La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Nel cuore del Greenwich Village, tra gli edifici della New York University, c’è un luogo chiamato “stanza del silenzio”, una sala multifede aperta nel 2012 tra le mura dello Spiritual Center dedicato agli studenti dell’università privata newyorchese. Costruito all’interno di un’ex chiesa cattolica, il centro si trova al 238 di Thompson Street e ha decine di stanze di diversa dimensione per offrire agli studenti luoghi dove celebrare i propri riti, ma anche ritirarsi nella riflessione e nel silenzio.

Il Global Spirituale Center è stato aperto cinque anni fa alla Nyu, dopo che uno studio rivelò che il 70% delle prenotazioni per le sale comuni dell’università aveva a che fare con l’aspetto religioso. Da oltre dieci anni è un punto d’incontro per i diversi culti: mentre ebrei e cattolici hanno uno spazio interamente dedicato alla loro religione, autofinanziato e antecedente la costruzione dell’edificio dello Spiritual Center, le altre forme di spiritualità convivono nell’edificio a due passi da Washington Square grazie a un’organizzazione ben definita e allo spirito di collaborazione.

“Le stanze condivise sono tutte prenotabili per attività collettive”, dice Ariel Ennis, vicedirettore del Global Spiritual Center dal 2014, “mentre la sala del silenzio non lo è per scelta”. Qui, infatti, gli studenti vengono per stare con se stessi e non possono né studiare né effettuare alcuna attività di gruppo. “Non è una stanza nata per pregare, ma una stanza di riflessione personale, che accoglie gli studenti in qualsiasi momento”, dice il vicedirettore del centro. “La stanza è molto utilizzata, anche se a volte troviamo qualcuno che fa un pisolino”, aggiunge sorridendo Ennis. Lo spazio è infatti ricoperto di cuscini ed è quasi totalmente al buio, fatta eccezione per la luce proveniente da tre candele sempre accese. Dentro, un ragazzo vestito di nero è seduto a gambe incrociate in un angolo, con gli occhi chiusi.

Le altre stanze del centro sono usate in vario modo, e nessuna è confessionale al 100%. Nel caso dell’Islamic Center interno all’edificio, ad esempio, esistono due sale dedicate principalmente alla preghiera di donne e uomini, ma al loro interno si tengono anche incontri informali di altro tipo. Tra questi, particolare importanza hanno quelli di “mindfullness”, attività di meditazione che ha dato vita, cinque anni fa, all’idea della “stanza del silenzio”. Ci sono delle regole da rispettare, come mostra il cartello sulla porta della sala per le abluzioni dei musulmani, che invita i praticanti dello yoga a usare il bagno in fondo al corridoio, ma la convivenza sembra essere pacifica.

 “Quello che gli studenti e le persone maggiormente vogliono è avere la possibilità di osservare il proprio culto”, dice ancora Ennis. “Il college è un momento di formazione, e la vita spirituale non fa eccezione”: molte persone sono infatti in cerca della propria identità religiosa. I termini “spirituale” e “religione” sono qui assunti quasi come sinonimi: “Spesso chiedo ai miei studenti di dirmi cosa viene loro in mente parlando di ‘religione’ e ‘spiritualità’. Ciò che emerge è che la differenza che facciamo è descrittiva, e non prescrittiva”. Per questo nelle sue parole Ennis li cita entrambi.

La New York University ha oltre cinquantamila studenti iscritti ai vari dipartimenti. Tra loro, diverse migliaia appartengono a gruppi religiosi, che possono essere segnalati al momento dell’iscrizione, quando gli studenti compilano la “common application” per l’università. Secondo le statistiche, però, meno del 50% risponde alla domanda. “In base ai dati in nostro possesso, alla Nyu l’1,5% degli studenti è buddhista, circa il 3,5% è hindu, il 3,5% è di fede musulmana mentre quasi il 7% è composto da ebrei”. Ma i numeri, come spiega Ennis, non rispecchiano pienamente la realtà, e non c’è modo di ottenere dati più precisi.

“In ogni caso alla Nyu abbiamo vari rappresentanti di culto in base alle esigenze. Gli evangelici, ad esempio, continuano a chiederci di venire all’università, ma non abbiamo una richiesta da parte degli studenti, quindi rispondiamo no”. Al momento alla Nyu esistono 70 diversi referenti di culto, che rappresentano buddisti, cattolici, hindu, sikh, musulmani, ebrei, protestanti. Ma ci sono anche uno “Humanist Chaplain” e un “Interfaith Chaplain”, dedicati al dialogo interreligioso. La collaborazione interfede più stretta è quella tra ebrei e musulmani: lo conferma anche Faiyaz Jaffer, Imam del centro islamico alla Nyu: “Abbiamo 13 gruppi studenteschi, e uno di loro è dedicato a questo rapporto interreligioso”.

Altri Servizi

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Bank of America: utile IV trim. cala, ma batte stime, 2,9 mld oneri da riforma

"Una crescita responsabile ha prodotto risultati solidi nel 2017", ha detto l'amministratore delegato Brian Moynihan.