Minneapolis, la battaglia dei dipendenti musulmani di Amazon

I lavoratori provenienti dall'Africa orientale chiedono di essere rispettati: vogliono poter pregare senza rischiare il licenziamento
Ap

Khadra Ibrahin, una madre single di 28 anni che vive a Minneapolis, lavora nel centro Amazon di Shakopee da due anni. Come musulmana praticante, Ibrahin cerca di pregare cinque volte al giorno, ma non riesce a farlo, visto che nel magazzino si lavora con un numero molto rigido di pacchi da confezionare ogni ora, che può variare in base al periodo dell'anno; ora, per esempio, è di 240 scatole all'ora, ma il numero è salito fino a 400. Se non viene rispettato, i lavoratori vengono ripresi e rischiano poi il licenziamento.

"Le pause ci fanno rallentare e si rischia il licenziamento, quindi la maggior parte della volte scegliamo di pregare quando andiamo in bagno e abbiamo imparato a bilanciare i nostri bisogni fisici" ha detto durante un'intervista telefonica rilasciata al sito Vox.

Ibrahin, che fa il turno di notte di 12 ore, dalle 5:30 del pomeriggio alle 6 del mattino, ha raccontato di aver fatto circa 20 lavori diversi da quando è arrivata negli Stati Uniti dalla Somalia, nel 2004, quando aveva 16 anni. Ha lavorato su una nave da pesca al largo delle coste dell'Alaska, ha fatto la donna delle pulizie nell'aeroporto internazionale di Chicago, ha confezionato pacchi in un magazzino di Target. Il suo attuale lavoro per Amazon, ha detto, è il più duro.

"Ogni volta che attraverso quelle porte, ho questa paura che sarà la notte in cui sarò licenziata. Quando prendi un lavoro in un magazzino, devi essere mentalmente e fisicamente preparata per un certo tipo di lavoro, ma non mi sono mai sentita minacciata su un posto di lavoro come qui" ha detto. "Voglio tenere questo posto e lavoro il più duramente possibile, ma non si può vivere sotto questo tipo di pressione. Il modo in cui Amazon fa pressione sulla gente non è morale".

Ibrahin ha raccontato a Vox che la maggior parte dei 3.000 lavoratori del deposito in Minnesota arriva dai Paesi dell'Africa orientale. Venerd", insieme a molti di questi lavoratori di Amazon e a politici della zona, come la deputata eletta Ilhan Omar, la prima persona di origini somale a entrare al Congresso statunitense, ha manifestato all'esterno del magazzino. I lavoratori credono che Amazon non dimostri sensibilità razziale e culturale e di essere discriminati per la loro provenienza e la religione professata.

Il Minnnesota è uno Stato con una forte presenza di rifugiati e immigrati, con una comunità molto ampia di somali, etiopi e kenioti, tanto che la stampa locale definisce la capitale Minneapolis la "piccola Mogadiscio", visto che ospita la più grande comunità somala al di fuori dell'Africa orientale.

Lo scorso mese, il New York Times ha raccontato che i lavoratori sono riusciti a parlare con i dirigenti di Amazon, che ha deciso di andare incontro ai dipendenti creando almeno uno spazio di preghiera, in precedenza assente, e promettendo di modificare i turni per rendere più facile il rispetto del Ramadan, il mese santo dei musulmani, quando si digiuna fino al tramonto. Per i lavoratori, però, si tratta solo di piccoli problemi risolti, con quelli più importanti non ancora affrontati.

La neoletta Omar, che entrerà in carica a gennaio, ha detto a Vox che "Amazon ha mostrato interesse a investire in America. Vogliamo vedere l'azienda fare gli stessi investimenti nei lavoratori americani". Con un comunicato, Amazon ha risposto che la società "lavora ogni giorno per assicurare che tutti gli impiegati siano trattati in modo giusto, con dignità e rispetto. Amazon offre grand opportunità con paghe eccellenti, tra 16,25 e 20,80 dollari all'ora, oltre a vari benefit". A proposito delle pause per la preghiera, Amazon ha detto che "le pause fino a 20 minuti sono pagate e le aspettative sulla produttività non vengono modificate. Si può però chiedere una pausa non pagata di oltre 20 minuti, che modifica le aspettative di produzione".

Le proteste di Minneapolis fanno parte di un più ampio movimento dei lavoratori di Amazon che hanno cominciato a far sentire la propria voce negli ultimi mesi, con scioperi e manifestazioni in altre parti degli Stati Uniti e in Spagna, Polonia, Germania, Italia e Francia.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.