La sfida di Zuckerberg per il 2018: "riparare" Facebook

Il Ceo del social network tiene viva una tradizione iniziata nel 2009, quando indossò una cravatta al giorno. Ora è alle prese con interferenze politiche e abusi sulla piattaforma. Reputazione e redditività del gruppo a rischio

Dopo essersi ripromesso di imparare il mandarino, di correre almeno un miglio al giorno e di viaggiare in ogni Stato americano, il Ceo di Facebook ha annunciato il suo nuovo proposito per l'anno nuovo: nel 2018 la sfida personale che si è dato è "riparare" il social network più grande al mondo. Lo ha annunciato lo stesso Mark Zuckerberg in un post sulla piattaforma usata ogni mese da oltre due miliardi di utenti tenendo viva una tradizione iniziata nel 2009.

Ancora una volta, l'amministratore delegato del gruppo di Menlo Park (California) ha fatto un mea culpa: "Troppi errori sono stati fatti nel prevenire l'abuso dei nostri strumenti e nel mettere in pratica le nostre politiche", chiaro riferimento al fatto che su Facebook siano arrivate migliaia di inserzioni con cui la Russia avrebbe interferito nelle elezioni presidenziali americane del novembre 2016. Ciò ha costretto l'azienda a lanciare una serie di iniziative volte a tutelare la trasparenza.

"Il mondo si sente diviso e ansioso e Facebook ha ancora tanto lavoro da fare, dal proteggere le nostre comunità dall'abuso e dall'odio al difenderle contro l'interferenza di Stati fino al garantire che il tempo trascorso su Facebook sia speso bene".

Mentre vuole "riparare" la sua creatura, Zuckerberg dimostra come le cose siano cambiate nell'arco di 12 mesi. Se nel gennaio 2017 aveva presentato la sua missione di "visitare e incontrare persone in ogni Stato americano entro la fine dell'anno" alimentando la tesi di una sua discesa in campo politico, ora il Ceo di Facebook deve affrontare una marea di rischi che minacciano la reputazione dell'azienda da lui cofondata nel 2014 quando era studente ad Harvard così come la sua redditività. Il gruppo lo scorso novembre mise in guardia su un esplosione dei costi necessari per contrastare gli abusi sul suo sito.

I problemi non derivano solo dal Russiagate e dalla proliferazione di fake news ma anche, per esempio, dai video violenti trasmessi in diretta sulla piattaforma o dalla commercializzazione - attraverso un mercato nero - di oppiacei vietati in Usa. E mentre rappresentanti del gruppo e di altri colossi tech come Google e Twitter sono stati messi sotto torchio al Congresso - che sta indagando sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa, come il procuratore speciale - ex dipendenti hanno espresso rimorso per avere contribuito a dare forma a un social network che  secondo loro crea dipendenza e distrugge la società.

Secondo Zuckerberg, l'umore che aleggia negli Stati Uniti ricorda quello del 2009 quando l'economia era nel pieno di una recessione e Facebook era ancora un'azienda in perdita. All'inizio di quell'anno lui decise di indossare una cravatta ogni giorno, uno sforzo notevole per qualcuno che veste solo T-shirt. "Era un anno delicato e indossai una cravatta al giorno come promemoria", ha scritto Zuckerberg aggiungendo: Quest'anno "pare come quel primo anno" perché la gente ha perso fiducia nel social network. La sfida personale del Ceo di Facebook - una società che sfrutta i Big Data per monetizzare i contenuti pubblicati gratuitamente dai suoi utenti, di cui conosce le abitudini - è più vaga e meno personale di quelle degli anni scorsi. Forse perché Zuckerberg deve ancora capire come rilanciare una macchina da soldi dalla reputazione controversa. Lui, un fervente ottimista, non ha dubbi: "Se avremo successo quest'anno, alla fine del 2018 saremo su una traiettoria decisamente migliore". (Spa)

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Pompeo avverte l'Iran sul nucleare: "Speriamo che la forza militare non sia mai necessaria"

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l'accordo sul nucleare firmato da Obama, continuano a minacciare Teheran: "A prescindere dal destino dell'intesa, non sarebbe nel loro interesse sviluppare armi nucleari"
Ap

Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha avvertito l'Iran di non tentare di sviluppare armi nucleari, perché affronterebbe "l'ira del mondo intero"; poi, ha dichiarato di augurarsi che non sia mai necessario usare la forza militare contro Teheran.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.