Merkel e Trump: stili opposti, interessi comuni

Domani l'atteso incontro alla Casa Bianca, dopo il rinvio a causa del maltempo. La cancelliera metterà da parte la sua personale ostilità per il presidente degli Stati Uniti nell'interesse della Germania

Lei è cresciuta nella Germania dell'Est, figlia di un pastore luterano e di un'insegnante di inglese e latino; lui è nato nel Queens, a New York, da un facoltoso investitore immobiliare. Lei è laureata in fisica e ha conseguito un dottorato in chimica quantistica; lui, prima ancora di laurearsi, lavorava già con il padre. Lei è controllata e cauta, lui irascibile e imprevedibile. Lei fa politica attiva da quando era ragazza ed è diventata la prima cancelliera tedesca; lui ha sempre preferito occuparsi di affari e tv ed è da poco diventato presidente degli Stati Uniti, il primo senza una carriera politica o militare alle spalle, grazie alla spinta dell'antipolitica.

Angela Merkel e Donald Trump si incontreranno domani per la prima volta, alla Casa Bianca, dopo alcune polemiche a distanza; d'altra parte, è difficile immaginare due leader più diversi, nello stile e nella sostanza. "Dire che il loro rapporto è burrascoso dall'inizio potrebbe essere l'eufemismo dell'anno" ha commentato Michael Broning, direttore dell'ufficio di politica estera del Friedrich Ebert Stiftung, un think tank berlinese, parlando con Usa Today; "si sono criticati prima della transizione, durante, dopo e continuano a farlo regolarmente".

Chi si aspetta una resa dei conti tra Trump e Merkel, però, resterà deluso: l'atteso incontro sarà incentrato sulla necessità di trovare un punto d'incontro, visto che entrambi sanno di aver bisogno l'uno dell'altra. La cancelliera tedesca, qualsiasi considerazione abbia di Trump, non andrà a Washington per scontrarsi con lui, ma per fare gli interessi del proprio Paese: la sua capacità di mettere da parte la personale ostilità per il bene della Germania, probabilmente, non ha eguali tra i leader mondiali.

L'incontro era inizialmente previsto martedì, poi rinviato a causa della tempesta che ha colpito la costa orientale degli Stati Uniti. In Germania, molti commentatori credono che il fatto che entrambe le parti abbiano voluto subito riprogrammare l'incontro tre giorni dopo rappresenta un segnale promettente, per una relazione che, a distanza, è finora stata turbolenta.

Trump ha definito "un errore catastrofico" la decisione di Merkel di aprire le porte del suo Paese ai rifugiati e ha accusato la Germania di dominare l’Unione europea, motivo per il quale il Regno Unito avrebbe fatto bene a uscirne, ma ha detto di nutrire un “profondo rispetto” per la cancelliera tedesca. Trump, promotore del concetto "America first", ovvero prima l'America, ha minacciato di imporre dei dazi del 35% sulle case automobilistiche tedesche che producono in Messico le auto per il mercato statunitense e ha criticato Berlino perché non spende abbastanza per la difesa (solo l'1,2%, contro l'obiettivo del 2% per ogni membro della Nato), per il suo surplus commerciale con Washington di 50 miliardi di dollari e per i suoi presunti vantaggi grazie all'euro debole. Tutte questioni che rendono chiara la difficoltà dell'incontro, per cui Merkel, secondo fonti di stampa, avrebbe studiato in modo approfondito i discorsi del presidente statunitense, le interviste e i suoi precedenti incontri con altri leader mondiali.

Da parte sua, Merkel è stata critica con Trump per il divieto d'ingresso temporaneo per i rifugiati e i cittadini di sei Paesi a maggioranza musulmana (inizialmente erano sette) e, durante una telefonata a gennaio, la cancelliera ha detto al presidente che la Convenzione di Ginevra obbliga i suoi firmatari, compresi gli Stati Uniti, ad accogliere i rifugiati di guerra per motivi umanitari. Merkel è poi preoccupata che Trump, dopo aver salutato positivamente la Brexit, possa continuare a lavorare per indebolire l'Unione europea, in un momento di profonda crisi testimoniato dall'avanzata di movimenti contro l'Europa unita e l'accoglienza dei migranti.

Proverà, nel faccia a faccia, a convincere Trump che un'Unione europea forte sia nell'interesse economico e strategico degli Stati Uniti. Con sé, porterà a Washington una delegazione di uomini d'affari che comprende i manager di Bmw e Siemens, due aziende che, insieme, danno lavoro a 120.000 persone negli Stati Uniti; gli scambi commerciali tra Stati Uniti ed Europa, ha detto Merkel, sono "vantaggiosi per entrambe le parti".

I due leader parleranno naturalmente di terrorismo e di Russia; secondo quanto fatto sapere dalla Casa Bianca, Trump vuole chiedere a Merkel consigli su come comportarsi con il presidente Vladimir Putin e discuterà anche di come gli Stati Uniti possano collaborare per cercare di porre fine alla guerra in Ucraina. Possibile, infine, che si parli anche degli accordi sul clima di Parigi.

Il fatto che Merkel vada a Washington domani mostra "quanto importante sia questo viaggio per la Casa Bianca" ha commentato Ulf Roeller, corrispondente dalla capitale statunitense della tv tedesca Zdf, intervistato dalla Nbc. Merkel ha detto d credere che "le conversazioni faccia a faccia siano sempre molto meglio". Nonostante le molte critiche ricevute in questi mesi da Trump, la cancelliera tedesca arriverà a Washington con la "mente aperta", secondo funzionari governativi di Berlino.

Cauta e pragmatica, Merkel non ha mai risposto ai duri attacchi pubblici di Trump, che per esempio ha detto che la cancelliera "sta rovinando la Germania" e che i tedeschi "finiranno per togliere il potere a questa donna", visto che a settembre sono in programma le elezioni. Merkel ha sempre cercato di smorzare le polemiche con i leader 'forti', come dimostrato negli ultimi mesi anche con il presidente russo, Vladimir Putin, e quello turco, Recep Tayyip Erdogan, proprio per fare gli interessi della Germania.

"La cancelliera tedesca è conosciuta per la sua capacità di non reagire emotivamente alle provocazioni e di scegliere invece un tono molto moderato, anche in situazioni critiche" ha dichiarato Daniela Schwarzer, direttrice del Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik, un think tank di Berlino che si occupa di politica estera. "Ma credo si debba preparare a uno stile più aggressivo" e che debba "offrire qualcosa agli Stati Uniti, ma anche prendere una posizione chiara su cosa gli europei si aspettano". Secondo i sondaggi, Trump è molto impopolare in Germania: per questo, in previsione delle elezioni in Germania, Merkel dovrà cercare di mostrarsi come la leader in grado di difendere i valori occidentali, senza sembrare accomodante con il presidente degli Stati Uniti.

Trump sarà il terzo presidente statunitense a incontrare Merkel, leader più longevo d'Europa; sarà, per la cancelliera, il più difficile da gestire, dopo George W. Bush e Barack Obama. Ciò che spaventa di più Merkel, in realtà, è l'imprevedibilità che Trump potrebbe dare al loro incontro e alla conferenza stampa, davvero distante dal modo di essere e agire di una donna cresciuta nella Germania socialista e non tra i grattacieli di New York.

Altri Servizi

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

I quotidiani americani chiedono al Congresso protezione contro Google e Facebook

La News Media Alliance (NMA) - che rappresenta più di 2.000 quotidiani - vuole chiedere a Capitol Hill di fermare il duopolio nella pubblicità digitale dei due colossi. Controllano il 60% del mercato americano

La News Media Alliance (NMA) - una associazione che rappresenta più di 2.000 quotidiani negli Stati Uniti, tra cui il New York Times e il Washington Post - sta chiedendo al Congresso una concessione alla legge antitrust per poter proteggere i giornali americani da Google e Facebook. Lo scrive il quotidiano online Axios. Il gruppo sostiene che le leggi che impediscono ai media di lavorare insieme per contrattare accordi pubblicitari migliori con le piattaforme internet favoriscano i due colossi, che continuano a controllare il mercato della pubblicità digitale e l'economia dell'informazione.

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Trump: andiamo avanti a lavorare con la Russia in modo costruttivo

Il presidente americano ritorna a parlare del rapporto con Mosca in una serie di tweet pubblicati domenica mattina. Nell'incontro di venerdì Putin aveva negato l'attacco hacker alle elezioni americane

Il presidente americano Donald Trump ha promesso di voler "andare avanti a lavorare in modo costruttivo con la Russia", compresa la costituzione di una "unità di sicurezza informatica" tra i due Paesi, dopo che il presidente russo Vladimir Putin, nel corso del faccia a faccia di venerdì, "ha profondamente negato" qualsiasi coinvolgimento nell'attacco hacker della Russia nelle elezioni statunitensi del 2016.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP