Fine del 'catch and release', la promessa impossibile di Trump

Il presidente ha ordinato la fine della politica di Obama, ma è già stato costretto a rilasciare 100.000 migranti irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha rilasciato circa 100.000 migranti arrestati al confine tra Stati Uniti e Messico da quando il presidente è entrato in carica, 15 mesi fa. È quanto emerge dai dati del governo, che sconfessano le promesse di mettere fine alla politica del "catch and release", ovvero del rilascio subito dopo la cattura, del predecessore Barack Obama.

I funzionari della Sicurezza nazionale hanno detto di aver dovuto rilasciare i migranti - oltre 37.500 minori non accompagnati e oltre 61.000 adulti - perché le leggi federali e le sentenze dei giudici vietano le detenzioni prolungate per i minorenni e anche per la mancanza di spazio nelle prigioni. A occuparsi del problema è un articolo del Washington Post, a firma di Maria Sacchetti.

Il numero di persone fermate mentre attraversavano il confine illegalmente è diminuito ai minimi in 46 anni dopo l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca, spingendo l'allora segretario per la Sicurezza nazionale, John Kelly, ora capo di gabinetto del presidente, a dichiarare la fine del "catch and release".

Dopo l'aumento degli arresti negli ultimi mesi, arrivati a quota 50.000 a marzo, Trump ha ordinato l'invio della Guardia nazionale al confine e - per la seconda volta - ha promesso di mettere fine al rilascio dei migranti mentre attendono i procedimenti per l'espulsione, per cui potrebbero essere necessari diversi anni. I funzionari federali affermano di essere limitati da una legge del 2008 che vieta di rimpatriare i minori non accompagnati in Paesi che non siano Messico o Canada senza un'udienza in tribunale, e anche da un accordo legale del 1997 che limita il tempo di detenzione per i bambini senza documenti. Circa la metà di coloro che provano a oltrepassare il confine proviene dall'America centrale. "L'amministrazione Trump ha le mani legate" si è lamentata Katie Waldman, portavoce del dipartimento per la Sicurezza nazionale.

Un altro problema per l'amministrazione è che molti più migranti ora chiedono asilo politico, rispetto al passato. Secondo la legge federale, il governo non può espellere i richiedenti asilo prima che i loro casi siano stati analizzati dai tribunali per l'immigrazione; molti tra questi vengono rilasciati su cauzione e vivono negli Stati Uniti. I numeri mostrano chiaramente l'impossibilità di tenere in prigione ogni persona arrestata mentre attraversava illegalmente la frontiera.

Mettere fine alla politica del "catch and release" era la seconda priorità sull'immigrazione di Trump, dopo la costruzione del muro con il Messico. Da candidato, aveva duramente criticato Obama per aver rilasciato migliaia di immigrati e, subito dopo essere entrato alla Casa Bianca, Trump emise un ordine esecutivo che prevedeva la detenzione fino alla fine del procedimento per l'espulsione.

Non è andata così. La Casa Bianca ha reso noto che, dall'anno fiscale 2016, il governo ha arrestato 167.000 genitori e figli, ma di averli quasi tutti rilasciati, insieme a oltre 107.000 minori non accompagnati. Secondo i dati a cui ha avuto accesso il Washington Post relativi a questo periodo, i numeri sarebbero più alti: circa 200.000 persone sarebbero state rilasciate durante la presidenza Obama e oltre 98.000 quelle tornate libere sotto Trump.

Obama aveva cercato di creare un'alternativa al "catch and release" con un programma per i rifugiati che garantiva la residenza ai minori con un parente legalmente negli Stati Uniti, ma Trump lo ha cancellato l'anno scorso.

Altri Servizi

Processo a Manafort, senza verdetto la prima giornata in camera di consiglio della giuria

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre. La prima giornata in camera di consiglio è finita senza verdetto. I giurati hanno chiesto chiarimenti al giudice, anche sulla definizione di "colpevolezza oltre ogni ragionevole dubbio".

Quale era l'intento reale di Elon Musk quando, il 7 agosto scorso, ha scritto una serie di tweet annunciando la sua intenzione di delistare la sua Tesla con una maxi operazione di buyout per la quale a sua detta i fondi erano "garantiti"? E' questa la domanda a cui la Securities and Exchange Commission sta cercando di rispondere.

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade