Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Ad America24, Eataly Usa ha rilasciato il seguente commento: "Le accuse che sono state pubblicate stamattina riguardo al comportamento inappropriato dello chef Mario Batali verso alcune donne sono estremamente preoccupanti per noi. Supportiamo appieno la decisione di Batali di ritirarsi da qualsiasi collaborazione attiva con Eataly USA. Riteniamo che le molestie di ogni tipo e nei confronti di chiunque siano altamente inaccettabili. Per Eataly è estremamente importante creare un ambiente di lavoro sicuro e libero da ogni molestia e discriminazione".

Secondo il sito Eater, una donna ha spiegato che Batali l'ha toccata in modo inappropriato e contro la volontà di lei. Le altre sostengono che lo chef abbia palpeggiato i loro seni e il loro sedere durante delle feste di settore. Tre di loro erano sotto le due dipendenze mentre la quarta lavora nella ristorazione ma non per lui.

Dopo le accuse, lo chef si è preso un'aspettativa dai suoi ristoranti e dalla mecca americana del cibo Made in Italy controllata dal gruppo di Oscar Farinetti.  Inoltre è stato rimosso dalla co-conduzione della trasmissione "The Chew", su Abc. Il canale tv Food Network ha invece sospeso i piani per il rilancio, previsto l'anno prossimo, dello show "Molto Mario".

Lo chef si è scusato con le persone che "ho maltrattato e ferito. Anche se le identità di molti di questi individui menzionati in queste storie non mi sono state rivelate, gran parte dei comportamenti descritti corrisponde ai modi in cui ho agito. Quel comportamento è sbagliato e non ci sono scuse. Mi prendo la piena responsabilità e sono profondamente dispiaciuto per ogni dolore, umiliazione o disagio causato ai miei pari, ai dipendenti, ai clienti, agli amici e alla famiglia".

L'aspetto curioso è che alla fine dello scorso ottobre, sulla scia dello scandalo che travolse il produttore cinematografico Harvey Weinstein, Batali disse in un video che "serve un posto di lavoro senza paura, che alimenta sentimenti eccellenti per la collaborazione e la creatività". Secondo lui, "se si vuole essere circondati da persone di talento, serve creare un ambiente che protegga l'eccellenza".

Lo chef si è scusato con le persone che "ho maltrattato e ferito. Anche se le identità di molti di questi individui menzionati in queste storie non mi sono state rivelate, gran parte dei comportamenti descritti corrisponde ai modi in cui ho agito. Quel comportamento è sbagliato e non ci sono scuse. Mi prendo la piena responsabilità e sono profondamente dispiaciuto per ogni dolore, umiliazione o disagio causato ai miei pari, ai dipendenti, ai clienti, agli amici e alla famiglia".

L'aspetto curioso è che alla fine dello scorso ottobre, sulla scia dello scandalo che travolse il produttore cinematografico Harvey Weinstein, Batali disse in un video che "serve un posto di lavoro senza paura, che alimenta sentimenti eccellenti per la collaborazione e la creatività". Secondo lui, "se si vuole essere circondati da persone di talento, serve creare un ambiente che protegga l'eccellenza".

Con all'attivo la conduzione di trasmissioni tra cui “Mario Eats Italy” e “Ciao America” e la partecipazione a “Iron Chef America”, Batali spera di potere attraversare indenne lo scandalo. Nel frattempo Abc ha spiegato che sta cercando di capire se lo chef abbia violato i propri standard di condotta. La controllata di Walt Disney ha detto che "prende seriamente questioni come questa essendo impegnata a garantire un ambiente di lavoro sicuro". Food Network ha usato parole simili.

Non è la prima volta che il nome di Batali viene associato a storie di molestie sessuali. Lo scorso maggio è stato denunciato dall'ex pasticcere del ristorante newyorchese Babbo per via del suo orientamento sessuale: Franco Nava è un omosessuale e nella causa sostiene che i colleghi lo chiamassero "frocio"; secondo lui Batali avrebbe dovuto fare qualcosa per fermarli; Nava fu poi licenziato perché, sostiene lui, accusato di avere rubato una cotoletta di maiale che un altro dipendente gli aveva detto che poteva cucinare.

Nel 2011 un cameriere dello stesso ristorante, Eugene Gibbons, fece denuncia sostenendo che i dipendenti gli toccavano costantemente il sedere e i genitali mentre Batali e il co-proprietario Joe Bastianich non avevano fatto nulla per fermarli. E la cameriera Stephanie Capsolas ha capitanato un'altra causa sostenendo che uno chef - non Batali - facesse ripetutamente commenti e gesti luridi.

Nel libro del 2006 "Heat" - con cui l'autore Bill Buford offre uno sguardo dietro le quinte di Babbo - Batali viene citato mentre risponde alle lamentele di una chef, stanca di essere oggetto di molestie e di sentire discorsi a sfondo sessuale in cucina. Lui le rispose: "Questa è New York. Abituati". Lo scorso ottobre, in un articolo di Page Six sulla cucina interamente al femminile del ristorante Del Posto, Batali veniva citato dicendo: "Non è perché hanno una vagina. E' perché sono le persone migliori per questo lavoro".

Altri Servizi

Wall Street, occhi sulla decisione della Fed

Oggi, il Fomc dovrebbe lasciare i tassi invariati, ma è sempre più possibile un taglio a luglio
AP

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP