Libero il 'talebano americano', primo detenuto della Guerra al terrore

John Walker Lindh è di nuovo libero,  dopo 17 anni di carcere

John Walker Lindh, il 'talebano americano', la prima persona imprigionata durante la 'Guerra al Terrore' lanciata dagli Stati Uniti dopo l'11 settembre 2001, è tornato libero ieri, dopo 17 anni di carcere. Lo ha confermato il suo avvocato ai media statunitensi. L'uomo, nato in California, era stato catturato alcuni mesi dopo l'inizio della guerra in Afghanistan; la scoperta che un giovane americano stesse combattendo insieme ai talebani, scrive il New York Times, fu uno shock per tutto il Paese.

Nel 2002, Lindh si dichiarò colpevole di aver aiutato i talebani e di trasporto di armi; non fu provato il suo coinvolgimento nei combattimenti o l'eventuale tentativo di uccidere degli americani. "Non sono andato per combattere contro l'America, e non l'ho mai fatto" disse all'epoca, durante il processo. "Non ho mai sostenuto il terrorismo e mai lo farò. Ho fatto un errore unendomi ai talebani".

Lindh, che aveva 21 anni al momento dell'arresto, crebbe vicino a San Francisco, con il padre cattolico e la madre buddista, racconta il Washington Post. Si convertì all'Islam da adolescente, dopo aver letto l'autobiografia di Malcolm X (leader della lotta degli afroamericani, convertitosi all'Islam), decidendo poi di andare in Medio Oriente per studiare l'arabo e la religione. Con il passare del tempo, si avvicinò al fondamentalismo; mentre viveva in Pakistan, scrisse alla famiglia di guardare alla società americana "con pietà". Si avvicinò ai talebani e decise di unirsi a loro in Afghanistan per dare vita a uno "Stato islamico puro". In un campo di addestramento di al-Qaida, incontrò Osama bin Laden, ma decise di non unirsi al gruppo e di non partecipare ad attacchi contro Stati Uniti e Israele, secondo il suo racconto all'Fbi. Il suo jihad, disse, era in Afghanistan. "Gli attacchi terroristici di bin Laden sono completamente contro l'Islam e contro il jihad, e sono senza giustificazione. Il terrorismo non è mai giustificato" disse in tribunale. 

Altri Servizi

Usa 2020, Biden: il partito democratico non si è spostato a sinistra

"Media e rivali sbagliano a leggere la realtà"
Ap

Il partito democratico statunitense non si è spostato a 'sinistra'. Ne è convinto l'ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, che ha detto che i media e i suoi rivali alle primarie sbagliano a leggere la realtà, pensando che Alexandria Ocasio-Cortez, la neodeputata più famosa del Paese, rappresenti la direzione intrapresa dal partito.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

Walt Disney

‘Frozen 2’ batte ogni record. Il film che narra la storia delle due sorelle, Elsa e Anna, ha incassato 123,7 milioni di dollari negli Stati Uniti ed in Canada durante i cinque giorni del weekend di Thanksgiving, superando il precedente record di 110 milioni di dollari detenuto da ‘Hunger Games: La Ragazza di Fuoco’ del 2013.

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump. 

L’ex segretario di Stato Usa, John Kerry, ha creato una nuova coalizione formata da leader globali, esponenti militari e star di Hollywood con lo scopo di promuovere iniziative pubbliche per contrastare il cambiamento climatico.