Michael Bloomberg pronto a vendere il suo impero se diventerà presidente Usa

La cessione del colosso dell'informazione finanziaria non sarebbe però facile. Un leveraged buyout sarebbe da record
iStock

Se dovesse diventare presidente degli Stati Uniti alle prossime elezioni, previste nel 2020, Michael Bloomberg probabilmente proverà a vendere il suo impero dell'informazione finanziaria. Lo ha detto l'ex sindaco di New York a capo di Bloomberg LP durante una intervista a Radio Iowa.

"Credo che alla mia età [pari a 76 anni], venderei se fosse possibile. A un certo punto si muore quindi lo dovrei fare prima", ha affermato il miliardario secondo cui però trovare un acquirente non sarà facile.

Bloomberg ha spiegato che dovrebbe iniziare l'iter della vendita o mettere il gruppo in un blind trust nel caso dovesse decidere di candidarsi. La cessione però non ci sarebbe se non diventasse Commander in chief.

Secondo fonti citate da Cnbc, il colosso dell'informazione finanziaria ogni anno genera 10 miliardi di dollari di ricavi e da una vendita raccoglierebbe oltre 40 miliardi. Il problema è che non ci sono aziende grandi abbastanza per acquisirlo. Per questo, dicono alcuni banker, servirebbe un consorzio di investitori per realizzare un leveraged buyout che potrebbe essere il più grande di sempre. Ciò chiamerebbe in causa gruppi di private equity come Blackstone, che all'inizio dell'anno ha acquisito una quota di maggioranza in Thomson Reuters, rivale di Bloomberg, in un'operazione che ha valutato il gruppo canadese 20 miliardi di dollari.

I colossi tecnologici Google e Amazon avrebbero il peso per potere prendere il controllo di Bloomberg ma sono concentrati su business e una clientela diversa. La banca JP Morgan o l'Intercontinental Exchange (che controlla il New York Stock Exchange) potrebbe essere interessati al gruppo ma potrebbero esserci conflitti di interesse.

Altri Servizi

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Wall Street, i riflettori restano sull'accordo Usa-Cina

Segnali contrastanti, ma c'è chi assicura che ci sarà un'intesa prima di Natale
AP

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Wall Street, si attendono le parole di Powell

Il governatore della Fed atteso oggi al Congresso. Ieri, ha subito un nuovo attacco dal presidente Trump
AP

Impeachment Trump, in settimana attesa l'udienza di Sondland

Il presidente Usa su Twitter: "Considererò l'ipotesi di testimoniare" presentata dalla speaker Pelosi
Ap