Lidia Bastianich: una storia di cibo, amore e nostalgia

Intervista alla chef di fama internazionale, che ha fatto delle sue origini l'ingrediente principale della sua cucina
Larry D. Moore. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Commons

È una "connessione" alle radici. È un "antidoto alla solitudine", unisce le persone e "rilassa". Secondo Lidia Bastianich, il cibo è questo e molto altro. Una passione, quella della chef di fama internazionale, nata per rivivere attraverso i profumi della cucina la vicinanza di una nonna lontana che "mi mancava moltissimo". Erano gli anni in cui gli istriani come lei fuggivano dal regime comunista di Tito. Prima a Trieste, in un campo profughi (quello di San Sabba). Poi negli Stati Uniti dove - dopo due anni di attesa per il visto - lei, il fratello, la madre insegnante e il padre meccanico si trasferirono grazie all'aiuto della Caritas. Era il 1958. Bastianich aveva 12 anni e non poteva certo immaginare il successo straordinario che avrebbe riscosso unendo due passioni (cibo e famiglia) e due culture così diverse ma complementari (italiana e americana). Un successo che l'ha resa anche una star televisiva, una scrittrice e un'imprenditrice con all'attivo quattro ristoranti a New York (Felidia, Becco, Esca e Del Posto), uno in Pennsylvania (Lidia's Pittsburgh), un'altro in Missouri (Lidia's Kansas City) e uno in Italia, tra i vigneti di famiglia alle porte di Cividale del Friuli (la taverna e B&B Orsone). Ma l'elenco delle sue imprese si allunga se si prendono in considerazione i ristoranti parte di Batali & Bastianich Hospitality Group, la holding controllata da Lidia, dal figlio Joe e dallo chef Mario Batali che è anche partner di Eataly, la mecca del cibo italiano di qualità che a New York ha aperto il suo secondo store dove un tempo sorgevano le Torri Gemelle.

Parlando dal suo ufficio sopra il ristorante Felidia (sulla 58esima strada all'angolo con la Seconda Avenue a Manhattan) Bastianich dice di non aspettarsi il titolo che la stampa americana spesso le affida, quello di madre della cucina italiana: "Ci sono tante persone bravissime come Marcella Hazan. Io sono una delle chef della cucina regionale italiana, dopo la cucina italoamericana". Negli americani però riconosce "quello che gli italiani sanno da sempre: che il cibo è importante per vivere bene. Per l'italiano la tavola è il centro della famiglia, di tutto. Gli americani hanno capito questa cosa, hanno capito che cucina e tavola devono tornare al centro. Il furore che il cibo sta facendo in tv è intrattenimento ma è anche il segnale di questo risveglio: il cibo è un atidoto alla solitudine, il cibo unisce le persone".

Lei sostiene di essersi sempre tenuta vicina alle origini nel soddisfare il palato dei suoi clienti, da quelli che vanno al suo ristorante ("Bush viene sempre qui con la figlia") a quelli dove è lei ad andare da loro ("Ho cucinato due volte per Sophia Loren e per due Papi") fino a quelli che ha conosciuto, come Paul Newman, Gina Lollobrigida e Roberto Benigni ("Lui e sua moglie erano qui a cena la sera prima di andare a vincere l'Oscar" - nel 1999 per "La Vita è bella", ndr -). Bastianich si sente "un canale di collegamento tra le mie origini e la realtà del mio presente. Faccio parte di due culture e non ci sono due culture migliori di quella italiana e americana. L'Italia è spirito, colore, gusto e creatività. L'America è marketing, business. Abbinarle è stato il mio successo".

Quel successo iniziò a maturare dentro una pasticceria di Astoria, un quartiere del Queens dove Bastianich e la sua famiglia si trasferirono dopo l'arrivo a New York grazie a un lontano cugino. Quella pasticceria, dove da giovane studentessa lavorava il sabato e la domenica e dove poi si aggiunse anche la madre, apparteneva ai genitori dell'attore Christopher Walken. Si chiamava Walken's Bakery. Passando dai banchi di scuola a quelli dell'università, Bastianich ha trovato l'amore. "Facevo l'Hunter College, poi mi sono innamorata e non ho finito. Mi sono sposata con un altro immigrato istriano (Felice, ndr) che lavorava nel mondo della ristorazione. Così è scattato anche l'amore per il cibo".

Tra decine di libri di cui è autrice, premi che tappezzano le pareti del suo ufficio e prodotti che portano il nome del suo brand, Bastianich ricorda le origini del suo successo, quando il marito (un maitre in un ristorante italiano all'epoca molto noto, Romeo Salta) decise che era arrivato il momento di "aprire un nostro ristorantino". Lui cercava un socio; lei offrì il suo aiuto: "Ti sto vicino io, gli dissi". E' così che la coppia inaugurò il suo primo ristorante a Forest Hills, nel Queens: aveva solo nove tavoli e il menù era italoamericano, "che è ben diverso da quello regionale italiano", precisa la chef, all'epoca un semplice sous-chef. E in questo modo lei ha imparato a stare ai fornelli e ha deciso di tornare a scuola "perché a me del cibo piace tutto: la scienza, la cultura, l'antropologia". Nel 1980 i ristoranti di proprietà erano due (Buonavia e Villa Secondo), poi venduti per comprare la town-house dove nel 1981 è nato Felidia (parola coniata con le iniziali del nome del marito seguite dal nome di lei). Se il primo ristorante aveva un gusto italoamericano, quello a Manhattan era decisamente ispirato alla cultura regionale italiana. D'altra parte per Bastianich era diventata una tradizione quella di chiudere i due ristoranti e con i figli Joseph e Tanya andare "ogni anno in Italia a fare ricerche; su e giù per tutte le regioni a mangiare e a visitare i produttori". E' dentro le mura di Felidia che Bastianich ha conosciuto Julia Child, chef che ha portato la cucina francese agli americani, e James Beard, un altro chef americano conosciutissimo: "Julia mi chiese di insegnarle a fare il risotto", racconta Lidia, "poi mi ha invitata nel suo show televisivo. Sapevo spiegare, perché ero curiosa. Quando parlavo della cucina italiana, si vedeva la mia voglia di sapere. Così è nato il mio show e sono arrivati i libri".

Del "fascino particolare di questo mestiere", come lo chiama lei, i due figli sono parte integrante. "Ho sempre detto loro: voi non dovete fare quello che faccio io; siete in America, dovete prendere la laurea, trovare un lavoro americano", ricorda Bastianich sottolineando come i "bambini siano cresciuti in questo business" in cui "aiutava anche mia madre". Joseph e Tanya hanno seguito i consigli della mamma: lui frequentando il Boston College e poi andando a lavorare a Wall Street; lei ottenendo un dottorato a Oxford (Regno Unito) in Storia dell'arte rinascimentale. Ma ora lavorano tutti e due con lei, "che è bellissimo. Hanno usato le loro radici, i loro sentimenti, l'istruzione ricevuta portando molto in questo business". La figlia gestisce le attività legate ai libri, agli show tv e ai ristoranti di Kansas City e Pittsburgh; il figlio è coinvolto nei prodotti. "Io adesso seguo le loro inclinazioni", dice Bastianich facendo capire che forse sta ai più giovani decidere la rotta del business di famiglia. "A me piace ciò che ha a che fare con la comunicazione, la beneficenza e i viaggi". Certo è che allo studio c'è un ipotetico ingresso nella holding che controlla Eataly ("dobbiamo trattare tante cose"), mossa funzionale allo sbarco in borsa del gruppo di Oscar Farinetti ("bisogna che il momento sia quello giusto"). Lei comunque non teme la cannibalizzazione tra i suoi ristoranti, quelli di Batali e di Eataly, un marchio che "ha fatto venire fuori energia e interesse nella bontà e nella creatività del cibo italiano". Secondo Bastianich a New York "c'è posto, ci sono opportunità. Ogni ristorante a una sua identità. Noi investiamo molto nelle persone, negli chef che lavorano per noi, li portiamo in Italia in modo tale che ogni ristorante abbia un profilo diverso".

Un consiglio per chi vuole darsi alla cucina? "Deve avere passione, essere preparato", spiega Bastianich convinta che si debbano imparare le basi a scuola e poi fare la gavetta in una cucina di un maestro che si stima. "Qualsiasi maestro, se è un bravo maestro, è pronto a condividere, a insegnare. Poi deve volere viaggiare, sperimentare e andare a vedere varie cucine". Così facendo poi "arrivano le soddisfazioni". E l'adrenalina di essere un cuoco: "Se non viene, è un problema".

Altri Servizi

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro
AP

Wall Street ha messo a segno la seduta peggiore dallo scorso settembre. Il sell-off è stato provocato da Donald Trump, il presidente americano che spesso si è vantato della performance dell'azionario successiva alla sua vittoria alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso ma su cui oggi, come il suo portavoce, ha evitato di commentare. Gli indici hanno registrato cali superiori all'1,6% con il Nasdaq Composite che dopo due sedute record ha ceduto il 2,6%. I guadagni del mese di maggio sono stati annullati

Trump chiese al direttore dell'Fbi di chiudere inchiesta su Flynn

E' quanto emerge da un memo scritto a febbraio da James Comey, silurato il 9 maggio scorso. Il generale fu costretto a dimettersi da consigliere per la Sicurezza nazionale per avere fuoriviato l'amministrazione su funzionario russo

Donald Trump sembra avere avuto tutte le intenzioni di influenzare l'inchiesta dell'Fbi sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna dell'allora candidato repubblicano alla Casa Bianca e funzionari russi. A rendere sempre più concreto il sospetto è stato il New York Times, secondo cui il 45esimo presidente americano chiese espressamente al capo dell'Fbi poi silurato di archiviare l'indagine sul suo primo consigliere alla sicurezza nazionale, Michael Flynn (nella foto).

AP

L'ipotesi che esistano registrazioni in cui si sente il presidente brasiliano approvare l'esborso di tangenti per comprare il silenzio di un ex alleato ha mandato in tilt i mercati finanziari brasiliani mentre quelli americani sono rimasti a guardare: sono rimbalzati all'indomani del peggiore sell-off del 2017 ma si sono sbarazzati di titoli legati alla nazione sudamericana.

Trump punisce il suo portavoce: gli toglie le conferenze alla Casa Bianca

Pare che il presidente voglia ridurre le apparizioni pubbliche di Sean Spicer, chiamato a difendere il messaggio dell'amministrazione ma spesso contraddetto dal suo leader

Donald Trump potrebbe togliere al suo portavoce Sean Spicer il compito di gestire la conferenza stampa quotidiana con la stampa riunita alla Casa Bianca. Pare che il presidente americano voglia ridurre le apparizioni pubbliche di colui che teoricamente è chiamato a spiegare - e a difendere - i suoi messaggi. E' quanto riporta Politico secondo cui il miliardario di New York diventato leader degli Usa sta pensando anche di riorganizzare il team dedicato alla comunicazione.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.

La vendetta di Rosenstein, l'uomo che mette nei guai Trump

Il vicesegretario alla Giustizia ha incaricato un procuratore speciale di indagare sui legami tra lo staff del presidente e la Russia, avvisando la Casa Bianca solo a decisione presa

La scorsa settimana, era stato 'l'eroe' della Casa Bianca, l'uomo che aveva permesso al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di licenziare il capo dell'Fbi, James Comey. Rod Rosenstein, vicesegretario alla Giustizia, non aveva però apprezzato di essere dipinto come il maggiore responsabile della decisione di Trump e, secondo le fonti del Washington Post, aveva persino minacciato le dimissioni. Ieri, ha preso una decisione contro la Casa Bianca, in autonomia, portando il 'caso Russia' a un nuovo livello, molto pericoloso per Trump, con l'affidamento delle indagini sull'interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui possibili legami tra lo staff del presidente e funzionari del Cremlino a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Russiagate: arriva il procuratore speciale chiesto dai democratici

Robert Mueller, il predecessore del capo dell'Fbi silurato dal presidente Usa, guiderà l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa. Trump: avanti con l'indagine, nessuna collusione tra mia campagna e "soggetti stranieri"
Fbi

Dopo tante polemiche, i democratici hanno ottenuto quello che volevano ma che la Casa Bianca reputava non necessario: il dipartimento americano di Giustizia ha scelto un procuratore speciale a cui affidare la guida delle indagini sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna di Trump e funzionari russi.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.