La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Nel cuore del Greenwich Village, tra gli edifici della New York University, c’è un luogo chiamato “stanza del silenzio”, una sala multifede aperta nel 2012 tra le mura dello Spiritual Center dedicato agli studenti dell’università privata newyorchese. Costruito all’interno di un’ex chiesa cattolica, il centro si trova al 238 di Thompson Street e ha decine di stanze di diversa dimensione per offrire agli studenti luoghi dove celebrare i propri riti, ma anche ritirarsi nella riflessione e nel silenzio.

Il Global Spirituale Center è stato aperto cinque anni fa alla Nyu, dopo che uno studio rivelò che il 70% delle prenotazioni per le sale comuni dell’università aveva a che fare con l’aspetto religioso. Da oltre dieci anni è un punto d’incontro per i diversi culti: mentre ebrei e cattolici hanno uno spazio interamente dedicato alla loro religione, autofinanziato e antecedente la costruzione dell’edificio dello Spiritual Center, le altre forme di spiritualità convivono nell’edificio a due passi da Washington Square grazie a un’organizzazione ben definita e allo spirito di collaborazione.

“Le stanze condivise sono tutte prenotabili per attività collettive”, dice Ariel Ennis, vicedirettore del Global Spiritual Center dal 2014, “mentre la sala del silenzio non lo è per scelta”. Qui, infatti, gli studenti vengono per stare con se stessi e non possono né studiare né effettuare alcuna attività di gruppo. “Non è una stanza nata per pregare, ma una stanza di riflessione personale, che accoglie gli studenti in qualsiasi momento”, dice il vicedirettore del centro. “La stanza è molto utilizzata, anche se a volte troviamo qualcuno che fa un pisolino”, aggiunge sorridendo Ennis. Lo spazio è infatti ricoperto di cuscini ed è quasi totalmente al buio, fatta eccezione per la luce proveniente da tre candele sempre accese. Dentro, un ragazzo vestito di nero è seduto a gambe incrociate in un angolo, con gli occhi chiusi.

Le altre stanze del centro sono usate in vario modo, e nessuna è confessionale al 100%. Nel caso dell’Islamic Center interno all’edificio, ad esempio, esistono due sale dedicate principalmente alla preghiera di donne e uomini, ma al loro interno si tengono anche incontri informali di altro tipo. Tra questi, particolare importanza hanno quelli di “mindfullness”, attività di meditazione che ha dato vita, cinque anni fa, all’idea della “stanza del silenzio”. Ci sono delle regole da rispettare, come mostra il cartello sulla porta della sala per le abluzioni dei musulmani, che invita i praticanti dello yoga a usare il bagno in fondo al corridoio, ma la convivenza sembra essere pacifica.

 “Quello che gli studenti e le persone maggiormente vogliono è avere la possibilità di osservare il proprio culto”, dice ancora Ennis. “Il college è un momento di formazione, e la vita spirituale non fa eccezione”: molte persone sono infatti in cerca della propria identità religiosa. I termini “spirituale” e “religione” sono qui assunti quasi come sinonimi: “Spesso chiedo ai miei studenti di dirmi cosa viene loro in mente parlando di ‘religione’ e ‘spiritualità’. Ciò che emerge è che la differenza che facciamo è descrittiva, e non prescrittiva”. Per questo nelle sue parole Ennis li cita entrambi.

La New York University ha oltre cinquantamila studenti iscritti ai vari dipartimenti. Tra loro, diverse migliaia appartengono a gruppi religiosi, che possono essere segnalati al momento dell’iscrizione, quando gli studenti compilano la “common application” per l’università. Secondo le statistiche, però, meno del 50% risponde alla domanda. “In base ai dati in nostro possesso, alla Nyu l’1,5% degli studenti è buddhista, circa il 3,5% è hindu, il 3,5% è di fede musulmana mentre quasi il 7% è composto da ebrei”. Ma i numeri, come spiega Ennis, non rispecchiano pienamente la realtà, e non c’è modo di ottenere dati più precisi.

“In ogni caso alla Nyu abbiamo vari rappresentanti di culto in base alle esigenze. Gli evangelici, ad esempio, continuano a chiederci di venire all’università, ma non abbiamo una richiesta da parte degli studenti, quindi rispondiamo no”. Al momento alla Nyu esistono 70 diversi referenti di culto, che rappresentano buddisti, cattolici, hindu, sikh, musulmani, ebrei, protestanti. Ma ci sono anche uno “Humanist Chaplain” e un “Interfaith Chaplain”, dedicati al dialogo interreligioso. La collaborazione interfede più stretta è quella tra ebrei e musulmani: lo conferma anche Faiyaz Jaffer, Imam del centro islamico alla Nyu: “Abbiamo 13 gruppi studenteschi, e uno di loro è dedicato a questo rapporto interreligioso”.

Altri Servizi

Qualcomm: senza Apple, utili trimestrali -40%

Il produttore dell'iPhone ha bloccato il versamento delle royalties al principale produttore di chip per smartphone
Qualcomm

Per la prima volta in anni, l'ultima trimestrale di Qualcomm non ha incluso le royalties legate alla vendita dei dispositivi Apple. E si è visto: gli utili sono crollati del 40% annuo a 865 milioni di dollari; nei tre mesi al 25 giugno scorso, i ricavi sono calati dell'11% a 5,37 miliardi. Nella divisioni delle licenze, le vendite sono scese del 42% a 1,17 miliardi.

Apple: voci di ritardi, niente iPhone 8 fino a novembre?

Secondo indiscrezioni di stampa, ci sono problemi con i sensori 3D per il riconoscimento del volto

Il tanto atteso iPhone 8 potrebbe non arrivare nei negozi fino almeno a novembre a causa di ritardi nella produzione. È quanto sostiene il quotidiano cinese Economic Daily News, ripreso dal sito taiwanese DigiTimes. Se le indiscrezioni, che ricalcano le preoccupazioni degli analisti a Wall Street, fossero confermate, il nuovo modello dello smartphone realizzato da Apple non verrebbe lanciato a settembre, come successo per tutti i modelli precedenti.

Trump: "Lasciamo fallire l'Obamacare". I democratici pronti a una riforma bipartisan

Il presidente Usa, amareggiato per l'ennesimo fallimento in Congresso sulla riforma sanitaria, prova a scaricare la responsabilità sugli avversari. Che rilanciano: "Porta aperta, lavoriamo insieme per migliorarla"

"Il mio piano ora è lasciar fallire l'Obamacare". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, nel primo commento davanti ai giornalisti dal fallimento in Senato della proposta di legge per abrogare l'Obamacare e approvare una nuova riforma sanitaria. Trump, come già scritto su Twitter, punta inoltre a fare di tutto per conquistare più seggi in Congresso alle elezioni di metà mandato, in modo da rafforzare la maggioranza e avere i voti per le sue riforme; il presidente, come su Twitter, ha accusato i democratici di fare solo ostruzionismo. "Credo che siamo nella posizione di lasciare che l'Obamacare fallisca. Non sarà responsabilità mia o dei repubblicani. Lasciamo che l'Obamacare fallisca e i democratici verranno da noi" ha aggiunto.

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

La lega calcio Serie A ha fatto tappa a New York nel suo roadshow. Si tratta di un’iniziativa pensata insieme all'advisor Infront Sports & Media (una controllata della conglomerata cinese Dalian Wanda Group), per incontrare i principali stakeholder e per spiegare le innovazioni stilistiche, editoriali e tecnologiche del massimo campionato italiano di calcio. Allo stesso modo, il roadshow rappresenta soprattutto un’occasione per gettare le basi in vista del lancio dell'asta dei diritti internazionali per il biennio 2018-2020. In questo caso, la principale novità è che non saranno più venduti in un solo pacchetto a un’unica agenzia nel mondo, ma saranno suddivisi a seconda dei paesi e delle aree di interesse.

Rally del titolo Netflix: boom degli utenti

Il sito di video in streaming ha registrato ricavi e guidance superiori alle stime
iStock

Il titolo Netflix nel dopo mercato a Wall Street ha viaggiato a livelli record grazie alla pubblicazione di una trimestrale caratterizzata da un boom di nuovi utenti e ricavi superiori alle stime. Anche le guidance sono risultate migliori del previsto.

Goldman Sachs batte le stime nonostante rallentamento del trading

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%.

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%. Il dato è stato superiore alle previsioni, nonostante le difficoltà nelle attività di trading. Goldman si inserisce dunque nel solco delle rivali, come JPMorgan Chase e Citigroup, che hanno visto rallentre il trading. 

Riforma sanitaria, McCain convalescente inguaia i repubblicani

Operato all'occhio, avrà bisogno di almeno una settimana di riposo. Ma il suo voto è necessario in Senato per far andare avanti l'iter per il Trumpcare

L'operazione all'occhio a cui è stato sottoposto il senatore statunitense, John McCain, è stata più delicata del previsto e la sua convalescenza durerà almeno una settimana. Una notizia per niente positiva per il Grand Old Party, che ha bisogno della presenza di McCain in Senato per votare la riforma sanitaria presentata la scorsa settimana, già a rischio di bocciatura. I leader del partito, inoltre, temono che il rinvio della votazione procedurale per portare la discussione in Aula permetta al fronte contrario al testo di rafforzarsi. Più sarà ritardata, più aumenteranno le possibilità di un nuovo fallimento.

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap

Alcoa è tornato all'utile nel secondo trimestre dell'anno, superando le stime degli analisti, ma il più grande produttore di alluminio al mondo ha tagliato la parte alta del suo outlook sui profitti annuali. E questo, nonostante abbia alzato le previsioni sulla domanda di alluminio. Per questo il titolo dell'azienda ha perso il 2,5% nel dopo mercato; la seduta era finita in rialzo dello 0,19% a 36,5 dollari in attesa dei conti.

Amazon vuole trasformarci in chef. Blue Apron a picco a Wall Street

Depositato uno slogan di otto parole che fa capire come il colosso voglia vendere kit per preparare un pasto, come quelli distribuiti dalla piccola azienda

Dai supermercati ai kit per preparare un pasto completo. Dopo aver annunciato di voler acquistare il gruppo Whole Foods, operazione su cui il governo Usa ha acceso un faro, Amazon si avventura in un mercato nuovo: in pratica, il colosso americano del commercio elettronico punta a trasformare i suoi consumatori in chef.

Annullata la conferenza stampa dopo l'incontro tra Usa e Cina sul commercio

Dopo l'accordo tra Trump e Xi in Florida, le tensioni sono aumentate. Il presidente americano ha attacco la Cina per non aver fatto nulla in Corea del Nord e ha annunciato nuove tariffe sull'acciaio
AP

Oggi a Washington si è svolta una giornata di incontri tra i funzionari americani e quelli cinesi, per ritornare a discutere di scambi commerciali e tariffe. Il meeting segue l'incontro di tre mesi fa tra Donald Trump e Xi Jinping, dove i due presidenti avevano raggiunto un primo accordo per iniziare a discutere di economia. La delegazione americana e quella cinese hanno cancellato la conferenza stampa congiunta prevista alla fine dell'incontro. La decisione - su cui non sono state date spiegazioni - potrebbe rappresentare un fallimento del primo meeting. Questa mattina il segretario al Tesoro, Steve Mnuchin, aveva chiesto alla Cina di fare di più e di comportarsi in modo equo con le aziende americane. Nelle settimane passate Trump ha promesso nuove tariffe sull'importazione di acciaio cinese in America.