rappresenterà più niente. Io parto sempre da una ricerca personale interiore e questo mi porta a rappresentare l’invisibile delle cose, che a volte nelle persone crea dell’inquietudine, perché vedono delle cose ma ne percepiscono delle altre. Ad esempio nel film “San Siro” (2014) ho semplicemente seguito il backstage di una partita di calcio: inizia con gli operai al mattino e finisce con Balotelli che entra allo stadio. Semplicissimo, però quando si vede il film si percepisce un’energia trasmessa dall’edificio, che diventa quasi un tempio pagano. Stessa cosa in “Da Vinci”, il robot che opera è controllato da un medico, ma lo spettatore ha la percezione che questa macchina viva di vita propria. La cosa interessante è che il film ha inquietato soprattutto i chirurghi, alla fine di una proiezione uno di loro mi ha detto: “Hai fatto un film violentissimo, io sono sconvolto”.

 

E cosa ha suscitato “The Challenge” invece? È piaciuto agli sceicchi?

Gli uomini che vedono questo film si divertono moltissimo. Ci ho messo un po' di tempo ad interpretare le reazioni, quando lo montavo non capivo, a volte sulla stessa scena c’era qualcuno che rideva e altri che rimanevano angosciati. E non riuscivo a capire perché era così difficile controllare cosa stavo facendo. Di solito cerco di farlo: cerco di suscitare certe emozioni lavorando con le immagini e con il suono. Ma per “The Challenge” ho scoperto che è proprio il soggetto a mandare in tilt lo spettatore e soprattutto la reazione è diversa per uomo e donna. Come lì, nella loro cultura, la vita tra uomo e donna è separata, nella visione del film, il pensiero separa uomo e donna. Per esempio in Missouri, quando ho presentato il film, un signore mi ha detto che si era divertito e identificato nella vita che fanno gli sceicchi. Invece, in Svizzera, una signora si è lamentata del fatto che non c’erano donne nel film, mi fa: “Io non ci credo che non ci sono donne… chi è che cucinava?”. Riguardo agli sceicchi, invece, il film l’ha visto il protagonista che è anche venuto a Locarno invitato dal festival. Avevo chiesto espressamente di fargli solo una domanda. Il direttore artistico Carlo Chatrian chiede: 'Cosa pensi di questo film?' e lui risponde: 'Questo non è un film, è la vita normale'". “It’s normal!”, ha detto.

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Wall Street, attenzione rivolta al Pil

Ieri, chiusura record per il Nasdaq
AP

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Donald Trump avverte della effettiva possibilità di un "enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord, anche se lui preferirebbe risolvere la crisi per vie diplomatiche. Il nuovo monito arriva in una intervista rilasciata all'agenzia Reuters in occasione dei primi cento giorni della sua presidenza.

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

Riforma sanitaria Usa, dai conservatori un 'sì' a Trump

I membri del Freedom Caucus approvano le modifiche, dopo il 'no' che aveva costretto i repubblicani a ritirare la proposta di legge lo scorso 24 marzo, in assenza del sostegno necessario
AP

Il Freedom Caucus, il gruppo di deputati conservatori responsabile, insieme ad alcuni moderati, della bocciatura alla Camera della riforma sanitaria dell'amministrazione Trump per sostituire l'Obamacare, ha approvato le modifiche alla proposta di legge. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha dichiarato che gli emendamenti "ci aiutano a ottenere consensi", ma non ha detto quanto i repubblicani siano vicini al numero di voti necessario per far approvare la riforma alla Camera.

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero

In un'Europa in cui c'è una "rinnovata attività economica", c'è anche una diffusa convinzione che "il libero commercio e gli accordi commerciali messi a punto bene diano benefici". E pur non sottovalutando gli effetti collaterali della globalizzazione e i problemi che ancora ci sono nell'Unione europea come la disoccupazione giovanile alta, le prospettive sono finalmente "incoraggianti". Ne è convinto David O'Sullivan, l'ambasciatore Ue negli Stati Uniti che ha presentato la Ue come "il blocco commerciale più aperto e libero al mondo" e che scherzosamente ha aperto una ristretta colazione di lavoro a New York dicendo che "il mondo non è finito con l'elezione di Donald Trump" alla presidenza americana.

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.