La visione di Musk, in dieci anni l'uomo sarà su Marte

Il guru di SpaceX e Tesla presenta il suo progetto per creare colonie umane sul pianeta rosso. Ci vorranno 10 miliardi di dollari e i primi viaggi saranno molto rischiosi. Il costo di un biglietto sarà di 200.000 dollari e il viaggio durerà 115 giorni

Per anni in molti hanno provato a spiegare perché Marte potrebbe essere una parte del futuro della razza umana, facendoci diventare una specie multiplanetaria. Adesso, dopo brusche frenate e progetti abbandonati da parte della stessa Nasa, Elon Musk prova a ridare fiducia a un sogno: creare colonie umane sul pianeta rosso. Ieri l'amministratore delegato di SpaceX ha spiegato che entro dieci anni, se saranno investite le risorse adeguate, ci sarà la prima missione che porterà un centinaio di uomini su Marte, questo dopo diversi viaggi senza persone, per testare i razzi e le navi spaziali prodotte dal suo gruppo.

Una presentazione visionaria, quella tenuta ieri da Guadalajara in Messico, che i media americani hanno paragonato a quelle di Apple: stesse luci, stesso pathos. "Guardate come paragona i diversi tripi di carburante, lo stesso modo in cui Steve Jobs presentava lo spazio disponibile negli iPhone", scrive The Verge.

"Quattordici anni fa, quando ho fondato SpaceX, la mia idea era quella di portare prima o poi l'uomo su Marte", ha detto Musk, che è anche fondatore di Tesla, il principale produttore di auto elettriche al mondo. L'obiettivo, continua, Musk, è quello di creare "città che si possono autosostenere" sulla superficie del pianeta, che proprio in questi anni continua a essere esplorato da una serie di rover della Nasa.

Musk ha anche mostrato un video, in cui si vede come sarà la navicella spaziale, in che modo uscirà dalla nostra atmosfere per viaggiare nello spazio e arrivare sul pianeta rosso. Il filmato si conclude con una vista di Marte dallo spazio che lentamente attraverso il processo di terraformazione, vede comparire oceani, nubi, l'atmosfera e le piante, come fosse la Terra.

Quanto tempo ci vorrà per vedere questo sogno avverarsi, ma soprattutto quali saranno i costi? Secondo Musk se tutto dovesse andare per il verso giusto i primi umani potrebbero toccare il suolo del pianeta nel prossimi dieci anni. L'investimento invece dovrebbe essere di 10 miliardi di dollari. Ci sono pericoli: certo, le prime missioni saranno rischiose, ma anche molto costose: un biglietto varrà circa 200.000 dollari, per poi abbassarsi a 100.000. E poi ci sono i tempi: oggi si parla di sei mesi almeno per raggiungere Marte quando si trova nel punto più vicino alla terra. Per Musk inizialmente le sue navi spaziali ci impiegheranno 115 giorni, che potrebbero scendere a trenta in futuro. Musk, parlando dalla 67esimo International Astronautical Congress, ha poi aggiunto che ogni 26 mesi partiranno più di 1000 navi spaziali, ricordando che quelle di SpaceX potranno essere riusate 12-15 volte.

Resta infine da capire dopo è possibile recuperare il denaro. Il guru di SpaceX crede che si debba passare attraverso una collaborazione tra pubblico e privato, aggiungendo di esser pronto a mettere le proprie ricchezze per riuscire a rendere la specie umana multiplanetaria. Molti analisti sostengono che sia impossibile sul breve periodo, ma per altri osservatori sarebbe un errore sottovalutare uno che nel 2000 andò in Russia cercando di tornare a casa con un razzo. Non ci riuscì per questioni di budget, ma nel 2002 fondò SpaceX e sei anni dopo, nel 2008, la su azienda fu il primo ente privato a condurre una missione spaziale.

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.

iStock

Exxon Mobil cede al pressing degli investitori, che da tempo chiedono più trasparenza sugli effetti del cambiamento climatico e delle rispettive regolamentazioni sulle attività del colosso petrolifero americano.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP