Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

Gli statunitensi prendono in considerazione diversi fattori quando decidono dove vivere, compresi il mercato del lavoro, l'economia locale, la qualità delle scuole, la sicurezza, la cultura e il clima.

Per determinare le peggiori città degli Stati Uniti dove vivere, 24/7 Wall St. ha rivisto i dati delle 551 città del Paese con almeno 65.000 abitanti. In base a una serie di variabili, tra cui il tasso di criminalità, la crescita occupazionale, l'accesso a ristoranti e attrazioni, l'istruzione, il mercato immobiliare, l'ambiente e l'assistenza sanitaria, il sito ha identificato le 50 peggiori città. Scopriamo le prime cinque:

 

 

5 – Memphis, Tennessee

Popolazione: 655.760

Valore mediano di una casa: 94.400 dollari

Tasso di povertà: 26,2%

Abitanti laureati: 24,9%

Memphis è una delle città più grandi presenti nella lista. Secondo 24/7 Wall St., ci sono molti punti che rendono Memphis una città davvero poco attraente, a partire dal quarto tasso di criminalità più alto nel Paese, con 1.740 incidenti riportati ogni 100.000 abitanti, quasi il quintuplo della media nazionale. Le case costano relativamente poco, ma questo riflette le scarse capacità dei cittadini di pagare cifre alte: oltre un quarto della popolazione vive sotto il livello di povertà; il reddito familiare è inferiore ai 37.000 dollari all'anno, mentre quello nazionale è di 55.775 dollari.

 

 

4 – St. Louis, Missouri

Popolazione: 315.685

Valore mediano di una casa: 130.800 dollari

Tasso di povertà: 24,9%

Abitanti laureati: 34,7% 

St. Louis rappresenta il declino economico che ha afflitto molte grandi città industriali sul finire del ventesimo secolo. Decenni di declino manifatturiero, esodo dei bianchi e ghettizzazione hanno provocato un decadimento urbano, una segregazione razziale e una diseguaglianza di reddito con pochi eguali nel Paese. Il 24,9% dei residenti vive in povertà, molto più del 14,7% a livello nazionale. Dagli anni '60 combatte contro un alto tasso di criminalità e oggi ha la percentuale di crimini violenti più alta degli Stati Uniti: ci sono stati 1.817 crimini violenti denunciati ogni 100.000 abitanti nel 2015, quasi il quintuplo rispetto alla media nazionale. Molti dei problemi economici dipendono dal rapido declino nel numero di abitanti: ora, la popolazione è meno della metà rispetto al picco di 860.000 abitanti raggiunto negli anni '50. Mentre la popolazione statunitense è cresciuta dell'11,5% negli ultimi dieci anni, il numero dei residenti di St. Louis è diminuito del 5,4 per cento.

 

 

3 - Flint, Michigan

Popolazione: 98.267

Valore mediano di una casa: 25.900 dollari

Tasso di povertà: 40,8%

Abitanti laureati: 11,8% 

Come per molte altre città della cosiddetta Rust Belt, i problemi di Flint sono legati al declino dell'industria manifatturiera. Una volta, General Motors dava lavoro a circa 30.000 abitanti nella sua fabbrica, che non c'è più. Recentemente, la città è stata al centro delle cronache nazionali per l'alta concentrazione di piombo nell'acqua pubblica. Il reddito familiare è di 25.342 dollari all'anno, meno della metà di quello mediano nazionale e il secondo più basso nella regione dei Grandi Laghi. Inoltre, la città ha il tasso di povertà più alto del Paese (40,8%). Negli ultimi dieci anni, la città ha 'perso' il 12,2% della popolazione, uno dei peggiori declini demografici registrati negli Stati Uniti.

 

 

2 – Birmingham, Alabama

Popolazione: 214.911

Valore mediano di una casa: 93.000 dollari

Tasso di povertà: 29,2%

Abitanti laureati: 25,3%

 Il calo della popolazione e dell'occupazione sono indicativi di un'economia in sofferenza, soprattutto quando la maggior parte delle città, al contrario, crescono. Solo in 42 delle 551 città analizzate è diminuita la popolazione negli ultimi dieci anni, mentre il settore occupazionale si è ridotto in meno di 30 città negli ultimi due anni. Birmigham è un'eccezione in entrambi i settori, con un calo del 3,3% della popolazione e la perdita dello 0,9% dei posti di lavoro. Birmingham è una delle città più povere, con un tasso di povertà più che doppio rispetto a quello nazionale; il reddito familiare è di 32.378 dollari all'anno, più basso di oltre 23.000 dollari rispetto al reddito mediano nazionale.

 

 

1 – Detroit, Michigan

Popolazione: 677.124

Valore mediano di una casa: 42.600 dollari

Tasso di povertà: 39,8%

Abitanti laureati: 14,2%

 Una volta la quarta città più popolosa del Paese e la più ricca pro capite, Detroit è oggi lo specchio del declino del settore manifatturiero statunitense, un tempo orgoglio nazionale. La popolazione è circa un terzo di quella degli anni '50, quando raggiunse il picco di 1,8 milioni di abitanti; negli ultimi dieci anni, è diminuita del 19%, il secondo peggior calo in questo periodo nell'intera nazione. Il reddito familiare è di 25.980 dollari all'anno, meno della metà del reddito mediano nazionale di 55.755 dollari. Nel 2015, sono stati denunciati 1.760 crimini violenti ogni 100.000 abitanti, il secondo tasso più alto del Paese. Il decadimento e la criminalità hanno mandato a picco il prezzo delle case: solo la vicina Flint ha un valore mediano più basso.





Altri Servizi

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

Elezioni Congresso Usa: Trump festeggia, democratici demoralizzati

Risultati al di sopra delle aspettative per la minoranza, che non è però riuscita a conquistare nemmeno uno dei quattro seggi alla Camera in mano al Gop e in gioco in queste elezioni speciali
Ap

I democratici hanno ottenuto un risultato molto migliore nelle elezioni speciali per il Congresso in questa primavera di quello ipotizzabile dai più ottimisti solo pochi mesi fa. Alla fine, però, hanno perso in tutti e quattro i distretti che erano in mano ai repubblicani e in cui si è votato, compreso l'atteso sesto distretto della Georgia, in un'elezione fortemente in bilico e che sarà ricordata per essere stata la più cara nella storia della Camera statunitense (oltre 50 milioni di dollari), con molti fondi arrivati da altri Stati del Paese.

FedEx chiude un trimestre migliore delle stime

Il gruppo di spedizioni si aspetta "spese significative nei prossimi anni in connessione all'integrazione con TNT Express"
iStock

Nei tre mesi chiusi il 31 maggio scorso, FedEx ha registrato utili netti per 1,02 miliardi di dollari, o 3,75 dollari per azione, contro una perdita di 70 milioni di dollari, o di 26 centesimi, dello stesso periodo dello scorso anno; al netto di voci straordinarie i profitti del gruppo di spedizioni considerato un barometro dell'economia Usa sono stati di 4,25 dollari per azione, in rialzo dai 3,3 dollari dello scorso anno e oltre le attese degli analisti per 3,88 dollari.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Wall Street, il focus rimane sul petrolio

Ieri, primo round di stress test positivo per le banche Usa
AP

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Trump vuole proprietario NY Jets come ambasciatore in Regno Unito

Il 70enne Woody Johnson è finanziatore e amico del presidente. La nomina deve essere approvata dal Senato. . L'ex proprietaria della squadra di baseball dei Los Angeles Dodgers scelta come ambasciatrice in Belgio

Il proprietario della squadra di football New York Jets sta per essere scelto da Donald Trump per essere ambasciatore nel Regno Unito e Irlanda del Nord. Si tratta di Woody Johnson, considerato l'amico forse più stretto di Donald Trump nonché un importante finanziatore della sua campagna elettorale. 

Uber: petizione di oltre mille dipendenti, vogliono il ritorno del Ceo

Nonostante una serie di episodi imbarazzanti, le raccomandazioni di un'inchiesta e il pressing dei soci, chiedono al cda di dare a Travis Kalanick responsabilità operative
AP

Poco importa che la leadership del Ceo di Uber sia stata discutibile, al punto che una inchiesta interna sulla cultura aziendale del gruppo aveva consigliato una "revisione e una ricollocazione delle responsabilità" del numero uno. Oltre mille dipendenti dell'azienda - comunque una piccola parte della forza lavoro composta da oltre 14.000 persone - hanno firmato una petizione in cui chiedono al consiglio di amministrazione il ritorno di Travis Kalanick: il 13 giugno era andato in aspettativa a tempo indeterminato e sette giorni dopo aveva dato le dimissioni (ecco le tappe). Ciò indica una divario tra le persone che lavorano per Uber e buona parte di quelle che vi hanno investito: gli azionisti che possiedo complessivamente il 40% circa del capitale avevano fatto pressing affinché il Ceo se ne andasse.

Wall Street in cerca di direzione

Rally dei titoli della sanità. Il petrolio rimbalza
AP

BlackBerry torna all'utile ma solo grazie a Qualcomm, ricavi -41%

Il produttore di chip è stato costretto ad aprile a pagare royalties per 940 milioni di dollari. Annunciato buyback che consumerà liquidità disponibile

BlackBerry ha subito un tonfo del 41% dei ricavi riuscendo comunque a sorprendere tornando all'utile nel suo primo trimestre fiscale; il merito tuttavia va ai 940 milioni di dollari versati da Qualcomm, a cui lo scorso aprile fu ordinato di pagare alcune royalties al gruppo canadese un tempo famoso per il suo omonimo smartphone. BlackBerry ha inoltre annunciato che comprerà 31 milioni di titoli propri in circolazione (il 6,4% del totale), cosa che consumerà il 18% della liquidità a disposizione ai prezzi attuali di borsa.