La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Si tornerà, inevitabilmente, alla politica del 'catch and release', ovvero all'immediato rilascio degli immigrati arrestati, "perché non ci sono abbastanza letti per loro", ha detto l'ex funzionario. Lo stesso messaggio è stato diffuso da Brandon Judd, presidente di un sindacato degli agenti del Border Patrol - l'agenzia federale che si occupa di pattugliare e controllare i confini - che alla Cnn ha detto che l'ordine esecutivo firmato da Trump mercoledì, che prevede che le famiglie arrestate al confine restino unite anche durante la detenzione, non lascia altra scelta. "Dovremo rilasciarli tutti". Il dipartimento di Giustizia e quello della Sicurezza nazionale non hanno rilasciato commenti.

 

I limiti

L'applicazione della politica della 'tolleranza zero', che prevede che tutti gli adulti entrati irregolarmente siano perseguiti penalmente, si è scontrata con evidenti difficoltà: lo spazio insufficiente per detenere migliaia di famiglie, gli stretti limiti legali sulla durata della detenzione dei minori, il contraccolpo politico e d'immagine dato dalle immagini dei bambini separati dai genitori.

La decisione di Trump di porre fine alla separazione delle famiglie è di fatto l'epilogo della 'tolleranza zero' semplicemente perché i centri di detenzione sono già pieni, come risulta dai dati dello U.S. Immigration and Customs Enforcement. C'è poi il discorso legale: secondo l'accordo Flores, raggiunto in tribunale nel 1997 dopo anni di battaglie sul trattamento dei migranti bambini non accompagnati, questi minori non possono essere detenuti per più di 20 giorni; nel 2015, la giudice Dolly Gee di un tribunale distrettuale ha esteso la protezione ai bambini arrivati con i genitori, criticando le condizioni in cui l'amministrazione Obama deteneva bambini e mamme entrati irregolarmente nel Paese. La separazione delle famiglie, poi, è stata enormemente criticata da molti repubblicani; anche la first lady Melania è intervenuta per chiedere che le famiglie restino unite, pur dando eco alle parole del marito nel chiedere a repubblicani e democratici di lavorare insieme per risolvere la situazione, attribuendo un'inesistente responsabilità al partito di minoranza in Congresso, visto che la separazione delle famiglie è stata provocata da una decisione esclusivamente della Casa Bianca.

Un funzionario dello U.S. Customs and Border Protection, l'agenzia a cui fa capo il Border Patrol, ha detto al Washington Post che gli adulti arrivati irregolarmente negli Stati Uniti con figli minorenni non saranno più perseguiti penalmente, un ritorno di fatto alla policy delle precedenti amministrazioni.

 

La task force

Intanto, ieri, il dipartimento della Salute e dei Servizi umani ha creato una task force per riunire i circa 2.500 bambini separati dalle famiglie, secondo quanto riferito da Politico. La task force è stata messa in piedi dal braccio del dipartimento che si occupa delle risposte alle emergenze sanitarie, come in caso di uragani o epidemie: una chiara indicazione del fatto che il problema di riunire migliaia di famiglie va al di là delle capacità dell'ufficio del dipartimento che si occupa di profughi.

Altri Servizi

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

In vigore il blocco di Trump, che impedisce ai migranti irregolari di chiedere asilo in Usa

Proclamazione presidenziale firmata dal presidente: "Le persone possono venire, ma devono farlo legalmente". Intanto, 4.000 migranti centroamericani hanno ripreso la marcia verso il confine, lasciata Città del Messico
Immigration and Customs Enforcement

È entrato in vigore la proclamazione presidenziale, firmata venerdì dal presidente statunitense Donald Trump, che sospende la concessione dell'asilo ai migranti che attraversano il confine con il Messico illegalmente; una mossa decisa per scoraggiare le migliaia di persone attualmente in marcia verso il Paese. Questo significa che i migranti dovranno presentarsi ai posti di frontiera per poter chiedere l'asilo, salvo rare eccezioni. Gli avvocati che difendono i diritti dei migranti si sono messi subito al lavoro per cercare di bloccare l'ordine in tribunale.

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

Wall Street soffre a causa dei titoli tech

Ieri, lo S&P in ripresa dopo 5 cali consecutivi
iStock

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Wall Street, giornata di dati macro

Tra quelli in programma, sussidi di disoccupazione, prezzi all'importazione e vendite al dettaglio
AP

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

Warren Buffett scommette su JP Morgan e il settore bancario americano in generale. Berkshire Hathaway, la conglomerata controllata dal celebre investitore, ha annunciato una partecipazione nella banca di Jamie Dimon con cui all'inizio del 2018 aveva unito le forze insieme ad Amazon per lanciare una joint venture volta a ridurre i costi sanitari per i rispettivi dipendenti.

Nyt: Facebook ha cercato di insabbiare gli scandali

Il social network ha cercato di nascondere le prove su Russiagate e scandalo Cambridge Analytica; poi, ha lanciato una campagna per screditare i critici, a partire da Soros
AP

I massimi dirigenti di Facebook hanno a lungo negato e nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica. A Menlo Park, sapevano che degli hacker russi stavano usando il social network per cercare di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi nel 2016 e conoscevano bene anche gli errori commessi nella gestione della privacy degli utenti. Poi, una volta finiti al centro dello scandalo, hanno lanciato una campagna di lobbying per combattere i critici e screditarli, a partire dal miliardario George Soros, e spostare l'attenzione sulle società tech rivali, su cui hanno fatto uscire articoli negativi.

La Fda limita la vendita di e-cigarette aromatizzate, vuole il divieto sulle sigarette al mentolo

Battaglia dell'ente regolatorio statunitense contro "l'incredibile" aumento dell'uso delle sigarette elettroniche tra gli adolescenti. La dipendenza dalle sigarette al mentolo più pericolosa di quella dalle sigarette tradizionali