Le tasse in America, tra mito e realtà

Negli USA si evade molto meno che in italia. Ma è vero che là gli evasori finiscono in galera?

Ieri negli Stati Uniti era il “Tax Day”, il giorno dell'anno entro il quale si deve pegare l'imposta federale sui redditi, che dagli anni Cinquanta cade il 15 aprile o il primo giorno non festivo successivo a questa data. Le tasse non si pagano mai di buon grado: nonostante la pressione fiscale negli Stati Uniti sia quasi la metà di quella italiana, il contribuente americano la vive con la stessa rabbiosa insofferenza con la quale il peso delle tasse viene sopportato dal contribuente italiano. Del resto gli USA sono un paese nato da una rivolta fiscale, e dall'originario Tea Party bostoniano del 1773 sino ai recenti revival anti-Obama quella tradizione resta molto forte oltreoceano.

Ciò su cui varrebbe forse la pena di riflettere è che in America le tasse si evadono molto meno che in Italia, dove pure quello della rivolta fiscale non è mai stato più che un fenomeno di nicchia: è come se la rivolta e l'evasione fossero in rapporto di proporzionalità inversa. La ONG britannica Tax Justice Network ha recentemente stimato l'ammontare complessivo dell'evasione fiscale USA nell'8,6% del PIL: meno di un terzo di quella Italiana, che è invece stimata nel 27% (un dato molto più prossimo a quello di Paesi “in via di sviluppo”, come il 39% del Brasile ad esempio).

Ora, il luogo comune è che in America si evade di meno perché gli evasori fiscali finiscono dritti in galera. Ma è proprio così?
In teoria sì, ma in pratica i processi per frode fiscale sono inutilmente costosi e complicati (anche perché i federali hanno l'onere di dimostrare che la trasgressione della legge è stata del tutto intenzionale, non dovuta a semplice negligenza). Ogni anno qualche centinaio di casi di evasione particolarmente gravi vengono fatti oggetto di processi penali; ma nella gran parte dei casi accade qualcosa di molto più simile a ciò che accade in Italia, con un ente di nome IRS (Internal Revenue Service) che, più o meno come l'italiano Equitalia (infatti gode della medesima popolarità...), opera per garantire la riscossione di quelle tasse che dovrebbero essere “il prezzo che paghiamo per vivere in una società civile" secondo la romantica definizione contenuta in una celebre sentenza della Corte Suprema scritta nel 1927 dal Giudice Oliver Wendell Holmes, frase spesso citata da Franklin Delano Roosevelt e scolpita sulla facciata del palazzo di Washington ove l'IRS ha sede.

Proprio come il nostrano Equitalia, l'IRS deve la propria impopolarità non solo al fatto stesso di essere l'esattore, ma anche per i metodi adottati: ad esempio l'incentivo ai delatori (i cosiddetti “whistle blowers”), i quali, protetti dall'anonimato, possono passare all'ente informazioni utili a beccare sul fatto un evasore in cambio di un “premio” che varia tra il 15 e il 30% di quanto poi verrà effettivamente recuperato.

Quindi, chi ieri non avesse provveduto a pagare le tasse, entro un mese riceverà dall'IRS una lettera di contestazione. Per circa un mese riceverà solleciti bonari per email o per telefono; dopodiché scatterà un interesse di mora del 5% al mese, più una sanzione pari al 100% dell'imposta dovuta. In altre parole, l'IRS si metterà a braccarlo per più del doppio di quanto avrebbe dovuto versare ieri. Questo in caso di evasione totale; se un'imposta è stata versata ma non è ritenuta congrua dall'IRS, si riceve la contestazione con una richiesta dell'integrazione caricata di una mora molto più modesta.
Poi, se la richiesta di pagamento viene ignorata, l'IRS impone un vincolo legale su tutto il patrimonio presente e futuro dell'evasore, che non se ne libererà finhé non avrà pagato lo Zio Sam sino all'ultimo centesimo.

Al Capone nel 1932 ad Alcatraz per evasione fiscale
Altri Servizi

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

Wall Street attende la decisione della Fed sui tassi

Alle 20 italiane l'annuncio: probabile un nuovo taglio di 25 punti base
AP

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

La Casa Bianca interviene nello scontro tra General Motors e sindacato. Secondo due fonti di Politico, l'amministrazione statunitense sta cercando di portare le due parti a un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown, in Ohio, che Gm ha chiuso a marzo e che il sindacato e il presidente Donald Trump vogliono sia riaperta.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap