Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.

I mercati finanziari sono sempre più ottimisti, come dimostrano i recenti record di Wall Street, dove la volatilità è stata molto bassa nelle ultime settimane, ma la maggiore fiducia non si traduce in un'accelerazione della crescita economica. In buona sostanza, l'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà.

La discrepanza è sottolineata dalle indicazioni recenti: la settimana scorsa i listini americani hanno aggiornato i massimi storici dopo le trimestrali migliori delle previsioni delle grandi banche americane, ma dal fronte macroeconomico sono arrivati dati contrastanti, per lo più deludenti, sull'inflazione e sull'industria.

Nel complesso, se è vero che l'economia americana è entrata nel suo nono anno di espansione dopo la crisi finanziaria, con una costante creazione di posti di lavoro, è vero anche che i consumi non trovano slancio, perché le famiglie sono meno ottimiste sulla traiettoria della congiuntura e sull'andamento dell'inflazione, che da lungo tempo si mantiene sotto i target.

Il presidente americano Donald Trump, durante la campagna elettorale e poi ufficialmente dopo l'ingresso alla Casa Bianca, ha fissato un'agenda economica ambiziosa, ma che per il momento non è stata accompagnata dai fatti.

Il successore di Barack Obama ha promesso una riforma fiscale che dovrebbe sostenere la crescita, facendola arrivare al 3%. Un ritmo considerato troppo ottimistico dal Congressional Budget Office e dalla Federal Reserve, che attendono valori attorno al 2% almeno fino al 2019.

Gli analisti stanno abbassando le stime di crescita per il secondo trimestre e per l'intero anno (nel 2017 non dovrebbe superare di molto il 2%, anche se la Casa Bianca considera possibile un molto più ottimistico 3%). "Non sembra esserci il rimbalzo che alcuni anticipavano", quando parlavano di un possibile "Trump bump", un balzo dovuto all'elezione di Donald Trump, ha detto Stephanie Pomboy, economista indipendente di New York.

Altri Servizi

Wall Street digerisce le decisioni della Fed

Annunciato un rialzo dei tassi, come previsto. Attese altre due strette nel 2018
iStock

Usa, Canada e Messico ospiteranno i Mondiali di calcio 2026

Prima volta di una Coppa del mondo in tre Paesi, prima edizione a 48 squadre. Sessanta partite su ottanta si giocheranno negli Stati Uniti
Ap

Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico ospiteranno i mondiali di calcio maschile del 2026, i primi a 48 squadre. La candidatura nordamericana ha battuto il Marocco, unico rivale, ottenendo 134 voti contro 65; a votare sono stati, durante il 68esimo Congresso a Mosca, i membri della Fifa, l'organo di governo del calcio mondiale. I mondiali tornano in Nordamerica dopo i campionati organizzati dagli Stati Uniti nel 1994 e dal Messico nel 1970 e nel 1986. Sarà il primo mondiale disputato in tre Paesi.

General Motors si colora di rosa: una 39enne diventa direttore finanziario

Risponderà al Ceo Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici

L'economia americana sta andando "molto bene" e l'ennesimo rialzo dei tassi non è altro che la dimostrazione di un tale andamento. Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, ha spiegato così la decisione della banca centrale statunitense di aumentare il costo del denaro di 25 punti base all'1,75-2%. La stretta, la seconda del 2018, era ampiamente attesa dagli analisti, come lo era anche la revisione al rialzo del numero di quelle previste in tutto l'anno in corso: ora l'istituto centrale se ne aspetta quattro e non più tre come aveva indicato fino a marzo.

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

Usa 2018: si voterà anche per dividere la California in tre Stati

Gli elettori dello Stato, al momento, bocciano la proposta, secondo l'ultimo sondaggio

Alle elezioni statunitensi di metà mandato a novembre, i californiani dovranno anche decidere se dividere la California in tre Stati. La campagna referendaria 'Cal-3' ha infatti consegnato alle autorità quasi 420.000 firme valide, più di quelle necessarie per sottoporre il quesito alle elezioni.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

Dalla Puglia al Diamond district a Manhattan. Sara Greco, 35enne designer di gioielli ha scelto New York per concretizzare una passione coltivata sin da adolescente nei laboratori di provincia intorno a Lecce, da dove viene. Con una velocità tipica della città che non dorme mai, Greco si è adattata all'arte americana del gioiello per promuovere il suo motto: “Arte Sensibile. Perfezione Irregolare”.

Citi: 10mila posti di lavoro potrebbero essere sostituiti da robot

FT: a livello di settore, possibile un taglio di posti di lavoro maggiore di quello registrato tra il 2007 e il 2017, quando quasi 60mila posizioni furono eliminate in otto delle 10 principali banche d'investimento al mondo
iStock

L'automazione potrebbe portare alla perdita di 10mila posti di lavoro in Citi nei prossimi cinque anni. L'avvertimento è giunto da Jamie Forese, presidente della banca americana e responsabile del gruppo di clienti istituzionali.