Mancano i risultati, il Senato Usa si taglia le ferie

Vacanze ridotte, repubblicani 'ammettono' incapacità di governare. Senza la riforma sanitaria, anche Trump aveva invitato i senatori a non lasciare Washington

Una punizione, o semplicemente un'ammissione di colpa; forse, la volontà di non tornare a casa senza aver mantenuto almeno qualche promessa. L'incapacità di ottenere dei risultati ha costretto i senatori repubblicani a sacrificare una parte delle ferie, a cui è sempre stato dedicato il mese di agosto: ieri, il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, ha annunciato che due settimane di vacanza saranno invece dedicate al lavoro.

I repubblicani controllano la Casa Bianca, la Camera e il Senato. Eppure, sarebbero tornati a casa, negli Stati che li hanno eletti, senza risultati, come dimostrato dallo stallo sulla riforma sanitaria. "È ora di portare dei risultati agli americani" ha detto un gruppo di dieci senatori repubblicani, che ha fatto pressioni su McConnell affinché annunciasse il rinvio della chiusura estiva.

"In modo da fornire più tempo per completare le azioni su importanti temi legislativi e confermare le nomine che restano bloccate per la mancanza di collaborazione dei nostri amici dell'altra parte dell'Aula, il Senato rinvierà l'inizio della sospensione di agosto fino alla terza settimana" ha detto McConnell, leggendo una dichiarazione ai giornalisti. È la prima volta dal 1994 che il Senato ritarda l'inizio delle ferie, che durano solitamente cinque settimane.

Tra i più severi con il proprio gruppo, il senatore Charles Grassley, repubblicano dell'Iowa, che su Twitter, nel weekend, ha scritto che i 52 senatori del Grand Old Party dovrebbero "vergognarsi per non aver finora approvato la riforma sanitaria". Anche il presidente Donald Trump era intervenuto su Twitter: "Non posso immaginare che il Congresso osi lasciare Washington senza una bella riforma sanitaria pienamente approvata e pronta". Insomma, i repubblicani non se la sono sentita di andare in vacanza per un mese, ma al tempo stesso hanno voluto punire (anche) i democratici, accusati di aver bloccato i lavori dell'Aula.

Altri Servizi

Trump e gli affari immobiliari con i criminali russi

La mafia russa e il riciclaggio di denaro attraverso investimenti nelle proprietà del presidente
Apple

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha più volte negato di aver avuto legami con la Russia, ma a guardar bene nel passato del magnate immobiliare di New York ci sono tracce che conducono a Mosca: sono più di una, e in alcuni casi hanno a che fare con la criminalità russa, anche se non ci sono prove per dire se lui ne fosse o meno a conoscenza. La storia è intricata ed è stata ricostruita in un lungo articolo dal magazine New Republic.

Sessions e l'ambasciatore russo parlarono di campagna elettorale e dei rapporti Usa-Russia

Lo scrive il Washington Post, citando intercettazioni d'intelligence basate sul resoconto di Kislyak ai suoi superiori. Trump: "Un'altra illegale fuga di notizie", questa volta sul segretario alla Giustizia, che avrebbe quindi mentito
Ap

L'ambasciatore russo a Washington ha detto ai suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi riguardanti la campagna elettorale statunitense, compresi quelli di interesse russo, con Jeff Sessions, allora senatore repubblicano e membro dello staff di Donald Trump, oggi segretario alla Giustizia, nei loro colloqui durante la corsa presidenziale. Il nuovo scoop che fa gridare Trump, ancora una volta, contro le "fughe di notizie illegali", è del Washington Post, che cita fonti dell'ex e dell'attuale amministrazione statunitense.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street, chiusura in ribasso

Ieri, terzo record consecutivo per il Nasdaq, che ha archiviato la decima giornata consecutiva in aumento, la serie temporale più lunga dal febbraio 2015
AP

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Usa vietano ai propri cittadini di visitare la Corea del Nord

Lo avevano anticipato due tour operator cinesi specializzati in viaggi nel regime di Kim Jong-un. Il giovane studente americano imprigionato a Pyongyang e poi deceduto in Usa aveva ricorso a uno dei due. Ritorsione di Trump
AP

E' ufficiale: l'amministrazione Trump ha deciso di vietare ai cittadini americani di visitare la Corea del Nord a partire dal mese prossimo. L'idea è che sia troppo rischioso. Lo ha comunicato il dipartimento di Stato confermando quanto anticipato sui rispettivi siti internet da due tour operator cinesi specializzati nei viaggi a Pyongyang.

Russiagate, Trump studia come screditare l'inchiesta

I legali studiano anche l'autorità presidenziale di "perdonare" chi è stato condannato. Lo sostiene il Washington Post. Per il senatore Warner, è "inquietante"

Gli avvocati di Donald Trump starebbero valutando scappatoie legali per depotenziare l'inchiesta sul Russiagate, o per arrivare a 'graziare' de facto le persone coinvolte nella vicenda che sta mettendo in seria difficoltà il presidente statunitense. Una prospettiva "estremamente inquietante", ha commentato il senatore Mark Warner, l'esponente democratico di più alto profilo che siede nel Comitato intelligence del Senato Usa, che indaga sulla possibile collusione tra l'entourage del leader della Casa Bianca e la Russia.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".