Le incognite del 2018: inflazione, Cina e Bitcoin

Dopo un anno in cui Wall Street ha registrato le migliori performance del 2013, grazie al rally dei titoli tecnologici, Bitcoin ha guadagnato il 1.400% circa e la Federal Reserve ha mantenuto la parola aumentando i tassi tre volte nonostante un'inflazione al palo, gli investitori si domandano quali siano le variabili da monitorare in quanto fonte di potenziali preoccupazioni. Ne proponiamo tre: inflazione, Cina e Bitcoin.

Inflazione
Il 2017 è stato l'anno caratterizzato da quello che Janet Yellen, numero uno della Fed, ha definito il "mistero dell'inflazione". Il dato è rimasto basso, sotto il target di crescita annua del 2%. La banca centrale - inizialmente convinta che il trend fosse dovuto a fattori transitori - si aspetta il raggiungimento del target nel medio termine. Il successore di Yellen, Jerome Powell, dovrà fare i conti con due schieramenti: chi, come Bank of America, crede che l'inflazione accelerà; ciò potrebbe costringere la Fed a stringere la cinghia più velocemente del previsto. C'è poi chi è convinto che il dato resterà troppo basso forzando la banca centrale Usa a tagliare i tassi. L'istituto centrale si aspetta per il 2018 tre strette monetarie, tante quante quelle realizzate nel 2017 di cui una a dicembre.

Art Cashin, direttore delle attività su floor del Nyse per Ubs, consiglia di non guardare tanto l'andamento dell'economia quanto quello dell'inflazione. "Questa è stata la regola per Yellen. Non come l'economia sta andando ma quanto tiepida l'inflazione è stata. [Il suo successore] J. Powell sembra essere un discepolo di Yellen quindi io personalmente monitorerò l'inflazione. Se inizia ad accelerare, sarei cauto", ha detto in una intervista di fine anno alla Cnbc.

Jan Hatzius, economista di Goldman Sachs e autore del rapporto "10 Questions for 2018", si aspetta un'accelerazione dell'inflazione core dall'1,5% attuale. Forse anche per questo prevede nel 2018 quattro rialzi dei tassi oltre a un'espansione dell'economia Usa del 2,6% (sotto il 3% promesso da Donald Trump), e un calo del tasso di disoccupazione al 3,5% dal 4,1% del novembre 2017 (l'ultimo dato disponibile al 31 dicembre e corrispondente ai minimi del dicembre 2000).

Cina
La seconda economia al mondo potrebbe mettere fine a una crescita globale sincronizzata effettuando una stretta sull'eccesso di credito. Pechino è inoltre alle prese con problemi bancari e con il cosiddeto "shadow banking". La normalizzazione dell'economia cinese, meno dipendente dalle esportazioni, forse non preoccupa più come un paio di anni fa ma i suoi problemi interni potrebbero avere ricadute su scala mondiale. Per questo la Cina va monitorata.

Bitcoin
Per la criptovaluta, il 2017 è stato senza precedenti. Bitcoin iniziò l'anno a 970 dollari per poi sfiorare i 20.000 a dicembre. A fine agosto raggiunse i 4.000 dollari, a ottobre i 6.000 e a dicembre i 10.000 per poi quasi raddoppiare nello stesso mese. Nell'anno ci sono stati cinque sell-off di almeno il 30%, incluso quello prima di Natale quando la valuta digitale arrivò a 10.834 dollari. Su CoinDesk l'anno è finito a 14.292 dollari, in rialzo del 1.375%.
Gli investitori hanno chiaramente ignorato i commenti negativi arrivati, per esempio, dal Ceo di JPMorgan James Dimon, secondo cui è una "frode", o dal governatore della Federal Reserve Janet Yellen, che nella sua ultima conferenza stampa ha definito Bitcoin "un asset altamente speculativo". Per il principe saudita bin Talal è come Enron e per il Ceo di Blackrock Laurence Fink è un indice del riciclaggio di denaro
Resta da vedere se Bitcoin saprà affermarsi come una tecnologia che cambierà il mondo. Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, ha escluso che la valuta digitale minacci quelle tradizionali per il momento ma ha consigliato di monitorarne gli sviluppi.
Per il 2018, uno dei primi analisti ad essersi occupato quattro anni fa di Bitcoin, si aspetta una volatilità enorme con prezzi che spazieranno tra i 6.500 e i 22.000 dollari.
Art Cashin, il volto forse più conosciuto sul floor del New York Stock Exchange, crede che Bitcoin non vivrà i successi che i suoi sostenitori si aspettano. Secondo lui i governi vorranno usarne la tecnologia sottostante, blockchain, per favorire una società senza contanti, dunque digitale, di cui possono tenere traccia. Non solo. Secondo Cashin, in un tale futuro non è affatto detto che Bitcoin sia il protagonista: "La Fed stessa vorrà aiutare qualcuno a sviluppare una valuta digitale. E' la cosa che dovremmo monitorare", ha detto Cashin in una intervista alla Cnbc.
Guardando al 2018 Hatzius, di Goldman Sachs, ha posto l'accento sui "segni di un comportamento speculativo nei mercati finanziari, come per esempio il boom delle criptovalute". Basti pensare ai casi in cui è bastato infilare la parola "blockchain" nel nome di qualche azienda per farne scattare un rally in borsa. 

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

A San Francisco, il Winter Fancy Food torna a parlare italiano

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all'evento commerciale dedicato alle specialità alimentari nella costa occidentale statunitense

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all’interno Winter Fancy Food 2018 in pieno svolgimento al Moscone Center di San Francisco (California). Da ieri fino a domani, nell'ambito del più grande evento commerciale dedicato alle specialità alimentari della costa occidentale statunitense il mondo della distribuzione di qualità si è dato appuntamento là per il suo annuale incontro con gli operatori del settore.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Il direttore dell'Fbi ha minacciato le dimissioni per le pressioni di Trump

Il presidente vorrebbe il licenziamento del vice di Chris Wray, ovvero Andrew McCabe, legato all'ex capo del Bureau, James Comey

Il direttore dell'Fbi, Christopher Wray, avrebbe minacciato di dimettersi, a causa delle pressioni del segretario alla Giustizia statunitense, Jeff Sessions, su indicazione del presidente Donald Trump, per licenziare il suo vice, Andrew McCabe. Lo riportano tre fonti del sito Axios.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Vantandosi di essere il maggiore contribuente americano, Apple ha annunciato una serie di investimenti negli Stati Uniti con cui sostiene che il suo contributo diretto all'economia americana sarà pari a oltre 350 miliardi di dollari nell'arco dei prossimi cinque anni. 

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.