Microsoft chiude un esercizio record grazie al cloud

Microsoft ha archiviato il suo quarto trimestre fiscale con conti migliori delle stime grazie ancora una volta alla performance delle sue attività cloud simboleggiate da Azure, con cui l'azienda sfida Amazon (che resta il leader nel cloud computing). Il gruppo informatico guidato da Satya Nadella ha chiuso cosìun esercizio "record, risultato di partnership profonde con le principali aziende attive in tutti i settori". L'esercizio 2019 è finito con 39,2 miliardi di dollari di utili (+137%), merito di benefici fiscali per 2,6 miliardi; i ricavi hanno raggiunto i 125,8 miliardi (+14%).

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno del 2019, Microsoft ha registrato utili netti per 13,2 miliardi di dollari, in rialzo del 49% rispetto allo stesso periodo del 2018. I profitti per azione sono saliti del 50% annuo a 1,71 dollari. Al netto di voci straordinarie sono aumentati del 21% a 1,37 dollari, oltre il consenso fermo a 1,21 dollari. I ricavi sono aumentati del 12% annuo a 33,7 miliardi contro attese per 32,77 miliardi.

A fare da traino sono state le attività cloud, che ora generano circa un terzo del fatturato di gruppo. Su questo Amy Hood, il direttore finanziario, ha posto l'accento in un comunicato a commento dei conti: "I ricavi del cloud commerciale sono saliti del 39% annuo a 11 miliardi di dollari, il trimestre migliore di sempre".

Nel dettaglio, le vendite della divisione "More Personal Computing" - che include risultati derivanti da licenze del sistema operativo Windows, da prodotti come telefoni e Surface (+14%), dalla console Xbox (-3%) e dalla ricerca web con Bing (+9% esclusi i costi per acquisire traffico) - sono cresciute del 4% a 11,3 miliardi di dollari.

I ricavi della divisione "Productivity and Business Processes" - quella che include il pacchetto Office e anche LinkedIn (vendite +25%), la cui acquisizione è stata completata l'8 dicembre 2016 - sono saliti del 14% a 11 miliardi.

Il fatturato legato alle attività cloud - sotto il cappello "Intelligent Cloud" - ha registrato un +19% a 11,4 miliardi; le attività legate ad Azure - di cui non sono fornite le vendite - sono balzate del 64%.

In attesa dei conti, arrivati a mercati Usa chiusi, Microsoft aveva guadagnato lo 0,11% a 136,42 dollari. Nel dopo mercato ha guadagnato il 2,2% a 139,5 dollari, un record. Da gennaio il titolo è salito del 34% e negli ultimi 12 mesi di quasi il 30%. La capitalizzazione è arrivata ieri a 1.045,4 miliardi di dollari, confermando Microsoft l'azienda quotata più grande al mondo. Il valore di borsa di Apple ieri era pari a 946,3 miliardi, sotto i 973,8 miliardi di Amazon.

Altri Servizi

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump. 

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Americano rilasciato, Trump ringrazia l'Iran: "Vedete, possiamo fare un accordo"

Un cittadino statunitense rilasciato dopo oltre tre anni di carcere, dove era finito perché condannato per spionaggio. Liberato uno scienziato iraniano accusato da Washington di aver violato le sanzioni Usa contro Teheran

Impeachment, chi sono i senatori repubblicani che potrebbero votare per la rimozione di Trump

Un ristretto gruppo di membri del Gop potrebbe prendere in considerazione un voto contro il presidente, il cui destino in Senato appare comunque blindato

Ripartono i negoziati di pace tra Stati Uniti e talebani

L'inviato del presidente Trump in Qatar per incontrare i ribelli; tre mesi fa, la Casa Bianca aveva bloccato le trattative dopo un attentato
U.S. Department of Defense

L'occupazione dà slancio a Wall Street, indici vicini ai record

Grazie ai rialzi di venerdì, la settimana si è chiusa con leggeri ribassi solo di Dow e Nasdaq; lo S&P 500 distante lo 0,3% dal suo primato. L'attenzione resta sui negoziati Usa-Cina, su cui sono arrivati segnali contrastanti
AP
AP

Usa 2020, Biden: il partito democratico non si è spostato a sinistra

"Media e rivali sbagliano a leggere la realtà"
Ap

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP