Le "macerie della morale" secondo Edoardo De Angelis

Dal "fenomeno da baraccone" di Donald Trump al circo Usa che ha ispirato il suo "Indivisibili". Colloquio con il regista sulla "potenza universale" di certe storie, come la sua a Castel Volturno

Una strana serie di coincidenze ha caratterizzato la prima volta a New York di Edoardo De Angelis: il regista italiano è venuto in città per la premiere newyorkese del suo “Indivisibili” e lo ha fatto in un anno in cui dopo 146 anni di attività, il circo a cui si è ispirato per il film ha chiuso i battenti e un altro circo, quello della politica americana, ha aperto con un grande fenomeno da baraccone: Donald Trump. De Angelis non ha usato mezze parole quando ci ha incontrato per sviscerare i dettagli del suo ultimo lavoro cinematografico ma anche per riflettere sulle "macerie della morale" di questi tempi.

Dopo il premio della critica alle Giornate degli Autori del Festival del cinema di Venezia, i plausi ai film festival internazionali di Toronto e Londra, la candidatura agli Oscar mancata per un soffio - appena un solo voto di scarto da “Fuocoammare” - e le lodi di Paolo Sorrentino, secondo cui il film “avrebbe avuto molte chance” di vincere, anche a New York c’è stata grande curiosità per la sua ultima pellicola.

“Questa per me era una scommessa completamente al buio perchè non sono mai stato a New York prima d’ora, e mai a questo festival”, ci ha spiegato De Angelis facendo riferimento a “Open Roads: New Italian Cinema”, retrospettiva dedicata al cinema italiano contemporaneo giunta alla 17esima edizione e organizzata al Lincoln Center di New York dalla Film Society of Lincoln Center in associazione con l’Istituto Luce Cinecittà di Roma.

“E’ un salto nel buio, però si basa sull’idea che certe storie hanno una potenza universale. Anzi, addirittura, più sono radicate nella terra che le ha generate, più altrove nel mondo, anche in luoghi molto lontani da quella terra, possono essere comprese nella loro essenza. Perchè chi guarda storie del genere libero dal pregiudizio estetico, sociale, morale, le guarda per quello che sono”.

E’ una storia forte e allo stesso tempo delicata quella di “Indivisibili”, uscito in Italia lo scorso settembre. Una storia di dolore e desolazione umani che affondano le radici in quelli del luogo che fa loro da sfondo: la provincia di Caserta, con Castel Volturno e la tristemente nota “Terra dei fuochi”. Un luogo al collasso dal punto di vista sociale, prodotto di un’integrazione difficile tra campani ed immigrati africani e delle contraddizioni a essa legate - dalla prostituzione radicata alla proliferazione incontrollata delle chiese pentecostali, che tra queste “vite rotte che tentano di aggiustarsi”, come le definisce De Angelis, fanno sempre più proseliti.

Il regista napoletano torna a raccontare quella stessa terra che era già stata al centro del finale di “Perez”, sua pellicola del 2014. “Il modo in cui a me piace fare cinema è un modo profondamente politico, nel senso della testimonianza”, ha detto. “E quello è un mondo dove è tutto talmente desolato e da ricostruire daccapo che è andata via persino la criminalità organizzata, e anche la violenza si manifesta in una sua forma primordiale, come sopraffazione dell’uomo sull’altro uomo, come sfruttamento” di vizi e credenze popolari.

Un luogo in bilico, di luci e ombre, di contraddizioni. Ne da prova già la scena iniziale: tre prostitute che dal litorale tornano a casa alle prime luci dell’alba, facendosi largo tra falò di fortuna ormai pressoché spenti, rifiuti e cianfrusaglie abbandonati alla bell’e meglio, da una parte; e, dall’altra, poco distanti, le “indivisibili” Desy e Viola, gemelle siamesi attaccate per il bacino, nella loro camera da letto d’infanzia.

Quella scelta da De Angelis è una terra non nuova al pubblico internazionale: ne ha già parlato “Gomorra” di Matteo Garrone; ed è poco lontana dai bassifondi della Napoli di violenze, soprusi e corruzione resi celebri fuori dal nostro Paese da Elena Ferrante e dalle vicende delle sue “amiche geniali”, Lila e Lenù. Quasi che l’immagine che si ha adesso, di Napoli e della Campania, all’estero, sia soltanto negativa, di criminalità organizzata, di degrado. “Vent’anni fa lo stereotipo su Napoli era il sole, la pizza, il mandolino. Allora bisognava lavorare per demolire questo stereotipo e mostrare la faccia anche nera della città”, ha raccontato il regista. “Oggi lo stereotipo invece sembra essere la faccia nera della città, e ogni tanto qualcuno si sveglia per raccontare l’altra Napoli…però poi non si capisce mai qual è la Napoli e qual è l’altra Napoli. Napoli racchiude in sé tutte le verità e tutte le bugie sui luoghi comuni, e quindi è un universo, estremamente sfaccettato, che è impossibile raccontare nella sua totalità. E d’altronde farlo non è neanche interessante - non è la città che importa, ma sono le donne e gli uomini che quella terra genera, e le loro vite”.

Quelle che racconta De Angelis sono vite in bilico, che la società sembra allontanare, mettere all’angolo, scarti di una realtà che tiene prigionieri, a cui chi prova a sottrarsi è irrimediabilmente, alla fine, riconsegnato; come dal mare sono respinte, esanimi, le due protagoniste del film, nella scena che segna la tragica fine del loro tentativo di fuga. In questo, ha spiegato il regista, la terra del napoletano ritratta da “Indivisibili” “non è tanto diversa da qualche zona depressa dell’America, o del Messico, o del Medio Oriente”. Ed in questo sta anche la forza del film: perché la storia di Desy e Viola, la loro lotta per affermarsi come singoli mentre la vita le tiene indissolubilmente legate, è una sofferenza universale, che “parla con una voce che è comprensibile a chiunque”.

Quella di Desy e Viola si ispira anche a una storia vera, ha precisato il regista. “C’è stata una suggestione sia biografica sia estetica che parte da Daisy e Violet Hilton, due gemelle siamesi fenomeni da baraccone ai primi del Novecento, attaccate un po’ come le mie Desy e Viola che prendono poi il loro nome. Perché, soprattutto, [le gemelle Hilton] erano [fisicamente] carine: loro mi hanno dato l’idea che si potesse fare una storia in bilico tra l’attrazione e la repulsione, una storia in cui ci si chiedesse sempre chi è il vero mostro”.

Come Daisy e Violet Hilton, che si esibivano nell’allora popolarissimo circo Barnum come “freaks”, fenomeni da baraccone, anche le gemelle del film sono sfruttate per la loro diversità, la loro stranezza, da adulti senza scrupoli che ne fanno un simbolo di venerazione, e ancor più importante, una fonte di guadagno. “Il circo Barnum di allora è il reality show di oggi, è la lente di ingrandimento sul difetto che diventa fenomeno, o sul talento che diventa fenomeno”, ha raccontato il regista. “Ed è paradossale come nell’anno in cui chiude definitivamente i battenti il circo Barnum in America, il Paese si trasforma in un enorme circo Barnum e mette sotto i riflettori il suo più grande fenomeno da baraccone, Donald Trump”.

Ne è vittima l’America, di questa tendenza alla spettacolarizzazione in cui “tutto ciò che si trasforma in fenomeno si deforma sotto i grandangoli che lo riprendono, e sotto le luci”; ma anche noi italiani non ne siamo rimasti immuni. “In Italia ci siamo già passati, abbiamo trascorso vent’anni con un presidente del consiglio che era una specie di piccolo Trump”, ha detto De Angelis. “Oggi facciamo fatica a orientarci nelle macerie della morale da cui ci ritroviamo sommersi. Per questo auspico un atteggiamento dell’Europa più deciso, meno succube nei confronti dell’America. Auspico una forma di indipendenza dei singoli Stati, ma una reale forma di indipendenza, prima di tutto morale, e solo poi sociale, e poi politica, passa da lì”.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.