Macy's taglierà 6.200 posti di lavoro nel 2017, altri 3.900 a rischio

La catena di grandi magazzini continua la sua ristrutturazione che comprende la chiusura di 68 negozi. Tagliate le stime sugli utili per il 2016 dopo vendite in calo a Natale. Male anche il rivale Kohl's. Soffre il comparto intero

Un taglio delle stime sugli utili dell'esercizio fiscale 2016, dettagli sulla ristrutturazione e dati di vendite deludenti durante le festività natalizie hanno fatto precipitare Macy's nel dopo mercato il 4 dicembre: il titolo dei grandi magazzini americani ha perso quasi il 10% successivamente a una seduta che era finita in rialzo dell'1,73% a 35,84 dollari. Le cattive notizie arrivate dal rivale Kohl's hanno fatto soffrire l'intero settore retail.

Macy's si aspetta utili per azione pro forma per il 2016 a 2,95-3,10 dollari contro i calcoli precedenti per 3,15-3,40 dollari; i conti verranno pubblicati il prossimo 21 febbraio.

La mecca dei grandi magazzini ha anche annunciato "una serie di azioni volte a snellire i suoi negozi, a intensificare l'efficienza dei costi e a mettere in atto la sua strategia immobiliare". Quelle azioni includono 6.200 esuberi, la vendita di tre negozi e la chiusura di 68 punti vendita su un totale di 730: 63 spegneranno le luci entro l'inizio della prossima primavera, tre lo hanno già fatto a metà del 2016 e altri due si aggiungerano entro il giugno 2017; i 68 negozi fanno parte dei 100 la cui chiusura era stata comunicata nell'agosto 2016; la mossa chiama in causa 3.900 dipendenti: "laddove possibile" saranno spostati nei negozi vicini; ad altri verranno offerte delle buonuscite.

Le iniziative di Macy's dovrebbero risultare in risparmi di circa 550 milioni di dollari a partire dal 2017. Tuttavia, nei conti del quarto trimestre del 2016 si faranno sentire oneri per 250 milioni di dollari o 50 centesimi per azione, cifra che va ad aggiungersi agli oneri per 249 milioni registrati nel secondo trimestre dello scorso anno. Come risultato della chiusura di 63 negozi entro l'inizio del 2017, le vendite nell'anno in corso del gruppo verranno colpite negativamente per circa 575 milioni.

"Nell'ultimo anno ci siamo concentrati su decisioni strategiche volte a metterci nella posizione di guadagnare quote di mercato e ritornare nel tempo a crescere", ha commentato in una nota Terry J. Lundgren, amministratore delegato di Macy's. "Anche se siamo contenti della nostra performance forte del nostro business online, continuiamo a registrare un calo del traffico nei nostri negozi", ha continuato prevedendo che l'andamento delle vendite 2017 nei punti vendita aperti da almeno un anno sarà in linea con il trend registrato tra novembre e dicembre scorsi. In quel periodo il dato è sceso del 2,1% rispetto agli stessi mesi del 2015, più di quanto Macy's sperava. Lo stesso Ceo lo ha ammesso in un altro comunicato: "Sebbene il trend delle vendite sia stato in linea con la parte bassa delle nostre guidance, avevamo anticipato che le vendite sarebbero state più forti. Crediamo che la nostra performance durante la stagione natalizia rifletta le sfide generali con cui il settore retail deve fare i conti".

L'andamento dello shopping nei negozi del rivale Kohl's gli ha dato ragione. Anche questo gruppo ha tagliato le stime sui profitti del 2016, che verranno diffusi il 23 febbraio. "Le vendite sono state volatili nel periodo delle feste: forti vendite nel Black Friday (il venerdì successivo al Giorno del ringraziamento, che c'è stato il 24 novembre 2016, ndr) e nella settimana precedente al Natale sono state controbilanciate da un andamento soft a inizio novembre e dicembre", ha spiegato il Ceo Kevin Mansell. Il titolo Kohl's, che negli ultimi tre mesi ha guadagnato il 20%, ha perso quasi il 15% nel dopo mercato. Il suo andamento e quello di Macy's hanno pesato sulle azioni di Nordstrom (-5,4%), J.C. Penney (-5%) e Dillard's (-3%).

La National Retail Federation si aspetta comunque per il settore retail vendite in aumento del 3,6% nel periodo legato alle festività di fine anno, oltre il rialzo del 3% di un anno fa.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.