Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

Paddock - un giocatore compulsivo di videopoker, a cui si dedicava per tutta la notte, spendendo fino a un milione di dollari girando in ciabatte e tuta per i casinò della città del Nevada - ha sparato alla gamba della guardia Jesus Campos alle 21.59 orario locale. Alle 22.05 il 64enne bianco ha aperto il fuoco sulla folla dalla sua finestra della sua stanza al 32esimo piano del Mandalay Bay Resort and Casino. Ha continuato a sparare per nove-undici minuti. Gli ultimi colpi sono stati sparati alle 22.15 ma non è ancora chiaro cosa abbia spinto l'uomo a non premere più il grilletto. Quando poi gli agenti sono entrati nella sua stanza, Paddock era morto; si era auto-sparato.

I nuovi dettagli rappresentano un cambiamento della tempistica fornita dalle forze dell'ordine. Inizialmente avevano detto che Campos aveva distratto Paddock portandolo a smettere di sparare dalla finestra e che nessun colpo era stato più sparato dopo la ferita causata alla guardia.

"Quello che sappiamo è che Campos ha incontrato il sospetto prima della sparatoria" sulla folla, ha spiegato Lombardo. "Non ci sono prove della presenza di un secondo killer", ha aggiunto cos" come non ci sono segni di un legame con organizzazioni terroristiche internazionali, cosa questa detta sin dal primo giorno.

Altri Servizi

Wall Street teme le tensioni commerciali con la Cina

Oggi un solo dato in programma, quello sull'avvio di nuovi cantieri
iStock

A New York City sta per entrare in vigore una nuova politica volta a ridurre il numero di arresti considerati inutili. Su volere del sindaco Bill de Blasio e del commissario di polizia James O'Neill, entro il prossimo primo settembre la maggioranza dei newyorchesi che verranno beccati mentre fumano marijuana in un luogo pubblico non verranno arrestati; invece delle manette, scatterà un atto di citazione. Di conseguenza, secondo le stime del dipartimento di polizia di New York (NYPD) gli arresti dovuti alla cannabis nella metropoli americana caleranno di circa 10mila all'anno.

Migranti, la capa dei pediatri Usa: separare i figli dai genitori è una "violenza su minori"

La 'tolleranza zero' dell'amministrazione Trump ha portato alla separazione di 2.000 bambini dai loro genitori in sei settimane
Immigration and Customs Enforcement

Separare i bambini dai loro genitori dopo l'attraversamento del confine tra Messico e Stati Uniti è una forma di violenza. A dirlo è stata Colleen Kraft, a capo dell'American Academy of Pediatrics, l'associazione dei pediatri statunitensi, che ha quindi accusato l'amministrazione Trump di "violenza su minori".

Un sell-off dell'azionario su scala mondiale, con il Dow Jones Industrial Average in calo per sei sedute di fila (la serie temporale negativa più lunga da oltre un anno). Una corsa verso porti considerati sicuri come i Treasury. Un ribasso del petrolio e un andamento volatile del dollaro. E' questa la fotografia della prima giornata di trading succissiva alle nuove minacce commerciali lanciate alla Cina dal presidente americano Donald Trump.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).

Fox e Comcast pronte a dichiarare guerra per aggiudicarsi Sky

Il governo britannico apre 15 giorni di consultazioni pubbliche sul tentativo di takeover della pay tv da parte di Murdoch. Dopo il 4 luglio atteso l'ok formale
iStock

Il governo britannico ha rimosso uno degli ultimi ostacoli che, una volta eliminati, permetteranno a 21st Century Fox di prendere parte a una guerra contro Comcast per aggiudicarsi il controllo di Sky. Si tratta di una partita che chiama in causa anche Disney, pronto a difendersi da Comcast su un altro campo da gioco: quello per ottenere asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney ma che anche Comcast vuole (per questo mercoled" scorso la controllante di NBCUniversal ha lanciato un'offerta da 65 miliardi di dollari in contanti contro quella in azioni da 52,4 miliardi del gruppo a cui fa capo Topolino e che lo scorso dicembre era stata accettata da Rupert Murdoch).