Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Cosa abbia spinto Stephen Paddock ad agire, a oltre quattro giorni dall'attacco condotto a Las Vegas, che ha provocato 58 morti e circa 500 feriti, resta invece ancora un mistero. "Per la sicurezza della comunità e di chiunque altro negli Stati Uniti, credo sia importante fornire questa informazione, ma non ce l'ho" ha ammesso ieri lo sceriffo Joseph Lombardo, del dipartimento della polizia metropolitana di Las Vegas. "Ancora non lo sappiamo".

Nessun manifesto politico è stato trovato. Dai racconti di parenti e vicini di casa, non è emerso nulla su un'ipotetica radicalizzazione dell'uomo o su eventuali comportamenti violenti da parte sua. Al contrario di altri killer, Paddock non ha chiamato la polizia per spiegare le sue motivazioni.

L'Fbi ha portato i computer e i telefoni di Paddock nei suoi laboratori di Quantico, per analizzarli. Gli investigatori hanno interrogato la compagna dell'uomo, Marilou Danley, tornata marted" sera negli Stati Uniti, nel tentativo di comprendere qualcosa di quest'uomo; lo sceriffo Lombardo ha detto di non poter raccontare alla stampa quali informazioni siano state acquisite. Gli investigatori stanno girando il Paese per parlare con amici, parenti e conoscenti per trovare segnali di possibili disturbi mentali.

Paddock, scrive il New York Times, ha lasciato una traccia di indizi che finora sono più criptici che rivelatori. Per esempio, c'era un biglietto nella sua stanza d'albergo di Las Vegas, il cui contenuto non è stato rivelato. Lombardo ha detto che conteneva numeri che sono ora al vaglio degli investigatori e che non si trattava di un manifesto politico o di un messaggio suicida.

Sembra che Paddock avesse cercato altri possibili posti, a Chicago e Boston, dove compiere lo stesso tipo di attacco, ovvero sparando dalle finestre di una stanza d'albergo su migliaia di spettatori. Tra i possibili obiettivi di Paddock ci sarebbe stato il festival di Lollapalooza a Chicago, che si è tenuto al Grant Park dal 3 al 6 agosto: secondo i media statunitensi, l'uomo avrebbe prenotato due camere di un albergo, il Blackstone Hotel, che affaccia sul parco dove era in programma, in quei giorni, il famoso festival musicale; Paddock, però, non si è mai presentato al Blackstone Hotel; secondo le fonti di Tmz, l'uomo avrebbe chiesto una stanza da cui potesse vedere il parco dove si svolgeva il festival, a cui hanno partecipato circa 400.000 persone, tra cui Malia Obama, la figlia maggiore dell'ex presidente Barack Obama.

Paddock avrebbe cercato una stanza d'albergo anche a Boston, vicino al Fenway Park, lo stadio di baseball. La maggior parte degli hotel della zona, però, ha una visuale ostruita dell'impianto, o non ce l'ha affatto. Non si hanno informazioni su eventuali viaggi a Chicago o Boston, hanno detto le fonti. Le indagini si stanno anche occupando di scoprire se Paddock avesse prenotato degli appartamenti all'interno di un grattacielo di Las Vegas da cui avrebbe potuto colpire la folla che, dal 22 al 24 settembre, ha partecipato a un altro festival, il 'Life is Beautiful'; ogni giorno, l'evento ha visto la partecipazione di circa 50.000 persone. Nel corso degli ultimi mesi, Paddock ha acquistato una notevole quantità di armi e munizioni.

Il fratello Eric ha raccontato alle tv statunitensi che non avrebbe mai immaginato che potesse succedere un evento simile: Stephen non aveva un'indole violenta, non aveva affiliazioni politiche o religiose, non aveva problemi economici. Nella pianificazione dell'attacco, però, ha riconosciuto il fratello: "Era capace di pianificare una cosa cos", di fare una cosa cos"", riferendosi per esempio al fatto che avesse creato una rete di videocamere per monitorare la situazione all'esterno della sua stanza d'albergo.

La sparatoria di Las Vegas, da questo punto di vista, fa pensare al massacro all'Università del Texas, spesso descritta come la prima sparatoria di massa modera: un cecchino, Charles Whitman, uccise 14 persone sparando da una torre dell'orologio, dopo aver sterminato la propria famiglia; non si compresero mai i motivi delle sue azioni. "La parte più spaventosa di tutto ciò è non trovare o non conoscerne il motivo" ha detto George Brauchler, il procuratore del caso sulla sparatoria in un cinema di Aurora, in cui morirono 12 persone. "In molti casi, anche quando gli assassini danno un motivo, lo stanno facendo per impressionare il pubblico" ha detto Adam Lankford, professore dell'università dell'Alabama che ha studiato le sparatorie di massa. "Non necessariamente stanno fornendo la vera ragione delle loro azioni".

Altri Servizi

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Hacker contro Uber: rubati dati di 57 milioni di utenti

Per Bloomberg il gruppo avrebbe pagato riscatto da 100.000 dollari per far cancellare i dati ai pirati

Uber è stato colpito da un attacco hacker, in cui sono stati rubati i dati di 57 milioni di utenti in tutto il mondo e di 600.000 autisti. Lo ha comunicato Dara Khosrowshahi, amministratore delegato della società di servizi auto: l'attacco risale alla fine del 2016 e comprende i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, ma anche le patenti degli autisti.

HP perde quota dopo i conti ma le vendite di PC vanno bene

Deludono gli utili annuali, calati a 2,5 miliardi di dollari. Il gruppo ha alzato le stime per l'esercizio 2018

HP ha chiuso il suo quarto trimestre fiscale con utili in linea alle stime degli analisti e ricavi migliori delle attese. Il titolo del produttore di pc e stampanti ha tuttavia perso vistosamente quota ieri nel dopo mercato, quasi il 6% sulla scia di utili annuali calati.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.