Lidia Bastianich: una storia di cibo, amore e nostalgia

Intervista alla chef di fama internazionale, che ha fatto delle sue origini l'ingrediente principale della sua cucina
Larry D. Moore. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Commons

È una "connessione" alle radici. È un "antidoto alla solitudine", unisce le persone e "rilassa". Secondo Lidia Bastianich, il cibo è questo e molto altro. Una passione, quella della chef di fama internazionale, nata per rivivere attraverso i profumi della cucina la vicinanza di una nonna lontana che "mi mancava moltissimo". Erano gli anni in cui gli istriani come lei fuggivano dal regime comunista di Tito. Prima a Trieste, in un campo profughi (quello di San Sabba). Poi negli Stati Uniti dove - dopo due anni di attesa per il visto - lei, il fratello, la madre insegnante e il padre meccanico si trasferirono grazie all'aiuto della Caritas. Era il 1958. Bastianich aveva 12 anni e non poteva certo immaginare il successo straordinario che avrebbe riscosso unendo due passioni (cibo e famiglia) e due culture così diverse ma complementari (italiana e americana). Un successo che l'ha resa anche una star televisiva, una scrittrice e un'imprenditrice con all'attivo quattro ristoranti a New York (Felidia, Becco, Esca e Del Posto), uno in Pennsylvania (Lidia's Pittsburgh), un'altro in Missouri (Lidia's Kansas City) e uno in Italia, tra i vigneti di famiglia alle porte di Cividale del Friuli (la taverna e B&B Orsone). Ma l'elenco delle sue imprese si allunga se si prendono in considerazione i ristoranti parte di Batali & Bastianich Hospitality Group, la holding controllata da Lidia, dal figlio Joe e dallo chef Mario Batali che è anche partner di Eataly, la mecca del cibo italiano di qualità che a New York ha aperto il suo secondo store dove un tempo sorgevano le Torri Gemelle.

Parlando dal suo ufficio sopra il ristorante Felidia (sulla 58esima strada all'angolo con la Seconda Avenue a Manhattan) Bastianich dice di non aspettarsi il titolo che la stampa americana spesso le affida, quello di madre della cucina italiana: "Ci sono tante persone bravissime come Marcella Hazan. Io sono una delle chef della cucina regionale italiana, dopo la cucina italoamericana". Negli americani però riconosce "quello che gli italiani sanno da sempre: che il cibo è importante per vivere bene. Per l'italiano la tavola è il centro della famiglia, di tutto. Gli americani hanno capito questa cosa, hanno capito che cucina e tavola devono tornare al centro. Il furore che il cibo sta facendo in tv è intrattenimento ma è anche il segnale di questo risveglio: il cibo è un atidoto alla solitudine, il cibo unisce le persone".

Lei sostiene di essersi sempre tenuta vicina alle origini nel soddisfare il palato dei suoi clienti, da quelli che vanno al suo ristorante ("Bush viene sempre qui con la figlia") a quelli dove è lei ad andare da loro ("Ho cucinato due volte per Sophia Loren e per due Papi") fino a quelli che ha conosciuto, come Paul Newman, Gina Lollobrigida e Roberto Benigni ("Lui e sua moglie erano qui a cena la sera prima di andare a vincere l'Oscar" - nel 1999 per "La Vita è bella", ndr -). Bastianich si sente "un canale di collegamento tra le mie origini e la realtà del mio presente. Faccio parte di due culture e non ci sono due culture migliori di quella italiana e americana. L'Italia è spirito, colore, gusto e creatività. L'America è marketing, business. Abbinarle è stato il mio successo".

Quel successo iniziò a maturare dentro una pasticceria di Astoria, un quartiere del Queens dove Bastianich e la sua famiglia si trasferirono dopo l'arrivo a New York grazie a un lontano cugino. Quella pasticceria, dove da giovane studentessa lavorava il sabato e la domenica e dove poi si aggiunse anche la madre, apparteneva ai genitori dell'attore Christopher Walken. Si chiamava Walken's Bakery. Passando dai banchi di scuola a quelli dell'università, Bastianich ha trovato l'amore. "Facevo l'Hunter College, poi mi sono innamorata e non ho finito. Mi sono sposata con un altro immigrato istriano (Felice, ndr) che lavorava nel mondo della ristorazione. Così è scattato anche l'amore per il cibo".

Tra decine di libri di cui è autrice, premi che tappezzano le pareti del suo ufficio e prodotti che portano il nome del suo brand, Bastianich ricorda le origini del suo successo, quando il marito (un maitre in un ristorante italiano all'epoca molto noto, Romeo Salta) decise che era arrivato il momento di "aprire un nostro ristorantino". Lui cercava un socio; lei offrì il suo aiuto: "Ti sto vicino io, gli dissi". E' così che la coppia inaugurò il suo primo ristorante a Forest Hills, nel Queens: aveva solo nove tavoli e il menù era italoamericano, "che è ben diverso da quello regionale italiano", precisa la chef, all'epoca un semplice sous-chef. E in questo modo lei ha imparato a stare ai fornelli e ha deciso di tornare a scuola "perché a me del cibo piace tutto: la scienza, la cultura, l'antropologia". Nel 1980 i ristoranti di proprietà erano due (Buonavia e Villa Secondo), poi venduti per comprare la town-house dove nel 1981 è nato Felidia (parola coniata con le iniziali del nome del marito seguite dal nome di lei). Se il primo ristorante aveva un gusto italoamericano, quello a Manhattan era decisamente ispirato alla cultura regionale italiana. D'altra parte per Bastianich era diventata una tradizione quella di chiudere i due ristoranti e con i figli Joseph e Tanya andare "ogni anno in Italia a fare ricerche; su e giù per tutte le regioni a mangiare e a visitare i produttori". E' dentro le mura di Felidia che Bastianich ha conosciuto Julia Child, chef che ha portato la cucina francese agli americani, e James Beard, un altro chef americano conosciutissimo: "Julia mi chiese di insegnarle a fare il risotto", racconta Lidia, "poi mi ha invitata nel suo show televisivo. Sapevo spiegare, perché ero curiosa. Quando parlavo della cucina italiana, si vedeva la mia voglia di sapere. Così è nato il mio show e sono arrivati i libri".

Del "fascino particolare di questo mestiere", come lo chiama lei, i due figli sono parte integrante. "Ho sempre detto loro: voi non dovete fare quello che faccio io; siete in America, dovete prendere la laurea, trovare un lavoro americano", ricorda Bastianich sottolineando come i "bambini siano cresciuti in questo business" in cui "aiutava anche mia madre". Joseph e Tanya hanno seguito i consigli della mamma: lui frequentando il Boston College e poi andando a lavorare a Wall Street; lei ottenendo un dottorato a Oxford (Regno Unito) in Storia dell'arte rinascimentale. Ma ora lavorano tutti e due con lei, "che è bellissimo. Hanno usato le loro radici, i loro sentimenti, l'istruzione ricevuta portando molto in questo business". La figlia gestisce le attività legate ai libri, agli show tv e ai ristoranti di Kansas City e Pittsburgh; il figlio è coinvolto nei prodotti. "Io adesso seguo le loro inclinazioni", dice Bastianich facendo capire che forse sta ai più giovani decidere la rotta del business di famiglia. "A me piace ciò che ha a che fare con la comunicazione, la beneficenza e i viaggi". Certo è che allo studio c'è un ipotetico ingresso nella holding che controlla Eataly ("dobbiamo trattare tante cose"), mossa funzionale allo sbarco in borsa del gruppo di Oscar Farinetti ("bisogna che il momento sia quello giusto"). Lei comunque non teme la cannibalizzazione tra i suoi ristoranti, quelli di Batali e di Eataly, un marchio che "ha fatto venire fuori energia e interesse nella bontà e nella creatività del cibo italiano". Secondo Bastianich a New York "c'è posto, ci sono opportunità. Ogni ristorante a una sua identità. Noi investiamo molto nelle persone, negli chef che lavorano per noi, li portiamo in Italia in modo tale che ogni ristorante abbia un profilo diverso".

Un consiglio per chi vuole darsi alla cucina? "Deve avere passione, essere preparato", spiega Bastianich convinta che si debbano imparare le basi a scuola e poi fare la gavetta in una cucina di un maestro che si stima. "Qualsiasi maestro, se è un bravo maestro, è pronto a condividere, a insegnare. Poi deve volere viaggiare, sperimentare e andare a vedere varie cucine". Così facendo poi "arrivano le soddisfazioni". E l'adrenalina di essere un cuoco: "Se non viene, è un problema".

 

Altri Servizi

Jackie Evancho: "Trump, ascolta mia sorella transgender"

La cantante, che si è esibita alla cerimonia d'inaugurazione del presidente, contro l'abolizione delle linee guida voluta da Obama per permettere agli studenti di usare i bagni secondo l'identità di genere

Jackie Evancho, che ha cantato l'inno nazionale statunitense all'inaugurazione del presidente, lo scorso 20 gennaio, ha chiesto a Donald Trump di sedersi a un tavolo con lei e la sorella transgender per parlare dei problemi degli studenti che lottano per il riconoscimento dell'identità di genere.

Rapporti Messico-Usa: Trump smentisce la sua amministrazione

Mentre il segretario di Stato e il segretario alla sicurezza nazionale sono in viaggio nel paese per ricucire le distanze, il presidente Usa va avanti con la sua retorica: "Useremo l'esercito per fermare l'immigrazione illegale"

Sembra che tra Donald Trump e due membri fondamentali della sua amministrazione non ci sia qualcosa che non funziona. Oggi infatti, il segretario di Stato, Rex Tillerson, e il segretario per la sicurezza interna, John Kelly, hanno tenuto una conferenza stampa in Messico, dopo l'incontro con le loro controparti nel Paese. Kelly ha sottolineato che le questioni legate all'immigrazione non saranno risolte con l'uso dell'esercito" e allo stesso tempo che non ci sarà "alcuna deportazione di massa".

Mnuchin: riforma fiscale entro agosto, crescita a +3% nel breve termine

Il nuovo segretario al Tesoro ha parlato al Wall Street Journal e a Cnbc, le prime interviste da quando la nomina voluta dal presidente Donald Trump è stata confermata dal Senato
Wikimedia Commons

Riforma fiscale entro agosto e un'accelerata della crescita economica a livelli che non si vedono da oltre dieci anni. Sono questi gli obiettivi ambiziosi fissati dal nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che ha parlato al Wall Street Journal e a Cnbc, le prime interviste da quando la nomina voluta dal presidente Donald Trump è stata confermata dal Senato la settimana scorsa. "La riforma è la priorità numero uno" e "ci impegnamo a metterla a punto e a completarla entro agosto", ha detto, sottolineando che la crescita lenta è un'anomalia ed è soprattutto il risultato delle politiche dell'amministrazione Obama, che possono essere modificate e abrogate.

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

P&G: tagliatevi la barba, noi tagliamo i prezzi

Il colosso dei beni al consumo spinge in Usa sul marchio di lamette Gillette. Sconti fino al 20% per riconquistare i consumatori

Nella guerra delle lamette in corso in Usa, Procter & Gamble affila le armi. Il colosso dei beni al consumo punta a recuperare quota di mercato attraverso una drastica riduzione dei prezzi del marchio Gillette. A partire da aprile, il taglio arriverà fino al 20% a seconda delle qualità e della confezione del prodotto. In media la riduzione del prezzo sarà a "doppia cifra", ha dichiarato Jon Moeller, direttore finanziario di P&G, durante l'annuale Consumer Analysts Group di New York.

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

ll tasso di approvazione per Trump è crollato al 38%

Sondaggio della Quinnipiac University mette in risalto una sonora bocciatura per il nuovo presidente. Le rilevazioni dei vari istituti mostrano differenze notevoli: per Rasmussen è al 51%

Il tasso di approvazione per il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, continua a scendere, secondo i sondaggi della Quinnipiac University. Dall'ultima rilevazione emerge che solo il 38% degli americani approva l'operato del nuovo presidente, mentre il 55% lo boccia. La differenza di 17 punti è la peggiore registrata dal suo ingresso alla Casa Bianca, il 20 gennaio.

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.