Libia: Trump ha dato ad Haftar l'ok all'assalto a Tripoli

Lo sostengono fonti di Bloomberg, le cui ricostruzioni contrastano con le critiche al generale mosse dal segretario di Stato, Mike Pompeo. Il governo di unità nazionale di al-Serraj a rischio

Colpo di scena nelle dinamiche geopolitiche riguardanti la Libia, cosa che rischia di mettere a repentaglio il governo di unità nazionale del primo ministro Fayez al-Serraj.

Il presidente americano, Donald Trump, ha di fatto dato il suo sostegno all'assalto su Tripoli compiuto dal generale Khalifa Haftar, a capo dell'amministrazione rivale basata a Bengasi, per deporre il governo riconosciuto dall'Onu. Lo hanno riferito funzionari americani a Bloomberg.

Il semaforo verde della Casa Bianca sarebbe stato dato nella telefonata tra Trump e Haftar del 15 aprile scorso e di cui l'amministrazione Usa ha dato notizia soltanto il 19 aprile ossia il giorno successivo alla conversazione tra Trump e Mohammed bin Zayed Al Nahyan, il principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti (un paese sostenitore di Haftar). All'incontro alla Casa Bianca del 9 aprile tra Trump e il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi, inoltre, quest'ultimo pare abbia fatto pressing affinché Washington sostenesse le azioni di Haftar. Secondo tre diplomatici sentiti da Bloomberg, anche in una telefonata precedente a quella con Trump, il consiglere 'falco' per la sicurezza nazionale, John Bolton, avrebbe dato ad Haftar l'impressione che gli Usa erano favorevoli all'assalto su Tripoli da parte delle autoproclamatesi Forze armate libiche capitanate dall'ex comandante di Muammar Gheddafi. Negli anni '80 Haftar si riscoprì nemico del dittatore e trascorse due decenni in esilio negli Stati Uniti prima di tornare in Libia nel 2011 (anno in cui lo stesso Gheddafi fu ucciso da parte di forze Nato capitanate da Washington).

Le indiscrezioni di stampa si spingono oltre il resoconto della telefonata tra Trump e Haftar fornito dalla Casa Bianca venerdì scorso. Nella nota allora diffusa dal civico 1600 di Pennsylvania Avenue nella capitale Usa si leggeva che Trump aveva parlato con Haftar "per discutere degli sforzi in corso contro il terrorismo e della necessità di raggiungere la pace e la stabilità in Libia". Il 45esimo presidente Usa aveva però "riconosciuto il ruolo significativo del maresciallo Haftar nella lotta al terrorismo e nel proteggere le risorse petrolifere della Libia". I due, concludeva la nota, "hanno discusso della visione condivisa per la transizione della Libia a un sistema politico stabile e democratico". Stando a un portavoce della Casa Bianca, la ricostruzione dei fatti di Bloomberg è inaccurata ma altri commenti non sono stati forniti.

Se confermate, le indiscrezioni rappresenterebbero un netto cambio di rotta da parte degli Stati Uniti, che il 7 aprile scorso avevano espresso una preoccupazione "profonda" per le tensioni vicine alla capitale libica e la loro contrarietà nei confronti dell'offensiva lanciata dal generale Haftar, a cui chiesero "la fine immediata di queste attività militari" contro Tripoli. E' quanto recitava una nota di Michael Pompeo, segretario americano di Stato, secondo cui "non c'è una soluzione militare al conflitto in Libia. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti continuano a fare pressione sui leader libici, insieme ai nostri partner internazionali, per un ritorno ai negoziati politici mediati dall'inviato speciale dell’Onu, Ghassan Salamè". Secondo Pompeo, "la soluzione politica è l'unico modo per unire il paese e fornire un piano per la sicurezza, la stabilità e la prosperità di tutti i libici". L'11 aprile anche la Ue aveva chiesto ad Haftar di fermarsi in un comunicato dove il generale non veniva nominato dopo le obiezioni sollevate dalla Francia e da altri Paesi membri.

Altri Servizi

Usa: venti gruppi farmaceutici accusati di avere gonfiato i prezzi

Sell-off a Wall Street per Teva e Mylan. Si temono multe e pagamento di danni

Un cartello per gonfiare artificialmente i prezzi di oltre un centinaio di farmaci, con punte del mille per cento. E' questa l'accusa lanciata da 44 stati americani capitanati dal Connecticut contro 20 produttori di farmaci generici che includono la svizzera Novartis e la sua controllata tedesca Sandoz, le statunitensi Pfizer e Mylan e l'israeliana Teva.

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap