Fine del 'catch and release', la promessa impossibile di Trump

Il presidente ha ordinato la fine della politica di Obama, ma è già stato costretto a rilasciare 100.000 migranti irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha rilasciato circa 100.000 migranti arrestati al confine tra Stati Uniti e Messico da quando il presidente è entrato in carica, 15 mesi fa. È quanto emerge dai dati del governo, che sconfessano le promesse di mettere fine alla politica del "catch and release", ovvero del rilascio subito dopo la cattura, del predecessore Barack Obama.

I funzionari della Sicurezza nazionale hanno detto di aver dovuto rilasciare i migranti - oltre 37.500 minori non accompagnati e oltre 61.000 adulti - perché le leggi federali e le sentenze dei giudici vietano le detenzioni prolungate per i minorenni e anche per la mancanza di spazio nelle prigioni. A occuparsi del problema è un articolo del Washington Post, a firma di Maria Sacchetti.

Il numero di persone fermate mentre attraversavano il confine illegalmente è diminuito ai minimi in 46 anni dopo l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca, spingendo l'allora segretario per la Sicurezza nazionale, John Kelly, ora capo di gabinetto del presidente, a dichiarare la fine del "catch and release".

Dopo l'aumento degli arresti negli ultimi mesi, arrivati a quota 50.000 a marzo, Trump ha ordinato l'invio della Guardia nazionale al confine e - per la seconda volta - ha promesso di mettere fine al rilascio dei migranti mentre attendono i procedimenti per l'espulsione, per cui potrebbero essere necessari diversi anni. I funzionari federali affermano di essere limitati da una legge del 2008 che vieta di rimpatriare i minori non accompagnati in Paesi che non siano Messico o Canada senza un'udienza in tribunale, e anche da un accordo legale del 1997 che limita il tempo di detenzione per i bambini senza documenti. Circa la metà di coloro che provano a oltrepassare il confine proviene dall'America centrale. "L'amministrazione Trump ha le mani legate" si è lamentata Katie Waldman, portavoce del dipartimento per la Sicurezza nazionale.

Un altro problema per l'amministrazione è che molti più migranti ora chiedono asilo politico, rispetto al passato. Secondo la legge federale, il governo non può espellere i richiedenti asilo prima che i loro casi siano stati analizzati dai tribunali per l'immigrazione; molti tra questi vengono rilasciati su cauzione e vivono negli Stati Uniti. I numeri mostrano chiaramente l'impossibilità di tenere in prigione ogni persona arrestata mentre attraversava illegalmente la frontiera.

Mettere fine alla politica del "catch and release" era la seconda priorità sull'immigrazione di Trump, dopo la costruzione del muro con il Messico. Da candidato, aveva duramente criticato Obama per aver rilasciato migliaia di immigrati e, subito dopo essere entrato alla Casa Bianca, Trump emise un ordine esecutivo che prevedeva la detenzione fino alla fine del procedimento per l'espulsione.

Non è andata così. La Casa Bianca ha reso noto che, dall'anno fiscale 2016, il governo ha arrestato 167.000 genitori e figli, ma di averli quasi tutti rilasciati, insieme a oltre 107.000 minori non accompagnati. Secondo i dati a cui ha avuto accesso il Washington Post relativi a questo periodo, i numeri sarebbero più alti: circa 200.000 persone sarebbero state rilasciate durante la presidenza Obama e oltre 98.000 quelle tornate libere sotto Trump.

Obama aveva cercato di creare un'alternativa al "catch and release" con un programma per i rifugiati che garantiva la residenza ai minori con un parente legalmente negli Stati Uniti, ma Trump lo ha cancellato l'anno scorso.

Altri Servizi

La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale

E' scontro diretto tra l'America di Donald Trump e il Canada. Oltre ad avere messo fine all'idillio tra il presidente americano e quello francese, Emmanuel Macron, il G7 canadese ha portato a uno scontro diretto tra Stati Uniti e la nazione guidata da Justin Trudeau. E il rischio è una guerra commerciale tra due Paesi che sono teoricamente alleati e partner.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

G-7, Trump fa saltare l'accordo: "Trudeau è debole e disonesto, ora possibili dazi contro le auto"

Le parole del premier canadese durante la conferenza stampa finale scatenano la rabbia del presidente Usa, che twitta dall'Air Force One: "Non appoggeremo il comunicato finale"
Ap

"Debole e disonesto". Conn un colpo di scena finale, il presidente statunitense, Donald Trump, ha spazzato via due giorni di negoziati e il difficile compromesso finale al G-7 con un duro attacco al padrone di casa, il primo ministro canadese, Justin Trudeau. In un tweet inviato quando in Italia era da poco passata l'una di notte, durante il suo viaggio aereo per Singapore, Trump ha scritto: "Sulla base delle false dichiarazioni di Justin durante la sua conferenza stampa, e il fatto che il Canada sta imponendo massicci dazi doganali ai nostri contadini, lavoratori e compagnie, ho istruito i rappresentanti americani di non appoggiare il comunicato finale del G-7, mentre noi valutiamo dazi sulle automobili che inondano il nostro mercato". Trump, alla fine, aveva accettato la dichiarazione comune che bocciava il protezionismo e impegnava i leader a riformare al più presto le regole del Wto, l'Organizzazione mondiale del commercio. Un modo per salvare il summit e lasciare aperto il dialogo politico, finché le parole di Trudeau durante la conferenza stampa finale del G-7 non hanno scatenato la rabbia di Trump, che aveva organizzato ore prima un suo incontro con la stampa, vista la partenza anticipata per Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano, Kim Jong Un.

Wall Street ancora trascinata dai titoli tecnologici

Ieri, altra seduta record per il Nasdaq
iStock

Usa 2018: primarie in 8 Stati, focus sulla California

Tra le sfide, anche quella per la carica di governatore del Golden State

Alabama, California, Iowa, Mississippi, Montana, New Jersey, New Mexico e South Dakota: sono gli Stati dove oggi sono in programma le primarie in vista delle elezioni statunitensi di metà mandato, il 6 novembre.

Accordo con gli Usa: la cinese ZTE pagherà 1 miliardo di dollari di multa

La pena è per avere violato sanzioni contro Iran e Corea del Nord. Cda e management cambieranno. Washington sceglierà il team della compliance
AP

"Questa mattina alle sei di Washington", le 12 in Italia, gli Stati Uniti hanno siglato un accordo con ZTE, l'azienda cinese che era stata messa in ginocchio dalla decisione dell'amministrazione Trump di impedire alle aziende Usa di fornirle componentistica essenziale per la sua sopravvivenza.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

Analisi (segreta) della Casa Bianca: i dazi frenano la crescita ma Trump dice il contrario

La conclusione del documento non pubblico arriva a poche ore dal G7. Un portavoce dell'amministrazione Usa: il presidente vuole che tutti riducano le tariffe doganali. Per ora solo ritorsioni alle sue

Nonostante quel che ripeta pubblicamente, l'amministrazione Trump sa che la sua politica commerciale lederà la crescita dell'economia degli Stati Uniti. E' quanto emerso da un'analisi condotta dal Council of Economic Advisers, il team di esperti economici della Casa Bianca. E' il New York Times a dare notizia della ricerca, circolata solo internamente al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington (come spesso succede) e mai resa pubblica.

Exor si dà alle start-up tech, pronti 100 milioni di dollari da investire con Exor Seeds

Cambio di rotta per la controllante di Fca e Ferrari, che da oltre un secolo domina il settore industriale italiano

Domina da oltre un secolo il settore industriale italiano ma ora Exor vuole farsi conoscere anche per i suoi investimenti in start-up tecnologiche. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui la cassaforte della famiglia Agnelli ha accantonato 100 milioni di dollari per investire attraverso la nuova venture chiamata Exor Seeds.