Manafort si offrì di negoziare per l'Ecuador un accordo per consegnare Assange agli Usa

Nyt: l'ex capo della campagna presidenziale di Trump avrebbe più volte incontrato il presidente Moreno, desideroso di sbarazzarsi del fondatore di WikiLeaks. Le indagini di Mueller sul Russiagate fermarono il lobbista
Ap

Paul Manafort, ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump, si sarebbe offerto al presidente dell'Ecuador come intermediario per un accordo con gli Stati Uniti, che prevedesse la consegna di Julian Assange in cambio della cancellazione di una parte del debito di Quito. Dal 2012, Assange vive nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, nel Regno Unito, dove si era rifugiato per sfuggire alla richiesta di estradizione della Svezia, dove era indagato per stupro (l'inchiesta è stata poi archiviata, ma se lasciasse l'ambasciata rischierebbe di essere consegnato agli Stati Uniti).

Durante un incontro con il presidente eletto Lenin Moreno nel maggio 2017, scrive il New York Times, Manafort avrebbe detto di poter negoziare un accordo con l'amministrazione statunitense. Manafort avrebbe incontrato Moreno, intenzionato a 'sbarazzarsi' di Assange - aiutato invece dal presidente Rafael Correa, all'epoca ancora in carica - in almeno due occasioni. Manafort, potente lobbista internazionale, si era inizialmente rivolto all'Ecuador per cercare di 'vendere' un accordo con la Cina nel settore elettrico, nel tentativo di guadagnare qualche ricca commissione in un momento di difficoltà economica, dovuto anche alle fatture legali da pagare.

Un paio di giorni dopo l'ultimo incontro a Quito, Robert Mueller fu nominato procuratore speciale per indagare sulle ingerenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi e Manafort divenne subito un suo obiettivo primario. Così, i negoziati tra Manafort e l'Ecuador terminarono, senza naturalmente un accordo.

Non ci sono prove, sottolinea il New York Times, che Manafort stesse lavorando per l'amministrazione Trump o che l'avesse anche solo informata della sua iniziativa. Non ci sono nemmeno prove che la volontà di Manafort fosse motivata dalle preoccupazioni sulle indagini di Mueller e sull'eventuale ruolo di Assange e WikiLeaks nel facilitare gli sforzi russi per aiutare Trump a vincere. Un portavoce di Manafort ha detto che fu Moreno a parlare di Assange e del suo desiderio di sbarazzarsene e che il lobbista "ascoltò senza fare promesse, visto che lo scopo di quell'incontro era un altro". Già la scorsa settimana, la Cnn aveva sostenuto che Mueller avrebbe indagato su un incontro tra Manafort e Moreno, avvenuto nel 2017; Mueller sarebbe stato interessato a capire se WikiLeaks e Assange fossero stati al centro dei colloqui.

Washington ha segretamente incriminato Assange, ma l'incriminazione è stata svelata per errore in un atto giudiziario relativo a un'inchiesta che non aveva nulla a che vedere con il fondatore di WikiLeaks. Fin dal 2010, le autorità statunitensi hanno cercato di incriminare Assange e la sua organizzazione per la pubblicazione di documenti segreti che hanno svelato gli abusi commessi dai soldati statunitensi in Iraq e Afghanistan e i programmi di sorveglianza di massa della Nsa, un'agenzia d'intelligence statunitense.

Manafort è stato accusato, lo scorso anno, di una serie di reati dall'ufficio di Mueller, in relazione al suo lavoro di consulente filorusso in Ucraina, e arrestato; si è poi dichiarato colpevole di alcuni reati nell'ambito di un patteggiamento con le autorità; i termini dell'accordo, secondo l'ufficio di Mueller, sarebbero però stati violati. Manafort resta in isolamento in carcere, in attesa della sentenza; per reati che includono l'evasione fiscale e il riciclaggio di denaro, rischia di subire una condanna di oltre dieci anni di carcere.

Altri Servizi

Wall Street digerisce il discorso di Powell e la pioggia di tweet di Trump

Continua il summit organizzato dalla Fed di Kansas City a Jackson Hole, Wyoming.
AP

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

iStock

HP dice addio a colui che era suo Ceo dal 2015, quando la vecchia Hewlett-Packard fu scorporata in due aziende (l'altra si chiama Hewlett Packard Enterprise e offre servizi IT e vende server).

Morto l'industriale conservatore David Koch: con il fratello, ha influenzato la politica Usa degli ultimi decenni

Aveva 79 anni. Ex candidato alla vicepresidenza con il partito Libertario, ha sostenuto molti repubblicani, ma era entrato in contrasto con il presidente Trump

L'industriale David Koch, noto finanziatore del partito repubblicano statunitense, è morto oggi, all'età di 79 anni. Lo ha reso noto il fratello Charles, 83 anni, con cui ha guidato l'azienda fondata dal padre Fred, la Koch Industries. 

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

March for Our Lives, il gruppo di attivisti che si è formato dopo la sparatoria di massa avvenuta lo scorso anno in una scuola di Parkland, in Florida, ha presentato oggi un piano per il controllo delle armi. Chiamato il "piano di pace per un'America più sicura", comprende proposte come la creazione di un registro nazionale, la messa al bando di armi d'assalto e di caricatori ad alta capacità, la creazione di un programma obbligatorio di riacquisto delle armi detenute dai civili da parte delle autorità e l'istituzione di un direttore nazionale per la prevenzione della violenza compiuta con armi da fuoco.

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

Hasbro compra il proprietario di Peppa Pig per 4 miliardi di dollari

Il produttore di giocattoli si rafforza con Entertainment One, con quartier generale a Toronto ma quotato a Londra. Dividendo intatto. Stop al buyback
Entertainment One

Il produttore americano di giocattoli Hasbro ha trovato un accordo per comprare Entertainment One, gruppo quotato a Londra che produce contenuti per bambini e adulti, per 3,3 miliardi di sterline. Monopoly, Play-Doh, Power Rangers e Transformers accolgono quindi sotto il loro tetto Peppa Pig, PJ Masks e Ricky Zoom.

Fed, Powell: l'economia Usa va bene, tra i rischi spunta crisi di governo in Italia

Da Jackson Hole, il governatore cita anche una hard Brexit e le tensioni a Hong Kong
AP

La Federal Reserve "agirà in modo appropriato per sostenere l'espansione [dell'economia americana]". Con queste parole Jerome Powell ribadisce un mantra che gli permette di essere flessibile senza dire esplicitamente che la banca centrale Usa taglierà di nuovo i tassi. Nel suo discorso da Jackson Hole, il governatore ha da un lato sottolineato la forza dell'economia statunitense e dall'altro ha fatto notare che "l'incertezza della politica commerciale sta giocando un ruolo nel rallentamento globale e nella debolezza del [settore] manifatturiero e delle spese per capitale negli Stati Uniti". 

Aveva detto che sarebbe stata costretta a reagire con delle ritorsioni. Oggi è arrivata la conferma: la Cina ha deciso di rispondere ai dazi del 10% che gli Usa imporranno dal primo settembre su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Lo farà adottando nuovi dazi su 75 miliardi di dollari di importazioni statunitensi, anche sulle auto Made in Usa. I dazi spazieranno dal 5 al 10% ed entreranno in vigore con la stessa tempistica di quelli americani: un primo round dall'1 settembre e un secondo dal 15 dicembre (la data in cui il governo Trump ha deciso di posticipare, per salvare lo shopping natalizio, l'entrata in vigore di dazi su smartphone, laptop, monitor, giocattoli, console per videogiochi e certi capi d'abbigliamento).

Trump ordina alle aziende Usa di cercare "alternative" alla Cina, suggerisce che Powell è un nemico

I gruppi retail rispondono al presidente: "Irrealistico" lasciare la seconda maggiore economia al mondo
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, ha reagito con una serie di tweet alle ritorsioni annunciate oggi dalla Cina contro 75 miliardi di dollari di importazioni americane. E lo ha fatto dopo avere nuovamente attaccatto la Federal Reserve e il suo governatore, suggerendo che è un "nemico", e ordinando alle aziende americane di riorganizzarsi abbandonando la Cina e trasferendo la produzione in Usa. Con quei tweet, riferisce Cnbc, il presidente ha preso alla sprovvista la sua squadra di esperti che non sono a conoscenza dell'annuncio pomeridiano che Trump ha detto che farà in merito alla Cina. Inoltre, i funzionari Usa dubitano che lui possa ordinare alla Corporate America di modificare la loro filiera produttiva