Manning si candida al Senato, sfida all'establishment democratico

L'ex analista militare, graziata da Obama dopo 7 anni di carcere per aver rivelato informazioni riservate, ha presentato domanda per correre in Maryland. Alle primarie, dovrà battere il senatore Cardin. Per ora, da parte sua, nessun annuncio ufficiale
Ap

Chelsea Manning, l'ex analista militare graziata da Barack Obama dopo sette anni di carcere, si è registrata per candidarsi come democratica al Senato federale statunitense. Manning, che trasmise a Wikileaks centinaia di migliaia di documenti riservati - compresi quelli sulle operazioni statunitensi in Iraq e Afghanistan - ha presentato la domanda per candidarsi nello Stato del Maryland, dove vive da quando è uscita dal carcere, e sfidare alle primarie il senatore Ben Cardin, che cercherà di ottenere il suo terzo mandato.

Manning non ha voluto commentare la sua registrazione alla Federal Election Commission, datata 11 gennaio, ma potrebbe farlo nei prossimi giorni, secondo il Washington Post. Per vedere il proprio nome sulla scheda elettorale, Manning dovrà registrarsi anche al Maryland State Board of Elections.

La notizia, iniziata a circolare il 13 pomeriggio, è stata accolta con sorpresa dalla classe politica del Maryland. Cardin, capogruppo democratico alla commissione Esteri, ha una base di finanziatori molto solida in Maryland e appare inattaccabile nel suo Stato. La candidatura di una persona così nota a livello nazionale potrebbe però convincere molti donatori democratici a farsi avanti in aiuto di Manning per promuovere un'agenda politica più progressista.

Manning, 30 anni, fu condannata per spionaggio e altri reati nel 2013, dopo aver trasmesso a Wikileaks centinaia di migliaia di dispacci diplomatici riservati, che hanno svelato anche gli abusi dei soldati statunitensi e l'uccisione di civili in Iraq. Condannata a 35 anni di carcere, l'ex analista militare dell'esercito, il 17 gennaio 2017, ha visto la sua condanna commutata a sette anni, a partire dal suo arresto nel 2010, dall'allora presidente Barack Obama, ed è uscita di prigione il 17 maggio 2017. In carcere ha iniziato la transizione per cambiare sesso e diventare donna (nata con il nome Bradley, è diventata legalmente Chelsea Manning nel 2014).

Divenuta una voce importante a sostegno dei diritti dei transgender e delle libertà civili, considerata da molti un'eroina e, da tanti altri, una traditrice (tra cui il presidente Donald Trump), era stata recentemente nominata "visiting fellow" della scuola di politica di Harvard, che poi aveva deciso di tornare sui propri passi dopo le polemiche create.

La voce più critica contro l'iniziale decisione di Harvard era stata quella della Cia: l'ex vicedirettore sotto Obama, Michael Morell, aveva rinunciato alla fellowship, definendo l'invito a Manning "totalmente inappropriato". Ore dopo, il direttore della Cia, Mike Pompeo, aveva annullato un suo intervento all'università di Harvard proprio a causa dell'invito a Manning, "una traditrice del suo Paese". "La signora Manning rappresenta il contrario di tutto ciò per cui i coraggiosi uomini e donne con cui lavoro si battono". Pompeo, che ha frequentato la Harvard Law School, ha detto che è "vergognoso" che Harvard abbia dato il suo "visto d'approvazione" alle azioni di Manning. Ore dopo, era arrivato il commento di Manning, affidato a Twitter: "Onorata di essere la prima donna trans disinvitata come visiting fellow di Harvard. Smorzano le voci marginalizzate sotto la pressione della Cia". "È questo l'aspetto di uno Stato militare/di polizia/d'intelligence. La Cia ha deciso cosa insegnare e cosa no a Harvard".

La Costituzione statunitense permette ai cittadini con condanne penali di candidarsi al Congresso. Il Maryland, poi, richiede semplicemente che un candidato abbia almeno 30 anni, sia cittadino statunitense da almeno nove anni e residente nello Stato. 

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a dati macro e trimestrali

Investitori attenti anche al vertice Trump-Macron
iStock


Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Grazie a cambiamenti contabili e a introiti pubblicitari in aumento, Alphabet ha chiuso il primo trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo e sopra le stime degli analisti. Il colosso tecnologico che controlla Google ha tuttavia registrato un balzo delle spese per attrarre traffico sui propri siti. Inoltre le spese per capitale sono quasi triplicate rispetto a un anno prima superando del doppio le previsioni del mercato. La trimestrale è stata pubblicata in vista dell'entrata in vigore nella Ue della General Data Protection Regulation, della quale Google si è detto pronto a rispettare i requisiti.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Cia, 109 ex leader militari protestano contro la nomina di Haspel

La veterana dell'agenzia, scelta dal presidente Trump come nuovo direttore, in passato ha guidato il centro di torture sui presunti terroristi in Thailandia
AP

Prima dell'inizio, al Senato statunitense, del processo di conferma di Gina Haspel a capo della Cia, 109 alti ufficiali in pensione di Esercito, Marina, Aeronautica, Corpo dei Marine e Guardia Costiera hanno firmato una lettera in cui esprimono le loro preoccupazioni sulla sua nomina.

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Joe Manchin ha dichiarato che voterà a favore della nomina di Mike Pompeo a segretario di Stato statunitense, diventando il secondo senatore democratico a schierarsi in favore dell'attuale capo della Cia. Il suo annuncio è di particolare importanza, perché sembra garantire la capacità di Pompeo di ottenere la conferma del Senato, necessaria per ottenere l'incarico.

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Usa "impazienti" di lavorare con il nuovo governo italiano

Il nostro è un Paese "libero" e capace di scegliere autonomamente la sua strada futura

Per gli Stati Uniti di Donald Trump, come quelli di Barack Obama, l'Italia resta "uno dei nostri alleati più stretti". E nel giorno in cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato al presidente della Camera, Roberto Fico, il compito di verificare entro giovedì l'esistenza di una maggioranza di governo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, il dipartimento americano di Stato si è detto "impaziente di continuare a lavorare e a consultarci con il nuovo governo dopo la sua formazione". E' un portavoce del dipartimento stesso ad averlo detto ad America24.

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock