Le incognite del 2018: inflazione, Cina e Bitcoin

Dopo un anno in cui Wall Street ha registrato le migliori performance del 2013, grazie al rally dei titoli tecnologici, Bitcoin ha guadagnato il 1.400% circa e la Federal Reserve ha mantenuto la parola aumentando i tassi tre volte nonostante un'inflazione al palo, gli investitori si domandano quali siano le variabili da monitorare in quanto fonte di potenziali preoccupazioni. Ne proponiamo tre: inflazione, Cina e Bitcoin.

Inflazione
Il 2017 è stato l'anno caratterizzato da quello che Janet Yellen, numero uno della Fed, ha definito il "mistero dell'inflazione". Il dato è rimasto basso, sotto il target di crescita annua del 2%. La banca centrale - inizialmente convinta che il trend fosse dovuto a fattori transitori - si aspetta il raggiungimento del target nel medio termine. Il successore di Yellen, Jerome Powell, dovrà fare i conti con due schieramenti: chi, come Bank of America, crede che l'inflazione accelerà; ciò potrebbe costringere la Fed a stringere la cinghia più velocemente del previsto. C'è poi chi è convinto che il dato resterà troppo basso forzando la banca centrale Usa a tagliare i tassi. L'istituto centrale si aspetta per il 2018 tre strette monetarie, tante quante quelle realizzate nel 2017 di cui una a dicembre.

Art Cashin, direttore delle attività su floor del Nyse per Ubs, consiglia di non guardare tanto l'andamento dell'economia quanto quello dell'inflazione. "Questa è stata la regola per Yellen. Non come l'economia sta andando ma quanto tiepida l'inflazione è stata. [Il suo successore] J. Powell sembra essere un discepolo di Yellen quindi io personalmente monitorerò l'inflazione. Se inizia ad accelerare, sarei cauto", ha detto in una intervista di fine anno alla Cnbc.

Jan Hatzius, economista di Goldman Sachs e autore del rapporto "10 Questions for 2018", si aspetta un'accelerazione dell'inflazione core dall'1,5% attuale. Forse anche per questo prevede nel 2018 quattro rialzi dei tassi oltre a un'espansione dell'economia Usa del 2,6% (sotto il 3% promesso da Donald Trump), e un calo del tasso di disoccupazione al 3,5% dal 4,1% del novembre 2017 (l'ultimo dato disponibile al 31 dicembre e corrispondente ai minimi del dicembre 2000).

Cina
La seconda economia al mondo potrebbe mettere fine a una crescita globale sincronizzata effettuando una stretta sull'eccesso di credito. Pechino è inoltre alle prese con problemi bancari e con il cosiddeto "shadow banking". La normalizzazione dell'economia cinese, meno dipendente dalle esportazioni, forse non preoccupa più come un paio di anni fa ma i suoi problemi interni potrebbero avere ricadute su scala mondiale. Per questo la Cina va monitorata.

Bitcoin
Per la criptovaluta, il 2017 è stato senza precedenti. Bitcoin iniziò l'anno a 970 dollari per poi sfiorare i 20.000 a dicembre. A fine agosto raggiunse i 4.000 dollari, a ottobre i 6.000 e a dicembre i 10.000 per poi quasi raddoppiare nello stesso mese. Nell'anno ci sono stati cinque sell-off di almeno il 30%, incluso quello prima di Natale quando la valuta digitale arrivò a 10.834 dollari. Su CoinDesk l'anno è finito a 14.292 dollari, in rialzo del 1.375%.
Gli investitori hanno chiaramente ignorato i commenti negativi arrivati, per esempio, dal Ceo di JPMorgan James Dimon, secondo cui è una "frode", o dal governatore della Federal Reserve Janet Yellen, che nella sua ultima conferenza stampa ha definito Bitcoin "un asset altamente speculativo". Per il principe saudita bin Talal è come Enron e per il Ceo di Blackrock Laurence Fink è un indice del riciclaggio di denaro
Resta da vedere se Bitcoin saprà affermarsi come una tecnologia che cambierà il mondo. Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, ha escluso che la valuta digitale minacci quelle tradizionali per il momento ma ha consigliato di monitorarne gli sviluppi.
Per il 2018, uno dei primi analisti ad essersi occupato quattro anni fa di Bitcoin, si aspetta una volatilità enorme con prezzi che spazieranno tra i 6.500 e i 22.000 dollari.
Art Cashin, il volto forse più conosciuto sul floor del New York Stock Exchange, crede che Bitcoin non vivrà i successi che i suoi sostenitori si aspettano. Secondo lui i governi vorranno usarne la tecnologia sottostante, blockchain, per favorire una società senza contanti, dunque digitale, di cui possono tenere traccia. Non solo. Secondo Cashin, in un tale futuro non è affatto detto che Bitcoin sia il protagonista: "La Fed stessa vorrà aiutare qualcuno a sviluppare una valuta digitale. E' la cosa che dovremmo monitorare", ha detto Cashin in una intervista alla Cnbc.
Guardando al 2018 Hatzius, di Goldman Sachs, ha posto l'accento sui "segni di un comportamento speculativo nei mercati finanziari, come per esempio il boom delle criptovalute". Basti pensare ai casi in cui è bastato infilare la parola "blockchain" nel nome di qualche azienda per farne scattare un rally in borsa. 

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle.