Le frasi da killer del "cane pazzo" scelto da Trump per il Pentagono

James Mattis non ama i peli sulla lingua. E pare avere una passione per uccidere
Department of Defense

James Mattis, il "cane pazzo" scelto dal presidente eletto Donald Trump per guidare il dipartimento della Difesa, ama essere diretto quando parla. Lo dimostrano alcune delle sue frasi diventate memorabili tra i Marine, dove il generale ormai in pensione ha lavorato per oltre quattro decenni. E' Cbs News a raccogliere quelle più ad effetto.

Ai Marine in Iraq disse: "Siate gentili, siate professionali ma abbiate un piano per uccidere chiunque incontriate". Con toni simili ha anche dichiarato: "Ci sono persone che credono che tu debba odiare qualcuno per ucciderlo. Non credo che sia così per voi. E' semplicemente business". E ancora: "Non c'è nulla di meglio che essere mancati da un colpo di arma da fuoco. E' davvero bello".

In un panel tenuto a San Diego (California) nel 2005, Mattis fu così esplicito che il suo allora capo fece capire che avrebbe dovuto scegliere le sue parole con maggiore attenzione. Eccole: "Si va in Afghanistan, dove ci sono uomini che menano donne per cinque anni perché non hanno indossato un velo. A uomini come quelli non è rimasto nulla di virile. Quindi è terribilmente divertente sparare contro di loro. E' divertente lottare contro di loro. E' divertente sparare a qualcuno".

E per motivare i Marine nella base aerea a Ayn al-Asad (Iraq), il generale disse: "La prima volta che fai saltare in aria qualcuno non è un evento insignificante. Detto questo, ci sono degli stronzi nel mondo che hanno bisogno che gli si spari contro". E ai leader tribali in Iraq pare abbia detto: "Vengo in pace. Non ho portato artiglieria ma vi imploro con le lacrime agli occhi: se mi prendere per i fondelli, vi ucciderò tutti".

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati