Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

La proposta fatta la scorsa settimana dai repubblicani in Congresso ha sorpreso molti: imporre tasse sulle università dell'Ivy League. "Ma non ricordano, i repubblicani, che spesso le loro fortune sono iniziate proprio l"?", si sono detti alcuni.

Ed è vero che i college che fanno parte della più prestigiosa unione d'America - la Ivy League, appunto, che comprende Harvard, Yale - hanno visto studiare nei loro campus membri illustri del partito (come i Bush, da sempre parte della leggendaria confraternita Skull and Bones di Yale), ma è anche vero che non serve un democratico per pensare che forse quelle stesse università sono da sempre anche la mecca delle élite.

Questa nuova battaglia bipartisan, scrive il New York Times, ha una sua importanza. Questi college infatti sono diventati delle isole per ricchi. I Paradise Papers, pubblicati la settimana scorsa, hanno mostrato come molte di queste università usino i paradisi fiscali per nascondere i loro soldi e fare investimenti.

I college dell'Ivy League infatti usano le sovvenzioni e le donazioni, che sono già non tassabili, ma lo sono se vengono reinvestiti e permettono di fare profitti. Per questo hanno pensato di spostare il denaro in paradisi off-shore. La macchina funziona da anni: i college fanno campagne super aggressive di raccolta fondi.

E poi, fanno fruttare il denaro attraverso fondi di speculazione con sede in paradisi fiscali. Un esempio? Stanford University, eccellenza della California, ha aumentato i suoi fondi a 18 miliardi di dollari nel 2012, da 2 miliardi nel 1977. Nello stesso periodo Harvard è passata a 32 miliardi di dollari da sei miliardi di dollari.

Inoltre questo denaro non è stato usato per il bene dei cittadini, attraverso una diminuzione delle rette o l'apertura a un numero maggiore di persone. Stanford ha lo stesso numero di matricole, 1.600, che aveva negli anni '70.

Altri Servizi

Trump crede a Putin, o forse no. "Kim mi chiama vecchio? Io non gli direi mai che è basso e grasso"

Il presidente statunitense ha lasciato il Vietnam ed è arrivato nelle Filippine. Sulle interferenze russe nelle elezioni ha prima detto di credere all'omologo russo, poi di stare con le agenzie d'intelligence Usa, che accusano il Cremlino di ingerenze
AP

Donald Trump crede a Vladimir Putin, o forse no. Il presidente degli Stati Uniti, questa mattina, ha detto di essere "con" le agenzie d'intelligence statunitensi, che hanno affermato che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali dello scorso anno; interferenze che il presidente russo, Vladimir Putin, ha più volte smentito, anche durante i colloqui con Trump.

Russiagate, gli ex capi dell'intelligence Usa contro Trump

Il comportamento del presidente "è vergognoso" ha detto Brennan, ex numero uno della Cia. Per Clapper, ex direttore dell'intelligence nazionale, "è sconcertante"
AP

I due maggiori ex capi dell'intelligence statunitense hanno aspramente criticato il presidente Donald Trump, reo di essersi fatto "prendere in giro" dal presidente russo Vladimir Putin sul ruolo del Cremlino nelle interferenze nelle scorse elezioni presidenziali. "Non affrontare direttamente la questione e non dicendo a Putin che noi sappiamo che è responsabile di tutto ciò, significa dare a Putin la possibilità di passarla liscia" ha commentato l'ex direttore della Cia, John Brennan, alla Cnn. "Credo dimostri a Putin che Trump possa essere preso in giro dai leader stranieri che cercano di approfittare delle sue insicurezze, cosa molto, molto preoccupante dal punto di vista della sicurezza nazionale".

Pace in Medio Oriente, Trump spera nei sauditi

Jared Kushner sta cercando di coinvolgere il principe Mohamed bin Salman; le tensioni con l'Iran potrebbero far saltare tutto, o spingere i sauditi a chiudere il fronte palestinese per concentrarsi su Teheran

Il presidente Donald Trump lo ha definito "l'accordo definitivo" ed è quello a cui sta lavorando da mesi, insieme al piccolo gruppo di consiglieri creato per raggiungere l'obiettivo fallito da tutti: la pace tra israeliani e palestinesi.

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto di credere che Vladimir Putin sia sincero nel suo ripetuto negare di aver cercato di interferire nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Trump ha definito l'indagine indipendete guidata da Robert Mueller come politicamente motivata.

Flynn, la Turchia e il piano per consegnare Gulen a Erdogan (legalmente o illegalmente)

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo dell'ex consigliere di Trump. Il suo avvocato smentisce, l'ambasciata turca a Washington definisce le insinuazioni "ridicole"

L'ambasciata turca a Washington ha definito "ridicole" le insinuazioni secondo le quali la Turchia avrebbe offerto diversi milioni di dollari all'ex consigliere di Trump, Michael Flynn, in cambio della consegna di Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet.

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Sati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, influente predicatore accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di aver organizzato il tentato colpo di Stato dell'estate 2016, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".