Qui viene voglia di sperimentare, provare tecniche e materiali diversi

Una pittrice milanese a New York, la storia di Cristiana
Ps. Serie Invisible cities/Le mie

“Come vedo New York? New York è un mostro”. Ride Cristiana Depedrini, perché quel mostro è il posto dove ha realizzato il suo sogno, un sogno americano lo chiamerebbe qualcuno. Milanese, classe 1976, pittrice, a un certo punto ha cominciato a guardare anche altrove. Per una questione di stimoli, di crescita e di voglia di sperimentare. “In Italia anche una piazza come Milano risulta abbastanza limitata”, racconta, spiegando come è nata la voglia di staccare quel biglietto che, almeno per ora, è di sola andata: anche se il futuro è tutto da definire, la Grande Mela è ancora il posto dove stare, “una bella scuola, un posto meraviglioso, la fonte di una miriade di stimoli diversi”.

Ma la strada che porta da Milano a New York non è così lineare. “Ci vuole determinazione, non è facile, bisogna dirlo”, dice Cristiana, ma se si vuole si può, è il bello degli Stati Uniti. Il primo passo è esplorativo e di ricerca, perché “è già un lavoro capire dove indirizzarsi”: serve un periodo di almeno sei mesi per comprendere che aria tira, per scegliere su quale piazza muoversi - New York, ma anche Los Angeles e, da qualche tempo a questa parte anche Miami, complice l’impatto positivo della fiera Art Basel – e per farsi un’idea del tipo di offerta. “Ci sono talmente tante gallerie, bisogna indirizzarsi verso il proprio settore”, racconta.

Per questa prima fase l’ideale è un visto “B1” – per chi viaggia per motivi lavorativi o turistici per un periodo di tempo determinato (vai alla pagina sui visti), - ma poi, se si decide di tentare l’avventura americana la questione si complica un po’: bisogna passare a un visto “O-1”, quello per gli artisti, e per ottenerlo bisogna avere uno sponsor, un magnate come si sarebbe detto in altri tempi. “Deve essere un gallerista, un collezionista o qualcuno che lavora nel mondo dell’arte, insomma qualcuno che si faccia rappresentante del tuo lavoro. Non ha una responsabilità economica, ma si presume che se decide di sponsorizzarti abbia interesse per il tuo lavoro e a metterlo in mostra, a farlo vedere e girare, possibilmente a venderlo”, dice Depedrini. Per ottenere un visto “O-1” si deve presentare una vasta documentazione, compresi lavori fatti in precedenza fuori dagli Stati Uniti e la procedura è articolata, quindi è bene affidarsi a un avvocato, cosa non obbligatoria ma fortemente consigliata: “ci sono vari percorsi, si può fare anche senza, ma è molto più complesso”. E non immediato. Quanto bisogna aspettare? Con la procedura standard ci vogliono circa tre-quattro mesi (per dare un ordine di grandezza, servono più o meno 4.000 dollari, compreso l’avvocato), mentre con quella accelerata bastano due o tre settimane, ma si spendono circa 1.000 dollari in più.

Una volta ottenuto il visto, che dura tre anni ed è rinnovabile con la stessa procedura, si è autorizzati a lavorare come artista negli Stati Uniti, vendendo le proprie opere, con contratti per progetti singoli o accordi di durata più lunga con gallerie o fondazioni. Proprio queste ultime sono spesso la strada da battere: per farsi conoscere una buona via è approfittare di concorsi, organizzazioni e fondazioni che promuovono gli artisti emergenti e cercare di farsi notare da associazioni che promuovono i vari settori culturali a livello locale. Nel borough di Brooklyn, per esempio, il Brooklyn Arts Council, organizzazione fondata nel 1966, dà riconoscimenti nei vari settori artistici, mettendo a disposizione dei vincitori finanziamenti per vari progetti.

La cosa migliore è cercare di avere una galleria alle spalle: “se una persona è venuta qui per fare l’artista, di base preferisce avere una galleria, è possibile vendere privatamente, cercare percorsi alternativi, ma non è affatto facile”. Le delusioni dunque possono essere tante, vanno messe in conto su un mercato complesso come quello newyorkese, che fa spazio a tutti, ma dove farsi un nome non è immediato né semplice. Le parole d’ordine sono dunque pazienza, determinazione, coraggio. “Il mercato newyorkese è supercompetitivo, non è affatto facile se non si hanno contatti”, ma l’importante è non demordere e “non scoraggiarsi”, cercando di comprendere rapidamente “un sistema molto diverso da quello italiano”. Il punto di forza del mercato americano, rispetto a quello italiano, sta soprattutto “nella possibilità di scelta, nella varietà e nella quantità di stimoli e in un livello di partenza del contesto artistico molto alto”. E i lati negativi? Il pregio più grande di New York diventa anche il suo difetto: “è un mercato dell’arte molto ambito, spietato, le persone arrivano da ogni parte del mondo” ed è quindi difficile tenere il passo di una competizione che sposta il limite sempre più in alto.

Insomma bisogna crederci. Cristiana, dopo quel corso alla University of California nel 2005, ci ha creduto, lo ha voluto, si è impegnata per trasformare un’idea in una realtà. Una realtà in continua evoluzione, come la sua stessa arte: “il mio lavoro è cambiato e cresciuto. C’è talmente tanta offerta che viene voglia di sperimentare, provare tecniche e materiali diversi”. Lei per esempio, pittrice per vocazione, si è cimentata con il disegno e le installazioni, perché “volente o nolente si assorbe e viene voglia di mettersi alla prova”. Nei primi anni di carriera “più volubile”, come lei stessa si racconta, cambiava spesso soggetto, influenzata anche dagli studi in scenografia teatrale.

Poi nella Grande Mela qualcosa è cambiato, la città stessa è entrata nella sua arte, mescolando la vita reale a quella sulla tela, con un occhio alla letteratura: l’ispirazione dell’ultima serie viene da “Le città invisibili”, il romanzo di Italo Calvino, “io ci ho visto dentro New York, una città che influenza e modella la vita delle persone che ci vivono”. E proprio parlando di New York, della sua New York, del “mostro”, Depedrini si entusiasma: “non si ferma mai, è una giostra, un parco giochi gigante, una centrifuga, come ho raccontato anche nella mia serie Laundry Day”, che è stata esposta alla galleria 255 Canal di Manhattan. “E’ bella, divertente e varia, una scoperta continua, se me ne andassi probabilmente mi mancherebbe il ritmo di questa città. Il rovescio della medaglia è che rischia di centrifugarti, la amo ma non sono un’amante spassionata”. Ma la domanda, in fin dei conti, resta quella che aspiranti artisti dall’altra parte dell’Atlantico vorrebbero fare: vale la pena provarci? Cristiana non ha dubbi e risponde con una sola parola: “sì”.

Sospesa. Serie Invisible cities/Le mie
Geometrie. Serie Invisible cities/Le mie
Cerchi d'Acqua. Serie Invisible cities/Le mie
Metropolis. Serie Invisible cities/Le mie
Altri Servizi

Huawei: Trump disposto a intervenire sul caso, la Cfo ottiene rilascio su cauzione

Il presidente Usa pronto a essere coinvolto pur di raggiungere un accordo commerciale con la Cina. Con Xi, non ne ha ancora parlato

Il presidente americano, Donald Trump, è disposto a intervenire nel caso Huawei se farlo rendesse più facile il raggiungimento di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e tutelasse la sicurezza della sua America.

Continua la volatilità a Wall Street

Oggi, in programma il dato sui prezzi alla produzione
AP

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Qualcomm ottiene divieto di vendita di iPhone in Cina

Apple: "mossa disperata", faremo ricorso.

Continua il braccio di ferro tra Qualcomm e Apple. E il produttore americano di microprocessori canta vittoria, sostenendo di avere ottenuto da un tribunale cinese una ingiunzione preliminare con la quale viene impedito al colosso tech di importare e vendere in Cina alcuni modelli vecchi di iPhone.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.