Lvmh acquista Tiffany per 16,2 miliardi di dollari

L'annuncio ufficiale dato dai due gruppi. Per la chiusura dell'operazione bisognerà aspettare la metà del 2020

Lvmh, colosso francese del lusso, ha raggiunto un accordo per rilevare il gruppo statunitense dei gioielli di lusso Tiffany & Co per 135 dollari per azione in contanti, nell'ambito di una transazione del valore di 14,7 miliardi di euro o 16,2 miliardi di dollari. È quanto si legge in una nota di Lvmh, in cui si sottolinea che l'acquisizione rafforza la presenza di Lvmh negli Stati Uniti e nel comparto dei gioielli. L'operazione, che secondo le previsioni sarà chiusa alla metà del 2020, è già stata approvata dal Cda di entrambe le società.

"Siamo lieti di avere l'opportunità di dare il benvenuto a Tiffany, un'azienda con un patrimonio senza pari e una posizione unica nel mondo dei gioielli globale" ha dichiarato Bernard Arnault. "Abbiamo un immenso rispetto e ammirazione per Tiffany e intendiamo sviluppare questo gioiello con la stessa dedizione e impegno che abbiamo applicato a ciascuno dei marchi della nostra Maison. Siamo orgogliosi di avere Tiffany al fianco dei nostri marchi iconici, garantendo che Tiffany continuerà a prosperare per i secoli a venire".

"A seguito di una revisione strategica che includeva un processo interno ponderato e una consulenza esterna di esperti - ha aggiunto Roger N. Farah, presidente del Cda di Tiffany - il Consiglio ha concluso che la transazione con Lvmh offre un entusiasmante percorso, con un gruppo che apprezza e in cui investirà le risorse uniche di Tiffany e il forte capitale umano, pur offrendo un prezzo convincente che crea valore per i nostri azionisti".

"Tiffany - ha concluso Alessandro Bogliolo, amministratore delegato di Tiffany - si è concentrata sull'esecuzione delle priorità strategiche chiave per favorire una crescita sostenibile a lungo termine. Questa transazione, che si verifica in un momento di trasformazione interna per il nostro marchio leggendario, fornirà ulteriore supporto, risorse e slancio per queste priorità mentre ci evolviamo per diventare The Next Generation Luxury Jeweler. Come parte del gruppo Lvmh, Tiffany raggiungerà nuove vette, sfruttando la sua notevole competenza interna, senza pari".

Tiffany aveva respinto l'offerta iniziale tutta in contanti di 120 dollari ad azione, definendola troppo bassa; nei giorni scorsi, si era parlato di un'offerta alzata a 130 dollari ad azione, che aveva convinto Tiffany a dare accesso ai suoi libri, consentendo a Lvmh di svolgere una due diligence riservata. I 135 dollari ad azione rappresentano un cospicuo premio per gli azionisti di Tiffany rispetto allo scorso mese, quando ancora non era emerso l'interesse del gruppo francese, e pari all'8% rispetto alla chiusura di venerdì. L’acquisto di Bulgari da parte di Lvmh nel 2011 ha dato impulso alla divisione più piccola e più recente del gruppo, quella di gioielli e orologi, che comprende anche Hublot e Tag Heuer. Tuttavia, l’attività rappresentava il 9% dei ricavi e il 7% degli utili di Lvmh nel 2018, circa un quinto del core business costituito da moda e borse, che include marchi come Christian Dior, Givenchy e Louis Vuitton. Lvmh - che ha una capitalizzazione di quasi 200 miliardi di dollari - prevede di mantenere separati i marchi Bulgari e Tiffany.

Tiffany sta subendo la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Al calo del turismo cinese negli Stati Uniti - che contribuiva alle vendite sul mercato statunitense - la catena di gioielleria aveva provato a rispondere aprendo nuovi negozi in Cina, ma lì è stata colpita dai nuovi dazi cinesi sui gioielli Made in Usa. Tiffany ha oltre 300 negozi nel mondo e circa 4 miliardi di dollari in fatturato annuale.

L'amministratore delegato di Tiffany, Alessandro Bogliolo, ha lavorato per 16 anni in Bulgari, vivendo anche il passaggio della casa orafa romana nelle mani del gruppo parigino; poi, il manager italiano è stato a capo della divisione nordamericana di Sephora, altro marchio di Lvmh, per poco più di un anno. L'acquisizione di Tiffany è la più grande da parte di Lvmh, guidata da tre decenni dal miliardario Bernard Arnault.

Altri Servizi

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Mnuchin avverte l'Italia: dazi Usa se applicherete la digital tax

Il segretario al Tesoro Usa intervistato dal Wall Street Journal: "Cercheremo una soluzione, come con la Francia"

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Gli Usa celebrano Martin Luther King

È l'unico cittadino statunitense cui sia stata dedicata una giornata di festa nazionale