Miliardario russo Prokhorov cede il 49% dei Brooklyn Nets

A comprare personalmente la quota è il miliardario Joe Tsai, vicepresidente esecutivo e cofondatore di Alibaba

Il miliardario russo Mikhail Prokhorov ha venduto una quota del 49% nella squadra americana di basketball Brooklyn Nets. A comprarla personalmente è il miliardario Joe Tsai, vicepresidente esecutivo e cofondatore di Alibaba. Lo ha detto il team parte della National Basketball Association (Nba), la lega professionistica nordamericana di basket. Secondo il New York Post, la compravendita vale 2,35 miliardi di dollari, un record per la Nba.

Prokhorov continuerà - per ora - a essere il proprietario di riferimento dei Brooklyn Nets attraverso la Onexim Sports and Entertainment Holding. Tsai - cittadino canadese nato a Taiwan e la cui fortuna, secondo Forbes, vale 9,7 miliardi di dollari - si è aggiudicato l'opzione di comprare altre quote con cui nel 2021 potrebbe prendere il controllo del team. Stando alla nota, la transazione non cambierà la gestione operativa o le attività della squadra.

"Mentre cercavamo un partner per il nostro team, la priorità numero uno era trovare qualcuno che condividesse la nostra passione e la nostra visione globale per lo sviluppo futuro dei Brooklyn Nets", ha detto nel comunicato Prokhorov dando il "benvenuto" a Tsai.

In quanto "fan sportivo di lunga data" l'acquirente si è detto "orgoglioso" di unirsi alla proprietà dei Nets e alla famiglia della Nba.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Netflix vola a Wall Street grazie alla crescita degli utenti

Sono aumentati più del previsto, soprattutto nel mercato internazionale. Bene anche i ricavi che sono cresciuti del 40%. Gli utili su del 43% e in linea con le attese.
AP

Nel primo trimestre dell'anno, Netflix ha aumentato il numero di abbonati più del previsto e ha presentato conti in linea con le attese, con i ricavi leggermente sopra il consensus. Per questo il titolo del gruppo di contenuti video in streaming è salito nel corso del dopo mercato, aggiungendo oltre il 6%.

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.

Wall Street, attenzione rivolta all'Fmi

Il Fondo monetario internazionale pubblica il Global Financial Stability Report e il Fiscal Monitor
iStock

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.