Manafort si offrì di negoziare per l'Ecuador un accordo per consegnare Assange agli Usa

Nyt: l'ex capo della campagna presidenziale di Trump avrebbe più volte incontrato il presidente Moreno, desideroso di sbarazzarsi del fondatore di WikiLeaks. Le indagini di Mueller sul Russiagate fermarono il lobbista
Ap

Paul Manafort, ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump, si sarebbe offerto al presidente dell'Ecuador come intermediario per un accordo con gli Stati Uniti, che prevedesse la consegna di Julian Assange in cambio della cancellazione di una parte del debito di Quito. Dal 2012, Assange vive nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, nel Regno Unito, dove si era rifugiato per sfuggire alla richiesta di estradizione della Svezia, dove era indagato per stupro (l'inchiesta è stata poi archiviata, ma se lasciasse l'ambasciata rischierebbe di essere consegnato agli Stati Uniti).

Durante un incontro con il presidente eletto Lenin Moreno nel maggio 2017, scrive il New York Times, Manafort avrebbe detto di poter negoziare un accordo con l'amministrazione statunitense. Manafort avrebbe incontrato Moreno, intenzionato a 'sbarazzarsi' di Assange - aiutato invece dal presidente Rafael Correa, all'epoca ancora in carica - in almeno due occasioni. Manafort, potente lobbista internazionale, si era inizialmente rivolto all'Ecuador per cercare di 'vendere' un accordo con la Cina nel settore elettrico, nel tentativo di guadagnare qualche ricca commissione in un momento di difficoltà economica, dovuto anche alle fatture legali da pagare.

Un paio di giorni dopo l'ultimo incontro a Quito, Robert Mueller fu nominato procuratore speciale per indagare sulle ingerenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi e Manafort divenne subito un suo obiettivo primario. Così, i negoziati tra Manafort e l'Ecuador terminarono, senza naturalmente un accordo.

Non ci sono prove, sottolinea il New York Times, che Manafort stesse lavorando per l'amministrazione Trump o che l'avesse anche solo informata della sua iniziativa. Non ci sono nemmeno prove che la volontà di Manafort fosse motivata dalle preoccupazioni sulle indagini di Mueller e sull'eventuale ruolo di Assange e WikiLeaks nel facilitare gli sforzi russi per aiutare Trump a vincere. Un portavoce di Manafort ha detto che fu Moreno a parlare di Assange e del suo desiderio di sbarazzarsene e che il lobbista "ascoltò senza fare promesse, visto che lo scopo di quell'incontro era un altro". Già la scorsa settimana, la Cnn aveva sostenuto che Mueller avrebbe indagato su un incontro tra Manafort e Moreno, avvenuto nel 2017; Mueller sarebbe stato interessato a capire se WikiLeaks e Assange fossero stati al centro dei colloqui.

Washington ha segretamente incriminato Assange, ma l'incriminazione è stata svelata per errore in un atto giudiziario relativo a un'inchiesta che non aveva nulla a che vedere con il fondatore di WikiLeaks. Fin dal 2010, le autorità statunitensi hanno cercato di incriminare Assange e la sua organizzazione per la pubblicazione di documenti segreti che hanno svelato gli abusi commessi dai soldati statunitensi in Iraq e Afghanistan e i programmi di sorveglianza di massa della Nsa, un'agenzia d'intelligence statunitense.

Manafort è stato accusato, lo scorso anno, di una serie di reati dall'ufficio di Mueller, in relazione al suo lavoro di consulente filorusso in Ucraina, e arrestato; si è poi dichiarato colpevole di alcuni reati nell'ambito di un patteggiamento con le autorità; i termini dell'accordo, secondo l'ufficio di Mueller, sarebbero però stati violati. Manafort resta in isolamento in carcere, in attesa della sentenza; per reati che includono l'evasione fiscale e il riciclaggio di denaro, rischia di subire una condanna di oltre dieci anni di carcere.

Altri Servizi

Huawei: Trump disposto a intervenire sul caso, la Cfo ottiene rilascio su cauzione

Il presidente Usa pronto a essere coinvolto pur di raggiungere un accordo commerciale con la Cina. Con Xi, non ne ha ancora parlato

Il presidente americano, Donald Trump, è disposto a intervenire nel caso Huawei se farlo rendesse più facile il raggiungimento di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e tutelasse la sicurezza della sua America.

Continua la volatilità a Wall Street

Oggi, in programma il dato sui prezzi alla produzione
AP

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Qualcomm ottiene divieto di vendita di iPhone in Cina

Apple: "mossa disperata", faremo ricorso.

Continua il braccio di ferro tra Qualcomm e Apple. E il produttore americano di microprocessori canta vittoria, sostenendo di avere ottenuto da un tribunale cinese una ingiunzione preliminare con la quale viene impedito al colosso tech di importare e vendere in Cina alcuni modelli vecchi di iPhone.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.