Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

Gli statunitensi prendono in considerazione diversi fattori quando decidono dove vivere, compresi il mercato del lavoro, l'economia locale, la qualità delle scuole, la sicurezza, la cultura e il clima.

Per determinare le peggiori città degli Stati Uniti dove vivere, 24/7 Wall St. ha rivisto i dati delle 551 città del Paese con almeno 65.000 abitanti. In base a una serie di variabili, tra cui il tasso di criminalità, la crescita occupazionale, l'accesso a ristoranti e attrazioni, l'istruzione, il mercato immobiliare, l'ambiente e l'assistenza sanitaria, il sito ha identificato le 50 peggiori città. Scopriamo le prime cinque:

 

 

5 – Memphis, Tennessee

Popolazione: 655.760

Valore mediano di una casa: 94.400 dollari

Tasso di povertà: 26,2%

Abitanti laureati: 24,9%

Memphis è una delle città più grandi presenti nella lista. Secondo 24/7 Wall St., ci sono molti punti che rendono Memphis una città davvero poco attraente, a partire dal quarto tasso di criminalità più alto nel Paese, con 1.740 incidenti riportati ogni 100.000 abitanti, quasi il quintuplo della media nazionale. Le case costano relativamente poco, ma questo riflette le scarse capacità dei cittadini di pagare cifre alte: oltre un quarto della popolazione vive sotto il livello di povertà; il reddito familiare è inferiore ai 37.000 dollari all'anno, mentre quello nazionale è di 55.775 dollari.

 

 

4 – St. Louis, Missouri

Popolazione: 315.685

Valore mediano di una casa: 130.800 dollari

Tasso di povertà: 24,9%

Abitanti laureati: 34,7% 

St. Louis rappresenta il declino economico che ha afflitto molte grandi città industriali sul finire del ventesimo secolo. Decenni di declino manifatturiero, esodo dei bianchi e ghettizzazione hanno provocato un decadimento urbano, una segregazione razziale e una diseguaglianza di reddito con pochi eguali nel Paese. Il 24,9% dei residenti vive in povertà, molto più del 14,7% a livello nazionale. Dagli anni '60 combatte contro un alto tasso di criminalità e oggi ha la percentuale di crimini violenti più alta degli Stati Uniti: ci sono stati 1.817 crimini violenti denunciati ogni 100.000 abitanti nel 2015, quasi il quintuplo rispetto alla media nazionale. Molti dei problemi economici dipendono dal rapido declino nel numero di abitanti: ora, la popolazione è meno della metà rispetto al picco di 860.000 abitanti raggiunto negli anni '50. Mentre la popolazione statunitense è cresciuta dell'11,5% negli ultimi dieci anni, il numero dei residenti di St. Louis è diminuito del 5,4 per cento.

 

 

3 - Flint, Michigan

Popolazione: 98.267

Valore mediano di una casa: 25.900 dollari

Tasso di povertà: 40,8%

Abitanti laureati: 11,8% 

Come per molte altre città della cosiddetta Rust Belt, i problemi di Flint sono legati al declino dell'industria manifatturiera. Una volta, General Motors dava lavoro a circa 30.000 abitanti nella sua fabbrica, che non c'è più. Recentemente, la città è stata al centro delle cronache nazionali per l'alta concentrazione di piombo nell'acqua pubblica. Il reddito familiare è di 25.342 dollari all'anno, meno della metà di quello mediano nazionale e il secondo più basso nella regione dei Grandi Laghi. Inoltre, la città ha il tasso di povertà più alto del Paese (40,8%). Negli ultimi dieci anni, la città ha 'perso' il 12,2% della popolazione, uno dei peggiori declini demografici registrati negli Stati Uniti.

 

 

2 – Birmingham, Alabama

Popolazione: 214.911

Valore mediano di una casa: 93.000 dollari

Tasso di povertà: 29,2%

Abitanti laureati: 25,3%

 Il calo della popolazione e dell'occupazione sono indicativi di un'economia in sofferenza, soprattutto quando la maggior parte delle città, al contrario, crescono. Solo in 42 delle 551 città analizzate è diminuita la popolazione negli ultimi dieci anni, mentre il settore occupazionale si è ridotto in meno di 30 città negli ultimi due anni. Birmigham è un'eccezione in entrambi i settori, con un calo del 3,3% della popolazione e la perdita dello 0,9% dei posti di lavoro. Birmingham è una delle città più povere, con un tasso di povertà più che doppio rispetto a quello nazionale; il reddito familiare è di 32.378 dollari all'anno, più basso di oltre 23.000 dollari rispetto al reddito mediano nazionale.

 

 

1 – Detroit, Michigan

Popolazione: 677.124

Valore mediano di una casa: 42.600 dollari

Tasso di povertà: 39,8%

Abitanti laureati: 14,2%

 Una volta la quarta città più popolosa del Paese e la più ricca pro capite, Detroit è oggi lo specchio del declino del settore manifatturiero statunitense, un tempo orgoglio nazionale. La popolazione è circa un terzo di quella degli anni '50, quando raggiunse il picco di 1,8 milioni di abitanti; negli ultimi dieci anni, è diminuita del 19%, il secondo peggior calo in questo periodo nell'intera nazione. Il reddito familiare è di 25.980 dollari all'anno, meno della metà del reddito mediano nazionale di 55.755 dollari. Nel 2015, sono stati denunciati 1.760 crimini violenti ogni 100.000 abitanti, il secondo tasso più alto del Paese. Il decadimento e la criminalità hanno mandato a picco il prezzo delle case: solo la vicina Flint ha un valore mediano più basso.





Altri Servizi

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole. Ora dopo, annunciato lo stop ai sussidi che hanno permesso alle persone a basso reddito di avere una copertura
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha firmato un ordine esecutivo riguardante la sanità, "per promuovere la scelta e la competizione nell'assistenza sanitaria", con cui riduce gli standard imposti dall'Obamacare alle piccole imprese. Ore dopo la Casa Bianca ha annunciato che il governo non fornirà più sussidi alle compagnie assicurative che hanno permesso a persone a basso reddito di ottenere una copertura medica grazie alla riforma sanitaria di Barack Obama approvata dal Congresso nel 2010.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.