Lilesa, il maratoneta in esilio che ha scelto l'Arizona

Alle Olimpiadi, ha vinto la medaglia d'argento, attraversando il traguardo con i polsi incrociati, sopra la testa. Un gesto politico, che non gli ha permesso di tornare in Etiopia
Ap

La sua protesta politica lo ha portato negli Stati Uniti, sui sentieri polverosi di Sedona, in Arizona, dove si allena, a 14.000 chilometri da casa. Una lontananza decisa dai 42,195 chilometri più importanti, finora, della sua vita, non solo agonistica.

Feyisa Lilesa è nato in Etiopia, 27 anni fa. La scorsa estate, attraversò il traguardo della maratona alle Olimpiadi di Rio de Janeiro con le braccia sopra la testa, a incrociare i polsi; un gesto ancor più importante della medaglia d'argento vinta, per il suo valore politico: è infatti un segno di protesta compiuto dai membri della comunità etnica degli oromo, a cui appartiene, che da tempo protesta contro il governo federale di Addis Abeba, perché si sente discriminata ed emarginata.

Lilesa sapeva di compiere un gesto che gli avrebbe potuto provocare grossi problemi in patria e, per questo, decise di restare in Brasile, nonostante il tentativo del governo di rassicurarlo, affermando che non avrebbe avuto problemi e che sarebbe stato trattato da eroe. Poi, a settembre, l'arrivo negli Stato Uniti, con un visto permanente ottenuto perché rientrante nella categoria delle persone con straordinarie capacità nelle scienze, nelle arti, nel business o nello sport. Il giorno di San Valentino, è stato finalmente raggiunto dalla moglie e dai due figli, arrivati con un visto provvisorio che dovrebbe poi trasformarsi, anche per loro, in una green card.

Lilesa si sta preparando per la maratona di Londra, che correrà ad aprile. "Ho scelto di essere in esilio. Da quando sono andato via - ha raccontato al New York Times - la situazione è molto peggiorata. La mia gente vive all'inferno, muore ogni giorno. Non mi do pace". Lo scorso mese, Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto in cui denuncia che, nel 2016, le forze di sicurezza etiopi "hanno ucciso centinaia di persone e arrestato decine di migliaia di persone" nell'Oromia e nella regione degli Amara, hanno progressivamente privato le persone dei loro diritti durante uno stato d'emergenza e hanno portato avanti una "sanguinosa repressione contro manifestanti pacifici".

Lilesa, quando fu scelto per rappresentare l'Etiopia alle Olimpiadi, sentì subito la necessità di compiere un gesto di protesta a Rio, ma non disse niente a nessuno. Portò avanti il suo impegno sociale, visitando oromo incarcerati e dando soldi agli studenti cacciati dalle scuole e lasciati senza casa. Aveva paura di essere controllato dal governo e di poter essere ferito o ucciso in un finto incidente stradale. Finalmente, arrivò il giorno della maratona olimpica.

Dopo il suo gesto, l'organizzazione GoFundMe ha raccolto per lui e la sua famiglia 160.000 dollari. E ora, la sua voce è forte come le sue gambe: Lilesa ha incontrato i senatori statunitensi, ha parlato ai membri del Parlamento europeo a Bruxelles, ha scritto un op-ed sul Washington Post e parlato con numerosi giornalisti, cercando di diffondere la storia degli oromo.

Altri Servizi

Michelle Obama contro Trump: "Nessuno dovrebbe giocare con la salute dei nostri bambini"

L'ex first lady si è schierata contro le nuove politiche sulla nutrizione volute dal presidente. È stata la sua prima apparizione pubblica a Washington da quando ha lasciato la Casa Bianca

Michelle Obama ha lanciato un messaggio a Donald Trump, schierandosi contro le mosse della sua amministrazione che mettono a rischio le politiche nutrizionali volute da suo marito: "non si scherza con la salute dei nostri bambini". L’ex first lady è intervenuta all'incontro annuale del "Partnership for a Healthier America Summit", a Washington, in quella che è stata la sua prima apparizione pubblica da quando lo scorso novembre ha lasciato la Casa Bianca.

21st Century Fox: gli scandali sessuali non intaccano i conti

Svelati però patteggiamenti per 10 milioni di dollari nel primo trimestre del 2017. I ricavi trimestrali hanno deluso. Gruppo fiducioso di chiudere la scalata della britannica Sky entro la fine dell'anno
iStock

Gli scandali di molestie sessuali nel canale Fox News che hanno portato all'uscita prima dell'ex Ceo Rger Ailes e poi del presentatore Bill O’Reilly e del co-presidente Bill Shine non sembrano avere avuto un impatto negativo sui conti dei primi tre mesi del 2017 della controllante 21st Century Fox. Il colosso dell'intrattenimento ha però rivelato in un documento depositato presso l'autorità di borsa Usa patteggiamenti per 10 milioni di dollari raggiunti nel trimestre, che si è chiuso con vendite deludenti. Separatamente, il gruppo nato nel 2013 dallo split in due della vecchia News Corp (a quella nuova fanno capo soltanto le attività editoriali con prodotti come il Wall Street Journal) è "fiducioso" di chiudere entro la fine dell'anno la scalata al 100% della britannica Sky.

A Los Angeles il terminal per ricchi dove vedere gli altri fare la coda

Costa migliaia di dollari l'anno e permette di saltare le code ed aspettare il proprio volo tra massaggi e calici di vino. C'è chi parla di discriminazione, ma i vertici dell'aeroporto: ci farà guadagnare milioni di dollari

La bellezza e l'esclusività del nuovo terminal del Los Angeles international airport, non sta nelle camere da letto lussuose e nemmeno nel vino della Napa Valley, servito senza sosta. E neppure nella privacy e nelle molteplici sale per massaggi. La grande possibilità che dà ai più ricchi in transito per la città californiana è quella di guardare la gente normale mentre suda, fa code per imbarcarsi nei voli meno costosi degli altri terminal.

Cinque motivi per cui il caso Comey potrebbe essere più grave del Watergate

Secondo l'Atlantic il licenziamento del direttore dell'Fbi potrebbe diventare uno dei più grandi scandali della politica americana. Ancora più grande della madre di tutti gli scandali
AP

Il Watergate fu probabilmente lo scandalo più grave nella storia recente della politica americana. Iniziò nel 1972 con la scoperta di intercettazioni illegali effettuate nella sede del Comitato Nazionale Democratico (l'organo interno che governa il Partito Democratico) da parte di funzionari del partito repubblicano e dal segretario alla giustizia John N. Mitchell. Nacque un'inchiesta, guidata dai due reporter del Washington Post Bob Woodward e Carl Bernstein, che scoperchiò il sistema di spionaggio interno messo in piedi dal presidente americano Richard Nixon e dal suo entourage per mantenere il potere. L'indagine portò alla richiesta di impeachment e poi alle effettive dimissioni del presidente nell'agosto del 1974. Ancora oggi, l'unico caso di dimissioni presidenziali nella storia americana. 

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Accordo commerciale con la Cina. Trump è stato "battuto" da Pechino?

Il presidente americano sin dalla sua candidatura aveva detto che avrebbe "battuto" la Cina. Ma secondo alcuni osservatori, in realtà, l'intesa annunciata la settimana scorsa racconta un'altra storia. Quella di una sconfitta
AP

Dal momento in cui annunciò quasi due anni fa la sua candidatura alle presidenziali, Donald Trump ha detto di volersi impegnate per iniziare un percorso che avrebbe portato gli Stati Uniti in una posizione vincente nei rapporti commerciali con la Cina.

Nuovo test missilistico della Corea del Nord. La Casa Bianca chiede nuove sanzioni

Mentre sembrava che i due Paesi potessero iniziare una fase di dialogo, Pyongyang manda un nuovo segnale. Washington: "Siamo dalla parte dei nostri alleati della Corea del Sud". La Russia sminuisce l'entità del pericolo
AP

Domenica mattina la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico, nel primo test da quando il nuovo presidente della Corea del Sud è entrato in carica, aprendo al dialogo con Pyongyang.

"Sono gli outsider che cambiano il mondo", e se lo dice Donald Trump che è arrivato alla Casa Bianca a dispetto di quanti lo avessero etichettato come "uno scherzo" (a joke ndr) al momento della sua candidatura, c’è da dargli credito. Il presidente americano ha tenuto un discorso davanti ai laureandi della Liberty University in Virginia, la più grande università cristiana del mondo, esortando i ragazzi ad andare avanti seguendo le proprie convinzioni a prescindere dalle critiche che gli possono arrivare dall'esterno.

Russiagate, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto i documenti bancari a Manafort

Ne mirino degli investigatori l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump per via dei controversi rapporti di consulenza con politici e oligarchi russi e ucraini

Il Dipartimento di Giustizia americano ha chiesto, il mese scorso, i documenti bancari di Paul Manafort, l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump, finito sotto i riflettori per via dei suoi controversi rapporti di consulenza con politici e oligarchi russi e ucraini filorussi.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.