La vendetta di Rosenstein, l'uomo che mette nei guai Trump

Il vicesegretario alla Giustizia ha incaricato un procuratore speciale di indagare sui legami tra lo staff del presidente e la Russia, avvisando la Casa Bianca solo a decisione presa

La scorsa settimana, era stato 'l'eroe' della Casa Bianca, l'uomo che aveva permesso al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di licenziare il capo dell'Fbi, James Comey. Rod Rosenstein, vicesegretario alla Giustizia, non aveva però apprezzato di essere dipinto come il maggiore responsabile della decisione di Trump e, secondo le fonti del Washington Post, aveva persino minacciato le dimissioni. Ieri, ha preso una decisione contro la Casa Bianca, in autonomia, portando il 'caso Russia' a un nuovo livello, molto pericoloso per Trump, con l'affidamento delle indagini sull'interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui possibili legami tra lo staff del presidente e funzionari del Cremlino a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013.

Trump aveva affermato di aver solo agito su raccomandazione del segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e di Rosenstein, figura centrale nel 'caso Russia', visto che è a lui che Comey riferiva, dato che Sessions si era dovuto fare da parte, a causa dei suoi incontri con l'ambasciatore russo in campagna elettorale. Trump si era fatto scudo di Rosenstein, definendolo un uomo "universalmente rispettato" e una figura apolitica, da tempo funzionario del dipartimento di Giustizia.

Infuriato, Rosenstein si è preso una rivincita otto giorni dopo il licenziamento di Comey, nominando Mueller come procuratore speciale, che ha ottenuto un'autonomia molto ampia per le indagini. È autorizzato a indagare "su qualsiasi legame o coordinamento tra il governo russo e le persone associate con la campagna elettorale del presidente Trump", ha spiegato Rosenstein. "È nel pubblico interesse, per me, esercitare la mia autorità e incaricare un procuratore speciale che assuma le responsabilità su questa materia".

Trump sarebbe stato informato della decisione solo dopo la firma di Rosenstein, meno di un'ora prima dell'annuncio pubblico, e contemporaneamente alla maggior parte dei media statunitensi, secondo il sito Axios. Trump si è augurato che l'inchiesta su una possibile collusione tra i suoi uomini e la Russia sia "rapidamente" portata a termine. "Come ho già detto più volte, un'inchiesta completa confermerà quello che sappiamo già: non c'è stata alcuna collusione tra la squadra della mia campagna elettorale e un'entità straniera" ha indicato in un comunicato.

Pubblicamente, la Casa Bianca non può criticare la decisione di Rosenstein, di cui per giorni ha lodato capacità di giudizio e decisioni. Già questa mattina, però, l'insofferenza di Trump è esplosa in due tweet, in cui ha definito l'inchiesta sull'interferenza della Russia come "la più grande caccia alle streghe contro un politico nella storia americana", aggiungendo che "con tutti gli atti illegali avvenuti durante la campagna di Clinton e l'amministrazione Obama, non è mai stato incaricato alcun procuratore speciale!".

Le indagini di Mueller ricadono sotto l'ombrello del dipartimento di Giustizia e, con Sessions escluso dal caso, l'ex direttore dell'Fbi, altra figura al di sopra delle parti, riferirà proprio a Rosenstein. Non ci sarà modo, per Trump, di influenzare in alcun modo le indagini. Secondo molti resoconti della stampa statunitense dei giorni scorsi, Trump, infuriato con Comey per il 'caso Russia', avrebbe chiesto a Sessions e Rosenstein di trovare un motivo per licenziarlo. Le raccomandazioni del dipartimento di Giustizia sarebbero quindi state scritte solo per dare una copertura al presidente, che si è poi contraddetto nei giorni seguenti, affermando che avrebbe comunque licenziato il direttore dell'Fbi, considerato incapace di comandare il Bureau e sfiduciato, secondo lui, da democratici e repubblicani.

Altri Servizi

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Il messaggio degli Usa alla Cina: giù le mani dalle nostre aziende

La commissione sugli investimenti stranieri sta rallentando o bloccando vari takeover, preoccupata per gli effetti sulla sicurezza nazionale
AP

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i controlli sugli accordi che trasferirebbero la proprietà di aziende nazionali a società cinesi, mettendo in dubbio il buon esito di takeover di alto profilo. La commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (Cfius) avrebbe dichiarato che ci sono ostacoli significativi alla conclusione positiva dell'acquisto di MoneyGram International, società di pagamenti con base a Dallas, da parte di Ant Financial Services Group, controllata dal miliardario cinese Jack Ma, cofondatore di Alibaba Group, per 1,2 miliardi di dollari. A riferirlo sono alcune fonti del Wall Street Journal.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

'Muslim ban', la Corte Suprema: sì ai nonni negli Usa, no ai rifugiati

Prosegue la battaglia in tribunale del presidente Trump per il suo 'divieto d'ingresso' negli Stati Uniti. A ottobre, la Corte Suprema si esprimerà sulla costituzionalità del suo ordine esecutivo
AP

I nonni possono entrare, i rifugiati no. Cos è possibile sintetizzare la decisione odierna della Corte Suprema degli Stati Uniti sul 'travel ban', da molti definito 'muslim ban', perché si tratta di un divieto di ingresso nel Paese per i cittadini di sei Stati a maggioranza musulmana (Sudan, Somalia, Siria, Libia, Iran e Yemen), deciso dall'amministrazione Trump per motivi di sicurezza.

Usa vietano ai propri cittadini di visitare la Corea del Nord

Lo avevano anticipato due tour operator cinesi specializzati in viaggi nel regime di Kim Jong-un. Il giovane studente americano imprigionato a Pyongyang e poi deceduto in Usa aveva ricorso a uno dei due. Ritorsione di Trump
AP

E' ufficiale: l'amministrazione Trump ha deciso di vietare ai cittadini americani di visitare la Corea del Nord a partire dal mese prossimo. L'idea è che sia troppo rischioso. Lo ha comunicato il dipartimento di Stato confermando quanto anticipato sui rispettivi siti internet da due tour operator cinesi specializzati nei viaggi a Pyongyang.

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Meno Bannon, più finanza. Come cambia la comunicazione di Trump

Il presidente vuole ripartire dopo gli errori del Russiagate e affida la guida della comunicazione al finanziere di New York, Anthony Scaramucci. Sean Spicer lascia e il suo posto viene preso da Sarah Sanders, sua vice

La nuova strategia di comunicazione di Donald Trump si potrebbe riassumere con uno slogan: meno Bannon e più finanza. Una scelta che ha portato il presidente americano a porre a capo della sua comunicazione alla Casa Bianca, Anthony Scaramucci, finanziere di Wall Street; mossa che ha rotto definitivamente il rapporto con il suo portavoce, Sean Spicer, che immediatamente si è dimesso furioso - si dice - per la decisione del presidente.

Morgan Stanley batte le stime: bene i conti, ma trading più lento

Ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, ha visto salire utile e fatturato, grazie all'aumento delle attività di sottoscrizione, che ha bilanciato il rallentamento nel trading.
iStock

Nel secondo trimestre Morgan Stanley, ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti, ha visto salire utile e fatturato, grazie all'aumento delle attività di sottoscrizione, che ha bilanciato il rallentamento nel trading.

Qualcomm: senza Apple, utili trimestrali -40%

Il produttore dell'iPhone ha bloccato il versamento delle royalties al principale produttore di chip per smartphone
Qualcomm

Per la prima volta in anni, l'ultima trimestrale di Qualcomm non ha incluso le royalties legate alla vendita dei dispositivi Apple. E si è visto: gli utili sono crollati del 40% annuo a 865 milioni di dollari; nei tre mesi al 25 giugno scorso, i ricavi sono calati dell'11% a 5,37 miliardi. Nella divisioni delle licenze, le vendite sono scese del 42% a 1,17 miliardi.

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap

Alcoa è tornato all'utile nel secondo trimestre dell'anno, superando le stime degli analisti, ma il più grande produttore di alluminio al mondo ha tagliato la parte alta del suo outlook sui profitti annuali. E questo, nonostante abbia alzato le previsioni sulla domanda di alluminio. Per questo il titolo dell'azienda ha perso il 2,5% nel dopo mercato; la seduta era finita in rialzo dello 0,19% a 36,5 dollari in attesa dei conti.