Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Cosa abbia spinto Stephen Paddock ad agire, a oltre quattro giorni dall'attacco condotto a Las Vegas, che ha provocato 58 morti e circa 500 feriti, resta invece ancora un mistero. "Per la sicurezza della comunità e di chiunque altro negli Stati Uniti, credo sia importante fornire questa informazione, ma non ce l'ho" ha ammesso ieri lo sceriffo Joseph Lombardo, del dipartimento della polizia metropolitana di Las Vegas. "Ancora non lo sappiamo".

Nessun manifesto politico è stato trovato. Dai racconti di parenti e vicini di casa, non è emerso nulla su un'ipotetica radicalizzazione dell'uomo o su eventuali comportamenti violenti da parte sua. Al contrario di altri killer, Paddock non ha chiamato la polizia per spiegare le sue motivazioni.

L'Fbi ha portato i computer e i telefoni di Paddock nei suoi laboratori di Quantico, per analizzarli. Gli investigatori hanno interrogato la compagna dell'uomo, Marilou Danley, tornata marted" sera negli Stati Uniti, nel tentativo di comprendere qualcosa di quest'uomo; lo sceriffo Lombardo ha detto di non poter raccontare alla stampa quali informazioni siano state acquisite. Gli investigatori stanno girando il Paese per parlare con amici, parenti e conoscenti per trovare segnali di possibili disturbi mentali.

Paddock, scrive il New York Times, ha lasciato una traccia di indizi che finora sono più criptici che rivelatori. Per esempio, c'era un biglietto nella sua stanza d'albergo di Las Vegas, il cui contenuto non è stato rivelato. Lombardo ha detto che conteneva numeri che sono ora al vaglio degli investigatori e che non si trattava di un manifesto politico o di un messaggio suicida.

Sembra che Paddock avesse cercato altri possibili posti, a Chicago e Boston, dove compiere lo stesso tipo di attacco, ovvero sparando dalle finestre di una stanza d'albergo su migliaia di spettatori. Tra i possibili obiettivi di Paddock ci sarebbe stato il festival di Lollapalooza a Chicago, che si è tenuto al Grant Park dal 3 al 6 agosto: secondo i media statunitensi, l'uomo avrebbe prenotato due camere di un albergo, il Blackstone Hotel, che affaccia sul parco dove era in programma, in quei giorni, il famoso festival musicale; Paddock, però, non si è mai presentato al Blackstone Hotel; secondo le fonti di Tmz, l'uomo avrebbe chiesto una stanza da cui potesse vedere il parco dove si svolgeva il festival, a cui hanno partecipato circa 400.000 persone, tra cui Malia Obama, la figlia maggiore dell'ex presidente Barack Obama.

Paddock avrebbe cercato una stanza d'albergo anche a Boston, vicino al Fenway Park, lo stadio di baseball. La maggior parte degli hotel della zona, però, ha una visuale ostruita dell'impianto, o non ce l'ha affatto. Non si hanno informazioni su eventuali viaggi a Chicago o Boston, hanno detto le fonti. Le indagini si stanno anche occupando di scoprire se Paddock avesse prenotato degli appartamenti all'interno di un grattacielo di Las Vegas da cui avrebbe potuto colpire la folla che, dal 22 al 24 settembre, ha partecipato a un altro festival, il 'Life is Beautiful'; ogni giorno, l'evento ha visto la partecipazione di circa 50.000 persone. Nel corso degli ultimi mesi, Paddock ha acquistato una notevole quantità di armi e munizioni.

Il fratello Eric ha raccontato alle tv statunitensi che non avrebbe mai immaginato che potesse succedere un evento simile: Stephen non aveva un'indole violenta, non aveva affiliazioni politiche o religiose, non aveva problemi economici. Nella pianificazione dell'attacco, però, ha riconosciuto il fratello: "Era capace di pianificare una cosa cos", di fare una cosa cos"", riferendosi per esempio al fatto che avesse creato una rete di videocamere per monitorare la situazione all'esterno della sua stanza d'albergo.

La sparatoria di Las Vegas, da questo punto di vista, fa pensare al massacro all'Università del Texas, spesso descritta come la prima sparatoria di massa modera: un cecchino, Charles Whitman, uccise 14 persone sparando da una torre dell'orologio, dopo aver sterminato la propria famiglia; non si compresero mai i motivi delle sue azioni. "La parte più spaventosa di tutto ciò è non trovare o non conoscerne il motivo" ha detto George Brauchler, il procuratore del caso sulla sparatoria in un cinema di Aurora, in cui morirono 12 persone. "In molti casi, anche quando gli assassini danno un motivo, lo stanno facendo per impressionare il pubblico" ha detto Adam Lankford, professore dell'università dell'Alabama che ha studiato le sparatorie di massa. "Non necessariamente stanno fornendo la vera ragione delle loro azioni".

Altri Servizi

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.