Le morti da inquinamento costano 5mila miliardi di dollari l'anno

E' quanto ha calcolato la Banca Mondiale. Nel 1990 la cifra era di 2.600 miliardi. Aumenta il carico sulle nazioni asiatiche, protagoniste di una rapida industrializzazione

I decessi prematuri provocati dall’inquinamento costano all'economia globale ogni anni 5.100 miliardi di dollari, il doppio circa del Pil del Regno Unito. Il peso maggiore è sulla Cina - con gli Usa la nazione che inquina di più - e altre economie asiatiche in via di sviluppo. A dirlo è un rapporto della Banca Mondiale, che per la prima volta fornisce il costo per il welfare di un problema che è cresciuto a dismisura negli ultimi 25 anni.

Quel costo era di 2.600 miliardi di dollari nel 1990, con l'Asia orientale che si faceva carico di solo un terzo della cifra totale. L'industrializzazione e l'urbanizzazione della Cina e dei Paesi dell'Asia hanno portato il numero per solo quella regione a quota 2.300 miliardi di dollari nel 2013, l'ultimo anno a cui fa riferimento lo studio dell'istituto di Washington.

Secondo il documento, 5,5 milioni di decessi prematuri ci sono stati nel 2013 a causa dell'inquinamento. Oltre il 90% di quelle morti c'è stato nelle nazioni in via di sviluppo con bambini sotto i 5 anni che rischiano di contrarre malattie fatali circa 60 volte in più rispetto ai Paesi con un reddito pro capite alto.

L'esposizione continua alle polveri sottili aumenta il rischio di sviluppare tumori, infarti e problemi polmonari. Malattie che richiedono cure immediate e un’assistenza medica continua per milioni di persone. Un costo economico gigantesco che, se i paesi in questione non mettono in atto misure preventive, continuerà ad aumentare.

“I Paesi stanno reagendo", spiega Urvashi Narain, che ha compilato il rapporto della Banca Mondiale, pubblicato dopo il G20 ospitato dalla Cina in cui le principali 20 economie al mondo si sono impegnate a ratificare l'accordo sul clima raggiunto nel dicembre 2015 a Parigi sotto l'egida Onu. "La Cina ha dichiarato guerra all'inquinamento. L'India ha fatto lo stesso. Allo stesso tempo però se ci città come Londra o Parigi dove ancora c'è preoccupazione" su questo fronte.

Altri Servizi

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Trump minaccia l'Iran, Macron cerca un compromesso sull'accordo nucleare

Il presidente Usa: nessuna concessione alla Corea del Nord. Il leader francese "fiducioso" sui dazi. Il ministro iraniano degli Esteri Zarif: "C'è un deficit di dialogo"
AP

Uno ha fatto la voce grossa. L'altro ha preferito toni più pacati per continuare a coltivare la sua relazione speciale con il padrone di casa e allo stesso tempo portare avanti gli interessi dei partner della Ue. Si inquadrano così i colloqui tra Donald Trump ed Emmanuel Macron sull'Iran.

iStock

Da sempre il Nasdaq è sinonimo di Ipo tecnologiche. Ma nell'ultimo anno la supremazia dell'exchange è minacciata dal New York Stock Exchange, che nel marzo 2017 ha visto il debutto in borsa della app Snapchat e all'inizio del mese in corso quello del servizio di musica in streaming Spotify. In vista delle quotazioni di giganti come Uber e Airbnb, Wall Street si domanda chi l'avrà vinta tra i due exchange.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

Il rendimento del T-Bond a 10 anni tocca il 3%

E' la prima volta dal gennaio 2014. Azionario nervoso. Focus su vertice Trump-Macron
iStock

Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap