Lobby delle armi Usa: ok a regole più restrittive su "bump stock"

Per la prima volta la NRA fa un passo indietro e chiede maggiori controlli sulla vendita dei dispostivi che rendono un fucile semi-automatico un'arma totalmente automatica. Sono stati usati nella strage di Las Vegas
AP

La National Rifle Association ha detto di voler sostenere regole più restrittive sui "bump stock", dispositivi che permettono di rendere armi semiautomatiche in armi automatiche.

La decisione, inaspettata, arriva a pochi giorni dalla strage di Las Vegas, in cui sono state uccise 58 persone: Stephen Paddock aveva trasformato 12 delle armi che ha usato a Las Vegas attraverso uno die questi dispositivi. Si tratta di un rarissimo passo in avanti da parte della lobby delle armi che da anni fa campagna contro maggiori controlli sulla vendita di armi di fuoco.

Le autorità americane hanno stabilito che i "bump stock" non sono illegali, questo anche se vietano la vendita di mitragliatrici. Tuttavia diversi politici hanno più volte chiesto di vietarli. Il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives dovrebbe "rivedere immediatamente se questi dispositivi rispettano le leggi federali", si legge in una nota pubblicata dalla NRA nel pomeriggio di giovedì.

"La NRA crede che dispositivi pensati per rendere un'arma semiautomatica un'arma automatica dovrebbero essere sottoposti a ulteriori regolamentazioni", continua il comunicato.

"Entro giovedì sera i repubblicani presenteranno una bozza di legge per regolamentare i bump stock, l'amministrazione è aperta a discutere se è necessario vietarli". Lo ha detto Sarah Sanders, la portavoce della Casa Bianca, nella conferenza stampa di oggi.

Sanders ha tuttavia ricordato ancora una volta che il presidente americano, Donald Trump, continua a sostenere il secondo emendamento alla Costituzione americana, quello che garantisce il porto d'armi ai cittadini.

Altri Servizi

Usa: nuovi dazi da 200 miliardi di dollari contro la Cina, Apple Watch e Airpods salvi (per ora)

Entrano in vigore dal 24 settembre al 10%. Dal primo gennaio saliranno al 25%. Trump: se Pechino reagisce con ritorsioni, pronte altre tariffe doganali per 267 miliardi

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina sembrano destinate ad aumentare. Dal prossimo 24 settembre l'America di Donald Trump farà scattare dazi del 10% su importazioni cinesi aventi un valore di 200 miliardi di dollari. Dal primo gennaio 2019, le tariffe doganali saliranno al 25%. E se Pechino adotterà ritorsioni, Washington reagirà passando alla "fase tre" della sua strategia imponendo altri dazi su 267 miliardi di dollari di importazioni cinesi dopo una prima fase corrispondente all'entrata in vigore di dazi del 25% per 50 miliardi.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Wall Street torna a sperare nei negoziati commerciali

Ottimismo del Canada su negoziati con gli Usa. La Cina rassicura le aziende americane
iStock

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Coca-Cola sta "osservando attentamente" il mercato delle bevande alla cannabis, consapevole che "si sta evolvendo rapidamente". Anche il colosso americano delle bibite si sta dunque concentrando su un settore a rapida crescita che potrebbe offrire l'opportunità di sfruttare la legalizzazione della marijuana in Nord America ed Europa per controbilanciare i consumi in calo delle bevande tradizionali.

Wall Street: i salari sono tornati al massimi del 2008

Nel 2017 +13% a 422.500 dollari. Profitti settore finanziario +11% a 13,7 miliardi nei primi sei mesi del 2018. Verso terzo anno di fila di bonus in aumento
iStock

Nel 2017 i salari medi a Wall Street sono tornati ai massimi del 2008, l'anno in cui Lehman Brothers fallì diventando simbolo della peggiore crisi economico-finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.

Wall Street spera nei negoziati Usa-Cina

L'inflazione rallenta. Sussidi di disoccupazione ai minimi del 1969
iStock

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Trattative Cina-Usa a rischio dopo l'ultima minaccia di Trump

Già oggi potrebbero essere annunciati dazi per 200 miliardi di dollari. Pechino: non negozieremo "con la pistola alla tempia"
iStock

La Cina potrebbe decidere di non partecipare a un quinto round di negoziati commerciali con gli Stati Uniti alla luce dell'ultima minaccia di Donald Trump, quella di fare scattare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Pechino non è pronta a trattare "con la pistola puntata alla tempia". Ad anticipare che i negoziati sono a rischio è stato il Wall Street Journal, secondo cui già lunedì 17 settembre il presidente americano potrebbe introdurre le tariffe doganali.