"La Sfida" del regista Ancarani racconta le tradizioni del Qatar geneticamente modificate dal capitalismo

“The Challenge” – vincitore del Premio della Giuria 2016 al Festival di Locarno - è il primo lungometraggio dell’artista romagnolo Yuri Ancarani, che attraverso l’antica pratica della falconeria racconta il deserto del Qatar

Yuri Ancarani è un artista visivo italiano le cui opere spaziano tra il mondo della videoarte e quello del cinema. I suoi ultimi 5 lavori sono stati presentati e premiati in centinaia di festival internazionali - tra cui Locarno, Venezia e Toronto – e in prestigiosi musei, come il Centre Pompidou di Parigi, la Biennale di Venezia, il Guggenheim Museum di New York e l'Hammer Museum di Los Angeles.

 “The Challenge” - vincitore Premio della Giuria 2016 al Festival di Locarno e primo lungometraggio dell’artista - è stato presentato al quarantaseiesimo festival New Directors/New Films a New York, in calendario dal 15 al 26 Marzo. Per l’occasione abbiamo incontrato Yuri Ancarani, che con il suo film esplora il mondo d’orato e surreale degli sceicchi del Qatar, fatto di deserto, Lamborghini, moto cromate, jet privati e ghepardi al guinzaglio. In particolare la sfida di Ancanari è stata quella di seguire il viaggio di un giovane e ricco falconiere, diretto a una competizione di caccia: un espediente per raccontare tanto altro.

 

Da dove arriva questa storia e perché l’hai voluta raccontare?

Sono sempre alla ricerca di soggetti e situazioni attuali. In particolare “The Challenge” nasce da una curiosità: fino a cinque, sei anni fa il Qatar era completamente sconosciuto, poi improvvisamente si è aperto al mercato mondiale ed è diventato un Paese molto importante dal punto di vista economico. Ha cominciato a investire moltissimo nelle acquisizioni artistiche e a giocare un ruolo importante nella produzione cinematografica, nell’edilizia, nelle costruzioni museali. Vista la mia formazione legata al mondo delle arti visive, questa è stata una riflessione significativa. Mi sono domandato: “Ma lo conosciamo davvero il Qatar?”. E da qui è nato il film…

 

Quanto tempo ci è voluto e quando ti è costato produrre il film?

È stato un lavoro faticoso che mi ha impegnato mentalmente tre anni. Le riprese di per sé sono durate un mese perché i tempi concessi erano molto brevi. Anche il budget era basso, abbiamo fatto questo film con i finanziamenti dei cortometraggi. Ma poi ho sentito la volontà di andare avanti… e infatti il film è uscito con i debiti. In Italia non si fanno le cose per soldi ma per amore. Fortunatamente il film è stato presentato tantissimo e probabilmente riusciremo a pagarci le spese. Agli americani è piaciuto in maniera particolare, probabilmente si saranno chiesti: “Ma chi sono quei folli che hanno fatto un film del genere!”.

 

Al centro del film c’è la pratica della falconeria e il tema delle tradizioni. Ma è più forte la tradizione o la globalizzazione?

È un film sulle tradizioni beduine geneticamente modificate dal capitalismo. La falconeria è stata un pretesto per entrare in questo mondo. Quando si entra in un mondo all’inizio si vede solo la facciata che è stata costruita per il turista, ma quando si comincia a indagare si arriva ad una verità. Per loro la falconeria è importantissima, prima serviva per mangiare, i falchi venivano catturati mentre migravano sopra il Qatar e poi addomesticati per cacciare. Adesso il falco è un animale domestico e c’è una sorta di venerazione nei confronti di questo uccello.

 

I personaggi che vediamo nel film sono reali? Certe scene sono incredibili. Come la scena del ghepardo dentro la Lamborghini.

Sono tutti personaggi reali. Sono rappresentati come se fossero attori perché “The Challenge” per me non è un documentario ma è un film, e quindi l’approccio alla ripresa e alla costruzione è cinematografica. La maggior parte delle scene è stata ripresa nel momento in cui accadevano, come il tentativo di usare la macchina elaborata per salire senza rincorsa sulla duna, o quella dei bikers che si fermano per la preghiera: sono tutte scene inaspettate successe improvvisamente. Quella del ghepardo nella Lamborghini è una delle poche scene costruite: Nasser, il proprietario del ghepardo, ci raccontava che spesso passeggia con il ghepardo nel deserto e che si muoveva con diverse macchine tra cui la Lamborghini, così gli ho chiesto se potevo montare la camera dentro la macchina. Nonostante ciò la scena è naturale: è evidente come l’animale sia perfettamente a suo agio in quello spazio. Le fusa cha fa (anche dentro casa) sono una parte centrale del film… non servono parole.

 

A proposito di parole, nel film ci sono pochi dialoghi. È stata una scelta precisa per far emergere altro, come rumori poco naturali?

Si, è un film silenzioso ma è un film anche molto rumoroso perché si sente il deserto che è il silenzio, riempito dal rumore delle macchine, continuamente. In questo senso è un film molto rumoroso. In generale mi piace fare film poco raccontati, non spiegati, non con uno storytelling classico, mi piace che lo spettatore faccia un’esperienza come se in quell’istante fosse al fianco al protagonista e vivesse intensamente quella scena e provasse la stessa cosa che sta provando il personaggio in quel momento, provando anche la stessa fatica. Magari non capendo immediatamente cosa stia succedendo, ma arrivandoci piano piano… guardando…

 

Dove erano le donne durante tutto il film?

Nel Golfo la vita di uomini e donne è separata ancora oggi. È un mondo maschile e sono andato lì proprio per rappresentarlo in senso estremo. Le uniche donne che si intravedono sono delle turiste sul cammello. Gli uomini hanno tra loro un rapporto di fratellanza molto intenso e infatti tra amici, da tradizione, si sta mano nella mano, da lontano si vede anche nel film.

 

Considerando anche altri tuoi lavori, come “Da Vinci”, un film del 2012 sulla chirurgia robotica ambientato all’interno di una sala operatoria, viene da chiedersi: perché questi temi? Cosa muove le tue creazioni?

In “Da vinci” grazie alle camere endoscopiche, il corpo umano viene rappresentato come fosse un paesaggio, si vede il lavoro del chirurgo dall’interno. Lo spettatore vede sul grande schermo tutto quello che pensava fosse molto piccolo. Diciamo che sono tutti film sul tema del lavoro, che è una mia ricerca costante. Lavori estremi e raccontati poco. Anche “The Challenge” può essere considerato un film sul lavoro perché c’è un falconiere, ma soprattutto è un film sul non lavoro perché queste persone sono ricche e vivono la loro vita dedicandosi solo alle loro passioni. E la cosa incredibile (che è evidente nel film) è che è una vita molto noiosa! Questa è una prima lettura, poi ce ne sono altre: sono film dove c’è una ricerca sull’universo maschile. Sono tutti film faticosi che partono dall’esigenza di voler rappresentare un mondo. Io credo che un artista si curi attraverso la propria arte, ma paradossalmente penso che attinga proprio dalla malattia le idee e le energie per curarsi. E quindi non si curerà mai, perché quando sarà guarito non rappresenterà più niente. Io parto sempre da una ricerca personale interiore e questo mi porta a rappresentare l’invisibile delle cose, che a volte nelle persone crea dell’inquietudine, perché vedono delle cose ma ne percepiscono delle altre. Ad esempio nel film “San Siro” (2014) ho semplicemente seguito il backstage di una partita di calcio: inizia con gli operai al mattino e finisce con Balotelli che entra allo stadio. Semplicissimo, però quando si vede il film si percepisce un’energia trasmessa dall’edificio, che diventa quasi un tempio pagano. Stessa cosa in “Da Vinci”, il robot che opera è controllato da un medico, ma lo spettatore ha la percezione che questa macchina viva di vita propria. La cosa interessante è che il film ha inquietato soprattutto i chirurghi, alla fine di una proiezione uno di loro mi ha detto: “Hai fatto un film violentissimo, io sono sconvolto”.

 

E cosa ha suscitato “The Challenge” invece? È piaciuto agli sceicchi?

Gli uomini che vedono questo film si divertono moltissimo. Ci ho messo un po' di tempo ad interpretare le reazioni, quando lo montavo non capivo, a volte sulla stessa scena c’era qualcuno che rideva e altri che rimanevano angosciati. E non riuscivo a capire perché era così difficile controllare cosa stavo facendo. Di solito cerco di farlo: cerco di suscitare certe emozioni lavorando con le immagini e con il suono. Ma per “The Challenge” ho scoperto che è proprio il soggetto a mandare in tilt lo spettatore e soprattutto la reazione è diversa per uomo e donna. Come lì, nella loro cultura, la vita tra uomo e donna è separata, nella visione del film, il pensiero separa uomo e donna. Per esempio in Missouri, quando ho presentato il film, un signore mi ha detto che si era divertito e identificato nella vita che fanno gli sceicchi. Invece, in Svizzera, una signora si è lamentata del fatto che non c’erano donne nel film, mi fa: “Io non ci credo che non ci sono donne… chi è che cucinava?”. Riguardo agli sceicchi, invece, il film l’ha visto il protagonista che è anche venuto a Locarno invitato dal festival. Avevo chiesto espressamente di fargli solo una domanda. Il direttore artistico Carlo Chatrian chiede: 'Cosa pensi di questo film?' e lui risponde: 'Questo non è un film, è la vita normale'". “It’s normal!”, ha detto.

Altri Servizi

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

In un momento difficile come quello presente, fatto di populismi, chiusura e discriminazioni, il Calendario Pirelli 2018 dà un messaggio fondamentale: ritornare a sognare, attraverso il viaggio in un mondo parallelo e distorto, quello de Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll - una delle storie più surreali di sempre - in cui tutti i personaggi sono interpretati da modelli, attori e artisti neri.

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia.
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto di credere che Vladimir Putin sia sincero nel suo ripetuto negare di aver cercato di interferire nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Trump ha definito l'indagine indipendete guidata da Robert Mueller come politicamente motivata.

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Sati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, influente predicatore accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di aver organizzato il tentato colpo di Stato dell'estate 2016, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Pace in Medio Oriente, israeliani e palestinesi attendono il piano di Trump

Non si conosce nulla del progetto di Washington, a cui lavora un team di cinque persone. Netanyahu e Abu Mazen si aspettano di ricevere il piano degli Stati Uniti all'inizio del prossimo anno
iStock

Israeliani e palestinesi attendono il piano di pace che il presidente statunitense, Donald Trump, dovrebbe presentare all'inizio del prossimo anno. Un piano di cui ancora non si sa nulla, nemmeno se si baserà sulla creazione di uno Stato palestinese, concetto su cui si fonda la politica di Washington in Medio Oriente da 20 anni.

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Una seconda campionessa olimpica statunitense di ginnastica artistica, Aly Raisman, ha affermato di aver subito gli abusi sessuali commessi dal dottore della nazionale, Larry Nassar, già accusato da McKayla Maroney e da decine di altre donne. Maroney e Raisman erano due delle 'Fierce Five', la squadra che ha vinto l'oro ai Giochi di Londra, nel 2012.

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Il Ceo di AT&T, colosso americano delle telecomunicazioni che punta ad acquisire Time Warner, ha spiegato che nessun regolatore Usa gli ha mai chiesto di vendere Cnn come condizione per ottenere il via libera al merger da 85,4 miliardi di dollari. Sembra dargli ragione un funzionario del dipartimento di Giustizia, che alla Cnbc ha spiegato che il governo non sta cercando di ottenere la cessione dell'emittente; ciò contrasta con le indiscrezioni emerse ieri.

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock

E' ufficiale: i repubblicani al Senato Usa hanno messo a punto una riforma fiscale che è molto diversa da quella presentata la settimana scorsa dai membri del Gop che siedono alla Camera.

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

La proposta fatta la scorsa settimana dai repubblicani in Congresso ha sorpreso molti: imporre tasse sulle università dell'Ivy League. "Ma non ricordano, i repubblicani, che spesso le loro fortune sono iniziate proprio l"?", si sono detti alcuni.

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".