Medicine che uccidono

Al Tribeca film festival il documentario di Perri Peltz sugli antidolorifici a base di oppio. Vicodin, Ossicodone, Opana, Ossimorfone: in America è emergenza. Il Congresso approva il bilancio, all’orizzonte un nuovo scontro sulla riforma sanitaria.

L’accordo c’è. Il Congresso ha approvato i fondi del governo federale, scongiurando così lo spettro di uno shutdown. I democratici brindano al successo: Donald Trump è stato costretto a fare diverse concessioni, su tutte quella di rinunciare - per ora - al finanziamento del muro al confine con il Messico, una delle sue priorità. I repubblicani ora si preparano però ad un nuovo attacco, questa volta sul fronte sanitario, dove nei prossimi giorni dovrebbe essere messo ai voti il terzo tentativo per sostituire Obamacare. Sul fronte Esteri a dominare continua invece ad essere la Corea del Nord, con il presidente Trump che ieri a sorpresa ha dichiarato: “Se ci fossero le condizioni per incontrare Kim Yong-un, lo farei di sicuro. Ne sarei onorato”. Nonostante l’apertura sembra però molto difficile che i due possano trovare - almeno per il momento - un terreno comune di dialogo.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Da Washington ci spostiamo a New York, dove domenica si è chiuso il Tribeca Film Festival. Fondato nel 2002 da Robert De Niro e Jane Rosenthal in risposta all’attentato dell’11 settembre che aveva messo in ginocchio il quartiere di Lower Manhattan, dopo 15 edizioni l’evento ha ormai conquistato una fama internazionale. A distinguersi nella categoria documentari è stato il lavoro della giornalista Perri Peltz, “Warning: this drug may kill you”, la denuncia tanto cruda quanto commuovente di un fenomeno che in America è ormai catalogato come una vera e propria emergenza nazionale: la dipendenza da oppiacei causata dai medicinali antidolorifici.

Vicodin, Ossicodone, Opana, Ossimorfone: sono solo alcuni dei numerosi farmaci ‘painkiller’ che basano il proprio principio attivo sugli oppiacei. Per anni le case farmaceutiche e la comunità scientifica hanno sostenuto che l’utilizzo di questi antidolorifici non generava alcuna dipendenza, e i medici hanno pertanto continuato a prescrivere queste pillole - anche per la semplice rottura di un braccio o per dei calcoli renali. Con il passare del tempo i numeri però hanno dimostrato il contrario: gli oppiacei - e la dipendenza che inducono in chi ne fa uso - uccidono oggi circa 90 persone al giorno, oltre 33.000 all’anno. Il documentario di Perri Peltz offre proprio uno spaccato sulle vite, le storie e i volti che si nascondono dietro a questi numeri: i volti di Ashley, Stephenay, Brendan e molti altri, esistenze spezzate da una prescrizione medica; a parlare sono i familiari e gli amici, che hanno deciso di testimoniare il loro dolore nel tentativo di salvare altri dalla stessa sorte. Questo grido d’allarme deve oggi essere ascoltato soprattutto dall’Europa, dove questo problema non si è ancora posto. Dell’emergenza oppiacei in America si discute ormai ovunque, dai media ai tribunali, e le case farmaceutiche ora avranno bisogno di esplorare nuovi mercati.


Canzone del giorno: Macklemore – Drug Dealer

Altri Servizi

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock