Le "parole di carne" di Don Ciotti per raccontare in un film la lotta alla mafia

Presentato a New York "Sono cosa nostra" in vista del ventennale della legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali
Don Ciotti e Paolo Del Brocco, a.d. di Rai Cinema Rai Cinema

Parole "di carne". Per svegliare le coscienze. Per raccontare con la concretezza dei fatti che un cambiamento è possibile. Per portare avanti la lotta alle mafie in cui è "il noi che vince". Per dire che non basta essere "cittadini a intermittenza". A Don Ciotti le parole vuote non piacciono. Lui preferisce "segni concreti", quelli che danno speranza. Quei segni emergono da "Sono cosa nostra", un documentario voluto da Rai Cinema (nella foto, alla sinistra di Don Ciotti, l'amministratore delegato Paolo Del Brocco), co-prodotto con Clipper Media e di cui Don Ciotti è protagonista insieme ai giovani volti di un'Italia che si è impossessata dei beni sottratti ai boss criminali per restituire dignità attraverso il lavoro.

Presentato in anteprima mondiale a Brooklyn, New York, il 7 dicembre 2015, il documentario ha due obiettivi: da un lato, celebrare il ventennale della legge 109 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali, entrata in vigore il 7 marzo del 1996 grazie alla raccolta di un milione di firme in tutto il territorio nazionale da parte dell'associazione Libera (di cui Don Ciotti è il deus ex machina); dall'altro, mostrare con esempi tangibili il circolo virtuoso che un tale provvedimento sta avendo in tutto il nostro Paese, dalla Sicilia alla Puglia per arrivare fino alla Lombardia e al Piemonte. Perché le mafie esistono anche al Nord, "hanno conquistato nuovi percorsi, nuove modalità, vivono e crescono in mezzo a noi, tocca anche a noi riconoscerlo".

In quanto rappresentante di oltre 1.600 associazioni impegnate nel contrasto alle mafie, Don Ciotti si racconta ad America24. Lo fa con una determinazione spiazzante ma coinvolgente. Lo fa enfatizzando la portata di una legge che permette a "beni esclusivi di diventare beni condivisi", che sono cosa nostra appunto e che si trasformano in "uno strumento di riscatto economico e sociale".

La pellicola - completata poco prima dalla premiere e realizzata in soli 40 giorni - "è un segno di speranza ma la speranza ha bisogno di ciascuno di noi", spiega Don Ciotti. "Tutto ciò è un problema di democrazia perché essa si fonda su due grandi doni: sulla dignità umana e sulla giustizia. Ma la democrazia non starà mai in piedi se non c'è una terza gamba che la sorregge: la responsabilità. E' quella che chiediamo alle istituzioni e alla politica: si assumano la loro quota di responsabilità. Ma c'è una quota di responsabilità che riguarda noi come cittadini". Per questo Don Ciotti invita a "tirare fuori le nostre unghie, a metterci in gioco, a imparare il coraggio di avere più coraggio tutti insieme. [C'è] troppa prudenza. Bisogna osare di più. Bisogna mettersi di più in gioco".

Ad averlo fatto sono le circa 500 le associazioni che fanno utilizzo sociale di beni confiscati a boss mafiosi, un orgoglio italiano visto che una direttiva Ue suggerisce di non vendere i beni confiscati ma di impiegarli a fini appunto sociali. Per Don Ciotti, "la lotta alla mafia ha bisogno di lavoro e scuola. Dopo tanti anni posso dirlo. E' la cultura che dà la sveglia alle coscienze". Ma in Italia ci si può svegliare? Lui non ha dubbi: "Deve. Dobbiamo. Dobbiamo. Dobbiamo". Secondo il prete nato a Pieve di Cadore nel 1945 e poi emigrato in Piemonte, "non basta commuoversi solo quando succedono le grandi tragedie, bisogna muoversi di più tutti". Il suo motto è chiaro: "No alla rassegnazione. No alla delega. No all'indifferenza". Quella serie di no rappresentano "la malattia mortale, non solo in Italia: pensare che tocca sempre agli altri fare. C'è una parte di responsabilità e di impegno che tocca a ciascuno di noi e che poi comincia dalle piccole cose". Come quelle che vanno in scena nel documentario, "un viaggio itinerante", spiega il regista Simone Aleandri, "che dà un volto e una voce a chi combatte [le mafie] quotidianamente sul territorio; che è il segno di un'Italia che ce la fa". Si va dalla Cooperativa Pietra di scarto di Cerignola (Foggia), dove si coltivano olive e pomodori, al maglificio “100Quindici Passi” (provincia di Avellino, Campania) passando per la Calcestruzzi Ericina di Trapani (Sicilia) e - tra gli altri - il Bar Italia Libera di Torino (Piemonte) e il circolo Il Balzo di Milano (Lombardia) dove ragazzi con disabilità cognitiva organizzano settimanalmente un aperitivo durante il quale sono loro a fare qualcosa per gli altri e non il contrario.

Questi sono "piccoli esempi di centinaia di esempi" di come lo Stato abbia vinto. Ma per Don Ciotti - che ricorda come non ci sia stato un bene confiscato che non sia stato distrutto, bruciato, vandalizzato - si può fare ancora di più. "Solo" 17.000 beni immobili sono stati confiscati alla mafia. E ci sono migliaia di aziende appartenenti alla criminalità organizzata oggetto di processo e che potrebbero diventare "cosa nostra". Con orgoglio, il parroco dice che è passata alla Camera dei deputati una proposta ora al vaglio del Senato che per esempio prevede la confisca dei beni non solo ai mafiosi ma anche ai corrotti.

Don Ciotti parla anche della crisi dei rifugiati che sta toccando l'Europa per dire che "i migranti sono vittime della mafia perché i grandi boss non arrivano con i barconi e non arrivano nascosti sui tir ai confini dell'Europa. Questo è chiaro a tutti. Sono i poveri cristi. Sono quelli usati, sfruttati, anche dalle organizzazioni criminali mafiosi". Secondo lui "uno non può essere condannato a vita dal luogo di nascita". E non ci si può dimenticare di due cose. La prima: "la maggior parte di loro fugge dalla violenza, dalle dittature, dai conflitti e un'altra parte fugge anche dalle tragedie ambientali che avvengono sulla faccia di questa Terra". La seconda: quella vissuta ora da milioni di migranti "è stata anche la nostra storia, la storia di milioni di italiani" emigrati "per la stessa ragione: il lavoro. Perché senza lavoro è morte civile. Perché il lavoro dà l'identità sociale, la dignità, la libertà".

Gli chiediamo se Papa Francesco sta aiutando a risvegliare la coscienza collettiva, la vera riforma per Don Ciotti. "Certo", risponde. "Quando ho visto per la prima volta il papa gli ho chiesto se se la sentiva di incontrare 1.200 famigliari delle vittime innocenti di mafia. Non mi ha fatto finire che mi ha detto 'vengo'. Gli spiegato che non tutti erano cattolici. E lui mi ha risposto 'che bello'. E' poi venuto ad incontrarli, ad abbracciarli, a dare parole di coraggio e vicinanza, di condivisione. Erano collegate 55 tv di tutto il mondo". Per Don Ciotti quello è stato "un momento importante, una Chiesa che invita ad andare verso le periferie, non solo quelle geografiche ma anche quelle dell'anima, le periferie dove c'è la disperazione, la ricerca di senso, di speranza. E lui ha dato speranza a questi famigliari". E' così che Don Ciotti ricorda il dono dato al pontefice, "un figlio di italiani" (emigranti piemontesi), al loro primo faccia a faccia: un pacco di caffè. "Quattro giorni dopo sono passato al bar (Beccuti, ndr) che me lo aveva dato a Torino e il barista mi fa 'il papa mi ha scritto'", racconta Don Ciotti. Usando l'indirizzo sulla confezione del caffè ben tostato, il Papa ha inviato un messaggio che suonava più o meno così: "Il caro don luigi mi ha portato in dono un pacco del vosto caffè. Io me lo sono fatto. Molto buono. Grazie. Papa Francesco". E così Don Ciotti al secondo incontro gli ha portato due pacchi di caffè.

Di Papa Francesco, Don Ciotti ama l'umiltà. "La cosa che mi ha colpito la prima volta che ci siamo incontrati è che mi ha detto: 'Io non conosco bene questo problema della mafia. Conosco di più quello della corruzione. Mi mandi degli appunti?'. L'umiltà. Diffidare di quelli che hanno capito tutto, che sanno tutto. Ogni giorno siamo qui che ci interroghiamo, cerchiamo di capire. C'è una velocità nei cambiamenti, nelle trasformazioni, abbiamo bisogno veramente di vivere questa consapevolezza del noi. Perché quello che non faccio io lo fai tu, quello che non fai tu lo fa un altro. Lo facciamo insieme. E' il noi che vince. E' il noi che vince. Non è opera di navigatori solitari".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.