Qui viene voglia di sperimentare, provare tecniche e materiali diversi

Una pittrice milanese a New York, la storia di Cristiana
Ps. Serie Invisible cities/Le mie

“Come vedo New York? New York è un mostro”. Ride Cristiana Depedrini, perché quel mostro è il posto dove ha realizzato il suo sogno, un sogno americano lo chiamerebbe qualcuno. Milanese, classe 1976, pittrice, a un certo punto ha cominciato a guardare anche altrove. Per una questione di stimoli, di crescita e di voglia di sperimentare. “In Italia anche una piazza come Milano risulta abbastanza limitata”, racconta, spiegando come è nata la voglia di staccare quel biglietto che, almeno per ora, è di sola andata: anche se il futuro è tutto da definire, la Grande Mela è ancora il posto dove stare, “una bella scuola, un posto meraviglioso, la fonte di una miriade di stimoli diversi”.

Ma la strada che porta da Milano a New York non è così lineare. “Ci vuole determinazione, non è facile, bisogna dirlo”, dice Cristiana, ma se si vuole si può, è il bello degli Stati Uniti. Il primo passo è esplorativo e di ricerca, perché “è già un lavoro capire dove indirizzarsi”: serve un periodo di almeno sei mesi per comprendere che aria tira, per scegliere su quale piazza muoversi - New York, ma anche Los Angeles e, da qualche tempo a questa parte anche Miami, complice l’impatto positivo della fiera Art Basel – e per farsi un’idea del tipo di offerta. “Ci sono talmente tante gallerie, bisogna indirizzarsi verso il proprio settore”, racconta.

Per questa prima fase l’ideale è un visto “B1” – per chi viaggia per motivi lavorativi o turistici per un periodo di tempo determinato (vai alla pagina sui visti), - ma poi, se si decide di tentare l’avventura americana la questione si complica un po’: bisogna passare a un visto “O-1”, quello per gli artisti, e per ottenerlo bisogna avere uno sponsor, un magnate come si sarebbe detto in altri tempi. “Deve essere un gallerista, un collezionista o qualcuno che lavora nel mondo dell’arte, insomma qualcuno che si faccia rappresentante del tuo lavoro. Non ha una responsabilità economica, ma si presume che se decide di sponsorizzarti abbia interesse per il tuo lavoro e a metterlo in mostra, a farlo vedere e girare, possibilmente a venderlo”, dice Depedrini. Per ottenere un visto “O-1” si deve presentare una vasta documentazione, compresi lavori fatti in precedenza fuori dagli Stati Uniti e la procedura è articolata, quindi è bene affidarsi a un avvocato, cosa non obbligatoria ma fortemente consigliata: “ci sono vari percorsi, si può fare anche senza, ma è molto più complesso”. E non immediato. Quanto bisogna aspettare? Con la procedura standard ci vogliono circa tre-quattro mesi (per dare un ordine di grandezza, servono più o meno 4.000 dollari, compreso l’avvocato), mentre con quella accelerata bastano due o tre settimane, ma si spendono circa 1.000 dollari in più.

Una volta ottenuto il visto, che dura tre anni ed è rinnovabile con la stessa procedura, si è autorizzati a lavorare come artista negli Stati Uniti, vendendo le proprie opere, con contratti per progetti singoli o accordi di durata più lunga con gallerie o fondazioni. Proprio queste ultime sono spesso la strada da battere: per farsi conoscere una buona via è approfittare di concorsi, organizzazioni e fondazioni che promuovono gli artisti emergenti e cercare di farsi notare da associazioni che promuovono i vari settori culturali a livello locale. Nel borough di Brooklyn, per esempio, il Brooklyn Arts Council, organizzazione fondata nel 1966, dà riconoscimenti nei vari settori artistici, mettendo a disposizione dei vincitori finanziamenti per vari progetti.

La cosa migliore è cercare di avere una galleria alle spalle: “se una persona è venuta qui per fare l’artista, di base preferisce avere una galleria, è possibile vendere privatamente, cercare percorsi alternativi, ma non è affatto facile”. Le delusioni dunque possono essere tante, vanno messe in conto su un mercato complesso come quello newyorkese, che fa spazio a tutti, ma dove farsi un nome non è immediato né semplice. Le parole d’ordine sono dunque pazienza, determinazione, coraggio. “Il mercato newyorkese è supercompetitivo, non è affatto facile se non si hanno contatti”, ma l’importante è non demordere e “non scoraggiarsi”, cercando di comprendere rapidamente “un sistema molto diverso da quello italiano”. Il punto di forza del mercato americano, rispetto a quello italiano, sta soprattutto “nella possibilità di scelta, nella varietà e nella quantità di stimoli e in un livello di partenza del contesto artistico molto alto”. E i lati negativi? Il pregio più grande di New York diventa anche il suo difetto: “è un mercato dell’arte molto ambito, spietato, le persone arrivano da ogni parte del mondo” ed è quindi difficile tenere il passo di una competizione che sposta il limite sempre più in alto.

Insomma bisogna crederci. Cristiana, dopo quel corso alla University of California nel 2005, ci ha creduto, lo ha voluto, si è impegnata per trasformare un’idea in una realtà. Una realtà in continua evoluzione, come la sua stessa arte: “il mio lavoro è cambiato e cresciuto. C’è talmente tanta offerta che viene voglia di sperimentare, provare tecniche e materiali diversi”. Lei per esempio, pittrice per vocazione, si è cimentata con il disegno e le installazioni, perché “volente o nolente si assorbe e viene voglia di mettersi alla prova”. Nei primi anni di carriera “più volubile”, come lei stessa si racconta, cambiava spesso soggetto, influenzata anche dagli studi in scenografia teatrale.

Poi nella Grande Mela qualcosa è cambiato, la città stessa è entrata nella sua arte, mescolando la vita reale a quella sulla tela, con un occhio alla letteratura: l’ispirazione dell’ultima serie viene da “Le città invisibili”, il romanzo di Italo Calvino, “io ci ho visto dentro New York, una città che influenza e modella la vita delle persone che ci vivono”. E proprio parlando di New York, della sua New York, del “mostro”, Depedrini si entusiasma: “non si ferma mai, è una giostra, un parco giochi gigante, una centrifuga, come ho raccontato anche nella mia serie Laundry Day”, che è stata esposta alla galleria 255 Canal di Manhattan. “E’ bella, divertente e varia, una scoperta continua, se me ne andassi probabilmente mi mancherebbe il ritmo di questa città. Il rovescio della medaglia è che rischia di centrifugarti, la amo ma non sono un’amante spassionata”. Ma la domanda, in fin dei conti, resta quella che aspiranti artisti dall’altra parte dell’Atlantico vorrebbero fare: vale la pena provarci? Cristiana non ha dubbi e risponde con una sola parola: “sì”.

Sospesa. Serie Invisible cities/Le mie
Geometrie. Serie Invisible cities/Le mie
Cerchi d'Acqua. Serie Invisible cities/Le mie
Metropolis. Serie Invisible cities/Le mie
Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP

KKR lancia Opa su Axel Springer, valutato 6,8 miliardi di euro

La vedova del fondatore del gruppo proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild favorevole. Si punta al delisting

Il fondo americano di private equity KKR ha lanciato un'offerta per comprare i titoli in circolazione del gruppo media tedesco Axel Springer, proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild. KKR ha messo sul piatto 63 euro ad azione, cosa che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro. Si tratta di un premio del 40% sui 45,10 euro a cui il titolo Axel aveva chiuso la seduta il 29 maggio scorso, prima che iniziassero a circolare voci si una possibile transazione.