Marchionne torna alla Casa Bianca. Trump: "il mio preferito"

Il Ceo di Fca: revisione standard "cosa giusta da fare". Dieci top manager hanno discusso di standard su emissioni ed efficienza dei consumi. La California, contraria allo smantellamento regolatorio voluto dal presidente, al centro dell'incontro

Il presidente americano ha riunito nella Roosevelt Room della Casa Bianca i Ceo di 10 produttori di auto. Per la prima volta dal gennaio 2017, i numeri uno dei tre gruppi di Detroit si sono ritrovati nella stessa stanza con Donald Trump. Sergio Marchionne, Ceo di Fiat Chrysler Automobiles, era presente infatti insieme a James Hackett, Ceo di Ford, e Mary Barra (Ceo di General Motors).

Trump: Marchionne? Il mio preferito
Il manager italo-canadese ha subito portato a casa una sorta di complimento: è "il mio uomo preferito nella stanza", ha detto il presidente americano che in uno scambio rapido di battute con Marchionne ha fatto un riferimento impreciso al trasferimento dal Messico a Warren (Michigan) della produzione del pickup truck Ram Heavy Duty. Fca comunicò quella decisione l'11 gennaio scorso, quando annunciò anche un bonus speciale da 2.000 dollari per circa 60.000 dipendenti Usa, leadership di alto livello esclusa. Come suo solito, Trump ha parlato solo del trasferimento di quella produzione come se Fca lasciasse il Messico ma così non è. Una volta completato il trasferimento nella fabbrica di Warren, stimato nel 2020, per la località messicana di Saltillo il focus di Fca sarà su veicoli commerciali destinati a essere distribuiti in tutto il mondo.

L'incontro si è concentrato sulle regolamentazioni riguardanti emissioni ed efficienza dei consumi ma è stato usato anche per discutere del North American Free Trade Agreement, l'accordo di libero scambio tra Usa, Canada e Messico che il leader Usa vuole riscrivere perché rappresenta un "disastro orribile".

Al tavolo si sono osservati sostanzialmente due schieramenti: quello dell'amministrazione Trump, che si prepara a smantellare la normativa voluta dal governo precedente di Barack Obama e difesa da Stati come quello della California; e quello dei produttori di auto, che secondo il 45esimo Commander in chief non hanno reagito con entusiasmo ai suoi piani pensati per aiutarli a ridurre i costi e a rispondere alle esigenze dei consumatori (che in Usa chiedono sempre di più Suv e pickup truck).

E' vero che le case automobilistiche si sono lamentate di standard troppo rigidi ma l'allentamento regolatorio che Washinton si appresta a realizzare è così ampio che - è la tesi - creerà più problemi che benefici. Alla vigilia dell'incontro, nel corso dell'assemblea annuale dei soci di Ford, il Ceo Jim Hackett e il presidente Clay Ford Jr avevani espresso il desiderio di un compromesso: "Non stiamo chiedendo all'amministrazione uno smantellamento" delle regolamentazioni. "Vogliamo la California al tavolo [dei negoziati] e vogliano standard nazionali unici che includano la California". Lo Stato sulla costa occidentale degli Usa può infatti determinare i suoi standard sulle emissioni e idealmente vorrebbe veicoli a zero emissioni. Il cosiddeto Golden State ha lanciato una causa contro il governo Trump proprio per fermare il passo indietro regolatario; molti Stati di orientamento democratico hanno seguito il suo esempio. In totale sono 17 gli Stati più il District of Columbia ad avere aderito all'azione legale; insieme rappresentano 140 milioni di persone e oltre il 40% del mercato auto.

Marchionne: revisione standard "cosa giusta da fare"
In una intervista a Reuters precedente all'incontro alla Casa Bianca, Marchionne ha espresso la speranza che si possa trovare un accordo su come andare avanti. Il Ceo di Fca si è detto "a sostegno totale" degli sforzi di Trump "per cercare di rianalizzare la questione alla luce delle circostanze in cambiamento". Dicendo di sperare in un accordo tra Washington e la California per il mantenimento di standard nazionali sulle emissioni, Marchionne ha aggiunto: Trump "probabilmente è il migliore deal maker che non vedevo da tanto tempo. Dovremmo dargli la possibilità di lavorare".

Successivamente al summit, il Ceo di Fiat Chrysler Automobiles ha detto di avere "apprezzato l’opportunità avuta oggi di discutere con il presidente del nostro comune impegno nei confronti dell’industria dell’auto". Nel nostro settore, ha continuato, "le preferenze dei consumatori e gli sviluppi tecnologici sono in continua evoluzione e, pertanto, rivisitare e valutare gli standard dell’EPA (l'Agenzia per la protezione ambientale americana, ndr), come originariamente previsto, è la cosa giusta da fare".

"Il processo è nelle sue fasi iniziali e trarre conclusioni affrettate e ipotizzare un esito sarebbe quindi un errore", ha aggiunto il top manager italo-canadese. Marchionne si è detto "ottimista" che il presidente Usa "riuscirà a trovare il modo di preservare un programma nazionale che stimoli miglioramenti continui nell’efficienza dei veicoli e al contempo ci permetta di realizzare veicoli che i nostri clienti vogliano acquistare, a prezzi a loro accessibili". Per il numero uno di Fca, "Raggiungere questo risultato richiede la volontà di tutte le parti di arrivare a compromessi attraverso un dialogo ponderato e basato su dati".

L'Alliance of Automobile Manufacturers - associazione che rappresenta i principali produttori di auto tra cui le americane Fca Us (controllata di Fiat Chrysler Automobiles), Ford, General Motors ma anche la giapponese Toyota e la tedesca Volkswagen - ha recentemente spiegato ai legislatori Usa che sostiene standard "in linea con le realtà di mercato". L'obiettivo è avere standard unici, tanto in California quando negli altri Stati.

Non è chiaro quanto i singoli gruppi di auto siano disposti a vedere una inversione a U sulle regolamentazioni così come non è chiaro quale tempistica vorrebbero. Resta poi da capire se Trump cercherà un compromesso con la California. Secondo il Wsj, allo studio dell'Agenzia per la protezione ambiantale e della National Highway Traffic Safety Administration, agenzia parte del dipartimento americano dei Trasporti che è preposta a garantire la sicurezza sulle strade americane, ci sono varie opzioni. Tra di esse anche quella di togliere alla California il potere di determinare le sue regole. Non resta che negoziare fino a fine maggio o inizio giugno, quando l'Epa dovrebbe presentare a Trump la sua proposta.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.