La stanza del silenzio di New York

Uno spazio multifede all'interno della New York University. Gli studenti possono pregare, riflettere e meditare

Nel cuore del Greenwich Village, tra gli edifici della New York University, c’è un luogo chiamato “stanza del silenzio”, una sala multifede aperta nel 2012 tra le mura dello Spiritual Center dedicato agli studenti dell’università privata newyorchese. Costruito all’interno di un’ex chiesa cattolica, il centro si trova al 238 di Thompson Street e ha decine di stanze di diversa dimensione per offrire agli studenti luoghi dove celebrare i propri riti, ma anche ritirarsi nella riflessione e nel silenzio.

Il Global Spirituale Center è stato aperto cinque anni fa alla Nyu, dopo che uno studio rivelò che il 70% delle prenotazioni per le sale comuni dell’università aveva a che fare con l’aspetto religioso. Da oltre dieci anni è un punto d’incontro per i diversi culti: mentre ebrei e cattolici hanno uno spazio interamente dedicato alla loro religione, autofinanziato e antecedente la costruzione dell’edificio dello Spiritual Center, le altre forme di spiritualità convivono nell’edificio a due passi da Washington Square grazie a un’organizzazione ben definita e allo spirito di collaborazione.

“Le stanze condivise sono tutte prenotabili per attività collettive”, dice Ariel Ennis, vicedirettore del Global Spiritual Center dal 2014, “mentre la sala del silenzio non lo è per scelta”. Qui, infatti, gli studenti vengono per stare con se stessi e non possono né studiare né effettuare alcuna attività di gruppo. “Non è una stanza nata per pregare, ma una stanza di riflessione personale, che accoglie gli studenti in qualsiasi momento”, dice il vicedirettore del centro. “La stanza è molto utilizzata, anche se a volte troviamo qualcuno che fa un pisolino”, aggiunge sorridendo Ennis. Lo spazio è infatti ricoperto di cuscini ed è quasi totalmente al buio, fatta eccezione per la luce proveniente da tre candele sempre accese. Dentro, un ragazzo vestito di nero è seduto a gambe incrociate in un angolo, con gli occhi chiusi.

Le altre stanze del centro sono usate in vario modo, e nessuna è confessionale al 100%. Nel caso dell’Islamic Center interno all’edificio, ad esempio, esistono due sale dedicate principalmente alla preghiera di donne e uomini, ma al loro interno si tengono anche incontri informali di altro tipo. Tra questi, particolare importanza hanno quelli di “mindfullness”, attività di meditazione che ha dato vita, cinque anni fa, all’idea della “stanza del silenzio”. Ci sono delle regole da rispettare, come mostra il cartello sulla porta della sala per le abluzioni dei musulmani, che invita i praticanti dello yoga a usare il bagno in fondo al corridoio, ma la convivenza sembra essere pacifica.

 “Quello che gli studenti e le persone maggiormente vogliono è avere la possibilità di osservare il proprio culto”, dice ancora Ennis. “Il college è un momento di formazione, e la vita spirituale non fa eccezione”: molte persone sono infatti in cerca della propria identità religiosa. I termini “spirituale” e “religione” sono qui assunti quasi come sinonimi: “Spesso chiedo ai miei studenti di dirmi cosa viene loro in mente parlando di ‘religione’ e ‘spiritualità’. Ciò che emerge è che la differenza che facciamo è descrittiva, e non prescrittiva”. Per questo nelle sue parole Ennis li cita entrambi.

La New York University ha oltre cinquantamila studenti iscritti ai vari dipartimenti. Tra loro, diverse migliaia appartengono a gruppi religiosi, che possono essere segnalati al momento dell’iscrizione, quando gli studenti compilano la “common application” per l’università. Secondo le statistiche, però, meno del 50% risponde alla domanda. “In base ai dati in nostro possesso, alla Nyu l’1,5% degli studenti è buddhista, circa il 3,5% è hindu, il 3,5% è di fede musulmana mentre quasi il 7% è composto da ebrei”. Ma i numeri, come spiega Ennis, non rispecchiano pienamente la realtà, e non c’è modo di ottenere dati più precisi.

“In ogni caso alla Nyu abbiamo vari rappresentanti di culto in base alle esigenze. Gli evangelici, ad esempio, continuano a chiederci di venire all’università, ma non abbiamo una richiesta da parte degli studenti, quindi rispondiamo no”. Al momento alla Nyu esistono 70 diversi referenti di culto, che rappresentano buddisti, cattolici, hindu, sikh, musulmani, ebrei, protestanti. Ma ci sono anche uno “Humanist Chaplain” e un “Interfaith Chaplain”, dedicati al dialogo interreligioso. La collaborazione interfede più stretta è quella tra ebrei e musulmani: lo conferma anche Faiyaz Jaffer, Imam del centro islamico alla Nyu: “Abbiamo 13 gruppi studenteschi, e uno di loro è dedicato a questo rapporto interreligioso”.

Altri Servizi

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Apple, in arrivo i nuovi iPhone. Cosa aspettarsi

Dal nuovo design allo scanner facciale, passando per la ricarica wireless e la preoccupante notizia di un prezzo sui mille dollari, come potrebbe essere il nuovo smartphone di Cupertino

Ci siamo quasi. Il nuovo iPhone sta per essere svelato al mondo dopo un’attesa che negli ultimi mesi si è fatta frenetica anche e soprattutto per via delle voci che si sono rincorse su quali saranno le caratteristiche del nuovo smartphone. Non si sa quale sarà il nome, se sarà iPhone8, iPhone 7s o iPhoneX come alcuni insider sostengono Oltreoceano. Ciò che appare scontato è che si tratterà di un modello (o di più modelli) con il maggior numero di miglioramenti mai apportati da Apple al suo "melafonino".

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.

L'evento Apple non sorprende: timori analisti confermati

Presentati i modelli 8 e 8Plus. Consegna tardiva dell'iPhone X con riconoscimento facciale segnala i temuti problemi alla produzione

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

I redditi delle famiglie americane hanno superato nel 2016 il record messo a segno nel 1999. Stando all'ufficio del censimento Usa, il Census Bureau, lo scorso anno le famiglie Usa hanno registrato redditi per 59.039 dollari contro i 57.230 dollari del 2015; si tratta di un rialzo del 3,2%, tenuto conto della variazione dell'inflazione. L'incremento c'è stato per il secondo anno di fila.

Clinton: nessun dubbio sui legami Trump-Putin per farmi perdere

L'ex candidata democratica intervistata da Usa Today, in occasione dell'uscita del suo libro 'What Happened'

Hillary Clinton è convinta che lo staff di Donald Trump abbia aiutato la Russia a interferire nelle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno. "Ci sono state certamente comunicazioni e certamente c'è stato un accordo di qualche tipo" ha detto l'ex candidata democratica, in un'intervista rilasciata a Usa Today, in occasione dell'uscita, oggi, del suo libro 'What Happened', incentrato sulla corsa presidenziale contro Trump.

Wall Street rallenta dopo i record

Sul fronte macroeconomico attenzione ai dati su produzione industriale e scorte di energia.
AP

Sale bilancio vittime terremoto in Messico, prosegue ricerca superstiti

Il presidente Enrique Pena Nieto, che ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, si è recato nelle zone terremotate dello stato di Oaxaca.
AP

Prosegue senza sosta la ricerca di superstiti del terremoto che ha colpito il sud del Messico, provocando almeno 64 morti e oltre 200 feriti. Si è trattato del più violento sisma a colpire il Paese nell'ultimo secolo, con una magnitudo di 8,2 sulla scala Richter.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.