La sfida di Zuckerberg per il 2018: "riparare" Facebook

Il Ceo del social network tiene viva una tradizione iniziata nel 2009, quando indossò una cravatta al giorno. Ora è alle prese con interferenze politiche e abusi sulla piattaforma. Reputazione e redditività del gruppo a rischio

Dopo essersi ripromesso di imparare il mandarino, di correre almeno un miglio al giorno e di viaggiare in ogni Stato americano, il Ceo di Facebook ha annunciato il suo nuovo proposito per l'anno nuovo: nel 2018 la sfida personale che si è dato è "riparare" il social network più grande al mondo. Lo ha annunciato lo stesso Mark Zuckerberg in un post sulla piattaforma usata ogni mese da oltre due miliardi di utenti tenendo viva una tradizione iniziata nel 2009.

Ancora una volta, l'amministratore delegato del gruppo di Menlo Park (California) ha fatto un mea culpa: "Troppi errori sono stati fatti nel prevenire l'abuso dei nostri strumenti e nel mettere in pratica le nostre politiche", chiaro riferimento al fatto che su Facebook siano arrivate migliaia di inserzioni con cui la Russia avrebbe interferito nelle elezioni presidenziali americane del novembre 2016. Ciò ha costretto l'azienda a lanciare una serie di iniziative volte a tutelare la trasparenza.

"Il mondo si sente diviso e ansioso e Facebook ha ancora tanto lavoro da fare, dal proteggere le nostre comunità dall'abuso e dall'odio al difenderle contro l'interferenza di Stati fino al garantire che il tempo trascorso su Facebook sia speso bene".

Mentre vuole "riparare" la sua creatura, Zuckerberg dimostra come le cose siano cambiate nell'arco di 12 mesi. Se nel gennaio 2017 aveva presentato la sua missione di "visitare e incontrare persone in ogni Stato americano entro la fine dell'anno" alimentando la tesi di una sua discesa in campo politico, ora il Ceo di Facebook deve affrontare una marea di rischi che minacciano la reputazione dell'azienda da lui cofondata nel 2014 quando era studente ad Harvard così come la sua redditività. Il gruppo lo scorso novembre mise in guardia su un esplosione dei costi necessari per contrastare gli abusi sul suo sito.

I problemi non derivano solo dal Russiagate e dalla proliferazione di fake news ma anche, per esempio, dai video violenti trasmessi in diretta sulla piattaforma o dalla commercializzazione - attraverso un mercato nero - di oppiacei vietati in Usa. E mentre rappresentanti del gruppo e di altri colossi tech come Google e Twitter sono stati messi sotto torchio al Congresso - che sta indagando sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa, come il procuratore speciale - ex dipendenti hanno espresso rimorso per avere contribuito a dare forma a un social network che  secondo loro crea dipendenza e distrugge la società.

Secondo Zuckerberg, l'umore che aleggia negli Stati Uniti ricorda quello del 2009 quando l'economia era nel pieno di una recessione e Facebook era ancora un'azienda in perdita. All'inizio di quell'anno lui decise di indossare una cravatta ogni giorno, uno sforzo notevole per qualcuno che veste solo T-shirt. "Era un anno delicato e indossai una cravatta al giorno come promemoria", ha scritto Zuckerberg aggiungendo: Quest'anno "pare come quel primo anno" perché la gente ha perso fiducia nel social network. La sfida personale del Ceo di Facebook - una società che sfrutta i Big Data per monetizzare i contenuti pubblicati gratuitamente dai suoi utenti, di cui conosce le abitudini - è più vaga e meno personale di quelle degli anni scorsi. Forse perché Zuckerberg deve ancora capire come rilanciare una macchina da soldi dalla reputazione controversa. Lui, un fervente ottimista, non ha dubbi: "Se avremo successo quest'anno, alla fine del 2018 saremo su una traiettoria decisamente migliore". (Spa)

Altri Servizi

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Se non era chiaro a chi convenisse lo shutdown, nell'anno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, sembra invece evidente, ora, il vero sconfitto: Charles Schumer, il leader democratico in Senato. Molti suoi colleghi criticano la gestione dello scontro con i repubblicani: prima ha fatto chiudere le attività del governo per tre giorni, poi ha ceduto di fronte a minime concessioni del leader della maggioranza, Mitch McConnell, dando il via libera al finanziamento delle attività federali fino all'8 febbraio.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non è più il terrorismo, ma la minaccia portata da Russia e Cina il maggior pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti. A sentenziarlo è la nuova strategia di difesa nazionale (Nds) presentata dal Pentagono.