Cohn lascia la Casa Bianca, Wall Street torna a temere i dazi di Trump

Il consigliere economico del presidente Usa voleva fargli cambiare idea sulle tariffe su acciaio e alluminio
AP

Alla fine alla Casa Bianca ha vinto la linea protezionista. Il consigliere economico di Donald Trump, Gary Cohn, colui su cui gli investitori avevano riposto speranze, ha dato le dimissioni. La data esatta del suo addio è ancora da definire ma la reazione delle varie asset class è stata immediata: lo yen, la valuta giapponese considerata un bene rifugio in tempi di incertezza, ha accelerato mentre il peso messicano e il dollaro canadese hanno perso terreno; i future del Dow Jones Industrial Average sono arrivati a cedere 400 punti, oltre l'1%, e i rendimenti del Treasury a 10 anni sono scesi al 2,85%.

Chiaramente i mercati temono che il presidente americano ignori il pressing arrivato da più parti, anche dal suo partito repubblicano, preparando l'entrata in vigore di dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio in arrivo in Usa da tutti i Paesi. Ciò, ha avvertito Fitch, potrebbe pesare sull'economia globale se varie nazioni reagiranno alla mossa di Washington con ritorsioni già ventilate da Canada e Ue.

Strappato alla presidenza di Goldman Sachs da Trump, Cohn ha lavorato al fianco del 45esimo presidente americano sin dall'inizio del suo mandato, iniziato nel gennaio 2017. In una nota, l'ex banchiere ha detto che "è stato un onore servire il mio Paese e introdurre politiche economiche pro crescita a beneficio del popolo americano, in particolare il passaggio della riforma fiscale". Con una dichiarazione di rito, Cohn ha espresso gratitudine a Trump "per avermi dato questa opportunità e auguro a lui e alla sua amministrazione successo in futuro".

Il leader Usa ha definito "superbo" il lavoro svolto dal suo consigliere economico, un "talento raro" che però si è lasciato sfuggire preferendo dare ascolto al consigliere protezionista Peter Navarro.

Il capo di gabinetto John Kelly, anche lui sotto pressione per le tensioni interne alla Casa Bianca che la settimana scorsa hanno portato all'addio della giovane direttrice della comunicazione Hope Hicks, ha dichiarato: "Gary ha servito il suo Paese distinguendosi, dedicando le sue competenze e la sua leadership per fare crescere l'economia Usa e fare approvare una riforma fiscale storica" che prevede tagli alle aliquote per 1.500 miliardi di dollari in 10 anni. "Mi mancherà averlo come partner alla Casa Bianca", ha aggiunto l'ex generale in difficoltà nel riportare ordine nell'amministrazione.

Preso in considerazione per succedere a Janet Yellen nel ruolo di governatore della Federal Reserve, Cohn ha iniziato ad avere problemi con Trump dallo scorso agosto, quando criticò la reazione del presidente alle violenze esplose a Charlottesville, Virginia, per mano di suprematisti bianchi.

Cresciuto a Cleveland, il suo primo lavoro fu da venditore di serramenti e pannelli in alluminio per l'isolamento esterno di immobili; poi iniziò a occuparsi di trading di argento a Wall Street, cosa che lo portò sotto il tetto di Goldman di cui divenne partner nel 1994. A un certo punto è stato visto come successore di Lloyd Blankfein, il Ceo della banca. Ora la pressione ricadrà su altri membri della Casa Bianca, specialmente il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, anche lui un ex Goldman che ha difeso le tariffe ma che ha tentato di rassicurare dicendo che gli Usa non vogliono iniziare guerre commerciali. Il mondo però vuole che sia preservata l'architettura post Seconda guerra mondiale che gli Usa hanno contribuito a creare ma di cui Trump sembra infischiarsene.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.