Larry Fink (BlackRock) diventa un'opera d'arte

Il Ceo del più grande asset manager al mondo è il soggetto di un collettivo di artisti, che denuncia le speculazioni nel mercato delle opere d'arte

La finanza entra anche in un museo. Succede a New York, dove i visitatori della Biennale del Whitney Museum of American Art, inaugurata il 17 marzo e in programma fino all'11 giugno, potranno osservare da vicino una provocatoria installazione che ha per protagonista Laurence "Larry" Fink e il suo BlackRock, il più grande fondo d'investimento al mondo. Si chiama "Debtfair", l'opera esposta al quinto piano del centro per le arti americane contemporanee e del ventesimo secolo al 99 di Gansevoort Street, nel Greenwich Village, e vuole denunciare le speculazioni nel mercato dell'arte assieme a quelle sul debito contratto dagli artisti.

Tra una serie di lavori realizzati da creativi in difficoltà per la loro situazione debitoria con le banche e i loghi di diversi istituti di credito, compare tracciata su un'ampia parete nel museo una citazione di Fink: "The two greatest stores of wealth internationally today are contemporary art and apartments in Manhattan (le due più grandi opportunità di guadagno a livello internazionale oggi sono rappresentate dall'arte contemporanea e dagli appartementi di Manhattan)". Oltre alla frase di Fink, gli artisti di Occupy Museum (il collettivo che ha realizzato l'installazione) hanno tracciato una grafica che mostra la crescita degli asset di BlackRock, affiancata da altre rappresentazioni che invece descrivono l'incremento dei prezzi nel mercato dell'arte e quello nel tasso di insolvenza degli studenti americani per i debiti contratti per pagarsi gli studi.

Sono stati poi inseriti anche estratti del curriculum di Fink, tra cui la sua carica come membro del consiglio di amministrazione del Moma di New York e la sua partecipazione come consigliere al forum economico di consulenza a Donald Trump, tra cui compaiono anche i ceo di Tesla, Elon Musk, e quello di J.P. Morgan, Jamie Dimon. L'idea del collettivo, nato durante le proteste di Occupy Wall Street nel 2011 (da qui il suo nome), è quella di mettere in luce le difficoltà economiche in cui si trovano tanti artisti nella loro attività quotidiana a fronte dei guadagni che colossi come BlackRock realizzano anche speculando sui loro debiti.

Noah Fischer, insegnante alla Parsons School of Design di New York con uno studio a Brooklyn, uno dei fondatori di Occupy Museum, ha spiegato al Wall Street Journal che la scelta di realizzare un'opera di questo tipo è dovuta al fatto che il fondo di Larry Fink, con il peso che ha per la finanza globale, rappresenta l'emblema di quelli che loro considerano i beneficiari di un sistema economico e culturale iniquo: il miglior esempio dello strapotere di Wall Street in un'epoca in cui i semplici cittadini statunitensi devono fare i conti con la stagnazione dei salari. Gli artisti che hanno realizzato l'installazione al Whitney Museum hanno descritto Fink, non a caso, come un "pioniere del mercato dei bond garantiti dai mutui", il cui collasso ha "innescato la crisi finanziaria del 2008", e BlackRock come "la banca mascherata più grande del mondo".

BlackRock controlla più di 5.000 miliardi di dollari in asset per gli investitori. In effetti non è una banca, e non ha avuto bisogno di un'operazione di salvataggio dopo lo scoppio della bolla nove anni fa, come invece è successo a molti istituti di credito. Ma tra le sue attività ci sono gli scambi sul mercato dei debiti per i suoi clienti. Gli investimenti a rendimento fisso rappresentano circa il 31 per cento dei suoi asset (1.1600 miliardi di dollari alla fine del 2016).

Secondo Occupy Museum, l'opera su BlackRock vuole richiamare l'attenzione su una "classe di collezionisti" che acquista, accumula e scambia opere d'arte contemporanea e allo stesso tempo ottiene profitti speculando sulle stesse forme di debito a cui spesso gli artisti devono fare ricorso per realizzare quei lavori. Mentre i guadagni che questi ultimi ottengono dalla vendite sono eccessivamente sproporzionati rispetto alle entrate dell'élite finanziaria. Larry Fink, molto diplomaticamente, ha commentato: "Rispetto il desiderio degli artisti di esprimere se stessi. E, visto il mio impegno a supporto dell'arte contemporanea, spero di poter vedere di persona l'opera che mi riguarda la prossima volta che visiterò il Whitney Museum".

Altri Servizi

Wall Street chiusa nel giorno del Ringraziamento

Le contrattazioni riprenderanno domani, con una seduta più breve del consueto.
AP

Negli Stati Uniti si festeggia il Thanksgiving, tra tradizioni e ricette segrete

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621.
Associated Press /John Minchillo

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621, un banchetto di 50 padri pellegrini, arrivati dall'Europa a Plymouth, nell'odierno Massachusetts. L'abbondanza del raccolto fu condivisa con una tribù di 90 indiani Wampanoag (un simbolo di cooperazione) e nel menù c'erano, apparentemente, tacchini.

Gli Usa celebrano il Giorno del ringraziamento, mangiando tacchino

Ecco perché ogni presidente di turno, da Lincoln a Trump, ha graziato un esemplare dell'animale.
Official White House Photo / Andrea Hanks

Nel giorno del ringraziamento gli americani (animalisti esclusi) mangiano il tacchino.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Boom richieste assistenza legale dopo scandalo molestie sessuali, ma pochi casi arriveranno in tribunale

Questo succederà perché le leggi sulla tutela dei lavoratori in caso di molestie e comportamenti inopportuni da parte di colleghi e superiori hanno molte falle e scappatoie.

Nelle ultime settimane, dopo che il produttore cinematografico Harvey Weinstein è stato travolto dallo scandalo per molestie sessuali e il polverone si è allargato a macchia d'olio, il numero di richieste di assistenza legale per molestie sul posto di lavoro arrivate negli studi degli Stati Uniti si sono moltiplicate a dismisura. Tuttavia, spiegano gli esperti del settore, nell'ampia parte dei casi non ci sarà un procedimento legale e non sarà avviata una causa.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

Dopo aver rovinato Gawker Media, Thiel potrebbe provare a comprare il suo sito

Il miliardario aveva finanziato la causa di Hulk Hogan contro la società, costretta a un megarisarcimento e quindi a chiedere l'amministrazione controllata. Tutti gli asset sono stati venduti, tranne il sito
AP

Peter Thiel, l'investitore miliardario della Silicon Valley che ha finanziato la causa dell'ex wrestler Hulk Hogan che ha rovinato Gawker Media, costretta a un risarcimento da 140 milioni di dollari e finita in amministrazione controllata, potrebbe cercare di acquistare il sito della società, chiuso nell'agosto dello scorso anno.

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi verranno alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".