Le morti da inquinamento costano 5mila miliardi di dollari l'anno

E' quanto ha calcolato la Banca Mondiale. Nel 1990 la cifra era di 2.600 miliardi. Aumenta il carico sulle nazioni asiatiche, protagoniste di una rapida industrializzazione

I decessi prematuri provocati dall’inquinamento costano all'economia globale ogni anni 5.100 miliardi di dollari, il doppio circa del Pil del Regno Unito. Il peso maggiore è sulla Cina - con gli Usa la nazione che inquina di più - e altre economie asiatiche in via di sviluppo. A dirlo è un rapporto della Banca Mondiale, che per la prima volta fornisce il costo per il welfare di un problema che è cresciuto a dismisura negli ultimi 25 anni.

Quel costo era di 2.600 miliardi di dollari nel 1990, con l'Asia orientale che si faceva carico di solo un terzo della cifra totale. L'industrializzazione e l'urbanizzazione della Cina e dei Paesi dell'Asia hanno portato il numero per solo quella regione a quota 2.300 miliardi di dollari nel 2013, l'ultimo anno a cui fa riferimento lo studio dell'istituto di Washington.

Secondo il documento, 5,5 milioni di decessi prematuri ci sono stati nel 2013 a causa dell'inquinamento. Oltre il 90% di quelle morti c'è stato nelle nazioni in via di sviluppo con bambini sotto i 5 anni che rischiano di contrarre malattie fatali circa 60 volte in più rispetto ai Paesi con un reddito pro capite alto.

L'esposizione continua alle polveri sottili aumenta il rischio di sviluppare tumori, infarti e problemi polmonari. Malattie che richiedono cure immediate e un’assistenza medica continua per milioni di persone. Un costo economico gigantesco che, se i paesi in questione non mettono in atto misure preventive, continuerà ad aumentare.

“I Paesi stanno reagendo", spiega Urvashi Narain, che ha compilato il rapporto della Banca Mondiale, pubblicato dopo il G20 ospitato dalla Cina in cui le principali 20 economie al mondo si sono impegnate a ratificare l'accordo sul clima raggiunto nel dicembre 2015 a Parigi sotto l'egida Onu. "La Cina ha dichiarato guerra all'inquinamento. L'India ha fatto lo stesso. Allo stesso tempo però se ci città come Londra o Parigi dove ancora c'è preoccupazione" su questo fronte.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Negli Stati Uniti, si festeggia il giorno dei presidenti

Ogni terzo lunedì di febbraio, il Paese celebra i suoi leader. In origine, era solo una festa per commemorare Washington, il primo presidente

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, lo trascorrerà a West Palm Beach, dove è arrivato venerdì, e giocherà a golf; in serata, farà ritorno alla Casa Bianca. Su Twitter, in mattinata, ha augurato "un grande, ma riflessivo, Presidents' Day!". 

La legalizzazione delle scommesse sportive divide gli Stati Uniti

Entro giugno, è attesa una sentenza della Corte Suprema che potrebbe dare il via libera in tutto il Paese, mentre per ora sono consentite solo in quattro Stati. A guidare i contrari è la Ncaa: l'integrità dello sport universitario sarebbe a rischio

In Italia e in molti Paesi d'Europa, le scommesse sportive non sono più un tabù e siamo ormai abituati a vedere le persone scommettere su ogni evento, dalla finale di Champions League alle partite di badminton in Indonesia. Negli Stati Uniti, invece, non è così. Ma le cose potrebbero presto cambiare.

In Alaska il reddito di cittadinanza fa bene all'economia

E' quanto emerge dallo studio condotto per il National Bureau of Economic Research, da due economisti: Damon Jones dell'Università di Chicago e Ioana Marinescu, docente presso l'Università della Pennsylvania.

Walmart cede il 9% in borsa, non convince nelle vendite online

Nell'ultimo trimestre del 2017 ha dato segni di debolezza. Le sue vendite online nel periodo delle feste sono cresciute solo del 24%, rispetto al 50% dello stesso periodo del 2016.

La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Trump appoggia Romney, candidato al Senato

Vecchie ruggini tra loro, ma il voto di Mitt sarebbe fondamentale in Aula. L'ex governatore ha ringraziato il presidente

Casa Bianca: Trump favorevole a maggiori controlli per l'acquisto di armi

Dopo l'ultima strage in Florida, si moltiplicano gli appelli ad agire per evitare che fatti simili continuino a ripetersi