Matteo Ramon Arevalos porta il suo pianoforte a New York

Per il musicista la metropoli americana (dove si sta per trasferire) è "una delle più belle e vivibili in cui sia stato". A gennaio altri concerti

Matteo Ramon Arevalos si è avvicinato alla musica a soli 6 anni. Si definiva un vero rockettaro e la batteria era la sua passione. Ma quella della musica era una passione condivisa da tutta la famiglia: "Dopo cena ci mettevamo tutti insieme a suonare" racconta ad America24. "Solo qualche anno dopo ho deciso che il ritmo della batteria non mi bastava, e così mi sono innamorato del pianoforte" continua. La musica per lui "è come un organo che non è fisicamente attaccato al mio corpo ma lo è in un modo o nell’altro, non potrei farne a meno. Acqua, cibo e musica, è come un alimento. A volte ho persino difficoltà a descrivere cosa provo".

Uno dei maestri da cui trae ispirazione è John Cage, compositore del Novecento che Matteo Ramon Arevalos definisce “mostro sacro”. L’ispirazione più grande però deriva dalla musica classica indiana, la sua preferita. Quest’anno si è esibito a New York per la prima volta all’Istituto culturale italiano, nel quale si è presentato con varie composizioni: da Ennio Morricone a Fausto Razzi.

Da novembre è in viaggio per il mondo con vari concerti che lo vedranno in Argentina, Strasburgo e Berlino. Ma la voglia di trasferirsi nella Grande Mela per qualche tempo è tanta. A gennaio infatti ha già in programma altri concetti nella città.  “Per me New York è una delle città più belle e vivibili in cui sono mai stato. Molti pensano a questa città come a una costante confusione ma ci sono tanti quartieri come Brooklyn che mi hanno rapito il cuore. La mia intenzione infatti è quella di stare qui a New York per un periodo”.

Il pianista e compositore è nato a Ravenna, dove ha passato la sua infanzia. La città gli è stata di grande ispirazione per le sue opere. “Ho frequentato l’istituto d’arte per il mosaico alle superiori. Mi è sempre interessato collegare la musica con l’arte figurativa. Cerco di riprodurre con il suono l’effetto e gioco dei riflessi che provoca la luce quando si specchia nei mosaici bizantini”. Infatti i suoi ultimi pezzi sono stati realizzati proprio volendo unire musica e arte. Prima di esibire alcuni pezzi, posiziona nelle corde del pianoforte una serie di tasselli di mosaici i quali rendono il suono completamente diverso. “Non sento di far parte di un filone musicale, infatti a volte faccio fatica a propormi nell’ambiente musicale: non è jazz, non è classica o contemporanea. Ma io, faccio quello che mi sento”, dice.

Dopo aver vissuto la sua infanzia a Ravenna si è diplomato nel 1995 in pianoforte al Conservatorio B. Maderna di Cesena, col massimo dei voti e la lode. Da qui però ha iniziato a viaggiare in giro per il mondo, perfezionando i suoi studi: con Rudolf Kehrer all'Hochschule di Vienna, a Parigi e con Oxana Yablonskaya, insegnante della scuola delle arti “Juilliard”, a New York.

Altri Servizi

Wall Street verso un ribasso dopo la migliore tre giorni dal 1931

Gli Usa attendono che la Camera approvi il piano di stimoli economici da 2.000 miliardi di dollari
AP

È legge lo storico piano di aiuti da 2.000 miliardi, in Usa oltre 100.000 casi di coronavirus

Venerdì, l'approvazione alla Camera e la firma del presidente Trump. Il numero di malati raddoppiato in 3 giorni
Ap

Il presidente Donald Trump ha promulgato lo storico piano di stimoli economici da oltre 2.000 miliardi di dollari per sostenere famiglie e aziende statunitensi, nel giorno in cui i casi confermati di nuovo coronavirus sono raddoppiati nell'arco di 72 ore, superando le 100.000 unità. In precedenza, era arrivata l'approvazione della Camera con un voto a voce.

Coronavirus, Wall Street fiduciosa sul piano di aiuti Usa

Tra i dati in programma oggi, le vendite di case nuove
AP

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

Gli analisti temono un netto rialzo delle nuove richieste
AP

Coronavirus, Cuomo: "Prepararsi alla guerra". Trump pensa a una quarantena per New York

Il governatore dello Stato più colpito ribadisce l'urgenza di posti letto e respiratori e fornisce gli ultimi dati: 7.328 malati in ospedale, 1.755 in terapia intensiva, 728 morti (209 nelle ultime 24 ore). "Quarantena? Non ne so nulla" ha risposto
iStock

Trump e il coronavirus: tra salute pubblica ed economia si gioca il futuro da presidente

'The Donald' preme per far ripartire gli Stati Uniti al più presto, per paura che il crollo dell'economia possa costargli la rielezione. Potrebbe però far aggravare la crisi sanitaria, che non gli sarebbe perdonata dagli americani
General Electric

Coronavirus, Trump contro Gm e Ford: "Cominciate a produrre ventilatori, ora!"

Duro attacco del presidente Usa su Twitter, mentre l'emergenza negli Usa si allarga
Ap

Powell: "Lavoriamo per sostenere gli americani, Usa forse già in recessione"

Il governatore della Fed intervistato dalla Nbc. Sull'ipotesi del presidente Trump di far ripartire il Paese entro Pasqua, non si sbilancia: "Seguiamo gli esperti"
AP

Coronavirus, Usa: accordo in Senato su un piano di aiuti da 2.000 miliardi

Piano senza precedenti nella storia nazionale, che vale il 10% del Pil. Il passaggio alla Camera, però, potrebbe non essere senza ostacoli
Ap