Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Cosa abbia spinto Stephen Paddock ad agire, a oltre quattro giorni dall'attacco condotto a Las Vegas, che ha provocato 58 morti e circa 500 feriti, resta invece ancora un mistero. "Per la sicurezza della comunità e di chiunque altro negli Stati Uniti, credo sia importante fornire questa informazione, ma non ce l'ho" ha ammesso ieri lo sceriffo Joseph Lombardo, del dipartimento della polizia metropolitana di Las Vegas. "Ancora non lo sappiamo".

Nessun manifesto politico è stato trovato. Dai racconti di parenti e vicini di casa, non è emerso nulla su un'ipotetica radicalizzazione dell'uomo o su eventuali comportamenti violenti da parte sua. Al contrario di altri killer, Paddock non ha chiamato la polizia per spiegare le sue motivazioni.

L'Fbi ha portato i computer e i telefoni di Paddock nei suoi laboratori di Quantico, per analizzarli. Gli investigatori hanno interrogato la compagna dell'uomo, Marilou Danley, tornata marted" sera negli Stati Uniti, nel tentativo di comprendere qualcosa di quest'uomo; lo sceriffo Lombardo ha detto di non poter raccontare alla stampa quali informazioni siano state acquisite. Gli investigatori stanno girando il Paese per parlare con amici, parenti e conoscenti per trovare segnali di possibili disturbi mentali.

Paddock, scrive il New York Times, ha lasciato una traccia di indizi che finora sono più criptici che rivelatori. Per esempio, c'era un biglietto nella sua stanza d'albergo di Las Vegas, il cui contenuto non è stato rivelato. Lombardo ha detto che conteneva numeri che sono ora al vaglio degli investigatori e che non si trattava di un manifesto politico o di un messaggio suicida.

Sembra che Paddock avesse cercato altri possibili posti, a Chicago e Boston, dove compiere lo stesso tipo di attacco, ovvero sparando dalle finestre di una stanza d'albergo su migliaia di spettatori. Tra i possibili obiettivi di Paddock ci sarebbe stato il festival di Lollapalooza a Chicago, che si è tenuto al Grant Park dal 3 al 6 agosto: secondo i media statunitensi, l'uomo avrebbe prenotato due camere di un albergo, il Blackstone Hotel, che affaccia sul parco dove era in programma, in quei giorni, il famoso festival musicale; Paddock, però, non si è mai presentato al Blackstone Hotel; secondo le fonti di Tmz, l'uomo avrebbe chiesto una stanza da cui potesse vedere il parco dove si svolgeva il festival, a cui hanno partecipato circa 400.000 persone, tra cui Malia Obama, la figlia maggiore dell'ex presidente Barack Obama.

Paddock avrebbe cercato una stanza d'albergo anche a Boston, vicino al Fenway Park, lo stadio di baseball. La maggior parte degli hotel della zona, però, ha una visuale ostruita dell'impianto, o non ce l'ha affatto. Non si hanno informazioni su eventuali viaggi a Chicago o Boston, hanno detto le fonti. Le indagini si stanno anche occupando di scoprire se Paddock avesse prenotato degli appartamenti all'interno di un grattacielo di Las Vegas da cui avrebbe potuto colpire la folla che, dal 22 al 24 settembre, ha partecipato a un altro festival, il 'Life is Beautiful'; ogni giorno, l'evento ha visto la partecipazione di circa 50.000 persone. Nel corso degli ultimi mesi, Paddock ha acquistato una notevole quantità di armi e munizioni.

Il fratello Eric ha raccontato alle tv statunitensi che non avrebbe mai immaginato che potesse succedere un evento simile: Stephen non aveva un'indole violenta, non aveva affiliazioni politiche o religiose, non aveva problemi economici. Nella pianificazione dell'attacco, però, ha riconosciuto il fratello: "Era capace di pianificare una cosa cos", di fare una cosa cos"", riferendosi per esempio al fatto che avesse creato una rete di videocamere per monitorare la situazione all'esterno della sua stanza d'albergo.

La sparatoria di Las Vegas, da questo punto di vista, fa pensare al massacro all'Università del Texas, spesso descritta come la prima sparatoria di massa modera: un cecchino, Charles Whitman, uccise 14 persone sparando da una torre dell'orologio, dopo aver sterminato la propria famiglia; non si compresero mai i motivi delle sue azioni. "La parte più spaventosa di tutto ciò è non trovare o non conoscerne il motivo" ha detto George Brauchler, il procuratore del caso sulla sparatoria in un cinema di Aurora, in cui morirono 12 persone. "In molti casi, anche quando gli assassini danno un motivo, lo stanno facendo per impressionare il pubblico" ha detto Adam Lankford, professore dell'università dell'Alabama che ha studiato le sparatorie di massa. "Non necessariamente stanno fornendo la vera ragione delle loro azioni".

Altri Servizi

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock