Le "macerie della morale" secondo Edoardo De Angelis

Dal "fenomeno da baraccone" di Donald Trump al circo Usa che ha ispirato il suo "Indivisibili". Colloquio con il regista sulla "potenza universale" di certe storie, come la sua a Castel Volturno

Una strana serie di coincidenze ha caratterizzato la prima volta a New York di Edoardo De Angelis: il regista italiano è venuto in città per la premiere newyorkese del suo “Indivisibili” e lo ha fatto in un anno in cui dopo 146 anni di attività, il circo a cui si è ispirato per il film ha chiuso i battenti e un altro circo, quello della politica americana, ha aperto con un grande fenomeno da baraccone: Donald Trump. De Angelis non ha usato mezze parole quando ci ha incontrato per sviscerare i dettagli del suo ultimo lavoro cinematografico ma anche per riflettere sulle "macerie della morale" di questi tempi.

Dopo il premio della critica alle Giornate degli Autori del Festival del cinema di Venezia, i plausi ai film festival internazionali di Toronto e Londra, la candidatura agli Oscar mancata per un soffio - appena un solo voto di scarto da “Fuocoammare” - e le lodi di Paolo Sorrentino, secondo cui il film “avrebbe avuto molte chance” di vincere, anche a New York c’è stata grande curiosità per la sua ultima pellicola.

“Questa per me era una scommessa completamente al buio perchè non sono mai stato a New York prima d’ora, e mai a questo festival”, ci ha spiegato De Angelis facendo riferimento a “Open Roads: New Italian Cinema”, retrospettiva dedicata al cinema italiano contemporaneo giunta alla 17esima edizione e organizzata al Lincoln Center di New York dalla Film Society of Lincoln Center in associazione con l’Istituto Luce Cinecittà di Roma.

“E’ un salto nel buio, però si basa sull’idea che certe storie hanno una potenza universale. Anzi, addirittura, più sono radicate nella terra che le ha generate, più altrove nel mondo, anche in luoghi molto lontani da quella terra, possono essere comprese nella loro essenza. Perchè chi guarda storie del genere libero dal pregiudizio estetico, sociale, morale, le guarda per quello che sono”.

E’ una storia forte e allo stesso tempo delicata quella di “Indivisibili”, uscito in Italia lo scorso settembre. Una storia di dolore e desolazione umani che affondano le radici in quelli del luogo che fa loro da sfondo: la provincia di Caserta, con Castel Volturno e la tristemente nota “Terra dei fuochi”. Un luogo al collasso dal punto di vista sociale, prodotto di un’integrazione difficile tra campani ed immigrati africani e delle contraddizioni a essa legate - dalla prostituzione radicata alla proliferazione incontrollata delle chiese pentecostali, che tra queste “vite rotte che tentano di aggiustarsi”, come le definisce De Angelis, fanno sempre più proseliti.

Il regista napoletano torna a raccontare quella stessa terra che era già stata al centro del finale di “Perez”, sua pellicola del 2014. “Il modo in cui a me piace fare cinema è un modo profondamente politico, nel senso della testimonianza”, ha detto. “E quello è un mondo dove è tutto talmente desolato e da ricostruire daccapo che è andata via persino la criminalità organizzata, e anche la violenza si manifesta in una sua forma primordiale, come sopraffazione dell’uomo sull’altro uomo, come sfruttamento” di vizi e credenze popolari.

Un luogo in bilico, di luci e ombre, di contraddizioni. Ne da prova già la scena iniziale: tre prostitute che dal litorale tornano a casa alle prime luci dell’alba, facendosi largo tra falò di fortuna ormai pressoché spenti, rifiuti e cianfrusaglie abbandonati alla bell’e meglio, da una parte; e, dall’altra, poco distanti, le “indivisibili” Desy e Viola, gemelle siamesi attaccate per il bacino, nella loro camera da letto d’infanzia.

Quella scelta da De Angelis è una terra non nuova al pubblico internazionale: ne ha già parlato “Gomorra” di Matteo Garrone; ed è poco lontana dai bassifondi della Napoli di violenze, soprusi e corruzione resi celebri fuori dal nostro Paese da Elena Ferrante e dalle vicende delle sue “amiche geniali”, Lila e Lenù. Quasi che l’immagine che si ha adesso, di Napoli e della Campania, all’estero, sia soltanto negativa, di criminalità organizzata, di degrado. “Vent’anni fa lo stereotipo su Napoli era il sole, la pizza, il mandolino. Allora bisognava lavorare per demolire questo stereotipo e mostrare la faccia anche nera della città”, ha raccontato il regista. “Oggi lo stereotipo invece sembra essere la faccia nera della città, e ogni tanto qualcuno si sveglia per raccontare l’altra Napoli…però poi non si capisce mai qual è la Napoli e qual è l’altra Napoli. Napoli racchiude in sé tutte le verità e tutte le bugie sui luoghi comuni, e quindi è un universo, estremamente sfaccettato, che è impossibile raccontare nella sua totalità. E d’altronde farlo non è neanche interessante - non è la città che importa, ma sono le donne e gli uomini che quella terra genera, e le loro vite”.

Quelle che racconta De Angelis sono vite in bilico, che la società sembra allontanare, mettere all’angolo, scarti di una realtà che tiene prigionieri, a cui chi prova a sottrarsi è irrimediabilmente, alla fine, riconsegnato; come dal mare sono respinte, esanimi, le due protagoniste del film, nella scena che segna la tragica fine del loro tentativo di fuga. In questo, ha spiegato il regista, la terra del napoletano ritratta da “Indivisibili” “non è tanto diversa da qualche zona depressa dell’America, o del Messico, o del Medio Oriente”. Ed in questo sta anche la forza del film: perché la storia di Desy e Viola, la loro lotta per affermarsi come singoli mentre la vita le tiene indissolubilmente legate, è una sofferenza universale, che “parla con una voce che è comprensibile a chiunque”.

Quella di Desy e Viola si ispira anche a una storia vera, ha precisato il regista. “C’è stata una suggestione sia biografica sia estetica che parte da Daisy e Violet Hilton, due gemelle siamesi fenomeni da baraccone ai primi del Novecento, attaccate un po’ come le mie Desy e Viola che prendono poi il loro nome. Perché, soprattutto, [le gemelle Hilton] erano [fisicamente] carine: loro mi hanno dato l’idea che si potesse fare una storia in bilico tra l’attrazione e la repulsione, una storia in cui ci si chiedesse sempre chi è il vero mostro”.

Come Daisy e Violet Hilton, che si esibivano nell’allora popolarissimo circo Barnum come “freaks”, fenomeni da baraccone, anche le gemelle del film sono sfruttate per la loro diversità, la loro stranezza, da adulti senza scrupoli che ne fanno un simbolo di venerazione, e ancor più importante, una fonte di guadagno. “Il circo Barnum di allora è il reality show di oggi, è la lente di ingrandimento sul difetto che diventa fenomeno, o sul talento che diventa fenomeno”, ha raccontato il regista. “Ed è paradossale come nell’anno in cui chiude definitivamente i battenti il circo Barnum in America, il Paese si trasforma in un enorme circo Barnum e mette sotto i riflettori il suo più grande fenomeno da baraccone, Donald Trump”.

Ne è vittima l’America, di questa tendenza alla spettacolarizzazione in cui “tutto ciò che si trasforma in fenomeno si deforma sotto i grandangoli che lo riprendono, e sotto le luci”; ma anche noi italiani non ne siamo rimasti immuni. “In Italia ci siamo già passati, abbiamo trascorso vent’anni con un presidente del consiglio che era una specie di piccolo Trump”, ha detto De Angelis. “Oggi facciamo fatica a orientarci nelle macerie della morale da cui ci ritroviamo sommersi. Per questo auspico un atteggiamento dell’Europa più deciso, meno succube nei confronti dell’America. Auspico una forma di indipendenza dei singoli Stati, ma una reale forma di indipendenza, prima di tutto morale, e solo poi sociale, e poi politica, passa da lì”.

Altri Servizi

Corea del Nord ritira minaccia contro Guam, Seul avverte gli Usa

Pyongyang tenta di calmare le tensioni con Washington, che controlla l'isola nel Pacifico. La Corea del Sud avverte: nessuna azione militare senza il nostro consenso

Dopo un duello di parole acceso tra il regime di Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump e all'indomani di nuove sanzioni imposte dalla Cina, la Corea del Nord sembra avere ritirato la sua minaccia contro Guam ossia l'isola nel Pacifico occidentale che è un territorio Usa con circa 7.000 soldati.

Steve Bannon rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca

Dopo la condanna della base suprematista da parte di Trump, in molti all'interno del governo sperano che il presidente metta alla porta uno dei suoi più fidati consiglieri. Lo farà?
AP

La morte e la distruzione causata dai migliaia di estremisti bianchi che hanno manifestato sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, rappresentano una prova fondamentale per Donald Turmp e per la sua presidenza. Il miliardario ha aspettato 48 ore prima di condannare le violenze e il razzismo e il suprmastismo in modo univico.

L'alt-right sta creando la Silicon Valley ombra

I suprematisti bianchi, banditi da Uber, Airbnb e Twitter, hanno creato i loro servizi paralleli
AP

Dopo gli scontri avvenuti a Charlottesville, in Virginia, nel corso della manifestazione di migliaia di suprematisti bianchi, alcuni servizi della Silicon Valley hanno deciso espellere diverse persone che hanno partecipato alla giornata di violenza. Airbnb in particolare ha escluso tutti i neonazisti che avevano prenotato stanze nella città giorni prima della manifestazione di sabato 12 agosto. Allo stesso tempo anche Uber ha iniziato a comportarsi in modo molto più rigoroso verso gli estremisti di destra. Per questo motivo i gruppi dell'alt-right americana stanno creando servizi che ricalcano quelli della Silicon Valley, ai quali non possono più partecipare.

Charlottesville: Trump cambia idea, accusa anche "l'Alt-Left"

Il presidente Usa paragona manifestanti contro il razzismo ai suprematisti bianchi. Si difende dalle critiche post violenze in Virginia e dimostra di non volere sentirsi dire da nessuno che dichiarazioni rilasciare

Paragonare chi protesta contro il razzismo a neonazi e suprematisti bianchi. E paragonare Robert E Lee - leader delle forze confederate durante la guerra civile americana - al primo presidente americano George Washington. E' quello che ha fatto Donald Trump in riferimento alle violenze esplose sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia. Dall'ingresso della sua Trump Tower a New York, il presidente americano ha fatto inversione a U tornando a sposare le parole che aveva pronunciato sabato scorso parlando di "violenza da più parti" e a cui aveva aggiustato (controvoglia?) il tiro due giorni dopo condannando esplicitamente - ma solo dopo un forte pressing - il KKK, i neonazisti e i suprematisti bianchi, ora più galvanizzati dalle ultime dichiarazioni del miliardario di New York. 

Dopo il pressing, Trump condanna i suprematisti bianchi

Per il presidente Usa, il razzismo è il male. "Criminali" gli autori delle violenze a Charlottesville. Il segretario alla Giustizia lo aveva difeso. Il sito neonazi Daily Stormer cavalcava l'assenza di un messaggio duro. Il Ceo di Merck lo ha abbandonato
AP

Nel giorno in cui Donald Trump ha deciso di interrompere la sua "vacanza di lavoro" nel suo golf club in New Jersey per fare una tappa di qualche ora alla Casa Bianca prima di recarsi a New York City, l'America e i membri del suo partito hanno continuato a fare pressing su di lui. E lui li ha accontentati denunciando per nome i suprematisti bianchi.

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Sei leader scaricano Trump, lui: non fanno il loro lavoro seriamente

Dopo i Ceo di Merck, Intel e Under Armour, altri tre lasciano il consiglio per la manifattura voluto dal presidente Usa. L'ex segretario al Tesoro Summers chiede perché altri Ceo non facciano altrettanto
AP

Nel giro di 24 ore, quattro leader hanno deciso di silurare Donald Trump, reo di avere fornito con un ritardo di due giorni una condanna secca ed esplicita alle violenze di sabato 12 agosto esplose per colpa di suprematisti bianchi a Charlottesville, in Virginia. E tre giorni dopo i fatti, in una conferenza stampa in cui Trump è tornato sui suoi passi, parlando di una violenza da più parti e non solo dei suprematisti bianchi, altri due executive lo hanno abbandonato. Lui intanto aveva detto che quegli executive "non prendono seriamente il loro lavoro" e che "se ne stanno andando per imbarazzo, perché realizzano i loro prodotti all'estero" venendo dunque meno al suo caro motto "Make America Great Again".

Trump vuole inchiesta su furti proprietà intellettuale da parte della Cina

Pechino risponde: non ci sarebbero vincitori in una guerra commerciale. La mossa del presidente Usa mentre cerca dalla nazione asiatica un maggiore pressing sulla Corea del Nord
AP

Donald Trump alza il tiro contro la Cina su tecnologia e proprietà intellettuale. Come aveva fatto sapere la Casa Bianca, il presidente ha firmato un memorandum che riguarda pratiche, politiche e leggi cinesi, con particolare attenzione alle tematiche collegate appunto a innovazione, tecnologia e proprietà intellettuale. Così l'amministrazione americana intende rispondere a presunti furti di proprietà intellettuali, aumentando le pressioni su Pechino in quella che potrebbe trasformarsi in una rappresaglia commerciale in un momento in cui Washington vorrebbe dalla Cina maggiore collaborazione nella gestione della crisi nucleare nordcoreana.

Wall Street rimbalza, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP