Mancano i risultati, il Senato Usa si taglia le ferie

Vacanze ridotte, repubblicani 'ammettono' incapacità di governare. Senza la riforma sanitaria, anche Trump aveva invitato i senatori a non lasciare Washington

Una punizione, o semplicemente un'ammissione di colpa; forse, la volontà di non tornare a casa senza aver mantenuto almeno qualche promessa. L'incapacità di ottenere dei risultati ha costretto i senatori repubblicani a sacrificare una parte delle ferie, a cui è sempre stato dedicato il mese di agosto: ieri, il leader della maggioranza in Senato, Mitch McConnell, ha annunciato che due settimane di vacanza saranno invece dedicate al lavoro.

I repubblicani controllano la Casa Bianca, la Camera e il Senato. Eppure, sarebbero tornati a casa, negli Stati che li hanno eletti, senza risultati, come dimostrato dallo stallo sulla riforma sanitaria. "È ora di portare dei risultati agli americani" ha detto un gruppo di dieci senatori repubblicani, che ha fatto pressioni su McConnell affinché annunciasse il rinvio della chiusura estiva.

"In modo da fornire più tempo per completare le azioni su importanti temi legislativi e confermare le nomine che restano bloccate per la mancanza di collaborazione dei nostri amici dell'altra parte dell'Aula, il Senato rinvierà l'inizio della sospensione di agosto fino alla terza settimana" ha detto McConnell, leggendo una dichiarazione ai giornalisti. È la prima volta dal 1994 che il Senato ritarda l'inizio delle ferie, che durano solitamente cinque settimane.

Tra i più severi con il proprio gruppo, il senatore Charles Grassley, repubblicano dell'Iowa, che su Twitter, nel weekend, ha scritto che i 52 senatori del Grand Old Party dovrebbero "vergognarsi per non aver finora approvato la riforma sanitaria". Anche il presidente Donald Trump era intervenuto su Twitter: "Non posso immaginare che il Congresso osi lasciare Washington senza una bella riforma sanitaria pienamente approvata e pronta". Insomma, i repubblicani non se la sono sentita di andare in vacanza per un mese, ma al tempo stesso hanno voluto punire (anche) i democratici, accusati di aver bloccato i lavori dell'Aula.

Altri Servizi

Negli Stati Uniti, si festeggia il giorno dei presidenti

Ogni terzo lunedì di febbraio, il Paese celebra i suoi leader. In origine, era solo una festa per commemorare Washington, il primo presidente

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, lo trascorrerà a West Palm Beach, dove è arrivato venerdì, e giocherà a golf; in serata, farà ritorno alla Casa Bianca. Su Twitter, in mattinata, ha augurato "un grande, ma riflessivo, Presidents' Day!". 

La legalizzazione delle scommesse sportive divide gli Stati Uniti

Entro giugno, è attesa una sentenza della Corte Suprema che potrebbe dare il via libera in tutto il Paese, mentre per ora sono consentite solo in quattro Stati. A guidare i contrari è la Ncaa: l'integrità dello sport universitario sarebbe a rischio

In Italia e in molti Paesi d'Europa, le scommesse sportive non sono più un tabù e siamo ormai abituati a vedere le persone scommettere su ogni evento, dalla finale di Champions League alle partite di badminton in Indonesia. Negli Stati Uniti, invece, non è così. Ma le cose potrebbero presto cambiare.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Lei è la senatrice più votata nella storia degli Stati Uniti, loro sono tra i leader più importanti della Silicon Valley, il motore tech della California. Alle prossime primarie democratiche in vista delle elezioni di metà mandato, si troveranno l'una contro gli altri.

Trump appoggia Romney, candidato al Senato

Vecchie ruggini tra loro, ma il voto di Mitt sarebbe fondamentale in Aula. L'ex governatore ha ringraziato il presidente

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha manifestato su Twitter il proprio appoggio a Mitt Romney, candidato a prendere il seggio in Senato che sarà lasciato da Orrin Hatch, che rappresenta lo Utah in Aula dal 1977. Secondo il presidente, che aveva cercato di convincere Hatch, suo grande sostenitore, a ricandidarsi, Romney "sarà un grande senatore e un degno successore di Hatch. Ha il mio pieno sostegno e appoggio!".

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.