Libia: Trump ha dato ad Haftar l'ok all'assalto a Tripoli

Lo sostengono fonti di Bloomberg, le cui ricostruzioni contrastano con le critiche al generale mosse dal segretario di Stato, Mike Pompeo. Il governo di unità nazionale di al-Serraj a rischio

Colpo di scena nelle dinamiche geopolitiche riguardanti la Libia, cosa che rischia di mettere a repentaglio il governo di unità nazionale del primo ministro Fayez al-Serraj.

Il presidente americano, Donald Trump, ha di fatto dato il suo sostegno all'assalto su Tripoli compiuto dal generale Khalifa Haftar, a capo dell'amministrazione rivale basata a Bengasi, per deporre il governo riconosciuto dall'Onu. Lo hanno riferito funzionari americani a Bloomberg.

Il semaforo verde della Casa Bianca sarebbe stato dato nella telefonata tra Trump e Haftar del 15 aprile scorso e di cui l'amministrazione Usa ha dato notizia soltanto il 19 aprile ossia il giorno successivo alla conversazione tra Trump e Mohammed bin Zayed Al Nahyan, il principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti (un paese sostenitore di Haftar). All'incontro alla Casa Bianca del 9 aprile tra Trump e il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi, inoltre, quest'ultimo pare abbia fatto pressing affinché Washington sostenesse le azioni di Haftar. Secondo tre diplomatici sentiti da Bloomberg, anche in una telefonata precedente a quella con Trump, il consiglere 'falco' per la sicurezza nazionale, John Bolton, avrebbe dato ad Haftar l'impressione che gli Usa erano favorevoli all'assalto su Tripoli da parte delle autoproclamatesi Forze armate libiche capitanate dall'ex comandante di Muammar Gheddafi. Negli anni '80 Haftar si riscoprì nemico del dittatore e trascorse due decenni in esilio negli Stati Uniti prima di tornare in Libia nel 2011 (anno in cui lo stesso Gheddafi fu ucciso da parte di forze Nato capitanate da Washington).

Le indiscrezioni di stampa si spingono oltre il resoconto della telefonata tra Trump e Haftar fornito dalla Casa Bianca venerdì scorso. Nella nota allora diffusa dal civico 1600 di Pennsylvania Avenue nella capitale Usa si leggeva che Trump aveva parlato con Haftar "per discutere degli sforzi in corso contro il terrorismo e della necessità di raggiungere la pace e la stabilità in Libia". Il 45esimo presidente Usa aveva però "riconosciuto il ruolo significativo del maresciallo Haftar nella lotta al terrorismo e nel proteggere le risorse petrolifere della Libia". I due, concludeva la nota, "hanno discusso della visione condivisa per la transizione della Libia a un sistema politico stabile e democratico". Stando a un portavoce della Casa Bianca, la ricostruzione dei fatti di Bloomberg è inaccurata ma altri commenti non sono stati forniti.

Se confermate, le indiscrezioni rappresenterebbero un netto cambio di rotta da parte degli Stati Uniti, che il 7 aprile scorso avevano espresso una preoccupazione "profonda" per le tensioni vicine alla capitale libica e la loro contrarietà nei confronti dell'offensiva lanciata dal generale Haftar, a cui chiesero "la fine immediata di queste attività militari" contro Tripoli. E' quanto recitava una nota di Michael Pompeo, segretario americano di Stato, secondo cui "non c'è una soluzione militare al conflitto in Libia. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti continuano a fare pressione sui leader libici, insieme ai nostri partner internazionali, per un ritorno ai negoziati politici mediati dall'inviato speciale dell’Onu, Ghassan Salamè". Secondo Pompeo, "la soluzione politica è l'unico modo per unire il paese e fornire un piano per la sicurezza, la stabilità e la prosperità di tutti i libici". L'11 aprile anche la Ue aveva chiesto ad Haftar di fermarsi in un comunicato dove il generale non veniva nominato dopo le obiezioni sollevate dalla Francia e da altri Paesi membri.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Scontro Usa-Francia sulla web tax: Trump minaccia dazi

La misura colpisce 30 aziende tra cui le americane Alphabet, Apple Amazon e Facebook ma anche gruppi cinesi, tedeschi, spagnoli e britannici
Ap

Gli Stati Uniti hanno aperto un'inchiesta sulla web tax approvata oggi dal Senato francese, che ha ignorato l'avvertimento arrivato ieri da Washington. Nel mirino c'è l'imposta pari al 3% per le aziende digitali con un fatturato globale di oltre 750 milioni di euro e uno di 25 milioni generato in Francia.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.