Larry Fink (BlackRock) diventa un'opera d'arte

Il Ceo del più grande asset manager al mondo è il soggetto di un collettivo di artisti, che denuncia le speculazioni nel mercato delle opere d'arte

La finanza entra anche in un museo. Succede a New York, dove i visitatori della Biennale del Whitney Museum of American Art, inaugurata il 17 marzo e in programma fino all'11 giugno, potranno osservare da vicino una provocatoria installazione che ha per protagonista Laurence "Larry" Fink e il suo BlackRock, il più grande fondo d'investimento al mondo. Si chiama "Debtfair", l'opera esposta al quinto piano del centro per le arti americane contemporanee e del ventesimo secolo al 99 di Gansevoort Street, nel Greenwich Village, e vuole denunciare le speculazioni nel mercato dell'arte assieme a quelle sul debito contratto dagli artisti.

Tra una serie di lavori realizzati da creativi in difficoltà per la loro situazione debitoria con le banche e i loghi di diversi istituti di credito, compare tracciata su un'ampia parete nel museo una citazione di Fink: "The two greatest stores of wealth internationally today are contemporary art and apartments in Manhattan (le due più grandi opportunità di guadagno a livello internazionale oggi sono rappresentate dall'arte contemporanea e dagli appartementi di Manhattan)". Oltre alla frase di Fink, gli artisti di Occupy Museum (il collettivo che ha realizzato l'installazione) hanno tracciato una grafica che mostra la crescita degli asset di BlackRock, affiancata da altre rappresentazioni che invece descrivono l'incremento dei prezzi nel mercato dell'arte e quello nel tasso di insolvenza degli studenti americani per i debiti contratti per pagarsi gli studi.

Sono stati poi inseriti anche estratti del curriculum di Fink, tra cui la sua carica come membro del consiglio di amministrazione del Moma di New York e la sua partecipazione come consigliere al forum economico di consulenza a Donald Trump, tra cui compaiono anche i ceo di Tesla, Elon Musk, e quello di J.P. Morgan, Jamie Dimon. L'idea del collettivo, nato durante le proteste di Occupy Wall Street nel 2011 (da qui il suo nome), è quella di mettere in luce le difficoltà economiche in cui si trovano tanti artisti nella loro attività quotidiana a fronte dei guadagni che colossi come BlackRock realizzano anche speculando sui loro debiti.

Noah Fischer, insegnante alla Parsons School of Design di New York con uno studio a Brooklyn, uno dei fondatori di Occupy Museum, ha spiegato al Wall Street Journal che la scelta di realizzare un'opera di questo tipo è dovuta al fatto che il fondo di Larry Fink, con il peso che ha per la finanza globale, rappresenta l'emblema di quelli che loro considerano i beneficiari di un sistema economico e culturale iniquo: il miglior esempio dello strapotere di Wall Street in un'epoca in cui i semplici cittadini statunitensi devono fare i conti con la stagnazione dei salari. Gli artisti che hanno realizzato l'installazione al Whitney Museum hanno descritto Fink, non a caso, come un "pioniere del mercato dei bond garantiti dai mutui", il cui collasso ha "innescato la crisi finanziaria del 2008", e BlackRock come "la banca mascherata più grande del mondo".

BlackRock controlla più di 5.000 miliardi di dollari in asset per gli investitori. In effetti non è una banca, e non ha avuto bisogno di un'operazione di salvataggio dopo lo scoppio della bolla nove anni fa, come invece è successo a molti istituti di credito. Ma tra le sue attività ci sono gli scambi sul mercato dei debiti per i suoi clienti. Gli investimenti a rendimento fisso rappresentano circa il 31 per cento dei suoi asset (1.1600 miliardi di dollari alla fine del 2016).

Secondo Occupy Museum, l'opera su BlackRock vuole richiamare l'attenzione su una "classe di collezionisti" che acquista, accumula e scambia opere d'arte contemporanea e allo stesso tempo ottiene profitti speculando sulle stesse forme di debito a cui spesso gli artisti devono fare ricorso per realizzare quei lavori. Mentre i guadagni che questi ultimi ottengono dalla vendite sono eccessivamente sproporzionati rispetto alle entrate dell'élite finanziaria. Larry Fink, molto diplomaticamente, ha commentato: "Rispetto il desiderio degli artisti di esprimere se stessi. E, visto il mio impegno a supporto dell'arte contemporanea, spero di poter vedere di persona l'opera che mi riguarda la prossima volta che visiterò il Whitney Museum".

Altri Servizi

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Trump: assoluta solidarietà al Regno Unito, i terroristi perdenti malvagi

Il presidente Usa ha commentato da Betlemme l'attentato di Manchester
AP

Mentre in Usa sono aumentate le misure di sicurezza, Donald Trump ha espresso "assoluta solidarietà" al Regno Unito dopo l'attentato a Manchester, costato la vita a 22 persone. Il presidente statunitense, che ha parlato al fianco del presidente palestinese Abu Mazen a Betlemme, ha definito "perdenti malvagi" gli autori di questo ultimo attentato e in generale chi compie atti terroristici: "Non li chiamerò mostri perchè a loro farebbe piacere - ha detto - da ora in poi li chiamerò perdenti malvagi, perchè questo sono, dei perdenti, ricordatelo".

Trump: "Pace possibile in Medio Oriente, fermare l'Iran"

Il presidente statunitense ha concluso la sua visita in Israele. Non ha parlato né di 'soluzione dei due Stati', sostenuta dai palestinesi, né del riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico
iStock

"Gli Stati Uniti, con me, saranno sempre dalla parte di Israele". Il presidente Donald Trump ha concluso la sua storica visita nello Stato ebraico riaffermando il legame tra i due Paesi, la volontà di contribuire al raggiungimento della pace tra israeliani e palestinesi e puntando il dito contro il più grande nemico in comune: l'Iran.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Dopo l'attacco a Manchester allerta ai massimi, soldati in strada. Nelle città Usa aumenta la sicurezza

Sale a "critico" il livello nella nazione britannica. Un altro attacco potrebbe essere "imminente". Il premier May: prevarremo sul terrorismo
AP

Mentre nelle città Usa sono aumentate le misure di sicurezza, per la terza volta, il Regno Unito ha alzato a "critico" da "severo" il livello di allerta terrorismo all'indomani dell'attacco, il peggiore dal 2005 su suolo britannico, che ha colpito Manchester. Stando a una scala dell'MI5 fatta di cinque gradini (gli altri sono basso, moderato, sostanziale), ciò significa che un altro attacco potrebbe essere "imminente" e non più solo "altamente probabile". Solo in altre due occasioni - nel 2006 e nel 2007 - la nazione d'Oltremanica era arrivata ad essere cos" tanto in guardia; il livello di allerta "severo" era in atto dal 2014.

Papa Francesco e Donald Trump non potrebbero essere più diversi.

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Violate leggi su emissioni: Usa fanno causa contro Fca, che non è VW

E' accusata di avere usato un 'defeat device', tesi respinta dal gruppo "contrariato". L'azienda continuerà a collaborare con le autorità per risolvere le loro preoccupazioni in modo rapido e amichevole
Fca

E' ufficiale. Gli Stati Uniti hanno fatto causa a Fiat Chrysler Automobiles per avere violato le leggi sulle emissioni Usa e il gruppo si dice "contrariato" promettendosi di difendersi "con forza" soprattutto dall'accusa di avere usato lo stesso software per cui la tedesca Volkswagen ha dovuto fare un mea culpa per 11 milioni di veicoli e chiudere uno scandalo costato oltre 20 miliardi di dollari. C'è però una differenza tra i due gruppi: le autorità americane non hanno detto - diversamente dal caso tedesco - che Fca abbia deliberatamente usato il cosiddetto defeat device per barare nei test di laboratorio. Se VW si era detto colpevole, Fca ha sempre sostenuto di non avere avuto alcuna intenzione di barare. Questa sottile ma significativa differenza implica che le accuse contro il gruppo italo americano sono meno pesanti di quelle mosse contro la rivale tedesca.

Wall Street, si va verso il quarto giorno di rialzi

Il rialzo di ieri ha riportato in positivo il mese di maggio per S&P e Nasdaq
AP

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.