La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Lei è la senatrice più votata nella storia degli Stati Uniti, loro sono tra i leader più importanti della Silicon Valley, il motore tech della California. Alle prossime primarie democratiche in vista delle elezioni di metà mandato, si troveranno l'una contro gli altri.

La democratica Dianne Feinstein, 84 anni, che dal 1992 rappresenta in Senato la California, sarà sfidata alle primarie da Kevin de Leòn, 51 anni, leader del Senato statale, appoggiato dal fondatore di LinkedIn, Reid Hoffman, uno dei maggiori donatori politici della Silicon Valley, e da altri importanti manager del settore. Il sostegno di persone importanti dell'industria tech evidenzia le crescenti tensioni tra la Silicon Valley e Feinstein, ormai vista come una rappresentante non al passo delle loro necessità, troppo centrista e ormai in disaccordo con loro su diversi punti. Inoltre, Feinstein è stata molto dura con gli avvocati di Google, Facebook e Twitter durante le audizioni sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali, possibili grazie all'involontaria complicità dei social media.

Verso la fine dello scorso anno, Hoffman ha organizzato una raccolta fondi per de Leòn, un democratico di Los Angeles. Tra i donatori dello sfidante, ha scritto il sito Axios, ci sono stati Laurene Powell Jobs, vedova di Steve Jobs e fondatrice di Emerson Collective, che sostiene le politiche a favore di istruzione, giustizia sociale, immigrazione e ambiente; Sam Altman, presidente di Y Combinator, l'acceleratore di startup più importante al mondo; Josh Becker, amministratore delegato di Lex Machina, società di analisi per predire il comportamento di giudici e avvocati e prevedere i risultati di diverse strategie legali; Michael Cassidy, ex vicepresidente di Google e amministratore delegato di Apollo Fusion, una startup che promette di produrre energia nucleare pulita e sicura; George Montgomery, partner di Gurnet Point Capital, fondo di investimento nel settore della sanità. Becker ha detto che "molti di noi hanno lavorato a stretto contatto con Kevin sulle tematiche ambientali, che sono vicine e care a molti nella Silicon Valley".

Feinstein, naturalmente, ha molti sostenitori potenti e lo scorso anno, per esempio, ha ricevuto donazioni dalla direttrice operativa di Facebook, Sheryl Sandberg, e da top manager di SpaceX, l'azienda aerospaziale di Elon Musk. Secondo un recente sondaggio del Public Policy Institute of California, Feinstein avrebbe un vantaggio di 29 punti percentuali su de Leòn; notevole anche il vantaggio in termini di fondi: Feinstein ha quasi 10 milioni di dollari in mano, mentre il rivale ha a disposizione solo 359.000 dollari. Nel 2012, Feinstein stabil" un record: ottenne circa 7,3 milioni di voti, più di ogni altro senatore nella storia degli Stati Uniti.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.