Conto alla rovescia per l'eclissi totale di sole negli Stati Uniti

Tutti quello che c'è da sapere sul fenomeno astronomico più importante degli ultimi cento anni in America

Lunedì 21 agosto in un'ampia parte degli Stati Uniti, che va dall'Oregon fino alla South Carolina, sarà visibile un'eclissi totale di sole.

Si tratta di un evento molto raro che sta concentrando su di sé l'attenzione dei media di tutto il mondo e allo stesso tempo milioni di dollari, grazie ai turisti che in questi giorni stanno raggiungendo l'area. Si tratta di una striscia di territorio di 110 chilometri, in cui l'evento astronomico sarà totale, mentre in altre zone degli Usa, New York compresa, sarà possibile vedere in parte il fenomeno. L'eclissi inizierà alle 9.06 di mattina in Oregon (le 18 in Italia) e finirà alle 4.06 del pomeriggio in South Carolina (le 22 in Italia).

Quanto alla durata, l'evento astronomico - nel punto di maggior estensione - sarà di 2 minuti e 46 secondi. Come dicevamo l'eclissi parziale sarà visibile in tutti i 50 stati americani, ma saranno solo 14 quelli in cui sarà totale.

Negli Stati Uniti l'ultima eclissi che ha coinvolto tutto il continente da ovest a est risale all'8 giugno 1918, mentre è dal febbraio 1979 che non ne avviene una negli Usa. La prossima sarà l'8 aprile del 2024 e coinvolgerà la parte degli Usa compresa tra Maine e Texas.

In tutto sono stati venduti milioni di occhiali per proteggere gli occhi dai raggi solari: alcuni di questi sono stati ritirati dal commercio da Amazon, perché non sicuri.

Nel caso in cui gli occhiali per guardare l'eclisse siano sold out, la Nasa ha diffuso un video per costruire da soli una scatola con cui vedere il fenomeno e proteggere i propri occhi.

 

 

Per assistere all'eclissi è arrivato da Roma Guy J. Consolmagno, l'astronomo gesuita che dirige l'Osservatorio Vaticano. Consolmagno, che sarà ospitato dalla chiesa di San Pietro e Paolo di Hopkinsville, Kentucky (il posto di maggior "totalità" dell'eclissi, come lo definisce Time), ha detto che un evento naturale come questo "ci ricorda l'immensa bellezza dell'universo, che accade al di fuori delle nostre piccole preoccupazioni quotidiane".

E c'è anche chi crede che l'eclissi di lunedì annuncerà un momento cruciale nella presidenza Trump. Il presidente - ha spiegato a Usa Today Rebecca Gordon, un'astrologa di New York - è nato (il 14 giugno 1946) durante un'eclissi lunare, e il suo quadro astrale è caratterizzato da "fuoco e furia". "Non posso credere che abbia usato proprio quelle parole parlando di una risposta americana alla Corea del Nord" ha detto Gordon al giornale americano, aggiungendo poi che le eclissi di solito annunciano grandi cambiamenti. E che questa, in particolare, cade esattamente "sul Marte di Trump, il pianeta che regola rabbia e potere". "Le eclissi coincidono storicamente con nascite e morti di monarchi, l'inizio e la fine di specifiche ere", ha detto a Usa Today un'altra astrologa, Shelley Ackerman. E questa eclissi "influisce sul quadro astrale di Trump in maniera notevole: si vede. Guardatelo. E' sotto attacco".

Per ora l'unica sfida certa sarà quella posta alle utility che sfruttano l'energia solare, che lunedì si troveranno a dover far fronte a un ammanco di energia improvviso. Pjm Interconnection, la società energetica che ha in carico l'area compresa tra Illinois e New Jersey, prevede di perdere 2.500 MegaWatt di energia solare, e sta prendendo contromisure per gestire le ore interessate. In California, dove l'energia solare può arrivare a soddisfare il 30-40 per cento della richiesta e dove si prevede di ricavarne la metà da fonti rinnovabili entro il 2030 e la totalità nel 2045, l'Iso (California Independent System Operator) dovrà gestire un ammanco di 6.000 MegaWatt, equivalenti alla fornitura d'energia di 6 milioni di abitazioni.

Un esempio di buona gestione energetica durante un'eclissi arriva dall'Europa, che ci è già passata nel 2015: "stiamo cercando di far tesoro di quella lezione", ha detto Steven Greenlee, portavoce di Iso.

E mentre da più parti si fanno appelli ai cittadini affinché lunedì siano particolarmente "smart" nel risparmio energetico (per esempio staccando le prese elettriche dei tostapane e dei caricatori del telefono), si sa già che aumenteranno invece le emissioni di CO2: sono milioni, infatti, i turisti che si recheranno nelle aree interessate dall'eclissi totale, spostandosi prevalentemente in auto. Solo ad Hopkinsville (dove soggiornerà il sopracitato Consolmagno) sono previste 100.000 persone, e la città, per l'occasione, si è già ribattezzata "Eclipseville".

 

Altri Servizi

Wall Street rimbalza con le banche

Morgan Stanley e Goldman Stanley battono le stime con le loro trimestrali
AP

Caso Khashoggi: sempre più defezioni per la "Davos nel deserto"

Anche i leader di HSBC, Credit Suisse, Standard Chartered e BNP si ritirano dalla conferenza organizzata a Riad. Il segretario al Tesoro Usa deciderà entro venerdì

Continua ad allungarsi l'elenco di leader mondiali che hanno cambiato idea decidendo di non partecipare più alla cosiddetta "Davos nel deserto", la conferenza chiamata Future Investment Initiative in calendario a Riad (Arabia Saudita) dal 23 al 25 ottobre prossimi.

Caso Khashoggi: Trump sembra disposto a credere al mea culpa saudita: interrogatorio finito male

Sotto il pressing internazionale, Riad si prepara a puntare il dito contro presunte mele marce
AP

L'Arabia Saudita si prepara ad ammettere che il giornalista saudita Jamal Khashoggi - scoparso dal 2 ottobre scorso quando entrò nel consolato del suo Paese a Istanbul, Turchia - è morto per via di un interrogatorio andato male. E Donald Trump sembra disposto a credere a questa spiegazione, come suggerito ieri quando ha parlato della potenziale responsabilità di "malviventi".

Caso Khashoggi: i Ceo di Jpm, BlackRock e Blackstone fuori dalla "Davos nel deserto". Trump invia Pompeo a Riad

James Dimon, Larry Fink e Stephen Schwarzman si aggiungono ai top manager che hanno deciso di non partecipare più alla conferenza. Il presidente Usa ha parlato con il re saudita
Wikimedia Commons

Gli amministratori delegati di Jp Morgan, BlackRock e Blackstone hanno deciso di non partecipare più alla cosiddetta "Davos nel deserto", la conferenza prevista dal 23 al 25 ottobre prossimi a Riad, in Arabia Saudita. E il presidente americano si prepara a inviare a Riad il suo segretario di Stato. Le mosse seguono le polemiche nate dal sospetto che la nazione abbia ucciso il giornalista saudita Jamal Khashoggi, scoparso dal 2 ottobre scorso quando entrò nel consolato del suo Paese a Istanbul, Turchia. 

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Elon Musk deposita brevetto per "Teslaquila"

Si tratta di un "liquore distillato di agave"
AP

Elon Musk non si smentisce mai. Dopo essersi dato alle auto elettriche con Tesla, al trasporto nello spazio con SpaceX, ai tunnel sotterranei di treni super veloci con Boring Company e ai lanciafiamme, l'irriverente imprenditore sembra volere darsi alla tequila.

Dalla Puglia agli Usa: il pane Altamura di Oropan vuole fare gola agli americani (e a Trump)

Piano di espansione per raddoppiare il fatturato in due anni
Vito Forte e la figlia Lucia Forte

Il pane di Altamura Dop della Oropan alla conquista dell’America. Il prodotto è stato scelto come simbolo della Puglia al galà annuale della National Italian American Foundation (associazione che rappresenta circa 20 milioni di italo-americani residenti negli Stati Uniti), in calendario a Washington domani con 1.300 invitati. Anche il presidente, Donald Trump, è stato invitato ma non è ancora chiaro se vi parteciperà. Certo è che al leader Usa il pane a lievitazione naturale di Oropan arriverà comunque attraverso la sua delegazione presente all'evento.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.