Le "parole di carne" di Don Ciotti per raccontare in un film la lotta alla mafia

Presentato a New York "Sono cosa nostra" in vista del ventennale della legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali
Don Ciotti e Paolo Del Brocco, a.d. di Rai Cinema Rai Cinema

Parole "di carne". Per svegliare le coscienze. Per raccontare con la concretezza dei fatti che un cambiamento è possibile. Per portare avanti la lotta alle mafie in cui è "il noi che vince". Per dire che non basta essere "cittadini a intermittenza". A Don Ciotti le parole vuote non piacciono. Lui preferisce "segni concreti", quelli che danno speranza. Quei segni emergono da "Sono cosa nostra", un documentario voluto da Rai Cinema (nella foto, alla sinistra di Don Ciotti, l'amministratore delegato Paolo Del Brocco), co-prodotto con Clipper Media e di cui Don Ciotti è protagonista insieme ai giovani volti di un'Italia che si è impossessata dei beni sottratti ai boss criminali per restituire dignità attraverso il lavoro.

Presentato in anteprima mondiale a Brooklyn, New York, il 7 dicembre 2015, il documentario ha due obiettivi: da un lato, celebrare il ventennale della legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali, entrata in vigore il 7 marzo del 1996 grazie alla raccolta di un milione di firme in tutto il territorio nazionale da parte dell'associazione Libera (di cui Don Ciotti è il deus ex machina); dall'altro, mostrare con esempi tangibili il circolo virtuoso che un tale provvedimento sta avendo in tutto il nostro Paese, dalla Sicilia alla Puglia per arrivare fino alla Lombardia e al Piemonte. Perché le mafie esistono anche al Nord, "hanno conquistato nuovi percorsi, nuove modalità, vivono e crescono in mezzo a noi, tocca anche a noi riconoscerlo".

In quanto rappresentante di oltre 1.600 associazioni impegnate nel contrasto alle mafie, Don Ciotti si racconta ad America24. Lo fa con una determinazione spiazzante ma coinvolgente. Lo fa enfatizzando la portata di una legge che permette a "beni esclusivi di diventare beni condivisi", che sono cosa nostra appunto e che si trasformano in "uno strumento di riscatto economico e sociale".

La pellicola - completata poco prima dalla premiere e realizzata in soli 40 giorni - "è un segno di speranza ma la speranza ha bisogno di ciascuno di noi", spiega Don Ciotti. "Tutto ciò è un problema di democrazia perché essa si fonda su due grandi doni: sulla dignità umana e sulla giustizia. Ma la democrazia non starà mai in piedi se non c'è una terza gamba che la sorregge: la responsabilità. E' quella che chiediamo alle istituzioni e alla politica: si assumano la loro quota di responsabilità. Ma c'è una quota di responsabilità che riguarda noi come cittadini". Per questo Don Ciotti invita a "tirare fuori le nostre unghie, a metterci in gioco, a imparare il coraggio di avere più coraggio tutti insieme. [C'è] troppa prudenza. Bisogna osare di più. Bisogna mettersi di più in gioco".

Ad averlo fatto sono le circa 500 le associazioni che fanno utilizzo sociale di beni confiscati a boss mafiosi, un orgoglio italiano visto che una direttiva Ue suggerisce di non vendere i beni confiscati ma di impiegarli a fini appunto sociali. Per Don Ciotti, "la lotta alla mafia ha bisogno di lavoro e scuola. Dopo tanti anni posso dirlo. E' la cultura che dà la sveglia alle coscienze". Ma in Italia ci si può svegliare? Lui non ha dubbi: "Deve. Dobbiamo. Dobbiamo. Dobbiamo". Secondo il prete nato a Pieve di Cadore nel 1945 e poi emigrato in Piemonte, "non basta commuoversi solo quando succedono le grandi tragedie, bisogna muoversi di più tutti". Il suo motto è chiaro: "No alla rassegnazione. No alla delega. No all'indifferenza". Quella serie di no rappresentano "la malattia mortale, non solo in Italia: pensare che tocca sempre agli altri fare. C'è una parte di responsabilità e di impegno che tocca a ciascuno di noi e che poi comincia dalle piccole cose". Come quelle che vanno in scena nel documentario, "un viaggio itinerante", spiega il regista Simone Aleandri, "che dà un volto e una voce a chi combatte [le mafie] quotidianamente sul territorio; che è il segno di un'Italia che ce la fa". Si va dalla Cooperativa Pietra di scarto di Cerignola (Foggia), dove si coltivano olive e pomodori, al maglificio “100Quindici Passi” (provincia di Avellino, Campania) passando per la Calcestruzzi Ericina di Trapani (Sicilia) e - tra gli altri - il Bar Italia Libera di Torino (Piemonte) e il circolo Il Balzo di Milano (Lombardia) dove ragazzi con disabilità cognitiva organizzano settimanalmente un aperitivo durante il quale sono loro a fare qualcosa per gli altri e non il contrario.

Questi sono "piccoli esempi di centinaia di esempi" di come lo Stato abbia vinto. Ma per Don Ciotti - che ricorda come non ci sia stato un bene confiscato che non sia stato distrutto, bruciato, vandalizzato - si può fare ancora di più. "Solo" 17.000 beni immobili sono stati confiscati alla mafia. E ci sono migliaia di aziende appartenenti alla criminalità organizzata oggetto di processo e che potrebbero diventare "cosa nostra". Con orgoglio, il parroco dice che è passata alla Camera dei deputati una proposta ora al vaglio del Senato che per esempio prevede la confisca dei beni non solo ai mafiosi ma anche ai corrotti.

Don Ciotti parla anche della crisi dei rifugiati che sta toccando l'Europa per dire che "i migranti sono vittime della mafia perché i grandi boss non arrivano con i barconi e non arrivano nascosti sui tir ai confini dell'Europa. Questo è chiaro a tutti. Sono i poveri cristi. Sono quelli usati, sfruttati, anche dalle organizzazioni criminali mafiosi". Secondo lui "uno non può essere condannato a vita dal luogo di nascita". E non ci si può dimenticare di due cose. La prima: "la maggior parte di loro fugge dalla violenza, dalle dittature, dai conflitti e un'altra parte fugge anche dalle tragedie ambientali che avvengono sulla faccia di questa Terra". La seconda: quella vissuta ora da milioni di migranti "è stata anche la nostra storia, la storia di milioni di italiani" emigrati "per la stessa ragione: il lavoro. Perché senza lavoro è morte civile. Perché il lavoro dà l'identità sociale, la dignità, la libertà".

Gli chiediamo se Papa Francesco sta aiutando a risvegliare la coscienza collettiva, la vera riforma per Don Ciotti. "Certo", risponde. "Quando ho visto per la prima volta il papa gli ho chiesto se se la sentiva di incontrare 1.200 famigliari delle vittime innocenti di mafia. Non mi ha fatto finire che mi ha detto 'vengo'. Gli spiegato che non tutti erano cattolici. E lui mi ha risposto 'che bello'. E' poi venuto ad incontrarli, ad abbracciarli, a dare parole di coraggio e vicinanza, di condivisione. Erano collegate 55 tv di tutto il mondo". Per Don Ciotti quello è stato "un momento importante, una Chiesa che invita ad andare verso le periferie, non solo quelle geografiche ma anche quelle dell'anima, le periferie dove c'è la disperazione, la ricerca di senso, di speranza. E lui ha dato speranza a questi famigliari". E' così che Don Ciotti ricorda il dono dato al pontefice, "un figlio di italiani" (emigranti piemontesi), al loro primo faccia a faccia: un pacco di caffè. "Quattro giorni dopo sono passato al bar (Beccuti, ndr) che me lo aveva dato a Torino e il barista mi fa 'il papa mi ha scritto'", racconta Don Ciotti. Usando l'indirizzo sulla confezione del caffè ben tostato, il Papa ha inviato un messaggio che suonava più o meno così: "Il caro don luigi mi ha portato in dono un pacco del vosto caffè. Io me lo sono fatto. Molto buono. Grazie. Papa Francesco". E così Don Ciotti al secondo incontro gli ha portato due pacchi di caffè.

Di Papa Francesco, Don Ciotti ama l'umiltà. "La cosa che mi ha colpito la prima volta che ci siamo incontrati è che mi ha detto: 'Io non conosco bene questo problema della mafia. Conosco di più quello della corruzione. Mi mandi degli appunti?'. L'umiltà. Diffidare di quelli che hanno capito tutto, che sanno tutto. Ogni giorno siamo qui che ci interroghiamo, cerchiamo di capire. C'è una velocità nei cambiamenti, nelle trasformazioni, abbiamo bisogno veramente di vivere questa consapevolezza del noi. Perché quello che non faccio io lo fai tu, quello che non fai tu lo fa un altro. Lo facciamo insieme. E' il noi che vince. E' il noi che vince. Non è opera di navigatori solitari".

Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Sotheby's venduta al fondatore di Altice per 3,7 mld di dollari

Il magnate delle tlc Patrick Drahi compra la casa d'aste attraverso la sua BidFair Usa. La transazione risulterà nel delisting del gruppo dopo 31 anni trascorsi come azienda quotata al New York Stock Exchange

Sotheby's ha annunciato di avere trovato un accordo per essere acquisita da BidFair Usa, società di proprietà del collezionista d'arte e magnate delle tlc Patrick Drahi (che controlla e ha fondato Altice).

Trump disposto a ricevere informazioni su rivali da governi stranieri

"Non c'è nulla di sbagliato nell'ascoltare", ha detto il presidente a Abc. Democratici contro: per Pelosi, dà "semaforo verde" ai russi per interferire di nuovo nelle elezioni. Per lui non si tratterebbe di interferenza ma di "ricerche sull'opposizione"
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, accetterebbe informazioni compromettenti su un candidato rivale alle presidenziali del 2020 anche se a fornirle fossero potenze straniere. Lo ha detto lui stesso in una intervista al canale Abc. "Credo che uno vorrebbe ascoltare. Non c'è nulla di male nell'ascoltare", ha dichiarato il leader statunitense. "Se qualcuno chiama da un Paese, la Norvegia, [dicendo] 'Abbiamo informazioni sul tuo avversario', oh, credo che vorrei ascoltare", ha aggiunto l'inquilino della Casa Bianca aprendo uno scenario simile a quello finito al centro dell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate condotta da Robert Mueller e pensata per determinare se c'è stata collusione tra la campagna Trump e la Russia, specialmente nel diffondere email discutibili hackerate dal Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico, e da persone che lavoravano per la candidata democratica Hillary Clinton. Mueller ha concluso che non ci sono state prove sufficienti per determinare che Trump o i suoi collaboratori abbiano colluso con Moscama ha anche sostenuto che Mosca ha interferito ampiamente nelle elezioni.

Trump in svantaggio contro cinque democratici: ora lo afferma anche un sondaggio di Fox News

Il presidente aveva definito una "Fake News" i precedenti sondaggi negativi per la sua rielezione
Ap

Un sondaggio di Fox News, televisione amica del presidente statunitense, conferma le recenti indicazioni di altre rilevazioni: Donald Trump è in svantaggio rispetto a cinque candidati alla nomination democratica, tra cui l'ex vicepresidente Joe Biden.