I leader del G7 a Trump: stop alla guerra commerciale

Il premier britannico Boris Johnson sceglie attentamente le parole con cui mettere in guardia il presidente Usa. Tusk (Consiglio Ue) contro nazionalismo e "nuove forme di autoritarismo"
White House

Tutti contro Donald Trump, tranne forse Boris Johnson. Si profila così questa edizione del G7 un anno dopo un summit ad alta tensione in cui il presidente americano aveva tolto la sua firma dal comunicato congiunto che i leader delle sette maggiori economie al mondo avevano concordato in Canada (lo aveva fatto dall'Air Force One che lo stava portando a incontrare il leader nordcoreano dopo avere sentito Justin Trudeau in conferenza stampa lamentarsi dei dazi americani). Per evitare il ripetersi di una debacle simile, il presidente francese Emmanuel Macron - che ospita il vertice nella località di mare di Biarritz - ha deciso che il G7 finirà senza un comunicato. Ma l'assenza di un pezzo di carta condiviso non impedirà al summit di essere all'insegna dei disaccordi.

Trump si presenterà domani mattina davanti agli altri leader in una sessione dedicata all'economia voluta dagli Usa. L'inquilino della Casa Bianca si vanterà delle sue politiche economiche, sostenendo che la sua America va a gonfie vele mentre il resto del mondo potrebbe finire in recessione. Per questo avrà un messaggio per tutti.

Minaccerà il padrone di casa, la Francia, a causa di quella che un alto funzionario dell'amministrazione ha descritto in una call con la stampa come una tassa "altamente discriminatioria", la digital tax pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia. "E' altamente controproducente", ha aggiunto il funzionario. Si tenga presente che il G7 finirà il 26 agosto come il periodo di raccolta commenti aperto dal rappresentante americano del commercio, Robert Lighthizer, che potrebbe annunciare dazi contro prodotti francesi come il vino.

Alla Germania di Angela Merkel andrà a dire che deve ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia. Tradotto: fermi il Nord Stream 2, il gasdotto che servirà per raddoppiare le forniture di gas russo direttamente alla nazione tedesca attraverso il Mar Baltico. A questo proposito ventilerà di nuovo sanzioni contro l'infrastruttura.

E mentre bacchetterà gli alleati della Nato, lamentandosi che non fanno abbastanza per spendere il 2% del loro Pil in difesa, Trump massaggerà la sua nascente relazione con il neo premier britannico. Quello tra i due leader sarà il primo incontro faccia a faccia da quando Johnson è diventato l'inquilino di 10 Downing Street. "La priorità", ha spiegato un funzionario, "sarà sulle discussioni riguardanti la partnership molto stretta tra Usa e Gb e sui modi per fare in modo che continui a essere così". Mentre si lavora alla Brexit, Usa e Regno Unito puntano a potenziale la loro relazione bilaterale discutendo anche di un possibile accordo commerciale. "Saremmo entusiasti di raggiungerne uno. Ci piacerebbe potere fare progressi", ha spiegato un membro dell'amministrazione Trump. Alla vigilia della sessione voluta dagli Usa, Johnson ha però fatto sapere che al leader Usa dirà di fermare la guerra commerciale inasprita con la decisione di alzare i dazi contro la Cina, cosa che venerdì  23 agosto ha mandato a picco gli indici a Wall Street. "Sono molto preoccupato di quello che sta succedendo, dell'aumento del protezionismo, dei dazi", ha dichiarato. Scegliendo accuratamente le parole con cui avvertire Trump senza però insultarlo, il premier britannico ha detto: "Coloro che supportano i dazi rischiano di essere accusati di essere responsabili di una frenata dell'economia mondiale, a prescindere dal fatto che questo sia vero o no".

Su questo anche Donald Tusk, il presidente del Consiglio europeo, è stato netto: il G7 sarà per lui un "test difficile per l'unità e la solidarietà" di fronte a un "aumento del nazionalismo e di nuove forme di autoritarismo".

Anche Macron, in un messaggio televisivo, ha espresso preoccupazione per le crescenti tensioni commerciali. Secondo lui bisogna "evitare una guerra commerciale che sta per esplodere ovunque".

Il commercio sarà in cima all'agenda di Trump, ma secondo un approccio bilaterale e non multilaterale. E infatti nel suo incontro con Trudeau, il presidente Usa discuterà dello Usmca che ancora deve essere ratificato nei Congressi delle due nazioni mentre tornerà ad attaccare l'Organizzazione mondiale del commercio. E con Shinzo Abe, Trump porterà avanti le discussioni già in corso "per aprire il mercato giapponese ai lavoratori e agli agricoltori Usa".

Il tutto andrà in scena mentre la foresta amazzonica brucia mettendo a repentaglio l'accordo commerciale siglato a giugno dopo 20 anni di negoziati tra l'Unione europea e il blocco economico sudamericano chiamato Mercosur, che comprende Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay. Tusk ha avvertito. "E' difficile immaginare un iter di ratificazione armonioso da parte dei paesi europei se il governo brasiliano permette la distruzione dei polmoni verdi del pianeta Terra", ha detto Tusk. Sia la Ue sia l'America di Trump hanno offerto aiuto al Brasile per spegnere gli incendi in un'area che chiama in causa un altro tema che separa gli Usa dal resto del mondo: il clima.

Altri Servizi

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

Disney e Apple rivali sullo streaming, Iger lascia il board di Cupertino

A novembre, le due società lanceranno i rispettivi cataloghi, creando un possibile conflitto d'interesse per il Ceo dell'azienda di intrattenimento
Ap

L'amministratore delegato di Walt Disney Co., Robert Iger, si è dimesso dal Board of Directors di Apple. Lo ha reso noto la società di Cupertino, recidendo il legame tra le due aziende, che si preparano a lanciare i propri servizi di video-streming. Iger, che guida Disney dal 2005 e faceva parte del board di Apple dal 2012, aveva un rapporto stretto con il fondatore di Apple, Steve Jobs, nato nel 2006 con la vendita di Pixar Animation Studios, di cui Jobs era presidente, alla Disney.

iStock

Le tensioni commerciali tra Usa e Cina, la perdita di Amazon come cliente e costi in aumento per le spedizioni su strada hanno pesato sui conti di FedEx, che ha deluso gli analisi e ha tagliato l'outlook per l'intero esercizio fiscale. Il titolo FedEx è arrivato a perdere il 13% a 160,21 dollari nell'after-hours ieri a Wall Street dopo una seduta finita in ribasso dello 0,16% a 173,3 dollari.

Per il secondo giorno di fila la Federal Reserve intende iniettare 75 miliardi di dollari in un angolo cruciale del sistema finanziario, quello cosiddetto "money market". Lo farà oggi, dalle 14.15 alle 14.30 italiane, all'indomani del primo intervento di tale portata dal 2008.

Sciopero Gm, interviene Trump (che sta con i lavoratori)

Lo scrive Politico. Il presidente vuole un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown
AP

La Casa Bianca interviene nello scontro tra General Motors e sindacato. Secondo due fonti di Politico, l'amministrazione statunitense sta cercando di portare le due parti a un accordo che comprenda la riapertura della fabbrica di Lordstown, in Ohio, che Gm ha chiuso a marzo e che il sindacato e il presidente Donald Trump vogliono sia riaperta.

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

I candidati democratici alla presidenza statunitense chiedono l'impeachment o indagini approfondite su Brett Kavanaugh, giudice della Corte Suprema, dopo le nuove accuse di molestie sessuali contro di lui emerse nei giorni scorsi grazie al New York Times.

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP

La rotta dei tassi "non è predefinita". Una recessione è da escludere ma se l'economia Usa dovesse frenare, la Federal Reserve sarebbe pronta ad accelerare il passo con cui ha ripreso a tagliare il costo del denaro. Anche durante una crisi, però, la banca centrale Usa non arriverebbe a portare i tassi in territorio negativo. Se proprio tornerà a comprare bond come fece durante la crisi del 2008. Sono questi i messaggi con cui Jerome Powell ha cercato di rassicurare i mercati, anche sulle iniezioni di liquidità realizzate negli ultimi due giorni per ridare fiato al mercato monetario statunitense.

Nessun accordo sul contratto collettivo, sciopero alla General Motors

La protesta coinvolgerà circa 50.000 lavoratori. Presto le trattative del sindacato Uaw anche con Ford e Fca
AP

Primo sciopero alla General Motors dal 2007. I membri del sindacato United Auto Workers (Uaw) hanno annunciato l'astensione dal lavoro a partire da lunedì 16, visto che non è stato raggiunto un accordo su un nuovo contratto collettivo, scaduto sabato. Lo ha reso noto il vicepresidente del sindacato, Terry Dittes. La protesta coinvolgerà circa 50.000 lavoratori.