La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Si tornerà, inevitabilmente, alla politica del 'catch and release', ovvero all'immediato rilascio degli immigrati arrestati, "perché non ci sono abbastanza letti per loro", ha detto l'ex funzionario. Lo stesso messaggio è stato diffuso da Brandon Judd, presidente di un sindacato degli agenti del Border Patrol - l'agenzia federale che si occupa di pattugliare e controllare i confini - che alla Cnn ha detto che l'ordine esecutivo firmato da Trump mercoledì, che prevede che le famiglie arrestate al confine restino unite anche durante la detenzione, non lascia altra scelta. "Dovremo rilasciarli tutti". Il dipartimento di Giustizia e quello della Sicurezza nazionale non hanno rilasciato commenti.

 

I limiti

L'applicazione della politica della 'tolleranza zero', che prevede che tutti gli adulti entrati irregolarmente siano perseguiti penalmente, si è scontrata con evidenti difficoltà: lo spazio insufficiente per detenere migliaia di famiglie, gli stretti limiti legali sulla durata della detenzione dei minori, il contraccolpo politico e d'immagine dato dalle immagini dei bambini separati dai genitori.

La decisione di Trump di porre fine alla separazione delle famiglie è di fatto l'epilogo della 'tolleranza zero' semplicemente perché i centri di detenzione sono già pieni, come risulta dai dati dello U.S. Immigration and Customs Enforcement. C'è poi il discorso legale: secondo l'accordo Flores, raggiunto in tribunale nel 1997 dopo anni di battaglie sul trattamento dei migranti bambini non accompagnati, questi minori non possono essere detenuti per più di 20 giorni; nel 2015, la giudice Dolly Gee di un tribunale distrettuale ha esteso la protezione ai bambini arrivati con i genitori, criticando le condizioni in cui l'amministrazione Obama deteneva bambini e mamme entrati irregolarmente nel Paese. La separazione delle famiglie, poi, è stata enormemente criticata da molti repubblicani; anche la first lady Melania è intervenuta per chiedere che le famiglie restino unite, pur dando eco alle parole del marito nel chiedere a repubblicani e democratici di lavorare insieme per risolvere la situazione, attribuendo un'inesistente responsabilità al partito di minoranza in Congresso, visto che la separazione delle famiglie è stata provocata da una decisione esclusivamente della Casa Bianca.

Un funzionario dello U.S. Customs and Border Protection, l'agenzia a cui fa capo il Border Patrol, ha detto al Washington Post che gli adulti arrivati irregolarmente negli Stati Uniti con figli minorenni non saranno più perseguiti penalmente, un ritorno di fatto alla policy delle precedenti amministrazioni.

 

La task force

Intanto, ieri, il dipartimento della Salute e dei Servizi umani ha creato una task force per riunire i circa 2.500 bambini separati dalle famiglie, secondo quanto riferito da Politico. La task force è stata messa in piedi dal braccio del dipartimento che si occupa delle risposte alle emergenze sanitarie, come in caso di uragani o epidemie: una chiara indicazione del fatto che il problema di riunire migliaia di famiglie va al di là delle capacità dell'ufficio del dipartimento che si occupa di profughi.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.