Libero il 'talebano americano', primo detenuto della Guerra al terrore

John Walker Lindh è di nuovo libero,  dopo 17 anni di carcere

John Walker Lindh, il 'talebano americano', la prima persona imprigionata durante la 'Guerra al Terrore' lanciata dagli Stati Uniti dopo l'11 settembre 2001, è tornato libero ieri, dopo 17 anni di carcere. Lo ha confermato il suo avvocato ai media statunitensi. L'uomo, nato in California, era stato catturato alcuni mesi dopo l'inizio della guerra in Afghanistan; la scoperta che un giovane americano stesse combattendo insieme ai talebani, scrive il New York Times, fu uno shock per tutto il Paese.

Nel 2002, Lindh si dichiarò colpevole di aver aiutato i talebani e di trasporto di armi; non fu provato il suo coinvolgimento nei combattimenti o l'eventuale tentativo di uccidere degli americani. "Non sono andato per combattere contro l'America, e non l'ho mai fatto" disse all'epoca, durante il processo. "Non ho mai sostenuto il terrorismo e mai lo farò. Ho fatto un errore unendomi ai talebani".

Lindh, che aveva 21 anni al momento dell'arresto, crebbe vicino a San Francisco, con il padre cattolico e la madre buddista, racconta il Washington Post. Si convertì all'Islam da adolescente, dopo aver letto l'autobiografia di Malcolm X (leader della lotta degli afroamericani, convertitosi all'Islam), decidendo poi di andare in Medio Oriente per studiare l'arabo e la religione. Con il passare del tempo, si avvicinò al fondamentalismo; mentre viveva in Pakistan, scrisse alla famiglia di guardare alla società americana "con pietà". Si avvicinò ai talebani e decise di unirsi a loro in Afghanistan per dare vita a uno "Stato islamico puro". In un campo di addestramento di al-Qaida, incontrò Osama bin Laden, ma decise di non unirsi al gruppo e di non partecipare ad attacchi contro Stati Uniti e Israele, secondo il suo racconto all'Fbi. Il suo jihad, disse, era in Afghanistan. "Gli attacchi terroristici di bin Laden sono completamente contro l'Islam e contro il jihad, e sono senza giustificazione. Il terrorismo non è mai giustificato" disse in tribunale. 

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap