Fine del 'catch and release', la promessa impossibile di Trump

Il presidente ha ordinato la fine della politica di Obama, ma è già stato costretto a rilasciare 100.000 migranti irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha rilasciato circa 100.000 migranti arrestati al confine tra Stati Uniti e Messico da quando il presidente è entrato in carica, 15 mesi fa. È quanto emerge dai dati del governo, che sconfessano le promesse di mettere fine alla politica del "catch and release", ovvero del rilascio subito dopo la cattura, del predecessore Barack Obama.

I funzionari della Sicurezza nazionale hanno detto di aver dovuto rilasciare i migranti - oltre 37.500 minori non accompagnati e oltre 61.000 adulti - perché le leggi federali e le sentenze dei giudici vietano le detenzioni prolungate per i minorenni e anche per la mancanza di spazio nelle prigioni. A occuparsi del problema è un articolo del Washington Post, a firma di Maria Sacchetti.

Il numero di persone fermate mentre attraversavano il confine illegalmente è diminuito ai minimi in 46 anni dopo l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca, spingendo l'allora segretario per la Sicurezza nazionale, John Kelly, ora capo di gabinetto del presidente, a dichiarare la fine del "catch and release".

Dopo l'aumento degli arresti negli ultimi mesi, arrivati a quota 50.000 a marzo, Trump ha ordinato l'invio della Guardia nazionale al confine e - per la seconda volta - ha promesso di mettere fine al rilascio dei migranti mentre attendono i procedimenti per l'espulsione, per cui potrebbero essere necessari diversi anni. I funzionari federali affermano di essere limitati da una legge del 2008 che vieta di rimpatriare i minori non accompagnati in Paesi che non siano Messico o Canada senza un'udienza in tribunale, e anche da un accordo legale del 1997 che limita il tempo di detenzione per i bambini senza documenti. Circa la metà di coloro che provano a oltrepassare il confine proviene dall'America centrale. "L'amministrazione Trump ha le mani legate" si è lamentata Katie Waldman, portavoce del dipartimento per la Sicurezza nazionale.

Un altro problema per l'amministrazione è che molti più migranti ora chiedono asilo politico, rispetto al passato. Secondo la legge federale, il governo non può espellere i richiedenti asilo prima che i loro casi siano stati analizzati dai tribunali per l'immigrazione; molti tra questi vengono rilasciati su cauzione e vivono negli Stati Uniti. I numeri mostrano chiaramente l'impossibilità di tenere in prigione ogni persona arrestata mentre attraversava illegalmente la frontiera.

Mettere fine alla politica del "catch and release" era la seconda priorità sull'immigrazione di Trump, dopo la costruzione del muro con il Messico. Da candidato, aveva duramente criticato Obama per aver rilasciato migliaia di immigrati e, subito dopo essere entrato alla Casa Bianca, Trump emise un ordine esecutivo che prevedeva la detenzione fino alla fine del procedimento per l'espulsione.

Non è andata così. La Casa Bianca ha reso noto che, dall'anno fiscale 2016, il governo ha arrestato 167.000 genitori e figli, ma di averli quasi tutti rilasciati, insieme a oltre 107.000 minori non accompagnati. Secondo i dati a cui ha avuto accesso il Washington Post relativi a questo periodo, i numeri sarebbero più alti: circa 200.000 persone sarebbero state rilasciate durante la presidenza Obama e oltre 98.000 quelle tornate libere sotto Trump.

Obama aveva cercato di creare un'alternativa al "catch and release" con un programma per i rifugiati che garantiva la residenza ai minori con un parente legalmente negli Stati Uniti, ma Trump lo ha cancellato l'anno scorso.

Altri Servizi

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

Alla luce dell'aumento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, Alibaba non intende più creare un milione di posti di lavoro in cinque anni nell'America di Donald Trump.

Wall Street, attenzione rivolta ai dati macroeconomici

In programma i sussidi di disoccupazione, il superindice dell'economia e le vendite di case esistenti
iStock

Sky, la battaglia tra Comcast e Fox si deciderà all'asta

Lo scontro finale tra venerdì e sabato; al momento, l'offerta di Comcast è la più alta
iStock

Le autorità britanniche hanno deciso che lo scontro tra Comcast e 21st Century Fox per Sky si deciderà all'asta, che avrà al massimo tre round di offerte, nell'arco di 24 ore tra venerd" e sabato, quando poi sarà annunciata la società vincitrice. Per il momento, l'offerta di Comcast, a 14,75 sterline per azione, o 26 miliardi di sterline in totale, è superiore alle 14 sterline offerte da Fox, che danno un valore a Sky di 24,5 miliardi; l'attuale capitalizzazione di Sky è di 27 miliardi di sterline (oltre 35 miliardi di dollari). Fox possiede già il 39% del capitale del broadcaster britannico.

Wall Street: S&P 500 e Dj da record, Trump si congratula con gli Usa

Timori contenuti per le tensioni commerciali. Cina pronta a tagliare dazi medi sulle importazioni dai principali partner commerciali. Domani il "giorno delle quattro streghe. Facebook e Twitter fuori dal settore tech
AP

Gli indici a Wall Street festeggiano nuovi massimi. L'S&P 500 si è portato sopra i livelli record messi a segno il 29 agosto pari a 2.914,04 punti e il Dow Jones Industrial Average ha viaggiato oltre quelli a quota 26.616,71 toccati l'ultima volta il 26 gennaio. Donald Trump, il presidente americano, non ha perso un attimo per festeggiare e scrivere su Twitter "Congratulazioni Usa".

Usa: patrimonio famiglie gonfiato dall'azionario, nel II trimestre sfiora i 107mila miliardi

Nel pieno della recessione del 2008 il dato era sceso a 55.000 miliardi

Google consente ancora a sviluppatori di app di 'leggere' email dei suoi utenti

Il gruppo ha fermato la pratica l'anno scorso ma continua a permetterla ad altri

L’euforia del mercato azionario statunitense è razionale?

L'analisi di Didier Saint-Georges, managing director e membro del comitato investimenti di Carmignac
Carmignac